Anche Cento ricorda Alessandro Manzo

by -
0 922

Alessandro Manzo

Taviano. Il carabiniere Alessandro Manzo di Taviano, in servizio presso il comando compagnia di Cento (Ferrara), aveva 22 anni quando, la sera del 27 gennaio 2009, morì a San Giovanni in Persiceto (Bo) in un tragico incidente stradale.

Fu un dolore grandissimo, soprattutto per la sua famiglia: accettare una morte, improvvisa e violenta a quell’età, fu e lo è tuttora, una pena troppo grande. Alessandro Manzo, che alla compagnia di Cento era alla sua prima esperienza sul campo dopo il periodo di formazione, anche se  giovane, durante i quasi due anni di servizio, aveva dimostrato doti umane e professionali di altissimo livello.

Adesso, a tre anni di distanza, i carabinieri di Cento hanno deciso di intitolare alla sua memoria la sala convegno. Nel  corso della cerimonia, dopo la scopertura della targa posta all’ingresso della sala, il generale di brigata, Vittorio Tomasone, comandante della legione CC Emilia Romagna, ha posto l’accento sul legame intenso instauratosi tra i carabinieri e i familiari di Alessandro.

Anche il colonnello Antonio Lobianco, comandante provinciale dell’arma, ha sottolineato le peculiari qualità militari e caratteriali e la naturale disponibilità nei rapporti umani verso i colleghi e i superiori del giovane. I genitori del carabiniere Manzo, Giorgio e Liliana, e il fratello, Simone, ufficiale presso l’Accademia militare di Modena hanno assistito con grande commozione e legittima soddisfazione alla cerimonia che ha fatto registrare il suo momento di massima intensità quando la signora Liliana ha preso la parola per esprimere i suoi sentimenti di gratitudine e di immensa gioia per l’iniziativa assunta dall’Arma.

Il sindaco di Taviano, Carlo Portaccio,oltre ad un bellissimo omaggio floreale, ha inteso esprimere, a nome della città, il compiacimento per l’iniziativa quale segno di vicinanza ed affetto alla famiglia del carabiniere.                             

RP

Commenta la notizia!