Taurisano, dove c’è un “caseddhu” si può costruire salvando la vecchia struttura

pajarafrancesco damiano  assessore  Ambiente TaurisanoTAURISANO. Più tutela per i “caseddhi” e le antiche costruzioni rurali e maggiori opportunità per chi vuole costruire in campagna. Nell’ultimo Consiglio comunale è stato approvato un atto di indirizzo che mira a permettere, a chi presenta un progetto di costruzione in aree sulle quali insistono costruzioni rurali, di usufruire dell’intera metratura consentita. Attualmente, infatti, se su un terreno è presente un vecchio trullo, la sua cubatura viene sottratta dal totale consentito. Così, per esempio, se si ottiene il permesso di costruire 100 metri cubi, ma sul terreno insiste un “caseddhu” che ne occupa già 10, si può costruire solo per altri 90 metri. Con il nuovo atto di indirizzo si elimina questa regola, “in modo che quelle costruzioni – spiega l’assessore all’urbanistica Francesco Damiano (foto) – non vadano ad incidere sulla metratura consentita”. L’unica condizione da rispettare è che, insieme al progetto, in Comune si presenti anche un impegno a recuperare la vecchia struttura. «Con questa delibera – continua l’assessore – ci mettiamo in linea con le indicazioni del Piano paesaggistico territoriale regionale, che mira proprio alla tutela del patrimonio rurale. Consentiamo di usufruire di tutta la metratura, ma chiediamo un impegno a valorizzare le vecchie costruzioni». Gli uffici comunali dovranno emanare una determina che regoli la materia.

Commenta la notizia!