Home Tags Posts tagged with "zone artigianali"

zone artigianali

Le zone destinate alle imprese, artigianali o industriali poco cambia, sono additate oggi dagli analisti e dagli ecologisti come i migliori esempi di sperpero di suolo: asfalto per ettari, strade lunghe chilometri, qualche capannone inesorabilmente vuoto e – su tutto – il suolo naturale scomparso, quando non stravolto. «L’area industriale di Gallipoli (cui si riferiscono le due foto, ndr) è la meno utilizzata in assoluto in tutta la provincia di Lecce – afferma Maurizio Manna (Legambiente) riferendosi alla zona ubicata a lato della Statale Gallipoli-Leuca – non solo: ma la sua ubicazione ha compromesso una nota fonte sorgiva della zona di Masseria bianca, tagliata a metà. Il reticolo viario, mai percorso da un qualche automezzo, ha tolto terreno all’agricoltura. Per fortuna che l’altra (sulla Gallipoli-Sannicola, ndr) l’hanno di recente ridimensionata».

Nonostante che aziende che hanno bisogno di capannoni ce ne siano sempre meno, per fattori diversi tra cui la perdurante crisi e la delocalizzazione delle attività in Paesi stranieri, appena quattro anni fa l’area artigianale di Galatone è stata ampliata, ma ciò non ha rappresentato ovviamente nessun richiamo per le imprese e gli imprenditori. La zona industriale GalatoneNardò sta lì a testimoniarlo: sopravvive (e bene) la “Barbetta” per il settore abbigliamento e poco altro; vi era stata ubicata anche la centrale a biogas, chiusa da qualche tempo per una inchiesta in corso.
L’altro caso clamoroso – diventato tale per quel che sembrava promettere e che poi in realtà ha visto concretizzarsi – è l’area industriale di Casarano, tanto vasta quanto il centro abitato, più o meno: nata negli anni Ottanta, nei Novanta aveva avuto bisogno di un primo ampliamento. Oggi i lotti vuoti sono diventati spesso discariche a cielo aperto. Come altrove.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...