Home Tags Posts tagged with "zona artigianale"

zona artigianale

by -
0 100
ingresso della zona industriale

ingresso della zona industriale

GALLIPOLI. «Il consiglio comunale di Gallipoli chieda con forza alla Regione Puglia il finanziamento delle opere necessarie al completamento delle reti infrastrutturali nella zona Pip quali acqua e fogna indispensabili per il mantenimento delle aziende insediate»: lo afferma il consigliere comunale Giuseppe Coppola (“La Puglia prima di tutto”) in una nota diretta al presidente del Consiglio comunale.

«Facciamo sentire la vicinanza del consiglio comunale – è l’esortazione di Coppola – a quei coraggiosi imprenditori che, nonostante le evidenti carenze delle basilari infrastrutture continuano a garantire occupazione in un periodo delicato dal punto di vista economico». Il consigliere ha così consegnato al Comune una mozione che il Consiglio dovrebbe fare sua come sollecito alla risoluzione di un problema annoso.

L’intestatario della sollecitazione è il governo regionale, più precisamente l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone (Pd) che in passato aveva preso anche degli impegni sull’argomento.

Nella zona industriale di Gallipoli operano dieci aziende e altre tre in costruzione.

by -
0 84

La planimetria della zona artigianale di Tuglie

Tuglie. La zona artigianale di Tuglie – ovvero la zona D1, comparto 9 del Prg vigente nel comune – sita tra le vie Palmieri, P. Siciliani e F.lli Briganti, presto sarà oggetto di lavori con l’esecuzione di tutte le opere necessarie per l’ammodernamento e completamento delle infrastrutture a supporto dell’area.

Infatti, la Regione Puglia ha ammesso a finanziamento la proposta progettuale presentata dal Comune, guidato dal sindaco Daniele Ria, con un importo complessivo 1.027.951,81 di euro, di cui 955.995,18 euro per contributo e 71.956,63 cofinanziamento a carico del Comune.

La somma di cofinanziamento pari a 71.956,63 euro è garantita con fondi di bilancio comunale. Redatto dall’Ufficio tecnico comunale, il progetto prevede vari interventi atti a completare e migliorare il livello di infrastrutturazione a servizio dell’area artigianale e produttiva in questione. In particolare il progetto prevede: interventi di ammodernamento e rifunzionalizzazione delle infrastrutture esistenti.

Ci saranno degli interventi per migliorare l’illuminazione: la realizzazione della rete di fognatura pluviale; si realizzerà un impianto per il riutilizzo delle acque piovane per l’irrigazione delle due aree a verde attrezzato di proprietà comunale collocate all’interno della zona artigianale. Per questo sono stati previsti due serbatoi interrati per l’accumulo delle acque.

In poche parole le acque raccolte nelle griglie, collocate in prossimità di detti impianti, raccolgono l’acqua piovana e la inviano all’impianto di trattamento delle acque di prima pioggia; in questo impianto avviene il trattamento dell’acqua che verrà convogliata successivamente alle vasche di stoccaggio per il volume necessario per l’irrigazione delle aree a verde, mentre la parte eccedente, tramite un troppopieno dalle vasche di stoccaggio viene convogliata nel collettore fognario.

Si provvederà, inoltre, al completamento dell’arredo urbano; a servizi e infrastrutture, anche ad un campo di calcetto; ad un’area giochi per bambini; un chiosco per la ristorazione

Insomma, un progetto corposo ed interessante che coinvolgerà una zona periferica ma allo stesso centrale per il rilancio socio-economico della comunità tugliese.                                              

GP

 

by -
0 529

 

La zona degli insediamenti produttivi e la via che collega alla 101

Sannicola. Non sono state finanziate le opere di miglioramento degli accessi perchè non rispondenti ad un punto del bando della Regione, ma per il resto il progetto del Comune di Sannicola è stato approvato, classificandosi al 35° posto su 55 e portando a casa 775.025,91 euro che serviranno a migliorare e completare la zona degli insediamenti produttivi (Pip) situata sulla via per la Statale 101.

«Allo stato l’intero comparto Pip – si legge nella relazione tecnica al progetto redatto dall’architetto Mauro Leone – risulta parzialmente dotato delle infrastrutture quali strade, reti idrica e fognante, pubblica illuminazione; da ciò la necessità di operare un intervento complessivo che preveda sia il completamento della rete stradale, idrica e fognante che l’impiego di nuove tecnologie quali la produzione di energia elettrica attraverso tetti fotovoltaici e la costruzione e adeguamento della illuminazione con l’impiego dei Led in sostituzione delle tradizionali lampade al sodio».

Il Comune nella sua richiesta partecipante al bando per finanziamenti europei, faceva anche notare che “sono pervenute nuove richieste  di assegnazione di lotti da parte di ditte interessate le quali non possono essere soddisfatte a causa della mancanza di lotti dotati di urbanizzazioni secondarie e primarie”.

Si fa inoltre presente nel progetto di Sannicola che gli impianti fotovoltaici sui tetti dei capannoni produttivi saranno a cura e spese dei privati mediante il sistema del “progetto di finanza”. Il quadro economico, con tutte le voci compresa quest’ultima, si chiude quindi a 1 milione 960mila euro. Il finanziamento è accompagnato da un cronoprogramma sottoscritto con la Regione, che monitoerà anche i tempi di realizazione degli interventi.

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...