Home Tags Posts tagged with "violenza in famiglia"

violenza in famiglia

Racale – Aggredisce con calci e pugni il padre per farsi dare i soldi e acquistare la droga e finisce in carcere. A Racale, la scorsa notte intorno all’una, l’intervento dei carabinieri della locale Stazione che hanno intercettato e poi arrestato il 26enne E.V.S. per il reato di “maltrattamenti in famiglia”. Alla vista dei militari, il giovane ha pure provato a darsi alla fuga venendo, tuttavia, bloccato poco dopo. La richiesta al padre convivente di denaro era stata accompagnata da calci e pugni tanto da costringere l’uomo a far ricorso alle cure dei sanitari della Guardia medica (è stato giudicato guaribile in pochi giorni).  L’arrestato invece, espletate le formalità rito in caserma, è stato condotto presso la Casa circondariale di Lecce su disposizione del Pubblico ministero di turno.

Casarano -Violento con i propri genitori viene allontanato dall’abitazione di questi ultimi. Gli episodi imputati ad un 46enne di Casarano avrebbero avuto inizio nell’ottobre scorso proseguendo sino a questi giorni. Sono stati i suoi genitori a denunciarlo per i maltrattamenti, le minacce e i danneggiamenti subiti e in conseguenza di ciò i carabinieri della locale Stazione hanno notificato all’uomo l’ordinanza del Gip del Tribunale di Lecce con la quale gli viene imposto di allontanarsi dall’abitazione di famiglia insieme al divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dai genitori. L’obbligo imposto è di rispettare una distanza non inferiore a 200 metri.

Ortelle – È stato arrestato lunedì 22 gennaio il 42enne di Ortelle accusato di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori, violazione di domicilio e danneggiamento. I comportamenti violenti sono stati indirizzati nei confronti della ex moglie, sino al danneggiamento dell’automobile. Malgrado il tentativo di allontanarsi dall’abitazione, l’uomo (F.D.P.R. le sue iniziali) è stato prontamente rintracciato dai carabinieri di Poggiardo nel centro abitato di Ortelle e, dopo le formalità di prassi in caserma, sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso l’abitazione dio residenza.

by -
0 868

MELPIGNANO. È stato arrestato con l’accetta ancora in mano l’operaio 64enne F.D.S. che nella serata di ieri, a Melpignano, si è scagliato dapprima contro la moglie e poi contro il figlio giunto in suo soccorso. A porre fine all’ennesimo episodio di violenza in famiglia sono stati i carabinieri della Compagnia di Maglie allertati da una drammatica chiamata al “112” decifrata a fatica a causa delle urla e dei pianti di sottofondo. A chiedere soccorso è stata la moglie 61enne dell’uomo, aggredita dal marito, a quanto pare, per futili motivi, sotto effetto dell’alcol e pure noto alle forze dell’ordine. A d accorgersi di quanto stava accadendo è stato subito il figlio della coppia che dal piano superiore dell’appartamento, ascoltando le urla, è subito intervenuto. Difficile, però, provare a fermare la furia incontrollata dell’uomo il quale, armato di un’accetta, ha distrutto la porta di ingresso ed alcuni mobili dell’abitazione, scagliandosi poi contro la moglie procurandole la frattura dell’omero del braccio destro. Escoriazioni multiple (giudicate guaribili in sette giorni) anche per il figlio, colpito alla schiena da due colpi di accetta, sferrati fortunatamente in maniera maldestra.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...