Home Tags Posts tagged with "USD Alezio"

USD Alezio

by -
0 1211

calcio virtus alezio 15.16 a dx SERGIO DE PASCALIALEZIO. L’ ex “Polisportiva Don Bosco” che cambia nome e riparte da zero. Si chiama “Fcd Virtus Alezio” la nuova compagine che dal prossimo anno guiderà giovanili e prima squadra. L’organico societario è composto dal presidente Luigi Papallo, dal vice Minimo Primiceri, dal responsabile del settore giovanile Sergio De Pascali (a destra nella foto accanto a don Antonio Minerba) e dal consigliere Minimo De Santis.
«Ci stiamo impegnando in questa avventura ampliando il nostro bacino d’utenza – afferma De Pascali – accogliendo ragazzi da Galatone, Casarano e Seclì e non era mai successo. Il nostro obbiettivo è quello di sviluppare le capacità dei nostri ragazzi per farli diventare grandi calciatori, grazie anche al grande lavoro svolto dagli allenatori Enzo Giumento, di Neviano, e Mimino Carpentieri, di Seclì, dal preparatore atletico Michele Placì, di Casarano, dal medico Antonio Faita e dal fisioterapista Niccolò Franco di Gallipoli». Dopo la fine dell’Usd Alezio, sarà ora la nuova Virtus (che conta già oltre 100 iscritti) a prendere in mano le redini della prima squadra che, come spiegato dal responsabile tecnico, sarà formata da soli ragazzi provenienti dal vivaio aletino. «La priorità resta il settore giovanile. Per raccogliere i frutti del nostro lavoro ci vorrà del tempo e un campo in erbetta sintetica aiuterebbe i nostri intenti», conclude De Pascali il quale ringrazia i genitori dei ragazzi, l’assessore allo Sport, Guido Sansò e tutti i membri della società.

by -
0 1278
Il campo comunale e, in basso Bello

Il campo comunale e, in basso Bello

calcio - Usd alezio - Mauro Bello, Marco Morra, Rocco De Giovanni, Cosimo Mega, Ermanno Di Maria e Guido Sanso'ALEZIO. Si preannuncia una stagione senza calcio per Alezio e i suoi tifosi. Nessuna squadra del paese compare, infatti, tra le iscrizioni giunte in federazione: non quuello dell’Usd ma neppure di un’altra compagine che abbia rilevato la rosa appena retrocessa dalla Seconda categoria. Non mancherà invece il calcio per i più piccoli, al quale da anni si dedica la Polisportiva “Don Bosco”. «Sono molto amareggiato per come è stato scritto l’ultimo capitolo dell’Usd. Il nostro – afferma l’ex direttore sportivo Mauro Bello – era un progetto mirato alla valorizzazione dei giovani. Eravamo partiti molto bene e speravamo di continuare con entusiasmo e voglia di fare. L’amarezza è tanta, soprattutto perché sino ad oggi, dopo di noi, nessuno ha preso in mano le redini dell’Alezio calcio, nè tanto meno ci ha provato. Dopo la partenza con il botto, sino alla promozione in Prima categoria, e dopo aver ricevuto nel nostro spogliatoio ospiti importanti come il Sassuolo, il Torino e il triplista Daniele Greco, affinché portassero il loro esempio nella nostra piccola realtà».

Dopo quattro anni che hanno segnato la storia del calcio aletino, per i tifosi si profila una pausa forzata. «Ringrazio il sindaco Vincenzo Romano e l’assessore allo Sport Guido Sansò, per l’affetto dimostratomi e il sostegno dato alla società. La fine della nostra “avventura” è una sconfitta per la società ma anche per la comunità».

Il mister Mino Mega

Il mister Mino Mega

ALEZIO. L’Usd Alezio retrocede in Terza categoria ma spera ancora nel ripescaggio. Il campionato di Seconda si è appena concluso con l’ultimo pareggio in casa con il Zollino: alla fine 18 punti e il terzultimo posto in classifica. «Questo doveva essere un anno di transizione. Purtroppo – spiega mister Mino Mega – non è stato così. Sono molto amareggiato per la retrocessione, ma sono contentissimo dei miei ragazzi che hanno giocato solo per amore verso il calcio e per niente altro, li ringrazio tutti indistintamente. Molti di loro, costretti da impegni lavorativi, ci hanno lasciato nelle ultime giornate quando la salvezza era ancora possibile». Se non ci sarà il ripescaggio, nella prossima stagione l’Usd ripartirà quindi dalla Terza categoria, ovvero da dove era ripartita ad ottobre del 2011.

«La società, che ringrazio sentitamente per l’opportunità datami, ha fatto di tutto per garantire la salvezza ma, nonostante l’impegno e i sacrifici, non ci siamo riusciti. Mi farebbe piacere continuare ad allenare l’Alezio e spero che un giorno non troppo lontano potrò vedere unite entrambe le società aletine: la “Don Bosco” ha un ottimo vivaio e sarebbe molto bello se le due compagini collaborassero», conclude mister Mega.

Da sinistra Mauro Bello, Marco Morra, Rocco De Giovanni, Cosimo Mega, Ermanno Di Maria e Guido Sansò

Da sinistra Mauro Bello, Marco Morra, Rocco De Giovanni, Cosimo Mega, Ermanno Di Maria e Guido Sansò

ALEZIO. “Filo rosso” tra Alezio ed il trofeo Carnevale di Gallipoli. La scorsa settimana, infatti, le squadre ucraine dell’Uzhgorod e del Siltce, presenti alla competizione giovanile, hanno svolto un triangolare di allenamento con la Don Bosco mentre l’Usd Alezio di Seconda categoria si è allenata al “Combi” con  la squadra giovanile del Torino allenata da Ermanno De Maria. «Abbiamo accettato l’invito del diesse Mauro Bello perché per noi è un grande onore metterci a confronto con altre realtà e dare un testimonianza della nostra esperienza calcistica. Sei anni fa siamo stati vittime una crisi ma ci siamo rialzati ancora più forti di prima. Nel calcio non contano le vittorie, ma le volte che ci si alza dopo essere caduti. Sono convinto che l’Alezio riuscirà a centrare la salvezza anche grazie a mister Cosimo Mega», ha affermato l’allenatore Ermanno De Maria, accompagnato al “Combi” dall’osservatore Marco Morra. Alla giornata di sport erano presenti anche Rocco De Giovanni e Cosimo Mega, rispettivamente dirigente e mister della società aletina, l’assessore allo Sport, Guido Sansò e il direttore sportivo dell’Usd Alezio, Mauro Bello.

by -
0 1578

Tre talenti: da sinistra Polo, Fieno e Trianni

Alezio. Gli “Under 18” dell’Usd Alezio di mister Rocco Luchina stanno conducendo un buon torneo dopo aver sfiorato la fase finale nel torneo provinciale. «Il nostro gruppo è coeso ed anche i ragazzi alla prima esperienza dimostrano tanta voglia di fare», afferma l’allenatore. Particolare l’apporto dato da Julien Fieno, Simone Longo, Antonio Polo, Umberto Trianni ed Eugenio Chetta (sue sette reti in solo due gare). Il resto della rosa è composto da Federico Magagnino, Matteo Cauzo, Giorgio Fedele, Roberto Gargiuolo, Gianmarco Fiorito, Pierpaolo Ortis, Mirko Fiore, Antonio Librando, Paolo Scialpi, Gabriele Fiore e Luca Franco.

by -
0 1460

L’Under 18 dell’Usd Alezio

Alezio. La “Triade” Bello–Gargiuolo–Luchina si dice orgogliosa della propria squadra. Rispettivamente si tratta del direttore sportivo (Mauro Bello), allenatore in prima (Enzo Gargiuolo), direttore generale e allenatore in seconda (Rocco Luchina).

Sono loro tre a gestire la squadra “under 18” dell’Usd Alezio formata da Giulian Fieno, Federico Magagnino, Matteo Cauzo, Lorenzo Nuzzo, Antonio Cozzolino, Davide Leo, Simone Longo, Mirko Nobile, Paolo Scialpi, Antonio Solida, Gabriele Fiore, Mattia Magagnino, Jacopo Mercuri, Antonio Polo, Matteo Restino, Andrea Tarantini, Gianmarco Fiorito, Roberto Gargiuolo, Eugenio Chetta, Francesco Leone, Antonio Lbrando, Guglielmo Napoli e Diego Talà. Degno di nota l’esordio di Davide Leo, classe 1994, nelle fila del campionato di Terza categoria domenica scorsa contro il Sannicola.

«Sono molto soddisfatto dei miei ragazzi – spiega Mauro Bello – e sono convintissimo che se continueranno ad allenarsi con passione e dedizione potranno ottenere ottimi risultati. In primo luogo ringrazierei il mister Gargiuolo, che in virtù della sua esperienza maturata nei campionati giovanili, è diventato un modello di riferimento che funge da guida sia  per i ragazzi che per noi dirigenti. Oltre al fine agonistico – conclude Bello – ci siamo preposto come obbiettivo, quello di far crescere i ragazzi in un ambiente pulito, all’insegna della buona educazione e dello sport. Oserei orgogliosamente definire il nostro gruppo come una sorta di famiglia allargata».

«Il punto cardine della stagione – afferma Luchina – è basato sul fattore squadra in senso allargato, ossia stiamo cercando di creare un sano e forte rapporto tra team e società, una partecipazione  e condivisione unanime».Una vittoria per 2 a 1 contro il Cursi, con le reti di Tarantino e Chetta e una sconfitta in casa del Minervino sono i risultati conseguiti dalla squadra allenata da Gargiuolo.

Nicolas Pisanello

by -
0 913

Alezio. Sarà un’estate lunga e tormentata quella della polisportiva “Don Bosco” pronta – dopo la recente fusione con l’altra squadra aletina (l’Ac Alezio) e l’approdo in Terza categoria – a una nuova separazione.

Stando alle prime indiscrezioni, dalla dirigenza si andrebbe a staccare un’ala che formerebbe l’Usd Alezio. La nuova società gestirà la squadra di Terza categoria, mentre la Polisportiva – com’è sempre stato nelle intenzioni del presidente, Giuseppe Canneto – continuerà a coltivare il vivaio: dai Piccoli amici agli Allievi.

E magari si continuerà a anche a interessarsi ad altri sport: già quest’anno è partito il minibasket e ci si stava preparando per allargarsi alla podistica. Poco chiara è, invece, la situazione della categoria Juniores: non si sa ancorase faranno parte della Polisportiva o della Usd.

«Questa divisione – spiega Giampiero De Benedetto, ex direttore sportivo della Don Bosco e socio fondatore dell’Usd Alezio – è avvenuta di comune accordo con la Polisportiva. In questo modo, ognuna delle due società si potrà dedicare con più impegno alla gestione delle categorie assegnate. Fino a questo momento, infatti, la Polisportiva si era trovata a gestire un gran numero di categorie con forze e personale insufficienti. L’obiettivo della Usd è offrire alla tifoseria aletina un calcio di livello superiore rispetto alla terza categoria, senza trascurare di valorizzare quei giovani che promettono un ottimo futuro calcistico».

Tra gli obiettivi di De Benedetto c’è quello di risalire velocemente verso la Prima categoria e di rimanerci il più a lungo possibile. «Contiamo – prosegue – di partire da una rosa base di giocatori che hanno militato a lungo nell’Ac Alezio e nella Polisportiva, e poi di agiungere a poco a poco altri promettenti giocatori già noti a livello dilettantistico».

Nell’attesa di definire le questioni burocratiche e organizzarsi per il prossimo campionato, De Benedetto lancia un appello al Comune: «Speriamo che si riesca a migliorare le condizioni del terreno di gioco, che è causa di numerosi infortuni e problemi respiratori». Del nuovo team dovrebbero far parte Rocco Luchina, Mauro Bello, Claudio Parata, Daniele Antonaci, Rudi, Sasà e Gianluca Manta, più altri in via di definizione.

Nicolas Pisanello

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...