Home Tags Posts tagged with "teatro"

teatro

Taviano – Ultimo appuntamento della stagione di prosa con il Teatro Pubblico Pugliese, partita lo scorso dicembre a Taviano. L’appuntamento è con Carlo Buccirosso e Maria Nazionale alle ore 21 di martedì 10 aprile presso il Teatro Fasano. Sul palco la commedia “Il pomo della discordia” che trasferisce, ai giorni nostri, l’episodio classico della mitologia greca sullo scontro tra la dea del mare e quella della discordia, sul chi fosse la più bella, creando dissapori e contrasti. Nella famiglia Tramontano, il giovane figlio Achille ha un pomo d’Adamo, o meglio, il pomo di Achille ritenuto troppo sporgente. Il giovanotto, però, non si è ancora dichiarato gay in famiglia, facendo passare il proprio fidanzato Cristian come il compagno di sua sorella Francesca. Altri rapporti e storie d’amore si innescano all’interno della famiglia Tramontano creando soprattutto contrasti e modi di pensare, facendo comprendere come, a volte, la realtà possa di gran lunga superare la fantasia anche quella più remota dell’antica mitologia greca. Prenotazioni e informazioni: 0833 916238 e 0833 916200.

Ruffano – Non poteva che essere un lieto fine a chiudere la rassegna Kairòs a Ruffano, partita lo scorso 14 gennaio con il primo di sette appuntamenti sul palcoscenico del Teatro Comunale di Via Paisiello. La nona edizione della rassegna organizzata dall’associazione di volontariato Odv Kairòs con il patrocinio del Comune di Ruffano si chiuderà domenica 8 aprile alle 18 con “Il principe felice con lieto fine”, della Compagnia “Principio Attivo teatro”. Ispirato alla fiaba di Oscar Wilde, lo spettacolo vede in scena gli attori Giuseppe Semeraro e Cristina Mileti, che hanno anche curato la regia, e nasce dall’idea di non rassegnarsi ai finali tristi. Esplorando un linguaggio scenico basato sulla narrazione a due voci, la rappresentazione racconta la storia del Principe Felice, saltando continuamente dalla realtà della fiaba alla vita concreta di oggi. I due personaggi raccontano la storia confrontandosi con una predestinazione, utilizzando contro questa la sola arma di cui dispongono: la propria fantasia. Info: info@odvkairos.it

Vignacastrisi (Ortelle) – Nuovo appuntamento a Vignacastrisi con la quarta edizione della rassegna “TeatroEssenza”. Venerdì 6 aprile, alle ore 20,45 (ingresso 7 euro) il palco della biblioteca “Paiano” ospiterà lo spettacolo “Accusì grande – Poesia senza tempo” di Benedetta Lusito (voce) e Giuseppe Perrella (chitarra) dedicato a Domenico Modugno, “mister volare”. Come tradizione, al termine di ogni spettacolo sarà offerta una degustazione di carne di qualità Or.Vi. accompagnata da vini del territorio. La rassegna, organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune di Ortelle e dal Comitato di gestione della biblioteca “Maria Paino” di Vignacastrisi, con il coordinamento di Pasquale De Santis ed in collaborazione con la Compagnia Salvatore Della Villa, ritornerà  il 20 aprile con la  Compagnia Salvatore Della Villa in “Mistero profano”, ovvero L’uomo dal fiore in bocca, Sgombero e All’uscita di Luigi Pirandello, e l’11 maggio con Medea di Euripide.

Gallipoli – Questione teatro Garibaldi chiuso e mancata stagione teatrale a Gallipoli, nuovo capitolo. Dopo gli articoli di Piazzasalento.it in cui le compagnie locali hanno espresso il loro rammarico per la mancanza di una stagione teatrale comunale, dopo l’ultima messa in scena della quarta e ultima stagione nel maggio 2016. Quella chiusura, come si ricorderà, nel novembre dello stesso anno, fu seguita dalla notizia che il teatro sarebbe stato chiuso per poche settimane per problemi di inagibilità riguardanti una uscita di sicurezza. Da lì in poi l’antico luogo di spettacolo è rimasto off limits fino ad oggi, col Sindaco che ha rimandato la palla ai Vigili del fuoco e con l’annuncio di una raccolta firma per chiederne la riapertura. L’argomento è infine giunto all’attenzione del Consiglio comunale. E’ del 20 marzo infatti un’interrogazione consiliare “Sulla concessione provvisoria in uso immobile comunale. Atto di indirizzo” riguardante i locali adiacenti il Teatro Garibaldi (destinati, si legge nell’interrogazione, ad uscita di sicurezza ed altra utilizzazione per il teatro”), firmata dai consiglieri Flavio Fasano, capogruppo di “Gallipoli futura”, e da Giuseppe Cataldi, presentata con allegato l’articolo di Piazzasalento.it del 19 marzo “Gallipoli e la stagione teatrale che fu”.

“Ritirate quella delibera di concessione” L’interrogazione contesta una “delibera di indirizzo” risalente a quattro giorni prima, datata 16 marzo e pubblicata sull’albo pretorio del Comune il 19 marzo, con la quale Sindaco e Giunta hanno deciso di cedere in uso proprio quei locali accanto al teatro Garibaldi (in via provvisoria e per un massimo di due anni), alla ex Lega Bottai, che ne avevo fatta richiesta il 21 febbraio 2018 con la firma di Luigi Tricarico, al canone annuo di 270 euro. Nell’interrogazione, oltre a mettere in dubbio la natura di “indirizzo” della delibera, definita invece un “provvedimento finito”, sl richiedeva l’immediato “annullamento in autotutela” della “illegittima concessione” in uso dei locali di via Garibaldi 10 (l’ex tabacchino) in quanto, “dato che fanno parte del Teatro stesso, sono da considerare beni demaniali e non patrimoniali e non tocca alla Giunta compiere atti di gestione, anche perché tale delibera non contiene i pareri della regolarità tecnica da parte del dirigente del Demanio e patrimonio né di regolarità contabile da parte del Dirigente di ragioneria”. Si legge inoltre nella stessa interrogazione che la deliberazione “è illegittima in quanto contraddittoria rispetto alle finalità del bene demaniale in se ed anche rispetto al “Verbale di consegna del dicembre 2016”, con il quale il locale è stato consegnato al Comune in via anticipata rispetto alla scadenza contrattuale dal precedente affittuario. “Ci risulta infatti – scrivono Fasano e Cataldi – che la dirigente del Servizio, dottoressa Maria Teresa De Lorenzis, rilasciò ricevuta della consegna delle chiavi e dispose che il locale venisse ripulito per il conseguente ripristino dell’uscita di sicurezza del Teatro Garibaldi”. Si chiede di sapere infine le vere cause che impediscono l’utilizzazione del teatro.

La risposta del Sindaco Minerva La risposta del sindaco Stefano Minerva non è tardata ad arrivare, pubblicata sul sito del Comune e ribadita durante l’ultimo Consiglio comunale: “Strumentalizzare gli anziani per attacchi politici è sinonimo di cinismo ed insensibilità – ha affermato il Sindaco – e ricevuta l’interrogazione da parte del gruppo consiliare di Gallipoli Futura, ho subito colto la speculazione che vi è dietro questo gesto: anzitutto, dispiace già contraddire il primo punto. Confermo la natura della delibera come un atto di indirizzo, poiché tale è: non vi è nessun impegno definitivo sulla questione. Ad ogni modo, per coloro che abbiano la memoria corta, ricordo che gli ex-soci della Lega Bottai hanno collaborato in maniera attiva con il Comune: quando infatti, lo scorso anno è stato chiesto loro di liberare la sede per permette agli abitanti del centro storico (e ad i suoi turisti) di disporre di un centro di primo soccorso, la loro disponibilità è stata massima”. Rimasta infatti senza un luogo di ritrovo dalla scorsa estate, la storica associazione degli ex bottai aveva chiesto un altro luogo al Sindaco con la promessa, da parte dello stesso, che sarebbe stata vagliata un’alternativa. “Ignorare questo aspetto – conclude Minerva- è molto grave per un duplice motivo: con questo attacco trasversale si colpisce una parte della città che è un patrimonio essenziale e indispensabile per noi tutti. Gli anziani, ex soci della Lega Bottai, sono parte della comunità, memoria storica e una risorsa per tutti. Chi non lo riconosce, chi lo dimentica e chi strumentalizza una questione così delicata, dovrebbe solo riflettere sulle proprie parole e vergognarsi.” Su facebook intanto, sulla bacheca pubblica del consigliere Sandro Quintana, rivolto ad un altro consigliere, Caterina Fiore, si legge: “Spiega a mia sorella come mai vi lascia un locale due anni prima per il Garibaldi e voi lo destinate a gioco…”.

Gallipoli – Si terrà mercoledì 21 marzo alle ore 11 nella sala stampa di palazzo Adorno a Lecce, la conferenza di presentazione del progetto “Il tempio delle fole” organizzato da “Costruzioni teatrali – Poiefolà”, la compagnia gallipolina formata da Alberto Greco, Roberto Treglia, Luana Greco e Riccardo Abbate.  Si tratta di un’originale rassegna di teatro alla greca, che si terrà dal 28 aprile al 20 maggio nel palazzo baronale di Collepasso. “Questo progetto è un sogno che si realizza – afferma Alberto Greco – perché fare teatro era quello che abbiamo sempre voluto fare e finalmente abbiamo realizzato anche questa società cooperativa, insieme ad altri amici con le stesse passioni. Quello che ci proponiamo è apportare il nostro contributo alla cultura del territorio e alla città di Gallipoli”. “Vogliamo fare teatro con la nostra terra e vogliamo che la nostra terra diventi il palcoscenico – afferma Roberto Treglia – vogliamo dare un’alternativa al turismo caotico della movida salentina unendo letteratura, teatro e la nostra architettura messapica e barocca.  Il cast è in gran parte salentino ma abbiamo selezionato anche attori provenienti da Roma e Milano. Siamo una nuova realtà teatrale che produrrà annualmente rassegne di letteratura classica e opere eterne in contesti  architettonici dal sapore nostrano”. Oltre agli organizzatori della rassegna, alla conferenza saranno presenti anche il presidente della provincia di Lecce Antonio Gabellone, il sindaco di Gallipoli Stefano Minerva e l’assessore alla Cultura di Collepasso Giorgio Mastria.

Racale – Sono partite le nuove “bibliofollie” promosse dalla cooperativa “Indisciplinati” presso la Biblioteca comunale di Racale. Tanti i nuovi corsi al via a Palazzo D’Ippolito, dopo i primi incontri di presentazione. Ogni lunedì, alle 16,30, sarà dedicato all’apprendimento innovativo delle discipline scolastiche con Liliana De Maria; sempre il lunedì, alle ore 19, si terrà il corso di pizzica che verrà presentato lunedì 12 marzo da Serena D’Amato. Il martedì si prosegue con il corso di teatro tenuto da Liliana Putino (alle 17 per bambini e alle 19 per adulti) e con il corso di benessere energico antistress alle 19 con Marco Antonio Romano. Al via mercoledì 14 marzo alle 16,30 il corso di chitarra tenuto da Matteo Tornesello dei Toromeccanica. Ogni giovedì alle 16,30 appuntamento in cucina con il laboratorio di dolci tenuto da Miriam Rizzello, e alle 19 corso di dizione e lettura espressiva con Marco Antonio Romano. La settimana di corsi si conclude venerdì con “Racconti in valigia”, laboratorio creativo con Francesca De Nola ed Emanuela De Donatis.
Per info sui corsi: 346.9870870 – 350.5090981. Mail: info@indisciplinati.it.

by -
0 246

Galatone – “Quella piccola pazza cosa chiamata amore…” è lo spettacolo proposto a Galatone nell’ambito della rassegna “Teatri dell’agire”. Sabato 10 marzo, alle ore 21, l’appuntamento presso il teatro Comunale. Di scena il teatro stabile d’Abruzzo in uno spettacolo scritto da Danilo De Santis per la regia di Pasquale Petrolo (in arte Lillo). La rassegna è organizzata con la direzione artistica dell’attore e regista Salvatore Della Valle (biglietti dai 7 ai 15 euro, informazioni al numero 327/9860420).

Ortelle – Serata a tema per la rassegna “TeatroEssenza” sul palco della biblioteca “Paiano” di Ortelle. La rassegna organizzata dall’assessorato alla Cultura del Comune e dal Comitato di gestione della biblioteca “Maria Paino” di Vignacastrisi, con il coordinamento di Pasquale De Santis ed in collaborazione con la Compagnia Salvatore Della Villa, propone “A forza di essere donna” è lo spettacolo del 9 marzo con il quale la Compagnia Salvatore Della Villa è risultata tra i vincitori del bando “Colpi di genio 2017” promosso dalla Provincia di Lecce nell’ambito della campagna di sensibilizzazione sul tema delle pari opportunità. Sul palco Gabriella Monteduro, Annamaria Colomba e Giustina De Iaco con i canti d’amore e di protesta di Anna Sabato, Rossella De Benedetto e Chiara Germani, armonio di Antonio Papa, immagini e video di Caterina Gerardi,e laborazione testi di Maria Domenica Muci per la regia di Salvatore Della Villa. Lo spettacolo propone un percorso nel mondo del lavoro al femminile a parttire dal periodo delle lotte per la conquista dei diritti delle lavoratrici impegnate nella raccolta delle olive e del tabacco sino ad arrivare al dibattito odierno sulle pari opportunità. La rassegna torna il 23 marzo con “Zero a zero”, lo “sproloquio” sulle differenze di genere di Daniela Baldassarra.

Salve – Approda a Palazzo Ramirez “Partenze d’Aeroplani”, la rassegna intercomunale di teatro per famiglie organizzata e promossa da TerramMare Teatro in collaborazione con la Regione Puglia e con il contributo delle Amministrazioni comunali aderenti al progetto. Il sesto appuntamento, domenica 18 febbraio alle 17,30 è con “Il viaggio di Luna”, della Compagnia Granteatrino di Bari. Protagoniste dello spettacolo di pupazzi a cura di Paolo Comentale (foto) saranno Anna Chiara Castellano Visaggi e Marianna Di Muro. Musiche originali a cura di Andrea Gargiulo; Oggetti: Natale Panaro e Lucrezia Tritone; Regia: Francesco Tammacco. Luna è una bambina coraggiosa che, con i suoi amici, troverà il modo di salvare il suo paese, Castellargentato, noto in tutto il mondo per le sue bellissime montagne di zucchero filato. A Castellargentato lo zucchero filato è prezioso e il perfido barone Scalaquaranta vuole spianare le montagne per venderlo tutto e arricchirsi. (Per informazioni è possibile contattare: Simone Muia – Cell. 327 221 6089 – terrammaresimone@gmail.com – Costo del biglietto: € 5,00).

Nardò – Pensieri, parole, musica per uno spagnolo salentino. Torna in scena la poesia di Vittorio Bodini a Nardò. Domani, sabato 17 febbraio, alle 20,30, il Centro studi Vittorio Bodini propone al Teatro comunale “Quasi Spagnolo: Italiano del Sud” una serata in musica e parole sull’opera e la figura del letterato e intellettuale salentino. L’evento si inserisce nel solco delle iniziative bodiniane già avviate lo scorso agosto con l’inaugurazione della mostra permanente “Viviamo in un incantesimo. Vittorio Bodini tra letteratura e vita” nelle sale del Castello degli Acquaviva d’Aragona.

La serata è articolata in diversi momenti. Si partirà dalla premiazione delle tesi di laurea e di dottorato più meritevoli sulla figura e l’opera di Bodini. Il bando lanciato lo scorso ottobre ha raccolto adesioni da  prestigiose università italiane e straniere e ha portato alla premiazione di Carolina Tundo dell’Università del Salento, di Maya Battisti dell’Università di Firenze e del dottore di ricerca Pantaleo Luceri dell’Università di Madrid. Sarà l’occasione, inoltre, per presentare finalmente al pubblico gli atti del Convegno internazionale di studi che si è tenuto nel 2014 a Lecce e a Bari in occasione del centenario della nascita del grande poeta. Curati da Antonio Lucio Giannone, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università del Salento, e pubblicati dall’editrice Besa in due tomi, gli atti ora sono a disposizione del pubblico e degli studiosi che vogliono conoscere ancora di più le vicende che hanno segnato la produzione letteraria e l’esperienza sociale di una delle figure più particolari del Novecento italiano ed europeo. Non mancherà naturalmente la presenza di Bodini attraverso le sue opere: ogni momento sarà infatti scandito e ritmato dalla lettura di alcune delle poesie più belle, curata dall’attore Antonio Minelli, regista della serata, e dalla musica degli Ecovanavoce, ensemble romano che ha messo in musica proprio i componimenti lirici di Bodini. I brani saranno eseguiti da Fabio Lorenzi, Paolo Fontana, Carlo Gizzi, che per l’occasione saranno accompagnati da Alessandra Caiulo, Ninfa Giannuzzi e Valerio Daniele. Luisa Ruggio condurrà la serata, che avrà un prologo alle 18 con l’apertura straordinaria della mostra al Castello e un piccolo buffet di accoglienza (dalle 19) per i visitatori. Alle 20,15 ingresso in sala al teatro con inizio della cerimonia alle 20,30.

L’evento è promosso dal Centro Studi Vittorio Bodini con il patrocinio e la collaborazione della Regione Puglia, del Comune di Nardò, dell’Università del Salento, del Rotary Club Nardò Distretto 2120, del Presidio del Libro di Nardò, del Liceo Galileo Galilei e di Besa editrice (nella foto Valentina Bodini e Lucio Giannone).

Ruffano – “Oltretutto. Più vicino a don Tonino Bello” è lo spettacolo scritto e interpretato da Michele Santeramo (nella foto) di scena domenica 28 gennaio, alle ore 20, presso il teatro comunale di via Paisiello, a Ruffano. Si tratta del secondo appuntamento della rassegna teatrale 2018 organizzata dall’associazione Odv Kairòs con il patrocinio del Comune. «“Oltretutto” è una biografia delle vite che in modi diversi hanno incrociato quella di don Tonino perché ci sono vite che cambiano le vite. Questo – afferma l’attore di Terlizzi – non è un racconto su don Tonino. Non credo ce ne sia bisogno. Chi vuole avere informazioni può trovarle dappertutto. Questo è un racconto sugli altri. Su come le vite cambiano le vite». La rassegna tornerà domenica 11 febbraio con Fabrizio Saccomanno e “Sangue di quella terra”, ispirato alle drammatiche vicende di lotta contro lo sfruttamento che videro coinvolti i contadini di San Donaci nel settembre 1957.

 

Nardò – Non andrà più in scena lo spettacolo Una giornata particolare, con Giulio Scarpati e Valeria Solarino e la regia di Nora Venturini, previsto venerdì 19 gennaio al Teatro Comunale di Nardò. “In un primo tempo – spiega il presidente di TPP Carmelo Grassi – la produzione riteneva che lo spettacolo potesse essere contenuto bene nel palcoscenico del Teatro Comunale con una piccola riduzione delle scenografie. Ma nei giorni scorsi la compagnia si è resa conto che la riduzione avrebbe penalizzato la qualità dello spettacolo e si è pensato di proporre l’annullamento della data”. Lo spettacolo era inserito nel calendario della stagione di prosa del Teatro Comunale di Nardò, organizzata dall’amministrazione comunale e da Teatro Pubblico Pugliese, in collaborazione con TerramMare Teatro. La pièce sarà recuperata con l’appuntamento del prossimo giovedì 22 febbraio con Libera nos domine, di e con Enzo Iacchetti, un monologo fuori dagli schemi, nel puro stile teatro-canzone.

Presicce – Torna l’appuntamento con il teatro a Presicce. Al via il prossimo 14 gennaio la seconda edizione della rassegna “Didomenica – vediamoci a teatro”, con la direzione artistica di Antonio D’Aprile (foto, associazione Diversamente stabili) e organizzata da Pro loco, l’associazione Prospettive, la parrocchia Sant’Andrea e il Comune di Presicce. Ogni spettacolo si terrà presso il teatro dell’oratorio “Don Tonino Bello”. Il sipario si alzerà alle 20 con lo spettacolo “Quaranta ma non li dimostra” di Peppino De Filippo, a cura della Compagnia Micaela Greco. Si proseguirà il 4 febbraio con “Iancu – un paese vuol dire” di Francesco Nicolini e Fabrizio Saccomanno, a cura di “Ura teatro”. Domenica 11 marzo sarà la volta di “Improgames”, spettacolo di improvvisazione teatrale a cura di “Improvvisart”. Ultimo appuntamento il 25 marzo con “La cena dei cretini” di Francis Veber, a cura della compagnia “Diversamente Stabili”.

Castrignano del Capo – Secondo spettacolo in programma per “Partenze d’Aeroplani”, la rassegna itinerante di teatro per ragazzi e famiglie promossa dalla Compagnia TerramMare Teatro. Domenica 17 dicembre alle 17,30 presso il centro polivalente La Cornula, in via San Francesco D’Assisi a Castrignano del Capo va in scena la magia dei colori con “Arcoiris”, di e con Silvia Civilla. La consulenza alla regia è a cura di Fabio Matisse Corallini; lavagna luminosa Daniela Cecere, alle luci Antonio Apollonio. Il progetto “Partenze d’Aeroplani”, giunto alla XII edizione, è realizzato in collaborazione con la Regione Puglia e con il contributo delle Amministrazioni comunali aderenti al progetto. Domenica, in particolare, sarà presente anche la Libreria Idrusa di Alessano con un banchetto di libri. Per info: http://www.terrammareteatro.it/

–  Distinguersi e non confondersi. In altre parole: porgere una mano, non voltarsi dall’altra parte dinanzi alle difficoltà del prossimo, risvegliare un senso di fratellanza e solidarietà, rifiutando soprusi e violenze di ogni tipo. È con questo intento che prende vita l’iniziativa “Distinguiti, non confonderti”, il motto che appare sulle T-shirt della solidarietà in vendita – il cui ricavato sarà interamente devoluto alla delegazione Ant (Assistenza nazionale tumori) “Don Tonino Bello” di Nardò – è un’iniziativa solidale ideata e promossa da Tony De Paola, presidente dell’associazione “J Nardò Bianconera”, col supporto di Luciana Fracella, delegata Ant Nardò, e di don Riccardo Personè. Le T-shirt potranno essere prenotate presso i seguenti esercizi neretini: associazione culturale ricreativa “In viaggio con Momì” (via Piave 8), FaWi Professional Dance (via G. Fortunato 25), associazione “J Nardò Bianconera” (via Generale Cantore 25), “Alchimie di bellezza” di Marco Marinaci (via Rousseau 31), Belli & Monelli (via Enrico Fermi 56) e CrossFit Nardò (via San Gregorio Armeno 22/b). Inoltre, il prossimo 13 dicembre alle ore 20.30, l’Ant Nardò proporrà presso il teatro comunale lo spettacolo “Natale in casa Cupiello”, la celebre commedia tragicomica napoletana scritta da Eduardo De Filippo e portata in scena dalla compagnia “La Busacca” di Casarano. Il ricavato della serata sarà devoluto in beneficenza.

 

Gallipoli – Domani, giovedì 23 novembre, quarto casting a cura della neonata cooperativa salentina “Costruzioni Teatrali Poieofolà, pronta ad accendere i riflettori sulla tragedia greca. I primi due sono stati “riservati” ad aspiranti salentini; il terzo e questo hanno un carattere nazionale (con tanto di fine settimana in città). S’intitola “Il tempio delle fole” la rassegna, della durata di un mese, che “Poieofolà” porterà in scena dall’1 maggio al 3 giugno 2018 proprio nella cittadina ionica. Sofocle è l’autore a cui si è scelto di dedicare questa prima edizione, in particolare stringendo l’obiettivo su due delle sue più significative opere, Edipo Re e Antigone. La “costruzione” delle due rappresentazioni teatrali è già cominciata. Domani dalle 10 alle 22, il Joli Park Hotel di Gallipoli, in via Lecce, ospiterà le audizioni “su parte”. La ricerca è rivolta ad attori con una formazione teatrale per diversi ruoli, dai 18 anni ai 65 anni. Come si ricorderà, Poieofolà” (nome che deriva appunto dal greco antico del verbo costruire, comporre favole) è la recente realtà nata dall’attività ventennale compagnia di spettacolo “Ragazzi di via Malinconico” di Gallipoli. Quattro i giovani professionisti salentini scesi in campo con questa nuova sfida per se stessi e per il territorio, puntando a promuoversi in tutta Italia: Luana Greco, Roberto Treglia, Alberto Greco, Riccardo Abbate. “Il lavoro del team si presenta alternativo e anticonvenzionale – dicono i promotori – punta sull’educazione dei giovani sostenendo un teatro propedeutico che sensibilizzi oltremodo i fruitori dei format”. Entrambe le celebri tragedie verranno attualizzate mantenendo la classicità con l’inserimento della recitazione in metrica puramente greca, in distici elegiaci e trimetri giambici. La chiave di lettura sarà inconsueta e l’allestimento risponderà alle regole di un visionario direttore artistico come Treglia.

Nardò – La compagnia “Calandra” in scena al teatro comunale di Nardò: il Comune dice sì. È dello scorso 17 novembre la delibera con cui Palazzo Personè ha finanziato gli spettacoli della compagnia di Tuglie nata nel 1991 che negli anni ha saputo spaziare dal teatro classico ai drammi moderni, passando per rivisitazioni sperimentali e testi originali. Una scelta, quella di ospitare sul palcoscenico neretino la “Calandra”, sposata dall’assessore alla Cultura Ettore Tollemeto, alla sua prima stagione teatrale da assessore della Giunta Mellone. Fino allo scorso agosto Tollemeto ricopriva infatti l’incarico di presidente del Consiglio comunale. Questo il calendario degli spettacoli: “Quattro di cuori” (andato in scena il 16 novembre), “Il Tartufo” (12 gennaio 2018), “Orlando Furioso” (9 febbraio 2018), “Dr. Jekill e Mr. Hyde” (20 aprile 2018). Il costo del biglietto al pubblico è di 5 euro. Complessivamente il finanziamento per la rassegna ammonta a 2.729 euro, di cui 1.500 euro per il cachet degli artisti e 1.200 per servizi tecnici e stampa di materiale pubblicitario. “Le iniziative programmate – si legge nella delibera – costituiscono anche occasioni di aggregazione e di incontro e attrarranno sicuramente cittadini, turisti e visitatori favorendone l’arricchimento culturale”.

Nardò – Giovedì 16 alle 21 al teatro comunale l’ultimo frutto della compagnia teatrale di Tuglie pluripremiata. S’intitola “4 di Cuori” ed è un intricato gioco degli equivoci e degli imprevisti nei quali la verità diviene sorprendente bugia. La rappresentazione s’inserisce nella stagione “Lo Spettatore Incantato” del Teatro Comunale di Nardò. Sul palco Federico Della Ducata, Patrizia Miggiano, Luigi Giungato, Annarita Vizzi, Piero Schirinzi; riadattamento e regia di Giuseppe Miggiano, scene di Andrea Raho e Piero Schirinzi; organizzazione generale di Salvatore Selce. Tutto ruota attorno a un tema proprio della farsa, le bugie dei personaggi e gli equivoci che esse provocano in un mondo apparentemente ordinato. Filippo, maturo uomo d’affari, vuole passare un weekend con la sua giovane amante Ginny che ha una relazione seria (il matrimonio è in vista) con il giovane e squattrinato Leo. Quest’ultimo ha qualche dubbio sulla fedeltà della ragazza, come ne ha anche Sara, moglie paziente ma non ingenua, sul marito Filippo. In una situazione di questo genere, succede di tutto, battute, girandole di malintesi, ingorghi di equivoci e un finale a sorpresa. “Calandra” mette così in scena la prima delle sue produzioni previste per il 2017-18. Realtà ormai consolidata nel panorama teatrale salentino, porta i suoi spettacoli in varie rassegne e stagioni di tutta Italia, conseguendo numerosi premi e riconoscimenti. Tra le molteplici attività, organizza il Premio teatrale nazionale “Calandra” ed è attiva anche nel campo della formazione teatrale.

GALLIPOLI. La vita di San Francesco d’Assisi verrà rappresentata sul palco del teatro Italia giovedì 19 ottobre alle ore 20,30. “Forza venite gente” è il nome del musical che verrà riproposto da “I ragazzi del centro storico”, un gruppo di giovani gallipolini accomunati dalla voglia di trasmettere i valori francescani attraverso la musica e la danza. Il musical avrà una nuova veste scenografica curata da Mino Trianni e vedrà inoltre la partecipazione straordinaria del “Gruppo sbandieratori e musici del“Rione San Basilio” di Oria e della scuola di ballo “Disc’n roll dos” di Gallipoli, con i maestri Daniel e Sara Cataldi. “Forza venite gente”, con la regia di Gabriella e Lidia Liaci e Tony Cortese, catapulterà gli spettatori nel 1200, raccontando appunto la vita di San Francesco d’Assisi, il santo che risollevò le sorti della Chiesa. Fu messo in scena la prima volta da Michele Paulicelli nel lontano 1981 a Viterbo, mentre l’edizione più famosa è quella rappresentata nel 1991 sul sagrato della Basilica Superiore di S. Francesco d’Assisi. I testi, in prosa e in versi, sono di Mario Castellacci, Piero Castellacci e Piero Palumbo. Per informazioni 340 9451202 e 347 5587006.

 

TUGLIE. Teatro in piazza, mercoledì 9 agosto a Tuglie, nell’ambito della rassegna “Platea d’Estate e dintorni”. Alle ore 21 nella centralissima piazza Garibaldi, l’appuntamento è con la commedia di Ray Cooney “Taxi a due piazze” messa in scena dalla compagnia teatrale “La Busacca” per la regia di Francesco Piccolo. Sul palco Salvo Cezza, Sasy Piccolo, Stefania Bocco, Chiara Serena Brunetta, Antonella Rizzo, Claudia Mancino, Antonio Sparascio e Noemi Centonze (ingresso 3 euro). Anche quest’anno la rassegna promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Tuglie sta riscuotendo un grande successo. «Quest’anno, avendo avviato la stagione invernale nel nuovo teatro, abbiamo reinventato anche ‘Platea’, focalizzando l’attenzione sulle compagnie pugliesi, animando gli scorci più significativi del paese con le originali idee di ”Aper … Salento” e ”Arte in Corte”, sostenendo iniziative analoghe delle associazioni del nostro territorio e concentrandoci sugli autori locali», affermano il sindaco Massimo Stamerra e l’assessore Silvia Romano. Gli appuntamenti in cartellone, tra teatro, musica e cultura, si susseguono sino a settembre.

castello medievale acquaricaACQUARICA DEL CAPO. L’associazione teatrale Diversamente stabili in collaborazione con l’associazione Micaela Greco e l’amministrazione di Acquarica del Capo presenta lo spettacolo “Le avventure di Robin Hood”, messa in scena dai bambini del laboratorio teatrale condotto da Antonio D’Aprile, che ha curato l’adattamento e la regia dello spettacolo, mentre le musiche sono a cura di Alberto Tuma, Andrea Sequestro, Davide Calò, Noemi Puricella.
Lo spettacolo si terrà presso il Castello Medievale di Acquarica del Capo, lunedì 10 luglio alle ore 21,00. Ingresso libero.

Rose Spezzate_locandinaRACALE. Le donne ferite, vittime di un tormento che le perseguita nella vita domestica e lavorativa. Un tormento fatto di parole e atteggiamenti offensivi, di discriminazioni che si traducono in violenza psicologica e fisica. Rappresentano queste donne le rose spezzate dello spettacolo teatrale di domani sera a Racale. “Rose spezzate” è portato in scena da Valentina Piccolo e Marco Antonio Romano, attori della compagnia Témenos recinti teatrali, insieme a Simone Perrone, che contribuirà con la sua voce e musica. Lo spettacolo, che ha ricevuto il patrocinio della commissione pari opportunità di Racale, rientra nella rassegna culturale Sorsi d’autore – aperitivo al caffè letterario, curata dalla cooperativa InDisciplinati e che proseguirà fino a fine aprile con spettacoli ed eventi trasversali. Appuntamento per domani sera alle 20.30, per ulteriori informazioni scrivere a indisciplinati@liberi.it o bibliotecaracale@gmail.com oppure chiamare i numeri 346.087.0870 – 392.034.6125.

teatro acquaricaACQUARICA. Quando nel 1972 don Tito Oggioni Macagnino, parroco rimasto nel cuore di tutti gli acquaricesi, mise insieme un gruppo di ragazzi per mettere in scena “La pentola di Lucullo”, famosa commedia di Raffaele Protopapa, inaugurando così il salone dell’oratorio, sicuramente non immaginava che dopo 45 anni il gruppo teatrale parrocchiale potesse essere ancora in attività. A guidare il gruppo come responsabile e regista dalla sua fondazione fino al 2003 è stato Antonio Saracino. Dal 2003 a coordinare e dirigere la compagnia è Paolo Calò, già attore con Saracino regista, ed è stato proprio Paolo Calò a decidere di mettere in scena in occasione del carnevale “T’aggiu spusata si, ma sapìa ca ivi murire”, versione salentina della famosa “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

GALLIPOLI. Un Natale da passare a teatro: è questa la proposta di numerose compagnie gallipoline fin dai prossimi giorni. Due gli appuntamenti in programma per l’associazione “Off Limits”, presidente Stefano Nazaro (foto): il 21 dicembre alle 21 presso il Teatro Garibaldi andrà in scena la commedia “Natale è Natale”, la prima rappresentazione con protagonisti i “piccoli” della compagnia, guidati da Luigi Grassetti e incentrata sul Natale gallipolino. Il secondo appuntamento sarà invece “Na miniera ‘mara”, testo inedito scritto da Grassetti che sarà rappresentato al Teatro Garibaldi in quattro serate: 29 e30 dicembre, 4 e 5 gennaio, con apertura sipario alle ore 21. La compagnia “Talianxa” invece, presidente Pino Della Rocca (foto), per il “Giubileo della luce” il 15 dicembre al Garibaldi, durante la manifestazione conclusiva del concorso per le scuole “I racconti del faro “, presenterà “Il mistero irrisolto del faro”, un lavoro realizzato in collaborazione con l’Istituto “A. Vespucci”.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

bike-cafe-colonia-StajanoGALLIPOLI.Doppio appuntamento questa settimana al Salento Bike Cafè, sulla litoranea nord di Gallipoli. Nel pomeriggio di domani, alle 17.30, verrà presentato Kalapolis. Ideato da Ada Fiore, Kalapolis non è soltanto un gioco da tavolo ma un vero e proprio strumento per insegnare ai più piccoli. Non sprecare, non inquinare, salvaguardare la biodiversità, ricercare la bellezza e meravigliarsi di essa sono soltanto alcune delle “missioni” da compiere per vincere a Kalapolis. La presentazione del gioco è per domani alle 17.30. I bambini che vogliono partecipare si possono iscrivere singolarmente o anche in gruppo (massimo 5 bambini per gruppo). A partecipanti verrà offerta anche la merenda con succhi di frutta naturali. La sera di sabato 10 dicembre andrà in scena “Il buono, il brutto e il cretino”. Il Clown Lacoste, con l’accompagnamento delle musiche di Ennio Morricone, racconterà il viaggio di tre maldestri gangster. Nove attori, tra cui Antonio Merigliano e Antonio De Iaco, si esibiranno in esilaranti sketch, balletti e colpi di scena. L’inizio è per le 20.30 con apericena a partire dalle 19.30.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...