Home Tags Posts tagged with "Sannicola"

Sannicola

Sannicola – Una giornata dedicata all’alimentazione sana e tradizionale quella organizzata dall’istituto comprensivo Alezio-Sannicola. Nell’atrio delle scuole di Sannicola si è svolta la “merenda sana e tradizionale” coordinata dal docente Francesco Colopi. «I ragazzi hanno fatto merenda a base di pane, olio e pomodoro – spiega Colopi – apprendendo le proprietà nutritive di quei prodotti e il loro valore anche sociale e tradizionale». Da alcuni anni l’Istituto diretto Sabrina Stifanelli da celebra la giornata dell’alimentazione proponendo il cibo antico e genuino con l’auspicio che possa poi sostituirsi ai prodotti industriali nella merenda degli studenti. Un’iniziativa simile si svolge anche nelle scuole di Alezio. Il pane è offerto dai forni Puce e arte del pane di Sannicola e Antico Forno di Chiesanuova, i pomodori dai supermercati Sisa e Pam e l’olio dalla Cooperativa olearia sannicolese.

Sannicola – Appuntamento lunedì 15 ottobre alle 16 presso la masseria Santa Teresa per il primo incontro operativo volto alla progettazione partecipata per i “Borghi di San Mauro”. L’idea è quella di coinvolgere le realtà imprenditoriali e sociali dell’entroterra gallipolino (Alezio, Tuglie, Sannicola) in modo da offrire al turista una esperienza alternativa alla vacanza “tutto mare” a Gallipoli. L’evento è organizzato da Energie a Sud, associazione presieduta da Tony Ingrosso e la discussione sarà gestita da Luca Caputo (di Melissano), direttore strategico del progetto e consulente di marketing territoriale. «In questo primo incontro – spiega Jolanda De Nola, coordinatrice del progetto – che segue il convegno di presentazione del progetto che abbiamo organizzato il 22 giugno, inizieremo a proporre delle idee innovative per favorire il turismo dell’entroterra. Saranno presenti anche esponenti politici dei tre paesi coinvolti e l’incontro è aperto, oltre che agli imprenditori turistici, anche alle associazioni e ai cittadini interessati».

Collepasso – C’è anche un pò di Sannicola nel film giallo che verrà proiettato (serata unica) sabato 13 ottobre alle 21 a Collepasso al cinema Ariston. Si tratta di “Mcbetter” per la regia di Mattia De Pascali (di Supersano). Segretario di edizione del film è Jonathan Imperiale di Sannicola così come il piccolo attore Oscar Stajano (che vive a Lecce) e che recita accanto ad Andrea Cananiello, Serena Toma, Nick Manzi, Donatella Reverchon, Iole Romano e Gabriella Luperto. L’opera si ispira al Macbet di Shakespeare, ma è ambientata ai giorni nostri nella borghesia imprenditoriale salentina. Motivo del contendere la gestione di una catena di ristoranti. Intrighi e colpi di scena vedranno contrapposti i membri della famiglia a contendersi potere e denaro in pieno stile shakespeariano. «E’ un’occasione unica – commenta Imperiale – per vedere in una sala cinematografica un opera prima che sta avendo successo nei festival indipendenti in tutta Europa e ha ricevuto apprezzamenti ultimamente anche dalla stampa americana». A breve il film uscirà in dvd e bluray con contenuti speciali. In sala sarà presente il regista e tutto il cast.

Sannicola – Condanna in sede penale per il sindaco di Sannicola Cosimo Piccione per diffamazione. Il reato, secondo il giudice della prima sezione penale del Tribunale di Lecce, si sarebbe consumato nel corso del Consiglio comunale del 24 dicembre del 2013 quando, nel corso della discussione sulle osservazioni al Piano paesaggistico territoriale, Piccione avrebbe chiamato “Maga Circe” l’ingegnere responsabile del settore Urbanistica del Comune. La condanna appena pronunciata, su richiesta del pubblico ministero Elsa Valeria Mignone, è pari a sei mesi (pena sospesa) con un risarcimento di 8.000 euro oltre al pagamento delle spese processuali. Il Primo cittadino (che ha parlato di “legittimo esercizio di critica” nei confronti del tecnico comunale), insieme al suo legale Luigi Corvaglia attende ora le motivazioni della sentenza al fine di proporre l’impugnazione della stessa dinanzi alla Corte d’Appello.

 

 

Sannicola – Con una piccola ma significativa cerimonia, l’associazione sportiva “Karate Kyokushinkai Sannicola” ha accolto nei giorni scorsi il regalo degli imprenditori Andrea Puce e Ada Negro (proprietari di Store Auto) che hanno donato al sodalizio un defibrillatore. «Si tratta di un gesto bellissimo – commenta Luciano Centonze, sensei dell’associazione – ringrazio l’attenzione di queste persone che mettono a disposizione della comunità quest’attrezzatura salvavita che che potrebbe rivelarsi indispensabile, sia per i nostri atleti, che in gara, ma anche se qualcuno dovesse star male, ad esempio, nel pubblico». Recentemente la coppia di giovani imprenditori ha organizzato il concorso di bellezza Miss Store Auto. «L’augurio all’associazione e ai sensei Luciano Centonze e Massimo Zocco – commentano i coniugi – è che possano continuare ad esse un sano punto di riferimento per tanti giovani sannicolesi e che il nostro dono possa essere utile»

Sannicola – Gennaro Giustizieri va in pensione e a Sannicola chiude l’ultimo negozio di generi alimentari di vicinato. Dopo 35 anni di attività il titolare ha abbassato la saracinesca dell’esercizio commerciale di via Roma, nei pressi di piazza della Repubblica.  «È giunto il tempo, dopo tanti anni di lavoro, che mi goda la mia pensione e i nipotini, ma mi dispiace – commenta il proprietario – per i clienti e i vicini con cui abbiamo costruito legami di amicizia e con i quali ci sentiamo una famiglia». Giustizieri rilevò l’attività che per due generazioni era stata degli Stamerra, padre e figlio, e che risale a inizi ‘900.

La “battaglia” con la grande distribuzione L’alimentari chiude, “ma non perchè abbiano vinto le catene di supermercati, che dagli anni ’90 hanno messo in difficoltà il piccolo commercio” ci tiene a sottolineare Gennaro. «In tutti questi anni ho combattuto e ho resistito: sono rimasto l’ultimo, ma esco di scena imbattuto. Ai giovani voglio dire che non bisogna scoraggiarsi di fronte ai “grossi”, che non è vero che bisogna per forza abbassare la testa e, al massimo, fare il commesso o il salumiere per loro. Con questo lavoro ho portato avanti la mia famiglia, ho fatto studiare i miei figli, ma soprattutto non ho mai avuto nessuno a comandarmi. Certo ci sono anche i lati negativi: se hai il raffreddore non ti puoi mettere in malattia, ci sono tanti controlli e gestire fornitori e tasse non è facile, ma non è neanche impossibile. Ti raccontano che il piccolo commercio è destinato a morire di fronte ai colossi commerciali, ma non è così, se sei combattivo ce la puoi fare, se ti va di lavorare il guadagno c’è, non diventi ricco, ma vivi dignitosamente e onestamente».

I ricordi dei vicini Anche gli abitanti del quartiere sono amareggiati: «Sono dispiaciutissima, ne faccio una malattia, con Ninetta c’è un’amicizia e non solo un rapporto come cliente» aggiunge Rossana Manco, cliente, amica e vicina di casa. «Ricordo la data di compleanno di tutti i vicini e dei loro figli e loro sanno quella dei miei: in tanti anni i rapporti si stringono così – afferma la moglie del titolare Ninetta Di Paolo – tante volte Gennaro ha preso la macchina ed è andato a Nardò o a Lecce per trovare i prodotti particolari e accontentare i clienti». Oggi i locali restano vuoti, chissà che qualcuno non voglia rilevare l’attività e continuare la battaglia di Gennaro.

 

Gallipoli – E’ tornato d’attualità il tema scottante e controverso dei Centri per l’impiego, alla luce del preannunciato “reddito di cittadinanza” da parte del governo. Saranno questi uffici infatti (ex Ufficio di Collocamento) che dovranno assolvere a tutte le incombenze previste, istruendo delicate pratiche per i sussidio e per il lavoro da trovare. Una volta alle dipendenze del Ministero del lavoro, i Cpi sono passati prima alla Regione, poi alle Province (che dovrebbero essere soppresse) e ora sono tornati  alla Regione.

I Centri per l’impiego (Cpi) sono strutture pubbliche coordinate dalle Regioni che favoriscono sul territorio l’incontro tra domanda e offerta di lavoro e attuano iniziative e interventi di politiche attive del lavoro. Le attività dei Centri per l’impiego sono rivolte ai cittadini disoccupati, ai lavoratori beneficiari di strumenti di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro e a rischio disoccupazione, nonché ai lavoratori occupati in cerca di nuova occupazione. I Cpi svolgono anche attività amministrative, come l’iscrizione alle liste di mobilità e agli elenchi e graduatorie delle categorie protette, la registrazione delle assunzioni, le trasformazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro, il rilascio del certificato di disoccupazione”: questo ed altro si legge nella legge istitutiva 56 del 1987. Una serie di mansioni impegnative nel fondamentale terreno della occupazione. Nella realtà, come evidenziato da recenti inchieste giornalistiche su base nazionale, i Cpi specie negli uffici del sud d’Italia, non se la passano già oggi tanto bene.

Con la metà dell’organico previsto Il Centro per l’impiego di Gallipoli serve anche i Comuni di Taviano, Tuglie, Sannicola (con le frazioni di Chiesanova e San Simone) e Alezio: oltre al responsabile dell’ufficio ha quattro dipendenti e due formatori che ogni giorno vengono da Bari. La dotazione organica per la sede di Gallipoli prevede esattamente il doppio di personale. A ciò si aggiungono le attrezzature obsolete e locali inidonei all’uso. L’ufficio infatti è ubicato nel vecchio edificio “ex Salesiani”, in altre parti dichiarato inagibile e già da tempo messo all’asta dal Comune. Fernando Scozzi (nella foto, di Melissano), laurea in Lettere e già dipendente a Palazzo dei Celestini, si è tuffato nel nuovo lavoro con passione: “Pur nella scarsezza dei mezzi a disposizione, il problema vero – dice subito – è che la politica ha preferito le “esternalizzazioni” ai Cpi, dando la possibilità cioè di assumere attraverso le agenzie interinali, e bypassando quindi le nostre graduatorie che garantiscono imparzialità e mettono al bando i favoritismi. Ed ora? Sarebbe come pretendere che un pesce continui a nuotare pure dopo che gli è stata tolta l’acqua”.

Surclassati dalle società di lavoro interinale E’ un fiume in piena il dottor Scozzi, il quale non sopporta il doversi stringere nelle spalle tutte le volte (e purtroppo succede molto spesso) che gli si presentano casi disperati di persone in cerca di lavoro. Laureati compresi, perché aumenta anche il loro numero in lista d’attesa. “Da queste parti, nei nostri uffici c’è solo lavoro stagionale – afferma – per camerieri, cuochi o commessi nei negozi, o in agricoltura. Così i Centri per l’impiego riescono a trovare lavoro solo al 3% dei disoccupati, ben poco rispetto alle agenzie interinali. “Ma il confronto (ammesso che i dati siano veri) ha un senso se i Cpi avessero le stesse possibilità di azione delle agenzie. Invece quelle hanno la Ferrari ed i Centri la bicicletta – ha scritto Scozzi di recente al ministro Di Maio – e con questa devono pedalare, sentire le critiche dei lavoratori e quelle degli esperti di turno nei dibattiti televisivi e sui giornali senza avere mai messo piede (contrariamente a voi di Piazzasalento appunto) nei nostri uffici”.

Dare risposte a chi non ha conoscenze “Costoro che parlano tanto, forse non conoscono le dinamiche del lavoro e non sanno – conclude il dirigente – che la ricerca dell’occupazione avviene, nella stragrande maggioranza dei casi, tramite conoscenze, parentele e amicizie. Chi non conosce nessuno rimane ai margini, dimenticato da tutti: a queste persone il servizio pubblico per l’impiego deve poter dare una speranza, ma la normativa (il decreto legislativo n.151 del 2015) va in tutt’altra direzione”. Si attendono risposte.

 

Gallipoli – L’ultimo libro di Antonio Errico “L’imperfetto lettore” (AnimaMundi edizioni, Otranto giugno 2018) è un inno alla lettura e ai libri. Ha fatto bene Errico a “infilare” come in una collana gli interventi che tiene sul Nuovo Quotidiano di Puglia nella rubrica “I resti di Babele” perché ha dato continuità ad un discorso che la misura dei pezzi in una rubrica giornalistica costringe a pause forzate e a continui rimandi. Come un discorso interrotto continuamente che ora, in questo piccolo libro di 115 pagine, acquista unità  tanto che anche le inevitabili deviazioni appaiono come ricchezza del tema di fondo.

Il bambino che legge, la lettura in tenera età, le maestre che insegnano a leggere (sono più brave di quelle che insegnano a fare i conti), il bambino che in treno legge “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di Luis Sepùlveda mentre gli adulti sono fissi sui loro tablet, i libri letti nell’adolescenza che restano come pietre miliari e punti di riferimento per tutta la vita, i libri prestati, quelli che si leggono a metà o solo nell’incipit, le librerie come luoghi del cuore: tutti temi che ricorrono all’interno dei vari interventi che il metro giornalistico rende brevi e incisivi. Metti la passione di Errico per la lettura, metti la sua passione per l’insegnamento (dirige il liceo Quinto Ennio a Gallipoli) non  appesantita da precetti didascalici,  metti il suo amore per Borges, Ariosto, Calvino  Cervantes, Marquez, Morante (ma l’elenco è ancora lungo): quello che viene fuori dallo scrittore originario di Sannicola è un invito a chi già legge a essere un lettore “imperfetto”, perché in questo caso l’aggettivo non designa un aspetto negativo, anzi.

Il lettore perfetto non esiste  Chi legge  “è uno che ha piena consapevolezza della propria imperfezione… chi legge lo fa per compensare la propria esperienza con quella degli altri. Però non vuole farlo con creature reali” che sono imperfette come lui e crede di poter trovare creature perfette nella finzione. Ma si illude, perché “le creature che vivono nei libri, essendo a immagine e somiglianza dell’uomo, sono imperfette”. Il lettore perfetto, quindi, non esiste o forse è proprio il lettore incontentabile, quello che “prende un libro e lo esplora, come fosse un bosco in cui nessuno ha osato addentrarsi, come fosse un mare che nessuno ha mai navigato, oppure, più semplicemente, come fosse una casa che una volta ha abitato e nella quale ritorna con nostalgia di com’era, per ritrovarsi, per riscoprirsi”. Un libro come ritorno a casa per ritrovare se stessi.

Come l’indicativo imperfetto  A pensarci bene il lettore “perfetto” è quello che presenta le caratteristiche dell’imperfetto  indicativo: l’incompletezza (la sua libreria è piena di libri ancora da sfogliare), l’abitudine  (non può fare a meno di leggere), la ripetitività (si legge e rilegge il medesimo “libro” di cui si è innamorati nell’adolescenza), il desiderio (mai completamente soddisfatto). E poi l’imperfetto è il tempo della narrazione  e del gioco dei bambini “facciamo che io ero un libro e tu un lettore perfetto…”.

 

 

 

Sannicola – Entusiasmo alle stelle nel gruppo “Pugliesi in California” fondato negli Usa da Alessandra Chimienti di Sannicola che in questi giorni si sta preparando per partecipare alla 150esima edizione dell'”Italian heritage parade” di San Francisco del 7 ottobre. Il Comune di Sannicola collabora all’iniziativa attraverso l’invio delle bandiere dell’Italia, della Puglia e del Comune. L'”Italian heritage parade” (letteralmente “parata dell’eredità italiana”) è un’allegra sfilata in cui si valorizza la componente italoamericana della società statunitense.

La promotrice «Il mio obiettivo  – spiega la Chimienti – è di far conoscere e promuovere la Puglia e la sua bellissima cultura facendo conoscere e sperimentare le nostre tradizioni, i prodotti tipici e la musica popolare». Serie di attività che sono culminate nella recente “Sagra te lu paese tou” che si è svolta al Golden Gate park di San Francisco con la partecipazione di alcune ditte di Sannicola che hanno presentato al pubblico americano i propri prodotti  (“Antico forno” di Chiesanuova, “pasticceria De Mitri” e “L’arte del pane” di Sannicola). «Una delle cose più belle del progetto di portare la Puglia all’Italian heritage parade è che il gruppo di persone che hanno deciso di partecipare viene non solo dalla Puglia, ma anche da diverse parti d’Italia e del mondo. Molte di queste persone non conoscevano la “pizzica” ma hanno scelto di impararla venendo alle lezioni, agli incontri e studiando a casa. Alcuni di loro sono pugliesi ma stanno imparando a ballarla qui in America! La gente si interessa e vuole imparare perché è attratta da quello che di stupendo la Puglia offre. Molti decidono anche di andarci in vacanza per scoprirne di più» La parata prevede anche dell’intrattenimento musicale. «Anche i musicisti non sono tutti pugliesi. Alcuni di loro stanno imparando la pizzica grazie al gruppo. È una cosa bellissima e di cui sono molto orgogliosa perché è una condivisione dei valori e della tradizioni attiva e pulsante. La Puglia e le sue tradizioni non vengono solo rappresentate, ma anche e soprattutto diffuse, vissute e amate».

Sannicola – Tuglie Successi in serie a Grottaglie per la scuola di ciclismo Tugliese Salentina “Vincenzo Nibali” diretta da Giovanni Saccomanno di Sannicola e presieduta da Rocco De Santis di Tuglie. I ragazzi hanno partecipato al Meeting regionale Giovanissimi specialità Mtb.  Nelle rispettive categorie si sono affermati Ilan Calzolaro di Tuglie, Alessia Russo di Aradeo e Marco Russo. Settimo, invece, Marco Sicuro di Collepasso mentre per le categorie agonistiche “Esordienti” e “Allievi” (13-14 anni) quarto classificato Andrea Sicuro di Collepasso, settimo Davide De Giorgi di Galatone, decimo Marzio Negro di Tuglie. Per la categoria allievi decimo classificato Mattia Tarantino di Sannicola. «Sono molto orgoglioso di tutti i giovani atleti della scuola di ciclismo –commenta Giovanni Saccomanno – delle loro affermazioni sportive che innalzano il nome della Scuola e soprattutto del loro impegno e dell’impegno di tutti, sia di chi vince le gare oggi che di chi le vincerà domani e di chi si allena con impegno e dedizione»

Alezio – Ritornano anche quest’anno gli itinerari di lettura proposti da Interferenze in occasione della XIV edizione della “Festa dei lettori”. La rassegna che dal 27 al 30 settembre impegnerà 65 città italiane nella promozione della lettura farà tappa anche ad Alezio venerdì 28, con un evento realizzato in collaborazione con il Presidio del Libro di Sannicola. Dalle pagine di un libro la mente va oltre i consueti orizzonti – tematica degli “SconfinaMenti” dello scorsa edizione – ma non solo: il lettore può scomporre la storia e analizzare gli avvenimenti con maggiore coscienza critica, attraverso connessioni ipertestuali e “crossmediali” con la realtà che lo circonda, gli “AttraversaMenti” che caratterizzano la nuova edizione della rassegna.

Venerdì 28 alle 18,30 Interferenze (in foto il presidente Riccardo Botto) ospiterà da El Barrio Verde Urmila Chakraborty, docente indiana della facoltà di mediazione linguistica e culturale dell’Università di Milano e il suo “Asinelli, persone perbene”, un libro sui temi della diversità, dei pregiudizi e degli stereotipi che condizionano i rapporti sociali, sia nel mondo adulto che giovanile. Il volume è illustrato dagli studenti della scuola primaria di Onore-Songavazzo. Dialogherà con l’autrice Maddalena Castegnaro, responsabile del Presidio del Libro di Sannicola. Al termine della serata è prevista la cena presso il ristorante Aia Noa di Alezio. Info: 368 573 315.

Tuglie – Vari reati di furto, rapina ed estorsione portano ad una condanna da oltre tre anni e mezzo per il 39enne di Tuglie Claudio Vetrugno. L’ordine di esecuzione della pena emesso dal Tribunale di Grosseto, con il conseguente arresto presso il carcere di Lecce, gli è stato notificato questa mattina dai carabinieri della Stazione di Sannicola. I reati incriminati, dai quali è scaturita una condanna a tre anni, sette mesi e 16 giorni di reclusione, risultano commessi il 7 febbraio, l’8 e il 9 aprile del 2011 rispettivamente a Parabita, Galatone e Tuglie, ed il 13 settembre 2016 a Grosseto.

 

Sannicola – Primo giorno di scuola con tante novità per i bambini della elementare e materna a Sannicola che, a causa delle ristrutturazioni resesi necessarie nella materna di viale degli Studenti, per i primi tre mesi condivideranno il plesso di via Collina. «La fine dei lavori della materna – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Maria Pia Gioffreda – è prevista per prima di Natale così dopo le feste i piccoli potranno essere ritrasferiti e vivere un “secondo primo giorno” in una scuola rinnovata. Nel frattempo occuperanno il  pian terreno dell’elementare, mentre i bimbi della primaria sono tutti al primo piano». Chiusa al traffico via Collina nel tratto da via Libertà a via Oberdan per garantire la sicurezza negli orari di entrata e uscita dalla scuola. Primo giorno di scuola anche per i nonni vigili Claudio Mercuri, Antonio Pastore e Giulio Greco. «Sono contento di rivedere i bimbi che mi riconoscono quando mi vedono e mi salutano da lontano. Auguro a tutti un buon inizio anno», commenta Antonio Pastore. Augurio rinnovato anche da Claudio Mercuri che aggiunge: «Ogni anno siamo felici e orgogliosi del lavoro che facciamo e del felice rapporto con le famiglie e i sorrisi dei bambini ci ripagano del nostro impegno».

L’assessore Gioffreda ha visitato tutte le classi «Ho chiesto ai bambini quali fossero i loro sogni, nella convinzione che la scuola sia fondamentale per aiutarli a sviluppare le loro potenzialità e a inseguire i loro progetti e ho visto in loro grandi entusiasmi. Mi piace anche l’idea di istituire il “pedibus” un servizio di accompagnamento dei bambini a piedi, magari dalla piazza principale, proposto dal nonno vigile Antonio Pastore e voglio sentire al più presto le famiglie per capire se il servizio possa avere gradimento e come possiamo svolgerlo al meglio». Anche la scuola elementare subirà delle ristrutturazioni: «La maggior parte dei lavori saranno fatti l’estate prossima e, se tutto va secondo i programmi, non avremo bisogno di trasferire ancora i bambini. Al termine tutte le scuole saranno rinnovate».

Sannicola – È originario di Sannicola il nuovo presidente della sezione dei carabinieri in congedo di Lazise, paese di 7mila abitanti in provincia di Verona. Si tratta di Osvaldo Malerba, trasferitosi per lavoro sul lago di Garda ben 50 anni fa. Alla recente cerimonia hanno partecipato il sindaco del paese veneto Luca Sebastiano, il comandante dei vigili urbani Massimiliano Gianfriddo, il comandante della Compagnia di Peschiera maggiore Francesco Milardi e il luogotenente Gian Luca Battaglia comandante della Stazione di Lazise  e il coordinatore provinciale Gilberto Mercadante. Primi impegni del neopresidente sono stati la partecipazione al 24esimo raduno nazionale dei carabinieri di Verona e la cerimonia, organizzata dalla sezione di Lazise, per il 204esimo della fondazione dell’Arma caratterizzata da una sfilata che, partendo dalla sede dell’associazione, si è svolta sul lungolago sino al monumento dei Caduti con la tradizionale messa.

Una vita tra Lasize e Sannicola «Due situazioni molto diverse – spiega il neo presidente, ma entrambe molto emozionanti: a Verona per il bagno di folla e per la condivisione con tanti colleghi per un iniziativa durata 5 giorni e una sfilata per le vie della città durata più di quattro ore con la partecipazione di tante autorità tra cui il comandante provinciale di Verona. A Lasize, mi sentivo a casa, ma mi sono egualmente emozionato durante la manifestazione, esperienze davvero bellissime. Siamo anche stati ospiti alla ricostruzione storica della battaglia di Pastrengo con i carabinieri a cavallo: lì noi eravamo tra il pubblico». Malerba vive tra Lazise e Sannicola dove passa le sue vacanze in famiglia: «Ho due città nel cuore, entrambe egualmente amate: Lazise dove ho lavorato, vissuto e trovato l’amore e Sannicola che mi ha dato i natali, due città turistiche dai panorami magnifici, caratterizzate dal lago di Garda l’una e dal mar Mediterraneo l’altra».

 

Lido Conchiglie (Sannicola)  – Serie di eventi al Salento Bike Cafè che, complice le belle giornate, prolunga l’estate. Sabato 15 settembre sono previsti ben tre appuntamenti. Alle 9 c’è l’escursione in bici “A occhi chiusi”, ovvero una passeggiata in tandem rivolta a persone vedenti e non vedenti “per scoprire le meraviglie del Salento da un’altra prospettiva e in maniera sostenibile”. Gli organizzatori metteranno a disposizione dei partecipanti tandem e biciclette per attraversare lentamente il paesaggio e utilizzare tutti i sensi meno la vista (i vedenti verranno bendati durante le soste) per conoscerlo. Durante il percorso, guide esperte racconteranno il territorio che si attraversa e le storie che lo abitano. L’escursione si svolge tra Lido Conchiglie, Rivabella e Gallipoli (15 km circa in tutto), ed è adatta anche i meno allentati. A disposizione dei partecipanti vi saranno anche delle mappe tattili con le piantine dei luoghi e le riproduzioni di alcuni dettagli architettonici del centro storico di Gallipoli, a cura della designer Michela Bidetti. È prevista anche una visita al Museo del mare di Gallipoli che ospita una sala multisensoriale che permette di approfondire la conoscenza dell’ecosistema marino del Parco naturale regionale litorale di Punta Pizzo e isola di Sant’Andrea. Si tratta di una iniziativa che si inserisce nell’ambito dell’evento internazionale “Itaca migranti e viaggiatori – Festival del Turismo responsabile” (in collaborazione con Velo service e Emys).

“Sulu” con Dario Muci Sempre sabato 15, alle 18, c’è il laboratorio di musicoterapia (ingresso libero) in collaborazione con l’“Istituto di Arti terapie e Scienze creative scuola Artedo Lecce” condotto da Valentina Graziano e da Mauro Mangalam Calandra. Alle 21.30 Dario Muci, attore e cantante di Tuglie, metterà in scena lo spettacolo Sulu, “uno spaccato sulla condizione dei contadini e operai, vittime oggi come ieri di grandi disparità sociali intrecciato a momenti storici significativi che hanno caratterizzato la vita di milioni di Italiani: la resistenza, l’eccidio di Parabita, la tragedia di San Donaci e le occupazioni delle terre, l’emigrazione”, commentano gli organizzatori.

Domenica yoga e shiatsu Domenica 16 “A corpo libero” durerà per tutta la giornata dalle 10.30 alle 20. In mattinata si inizierà con esercizi di postura e azione (metodo Feldenkrais), cui seguirà l’hatha yoga e l’Acroyoga. Sono, inoltre, previsti suggerimenti e curiosità di alimentazione funzionale. Nel pomeriggio a partire dalle 17.30 arti circensi e arrampicata. Durante tutto il corso della giornata, “assaggi di massaggi” (thai, con oli essenziali e shiatsu) con operatori specializzati. Il maestro Nicola Le Rose, inoltre, propone la “Scuola di armonia e ensemble musicale” (il contributo previsto è di 5 euro per ogni attività di gruppo). Ulteriori corsi di ciascuna disciplina saranno attivati per ottobre e novembre.

 

Gallipoli – Non sono scappati neanche questa volta alle grinfie delle forze di polizia gli autori del raggiro, tutto estivo, ai danni di coloro che cercavano un alloggio a Gallipoli per trascorrervi le vacanze. Dopo una meticolosa indagine non solo tradizionale ma anche attraverso i social network, i carabinieri di Gallipoli hanno individuato e poi arrestato i tre autori di una combine truffaldina che ha interessato ben 15 turisti. Ricavato della truffa 9mila euro circa che adesso però non si potranno godere.

Per truffa in concorso sono stati tratti in arresto, su indicazione dell’autorità giudiziaria, G. A. I. nato a Sannicola 45 anni fa e residente in paese; A. L. di Bari, 46 anni, residente a Roma; R. C. di Napoli, 26 anni. A dare la stura alle indagini le denunce presentate in caserma da alcuni turisti finiti nel bel mezzo di un inganno architettato in maniera magistrale.

Si partiva, come già appurato in altre operazioni anche della polizia di Gallipoli, dagli annunci – apparentemente sicuri ed allettanti – su siti internet e sul più noto social network, vale a dire Facebook. L’offerta riguardava affitti di immobili nella zona della Baia verde, litorale sud della città.  Con la pubblicazione di foto particolarmente studiate di abitazioni, ville e villette, dopo il primo contatto telefonico con i malcapitati, si passava alla richiesta di un acconto immediatamente successiva all’assicurazione che l’alloggio era stato prenotato ai loro nome.

Una volta incassata la caparra tramite una carta postapay, gli autori della manovra si rendevano irreperibili. Reperibili risultavano invece agli aspiranti affittuari i veri proprietari delle loro destinazioni, del tutto ignari ovviamente sia delle foto messe in circolazione in rete, sia del fatto di aver ceduto la propria casa in affitto per il periodo estivo. Sono stati i carabinieri di individuare e bloccare i tre malviventi. Le varie operazioni di falsi contratti di affitto sono state effettuate tra luglio ed agosto scorsi.

Sannicola – È Marco Masini il cantante atteso domenica 9 settembre, alle 21.30, in piazza della Repubblica a Sannicola per i festeggiamenti della Madonna delle Grazie. per a partire dalle 21.30. La festa, molto sentita in paese, prevede un fitto calendario di eventi. Venerdì 7 alle 19 ci sarà la messa presieduta dal vescovo della diocesi NardòGallipoli Fernando Filograna e animata dalla confraternita del Santissimo Sacramento e della Madonna delle Grazie, cui seguirà la processione per le vie del paese, con le esibizioni delle bande musicali di Matino (diretta da Sergio Carluccio) e di Sogliano Cavour (diretta da Giancarlo Perrone). Al termine della processione spettacolo pirotecnico della Pirotecnica Napoletana offerto per devozione da Giovanni Cauzo. In tutto il paese, le piccole comunità dei rioni e delle strade stanno preparando (con il dovuto segreto) le decorazioni che saranno esposte durante la processione (il piccolo gruppo di via Roma si riunisce attorno all’artista Davide Di Vetta, Stefania Mega in via Regina Elena).

Sabato la sfilata dei carrettieri Sabato 8 sin dalla mattina si esibiranno in piazza due concerti bandistici di Conversano: il primo diretto da Angelo Schirinzi e il secondo da Susanna Pescetti. Alle 10 l’attesissima sfilata dei carrettieri per le vie del paese con i cavalli e i carri riccamente decorati. Al termine immancabili fuochi della Pirotecnica napoletana offerti dagli stessi carrettieri. La messa delle 19 sarà celebrata in piazza della Repubblica da monsignor Gino Ruperto (di Alezio), parroco di Chiesanuova e vicario del vescovo. un’occasione speciale nell’anno del suo 50esimo di sacerdozio. Per l’occasione l’artista Franco Ventura, amico fraterno di don Gino, regalerà al prelato un’opera d’arte. Domenica 9, al termine del concerto di Masini, a chiudere la festa sarà lo spettacolo pirotecnico della ditta Chiarappa di San Sever,o offerto dalle famiglie Piccione in memoria di Luigi, Bolognese in memoria di Vincenzo e da Gianni Carrisi e Raffaele Marti. «Quest’anno – commenta il parroco don Massimo Cala – poco dopo la festa della Madonna, la nostra comunità parrocchiale, insieme a tutta la Chiesa diocesana, vivrà il dono della “Missione giovani” del nostro seminario regionale che precede e accompagna il sinodo dei giovani».

Il Comitato festa I festeggiamenti sono organizzati dal Comitato festa presieduto da Tiziano Piccione e composto da Cosimo Selce, Antonio Piccione, Sandro Tanasi, Giuseppe Camisa, Pasquale Bidetti, Sergio Tarantino, Tommaso Bolognese, Antonio Camisa, Francesco Cauzo, Ivano Marzo, Fabio Molle, Cosimo Napoli, Giuseppe Petruzzi, Alessio Scorrano, Franco Toma e dal priore della Confraternita Pasquale Mercuri.

 

Sannicola – C’è tempo fino a domenica 9 settembre (dalle 19.30 alle 22) per visitare la mostra collettiva di pittura “Colori, luoghi, tradizioni” curata da Alba Stamerra presso il frantoio ipogeo di via Roma a Sannicola.  Espongono Antonio Giuppa, Luigi Palumbo (entrambi di Aradeo), Anna Maria Sicilia (di Ruffano), Dante De Filippo, Fabrizio Giuranna e Bruno Sances (di Sannicola), Giuliana De Marco e Tonia Romano (Matino), Marco Bernardini (Lecce) e Carlo Ortis (Alezio).

La curatrice «Ho voluto realizzare questa rassegna artistica  – spiega la curatrice Alba Stamerra, originaria di Tuglie che vive tra Brera, Milano e Sannicola – per dare voce e spazio a questo selezionato gruppo di artisti salentini che conosco e stimo, alcuni dei quali ho portato in mostra in altre parti d’Italia. L’intento è informare il pubblico dell’attività dei tanti talenti, iniziando dai nostri stessi paesi, con l’intento anche di far conoscere i luoghi e le tradizioni del posto ai visitatori che vengono da vicino e lontano» La mostra è patrocinata dal Comune e realizzata in collaborazione con Axa Cultura e Proloco. «Ci auguriamo – prosegue la Stamerra – che sia la prima di una lunga serie e che sia sempre più partecipata. Non escludo di portare alcuni artisti in mostra a Brera o a Milano in altre mostre che organizzo in quelle zone»

 

Sannicola – Appuntamento stasera a Sannicola, alle ore 19.30 a Villa Excelsa, per la presentazione del terzo volume (riferito al 2013) de “La storia di Sannicola dal 2011 al 2017 nei miei articoli sulle pagine di Piazzasalento” di Maria Cristina Talà (al centro nella foto). Insieme all’autrice, alla serata interverranno Marilena De Stasio, presidente Ionia, Maria Antonietta Bongiovanni, figlia dell’imprenditore edile Gino Bongiovanni, fondatore del  Ponticello, Ermanno Albanese, presidente Cycling, Ornella De Salve, figlia di Rolando De Salve detto “Cosimino Togliatti”, Rosetta Mercuri, governatrice della Misericordia, Marco Ventura, figlio del fotografo Rolando Ventura, Simona Mosco, presidente Metoxè, Bruno Sances, pittore, monsignor Gino Ruperto, parroco di Chiesanuova e vicario del vescovo, oltre a Sandro Tanasi, Antonio Notaro, Antonio Mitria, Bruno Scorrano, Franco Giustizieri. Non mancheranno la musica popolare, la mostra fotografica di Rolando Ventura e le letture degli articoli a cura di Jonathan Imperiale.

«È stato anche un anno in cui è finita un era – commenta l’autrice – insieme, quasi a testimoniare il cambiamento dei tempi, sono venuti a mancare tre grandi della storia sannicolese del  ‘900:   Cosimino   Rolando   De   Salve “Togliatti”, storico   presidente della Cooperativa   olearia, Gino Bongiovanni, tra i primi imprenditori del turismo, chiamato “il re di Rivabella”, e Rolando Ventura, storico fotografo degli ulivi e della natura. Ma è anche stato un periodo di nuovi inizi con nuove associazioni nascenti come Cycling e Metoxè, di grandi incontri come quello tra don Gino e il Papa e di tradizioni che non si perdono o si ricostruiscono come il gruppo folk ricostituito sulla base di una vecchia foto».

Sannicola – L’ultimo libro di Matteo Greco (foto), dal titolo “Una notte senza dire niente nacque il mare”, protagonista a Sannicola per l’ottava edizione della rassegna Kalispera. Il lavoro dell’autore di Santa Maria di Leuca (di recente a Bisceglie per “Libri nel Borgo antico), verrà proposto in forma di “concerto poetico” in uno spettacolo fatto di poesia e canzoni. Alle 20.30 l’appuntamento a Villa Excelsa con le poesie di Greco intervallate dalle canzoni d’autore italiane reinterpretate dal maestro Daniele Vitali. Greco è poeta, scrittore, semiologo e nel 2013 pubblica la sua prima antologia di poesie “Giorni fatti a mano” seguita, nel 2014, dalla drammaturgia di due spettacoli teatrali: Raccontami Sherazade, e Penso che un sogno così. Nel 2015 pubblica la raccolta di racconti “C’era infinite volte il Sud” e nel “Da grande voglio fare il Meridione”. La rassegna “Kalispera” è promossa dall’assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia in collaborazione con l’associazione Presìdi del libro.

Gallipoli – Inaugurazione questa sera, mercoledì 29 agosto, alle 21.30 al teatro Garibaldi, nel centro storico di Gallipoli, della mostra d’arte contemporanea “RossoEntropia” di Gabriele Vizzi (foto) in arte “ILvizzi”. «Dopo tre anni di pausa ritorno a esporre le mie opere sulla metamorfosi della materia, ispirato dal pensiero filosofico di Hegel sulla: Tesi,  Antitesi e Sintesi» commenta l’artista di Sannicola (originario di Corigliano d’Otranto). Al cocktail di benvenuto seguirà la presentazione con lettura di testi in prosa con l’attrice Manuela Bello; a seguire musica live con Valeria Montesardo (voce), Luca Basile (violoncello), Sabrina Zambaiti “Shangyal” (Hang pads), Gabriele Vizzi (basso elettrico). Per finire il dj set di Max Nocco che accompagnerà  con i suoi vinili la fruizione delle opere e dell’istallazione artistica (serata ad ingresso gratuito). La mostra avrà termine domenica 2 settembre.

«Per la  seconda esposizione  – prosegue l’artista – sentivo la necessità di sviluppare l’idea di RossoEntropia; l’evoluzione e la trasformazione delle forme e dei tre colori: Bianco/Nero/Rosso erano stati i binari fondanti della mia ispirazione con la prima serie di quadri tre anni fa. Per questo lavoro il passo è stato più ardito, i “consigli filosofici” di Hegel mi hanno portato ad analizzare i contrasti dei precedenti quadri e il modo di esprimerli. Ho abbandonato il supporto della tela, del pennello e mi sono abbandonato alla sperimentazione con colla vinilica, corda di jiuta, legno multistrato, strisce led, biglie e palline di ping pong. Ho confezionato il tutto in una grande istallazione artistica un cubo alto tre metri, che fa da supporto alle singole opere, ma soprattutto è opera in sé».

 

Lido Conchiglie (Sannicola) – È Fernando Spirito di Galatone il vincitore del sesto concorso fotografico amatoriale “Salento coast to coast” organizzato, a Lido Conchiglie, dalla Pro loco e patrocinato dal Comune di Sannicola. “Faraglioni salentini” la foto vincente mentre seconda si è classificata Valentina Maria Anziano (di Napoli) con “Andare o rimanere” e terza Silvia Imparato (di Tuglie) con “Sospiro”. La premiazione è stata presentata da Gianni Ciricugno e sono intervenuti la presidente della Pro loco Elisabetta Greco e il consigliere comunale con delega allo spettacolo Patrizio Romano. «Ringraziamo tutti gli sponsor, i volontari dell’associazione che si sono impegnati in questa iniziativa e in particolare al fotografo Gerardo Marzano per l’aiuto fornito nell’organizzazione dell’evento», afferma Ciricugno.

In finale sono arrivate le foto di Carmelina Montefusco,Federica Perrone, Vittorio Vaglio (Sannicola), Patrizia Bagat (Monfalcone), Marcello Bove, Andrea Inguscio, Fernando Spirito, Elena Stapane, Antonio Napolitano, Ario Ruberto, Franco Calabrese (Galatone), Silvia Imparato, Rosalia Cataldi, Alessandro Martignano, Mirella Mangia (Tuglie), Pietro Congedo, Raffaella De Lorenzis (Galatina), Marco De Giorgi (Seclì), Paolo De Prezzo (Torrice), Giusy De Santis (Maglie), Rita Herger (Altdorf – Svizzera),  Bernardino Moschini, Anna Chiara Solfini (Lequile), Fatima Pisanello (Palo Del Colle), Tonia Romano (Matino).

Sannicola – Il destino l’ha voluta nella sua Genova proprio il giorno del crollo del ponte Morandi, attraversato giusto poche ore prima della tragedia, lo scorso 14 agosto. Stefania Ciccarelli (foto), pittrice di Sannicola, originaria proprio di Genova, era rientrata nella città natale per la perdita del padre Vincenzo. «Dopo la scomparsa di mio padre avevo deciso di restare in città per essere vicina ai miei famigliari e per sistemare i documenti. Poche ore prima del crollo eravamo passati sul ponte con mio fratello Roberto, che ha l’ufficio in centro a Genova e percorreva quel ponte varie volte al giorno», afferma la pittrice, ancora scossa per quanto accaduto nella città ligure.

“Incredulità e stupore: ora è come se Genova attenda ancora qualcosa” «La sensazione di quel momento è stata di incredulità e stupore e anche nei giorni successivi – continua la Ciccarelli – tutte le persone hanno portato con loro nel cuore lo stesso lutto collettivo che rimarrà con noi per sempre. Da quel viadotto ci passavano tutti, genovesi, turisti e lavoratori, perché collegava centro e periferia, porto, aeroporto e vie di comunicazione per il Piemonte, una zona di passaggio che univa i vari punti della città, levante e ponente, sia di Genova città che della Liguria». Il pensiero dell’artista va anche agli sfollati, a quanti avevano casa sotto il ponte Morandi: «Il dramma di quelle persone lo si legge negli occhi di tutti: la vita in un attimo ti toglie ogni certezza. In ogni bar, in ogni parco e crocicchio della città di incontrano i loro occhi smarriti e si ipotizzano le cause del crollo. Molte le ipotesi di complotto, dettate spesso dalla rabbia. Si vive in un’atmosfera sospesa, come se tutta Genova sia ancora in attesa di qualcosa. Ho pensato di andare ai funerali di Stato, per l’ultimo saluto alle vittime, ma poi sono rimasta a casa. Mi veniva in mente l’idea che ci potessero essere delle strumentalizzazioni politiche. Mi sono immedesimata nei parenti delle vittime e ho trovato più vicini al mio pensiero quanti hanno preferito le esequie private, senza nulla dire a chi ha accettato il rito collettivo: il dolore è qualcosa di così intimo e personale che ognuno ha deciso per se e ha fatto bene. Ci si può solo augurare di non dover mai prendere una decisione del genere».

 

Sannicola – Doppio appuntamento martedì 21 agosto, sempre alle 21, nelle frazioni di Sannicola. In piazza Immacolata a Chiesanuova, la rassegna “Teatro sotto le stelle” organizzata dal Comune prevede l’opera “Una coppia perfetta, quasi spalancata”, scritta da Dario Fo e Franca Rame, portata in scena dalla compagna Gli Armonauti (di Gallipoli). A Lido Conchiglie, organizzato dalla Proloco, in collaborazione con il “Market del centro” di Pamela Paglialonga e patrocinato dal Comune, karaoke e animazione con Max Battaglia di Radio Orizzonti activity. Successo, intanto, ieri sera in piazza della Repubblica il 20 agosto per gli Alla Bua nel concerto proposto dall’Amministrazione comunale sempre nell’ambito del cartellone di eventi estivi.

Gallipoli – Gran da fare per le motovedette della Guardia costiera in questi ultimi due giorni per soccorrere in mare quanti sono stati sorpresi da repentini cambi meteorologici con aumento del moto ondoso e raffiche di vento. Oggi il fenomeno chiamato “flash flood” (improvvisa alluvione) si è concentrato tra le 13 e le 15 circa ma, con una temperatura più bassa rispetto a ieri, gli scontri di masse d’aria sono stati più attenuati. Con effetti più sopportabili ma che hanno messo in crisi – in almeno quattro casi – diportisti in mare in quel momento e con difficoltà a rientrare in porto. Nella giornata odierna i centri più colpiti dalle violente precipitazioni sono stati Sannicola (79 millimetri d’acqua), Alezio (70), Gallipoli (53,9), Felline di Alliste (42,8), Morciano di Leuca (33), Porto Cesareo (28,5).

Oggi gli agenti della Guardia costiera sono dovuti intervenire dalle parti di San Gregorio di Patù e nel versante gallipolino. Due in particolari i soccorsi di una certa delicatezza, trattandosi di natanti con persone a bordo non in grado più di manovrare. L’intervento delle motovedette ha risolto per il meglio la situazione. Altri particolari sugli eventi meteo do oggi si sapranno nelle prossime ore. Ieri invece è stata davvero una mattinata campale per gli agenti ed i mezzi della Guardia costiera di Gallipoli.

Sei motovedette sono state impiegate per fare fronte a dieci richieste di soccorso tra Castro, Santa Maria di Leuca, Ugento, Gallipoli e Porto Cesareo. Le difficoltà causate dal repentino cambiamento delle condizioni meteorologiche, sono state accresciute dal fatto che le chiamate in alcuni casi sono state contemporanee. Gli appelli alla Guardia costiera sono arrivati da pattini, sub, natanti con passeggeri a bordo, bagnanti. Le emergenze più delicate si sono verificate a Torre Lapillo (Porto Cesareo); nella prima le due persone a bordo sono state trasbordate sulla motovedetta; nel secondo caso i diportisti erano tre  (tra i quali una bambina): dal natante non si riusciva a salpare l’ancora ed era cominciata ad accumularsi acqua. La tensione delle persone soccorse è calata solo quando sono arrivate in tutta sicurezza nel porto di Gallipoli.

 

 

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...