Home Tags Posts tagged with "raffaele stasi"

raffaele stasi

Taurisano – La Regione Puglia ha concesso il riconoscimento di “Città d’arte” a Taurisano: il titolo, ottenuto a coronamento di una procedura iniziata a gennaio di quest’anno, è motivato dalle caratteristiche del patrimonio storico-artistico cittadino, composto da chiese, monumenti e servizi culturali quali quelli offerti dalla Biblioteca Comunale “A. Corsano” (che conta circa 3.000 volumi, i più antichi dei quali risalgono al ‘700).

Il sindaco Raffaele Stasi (in foto) commenta: “Nell’avvio della procedura che ci ha visti ottenere il titolo di Città d’arte, un sostegno importante è venuto dal vescovo della diocesi UgentoSanta Maria di Leuca Vito Angiuli, che ha messo a disposizione per la fruibilità al pubblico alcune tele presenti nelle chiese di Taurisano. Il titolo è per noi sia un punto di arrivo che di partenza: nei prossimi mesi continueremo a lavorare per valorizzare il patrimonio storico-artistico cittadino, in cui ricadono beni quali la Chiesa della Madonna della Strada, la Chiesetta di San Nicola (per il restauro della quale abbiamo ottenuto un finanziamento da parte della Regione), il Palazzo Ducale e la casa del filosofo Giulio Cesare Vanini. L’obiettivo è migliorare la fruibilità di questi beni e ideare iniziative che valorizzino tutto il tessuto culturale di Taurisano: è un altro passo verso la ‘rivoluzione culturale’ che stiamo portando avanti”. E conclude: “Per il titolo di Città d’arte un ringraziamento particolare va all’assessore Loredana Capone, che ha sostenuto l’emanazione di questo riconoscimento”.

 

Taurisano – Il depuratore per liquami da bottino che ricade nel territorio di Taurisano e che raccoglieva gli scarichi anche di altri Comuni della zona non è più attivo: la società che lo gestiva – la Impec Costruzioni di Pozzuoli – ha infatti rescisso il contratto, perché colpita da un’interdittiva antimafia emessa dalla Procura di Napoli. Ma a questo provvedimento giudiziario però, negli uffici del Comune e in quelli della Provincia non è ancora arrivata una comunicazione ufficiale. Il sindaco di Taurisano, Raffaele Stasi (foto), dichiara: “Nonostante abbiamo fatto richiesta alla Procura di Napoli per accertarci che la Impec sia stata raggiunta da un provvedimento antimafia, al momento non abbiamo agli atti documenti che lo confermano. La chiusura del depuratore ci è stata comunicata dalla stessa ditta con una lettera arrivata al Comune il 17 aprile: si leggeva che già il 1° marzo l’impianto era stato chiuso, per una serie di motivazioni tecniche. Dunque, la rescissione del contratto è stata unilaterale e noi ne siamo stati messi a conoscenza solo a fatto compiuto”.

La Provincia è in gioco perhé con una convenzione risalente al 2004, l’allora maggioranza comunale di centrodestra aveva affidato la gestione di questo depuratore alla Provincia, che a sua volta bandì una gara di gestione poi vinta dalla Impec. Continua il sindaco: “Mercoledì abbiamo avuto un incontro con il presidente della Provincia Antonio Gabellone (di Tuglie) e i tecnici per capire come risolvere il problema della chiusura dell’impianto. L’ipotesi più significativa che è emersa è quella di convocare nei prossimi giorni un tavolo tecnico con l’Ente Acquedotto pugliese e la presidenza della Regione”.

Il coinvolgimento dell’Acquedotto nasce dal fatto che quest’ente gestisce un altro depuratore (per i reflui della fogna dinamica) che ricade nel territorio di Taurisano ed è attiguo al depuratore per liquami da bottino attualmente chiuso. “Sul depuratore gestito dall’Acquedotto – dice il sindaco – il Comune ha già sbloccato un finanziamento e in un eventuale nuovo appalto ci sarà l’aumento delle trincee drenanti”. Potrebbe essere questa una soluzione, si lascia intendere. Con la chiusura dell’impianto gestito dalla Impec, i due lavoratori lì impiegati restano a casa. Ma a preoccupare è soprattutto il rischio ambientale: dove vengono sversati, adesso, i liquami non assorbiti dal depuratore? Il Sindaco Stasi è tranquillo: “Non c’è un’emergenza ambientale catastrofica, perché per i liquami da bottino ci sono altri due depuratori, uno a Melendugno e un altro, vicinissimo, a Presicce. Ciò non toglie, chiaramente, che abbiamo tutto l’interesse a risolvere al più presto la situazione su Taurisano”.

piazza taurisanoTAURISANO. È scontro sui murales. Nei giorni scorsi la giunta del sindaco Raffaele Stasi ha promosso la manifestazione «Coloriamo la città», finalizzata a valorizzare le capacità artistiche giovanili con la realizzazione di murales sul muro esterno del teatro-tenda, sulla facciata interna del centro minori «Ileana Ciurlia», sul muro degli spogliatoi del campo sportivo, sulla facciata del centro anziani e sulla facciata dell’ex casa del custode dell’edificio Vanini. Le iscrizioni scadranno il 31 maggio. Tutti i dettagli sono sul sito del Comune. L’iniziativa ha suscitato le perplessità del consigliere dei «Democratici per Taurisano» Francesco Damiano. L’esponente della minoranza, infatti, ha chiesto al sindaco di ritirare la delibera e di sospenderne gli effetti. «Non compare – afferma Damiano – alcun riferimento e alcun parere tecnico sulla compatibilità dei lavori da realizzare, considerato che alcune superfici fanno parte di immobili comunali sui quali sono presenti importanti vincoli». Per altre superfici individuate, continua, «non appare assolutamente chiaro l’indirizzo della giunta, non essendo allegato alla delibera alcun prospetto o planimetria dei luoghi individuati».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Piazza Castello con il Municipio

Piazza Castello con il Municipio

TAURISANO. Siamo indignate, offese e maltrattate». Numerose associazioni di Taurisano scrivono al sindaco Raffaele Stasi e alla giunta per esprimere la loro contrarietà alla convenzione stretta con l’associazione «A.Gi.Mus», con sede a Roma e a Specchia. La lettera è stata resa nota sul profilo Facebook del movimento «Insieme per Taurisano». Nella missiva viene ricordato che Taurisano è sede di uno dei più prolifici panorami associativi del Basso Salento. «Ci sono associazioni che operano sul territorio da decenni, altre da pochi anni, ma tutte possono vantare un curriculum di alto livello». Viene ricordato anche lo spirito di collaborazione tra i diversi gruppi, che negli anni ha dato vita a importanti iniziative. «Con le associazioni – si legge nella lettera – la comunità ha avuto modo di crescere, e oggi riteniamo irrispettoso che questo non ci venga riconosciuto dalla giunta comunale». Una decisione, quella di stringere la convenzione con «A.Gi.Mus», che non va proprio giù alle associazioni locali: «Siamo indignate perché l’associazione con cui l’amministrazione ha scelto di convenzionarsi non offre niente di nuovo rispetto a quello che le associazioni locali gratuitamente e con tanti sacrifici hanno dato a Taurisano nel corso degli anni».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

piazza-Castello-e-il-sindaco-Raffaele-Stasi

Il municipio in piazza Castello e il sindaco Raffaele Stasi

TAURISANO. Il futuro dell’amministrazione Stasi nelle linee programmatiche di mandato. Il sindaco ha presentato il suo programma di governo durante il Consiglio del 3 ottobre. L’amministrazione intende fornire supporto alle attività produttive, sbloccare i comparti in edilizia, riqualificare gli edifici. Previsti anche l’istituzione di consulte di categoria e l’incentivazione del turismo religioso, artistico e culturale, con particolare attenzione al santuario di Santa Maria della Strada, alla chiesa di Santo Stefano e alla figura della Serva di Dio Mirella Solidoro. Per il sociale, previsto un maggiore impegno di bilancio per il welfare. Per l’agricoltura, invece, formazione di cooperative e manutenzione delle aree rurali. Prevista anche la rimodulazione della struttura organizzativa del Comune e la rivisitazione dei regolamenti. Inoltre il sindaco intende predisporre la possibilità di depositare presso gli uffici comunali il «testamento biologico».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...