Home Tags Posts tagged with "Quarta Parete"

Quarta Parete

Nardò – Domenica 15 aprile nuovo appuntamento con la rassegna “Quarta Parete”, curata dalla Compagnia TerramMare Teatro (di Presicce) nell’ambito del cartellone unico, della Stagione Teatrale 2017-18 del Teatro Comunale di Nardò, messo a punto in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Nardò e il Teatro Pubblico Pugliese. La Compagnia Teatro dei Borgia porterà in scena “Arlecchino Servitore”, di Fabrizio Sinisi, ideato e diretto da Gianpiero Borgia (Ingresso ore 20:30, sipario ore 21).
Da sempre protagonista del repertorio comico e popolare italiano, “Arlecchino” oggi è l’emarginato, l’affamato, il disoccupato, l’individuo macinato dalla Storia, costretto in tutti i modi ad arrangiarsi. Lo spettacolo, dopo Gl’innamorati e La Locandiera, conclude un fortunato ciclo di riscritture goldoniane, che traspongono l’opera del più grande commediografo italiano dal ‘700 alla contemporaneità, dal nord al sud d’Italia, dalla commedia dell’arte a una deriva quasi stanislavskjana.
Info al botteghino, in corso Vittorio Emanuele n. 22, o telefonando al numero 0833 571871 il martedì e il giovedì dalle ore 16 alle ore 19. La vendita dei biglietti avverrà presso il teatro comunale il martedì e il giovedì dalle 16 alle 19, e a partire da 3 ore prima dell’inizio dello spettacolo.

Nardò – Prosegue con un classico manzoniano, ma seguendo l’ispirazione di una sceneggiatura di Pier Paolo Pasolini, la rassegna Quarta Parete, curata da TerramMare nell’ambito del cartellone unico del Teatro Comunale di Nardò. “Promessi! ovvero I Promessi sposi in scena” è lo spettacolo portato in scena da Teatro Invito domenica 4 marzo alle ore 21. Cinque attori raccontano la celebre storia degli sposi promessi, interpretando i personaggi principali del romanzo: ognuno ha il suo (Don Abbondio, Agnese, Cristoforo, Lucia e Renzo), ma dal racconto corale emergono le voci dei personaggi minori e del popolo che deve superare le prove della carestia, della guerra e della peste. Lo spettacolo si muove sui differenti registri che si evincono dal romanzo: da quello lirico a quello epico, da quello comico a quello tragico. La regia del programma è di Luca Radaelli e Beppe Rosso, la drammaturgia di Luca Radaelli. Sul palco Stefano Bresciani, Giusi Vassena, Federica Cottini, Marco Menghini, Nicola Bizzarri.

I biglietti sono disponibili presso il botteghino del Teatro, oltre che normalmente ogni martedì e giovedì dalle ore 16 alle 19, anche a partire da tre ore prima dell’evento. Il costo è di 10 euro per platea e palchi centrali (ridotto 8), 8 euro per i palchi laterali (ridotto 5), 5 euro per proscenio e loggione. È possibile richiedere informazioni allo stesso botteghino, in corso Vittorio Emanuele n. 22, o telefonando ai numeri 0833 571871, 328 8248830, 348 6722242 e 327 2216089.

Silvia CivillaNARDÒ. Cala il sipario sul ricco “buffet” di spettacoli teatrali offerti dalla compagnia TerramMare, ideatrice del programma “Quarta Parete”. Cinque spettacoli, andati in scena al Teatro comunale di Nardò dallo scorso 6 novembre al 14 dicembre, con l’intento di riavvicinare il pubblico alla cultura del teatro. «Sotto questo punto di vista – commenta la direttrice della compagnia teatrale Silvia Civilla (foto) – non possiamo che ritenerci soddisfatti. In media abbiamo raccolto poco meno di un centinaio di spettatori per rassegna. Certo, in una città così grande che può vantare solo un teatro da duecento posti, magari ci aspettavano il “tutto esaurito”, che purtroppo non c’è stato». Questo perché, da uno studio approfondito effettuato da TerramMare “emerge che – prosegue Civilla – lo spettatore è meno incline a correre il rischio di andare a teatro per assistere ad una rassegna di cui non è abbastanza informato. Il pubblico è abituato a guardare il trailer e poi a vedere il film o, se proprio sceglie il teatro, propende per le opere amatoriali di cui conosce attori e trama”.
Non sono mancati momenti educativi e piuttosto originali. «Alla fine di ciascuno spettacolo, il pubblico poteva recarsi in uno spazio predisposto per prendere contatto diretto con gli attori, tra vino e paste. Inoltre, abbiamo raccolto i ragazzi delle scuole superiori di Nardò che tra scalinate, palco e camerini hanno assaporato da vicino l’arte del teatro. Il teatro è giovane, è leggerezza. Il teatro – conclude Civilla – è pura cultura al servizio di una crescita collettiva».

by -
0 653

Un besNARDÒ. I giovani e il teatro, un obiettivo riuscito per la Compagnia teatrale TerramMare che, con l’intento di riavvicinare i ragazzi alla magia delle scene, ha pianificato il programma “Quarta Parete”, cinque spettacoli in scena al Teatro comunale di Nardò. Il primo, “La grande magia” di Eduardo De Filippo, in scaletta lo scorso 6 novembre “si è rivelato un successo”, come commenta la direttrice della compagnia, Silvia Civilla. «Contiamo di registrare la medesima partecipazione anche nei prossimi appuntamenti», aggiunge.

Il 21 novembre tocca a “L’uomo che inventò i Beatles” (che narra la storia di Brian Epstein, il manager che ha consegnato il gruppo di Liverpool alla fama musicale mondiale); il 29 con “Croce e fisarmonica – Se passi da casa mia: fermati”, dedicato alla storia di don Tonino Bello. Si prosegue poi il 5 dicembre con “Else. Andante cantabile con brio” (tratto dalla novella di Arthur Schnitzler “La signorina Else”) fino a chiudere il 10 con “Un bès”, in cui l’autore Mario Perrotta (nella foto) racconta la storia di marginalità, arte e follia del pittore Antonio Ligabue.

“Rompere la quarta parete”,  nel gergo teatrale vuol dire far diventare lo spettatore non più contenitore passivo ma parte integrante della commedia. «Al termine di ogni opera – dice Civilla – sono previste delle sfiziose degustazioni e le compagnie di artisti incontreranno il pubblico grazie al sostegno del “Caffè Barocco” e delle cantine Schola Sarmenti e Bonsegna. Abbiamo organizzato degli incontri con oltre 50 ragazzi delle scuole superiori neretine. L’intento è quello di riaccendere in loro la passione verso la nuova drammaturgia».

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...