Home Tags Posts tagged with "produzione all’estero"

produzione all’estero

romano industrieaugusto romano - matinoMATINO. La produzione va all’estero e, al termine delle procedure di mobilità, in azienda rimarranno poco più di 40 lavoratori. Dopo quello del Gruppo Filanto di Casarano, ad un epilogo per molti versi simile giunge anche la storia di alcune centinaia di lavoratori della Romano Spa.
Il nuovo piano aziendale, presentato lo scorso gennaio in seguito alla procedura di concordato preventivo, prevede possibilità lavorative nell’azienda madre per circa sei dirigenti, una trentina di impiegati ed una decina di operai. Già da novembre la gran parte della forza lavoro dell’azienda matinese sarà invece in mobilità: su 263 lavoratori ne resteranno poco più di 40. Se la produzione viene delocalizzata, nel Salento restano gli uffici e il magazzino. Ai tempi di massima produzione in loco, alla Romano lavoravano circa 300 operai: negli ultimi cinque anni oltre 200 di loro sono, però, entrati nel giro della cassa integrazione cui ha fatto seguito la mobilità sino all’epilogo attuale.
Si tratta “dell’inevitabile conseguenza della crisi del settore che non consente più di produrre in Italia”, come più volte dichiarato dall’imprenditore Augusto Romano.
L’azienda che ha creato il marchio “Meltin’pot” punta, infatti, alla commercializzazione del suo prodotto piuttosto che alla produzione conto terzi. Il piano prevede tagli per complessivi quattro milioni di euro con la dismissione di immobili e capannoni per 2,4 milioni di euro. L’azienda fondata a Matino nel 1967 continuerà, tuttavia, a puntare molto sui propri marchi storici rafforzandoli in Italia ed in Europa. Questa politica ha portato a “vestire” la Notte della Taranta ed i recenti concerti dei Rolling stones.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...