Home Tags Posts tagged with "presidente"

presidente

Alliste – Passaggio di consegne all’interno della Band di Babbo Natale: a succedere al fondatore e presidente fino al’altro ieri Giorgio Adamo  di Alliste, è Antonio Cimino, già responsabile del gruppo comunale della Band di Racale e vicepresidente vicario. Dopo la riunione dello scorso 15 aprile nell’auditorium della Media di Alliste per programmare il futuro dell’associazione, con l’elezione del presidente onorario (Gianpiero Pisanello di Tuglie) e del Collegio di garanzia (Giorgio Adamo, l’ex presidente onorario, Fernando D’Aprile, direttore di Piazzasalento, e Massimo Coppola di Taviano); sabato e domenica gli iscritti sono stati chiamati ad eleggere il nuovo presidente, nella sede di via Marangi: Cimino – nome proposto dall’uscente Adamo – ha avuto la meglio su Samantha Alfarano di Melissano, tesoriere del gruppo comunale della Band del suo paese. A seguito dell’elezione del suo presidente, sono state rinnovate anche le cariche del Consiglio direttivo che affiancherà il neoeletto per i prossimi due anni. Questi i loro nomi: Ada Astore – Taviano, Alessandra Ricchiuto – Ugento, Rosa Ricchello – Alliste, Fatima Peschiulli – Taviano, Daniele De Matteis – Taviano, Marco Stamerra – Alliste, Micheal Stamerra – Ugento, Davide Protopapa – Matino

Maglie – Elezioni e rinnovo del Consiglio direttivo per l’associazione Arci- Biblioteca di Sarajevo. L’assemblea dei soci ha eletto all’unanimità l’organismo dirigente che risulta così composto: Giancarlo Costa Cesari (presidente, foto a sinistra), Ilenia Cotardo (vicepresidente), Davide Greco (tesoriere),Mino Giannuzzi, Daniela Tamborino, Guido Greco. Fanno parte del
Collegio dei probiviri: Annamaria Mangia (presidente),Paola Cillo, Lucio Montinaro (ex presidente). Gli eletti hanno ringraziato i soci che hanno preso parte all’assemblea e in particolare il presidente uscente Lucio Montinaro (foto) e tutti i dirigenti giunti a fine mandato per aver saputo guidare in momenti difficili l’associazione facendole superare difficoltà che a molti sembravano insormontabili.

La Biblioteca di Sarajevo è stata costituita nel 2001 come luogo di un dialogo possibile sui grandi temi di interesse sia nazionale che locale. In particolare l’attenzione ai problemi del Salento è stata tenuta sempre alta. Negli ultimi mesi si è registrato un aumento di adesioni e un incremento di attività sociali. Solo per ricordare le ultime, va sottolineato il successo dello studio sul poeta Salvatore Toma che ha visto la collaborazione con L’Alca e con alcuni istituti scolastici, il dibattito su Tap in cui è stato coinvolto il “Coordinamento tutela del territorio magliese”, la rassegna “Dalla campagna alla campagna…” dalla quale è nato il locale Gal (Gruppo di acquisto solidale) presso la Masseria Calamauri. Intanto continua il percorso “Autori.Territorio” e la stretta collaborazione con gli altri circoli Arci della provincia.

“Continuerò a lavorare sul percorso già tracciato – dice il neopresidente Giancarlo Costa Cesari, figura “storica” del sodalizio – cercando un dialogo con le altre associazioni per un coordinamento culturale che è necessario in città. Affronteremo le tematiche sociali più urgenti come la disoccupazione e i problemi legati all’ambiente. Collaboriamo già con il “Coordinamento tutela del territorio magliese”, con la Biblioteca comunale e alcune iniziative sono state realizzate in sinergia. Nel prossimo direttivo sarà precisato il programma che intendiamo portare avanti in sintonia con gli altri circoli Arci della provincia”

Patù – Si è tenuta il 5 gennaio a Patù, presso Palazzo Pedone, la” festa del donatore” organizzata da Avis, per condividere con la comunità il traguardo raggiunto nel 2017: “Abbiamo chiuso l’anno con 112 donazioni, non era mai successo a Patù e questo risultato è motivo di orgoglio per tutto il paese”: a parlare è il presidente dell’associazione Iwano De Solda, premiato dall’Amministrazione comunale il 27 dicembre scorso per il suo impegno sociale e associazionistico.
“E’ stato un anno davvero importante per la nostra associazione e se siamo riusciti a raggiungere questo risultato è stato grazie all’impegno di ognuno di noi – rileva il presidente – ogni goccia di sangue rappresenta il dono più grande che possiamo fare a chi vive nella difficoltà e nella malattia. Spesso non ci rendiamo conto di come un semplice gesto possa cambiare la vita a qualcuno gratificando noi stessi. L’auspicio, per il 2018, è quello di festeggiare altri ambiziosi traguardi. Questa festa è stata un nuovo punto di partenza, un modo per sensibilizzare chi ancora non fa parte della nostra comunità di donatori e ringraziare chi invece ci ha sempre sostenuto sposando la nostra causa e dando un concreto contributo”.
In merito al riconoscimento ottenuto per il lavoro sociale svolto nel 2017 aggiunge: “Salire sul Podio delle eccellenze 2017 del Comune di Patù è stato un onore e uno stimolo per fare meglio. Il premio simbolico che abbiamo ricevuto ci riempie di orgoglio e appartiene ad ogni donatore Avis della nostra piccola comunità”.

Ha collaborato Luana Prontera

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...