Home Tags Posts tagged with "PREMIO LUIGI COPPOLA"

PREMIO LUIGI COPPOLA

by -
0 1099

FOTO PREMIO COPPOLA  2GALLIPOLI. Si è conclusa la decima edizione del “Premio Luigi Coppola –Città di Gallipoli”,  in coincidenza col 3° congresso nazionale andrologi italiani. Tutto come da programma, con riconoscimenti a numerose personalità del mondo scientifico.
Ecco le eccellenze premiate: associazione “Fincopp”  per l’impegno nel reinserimento sociale di chi convive col problema dell’incontinenza; avv. Vincenzo Falabella, presidente della Fish per il superamento dell’handicap e alla sig.ra Anna Biallo, vicepresidente de “L’altra cicogna onlus”. Premio alla carriera al prof. Maurizio Bossi, andrologo, sessuologo e giornalista; al gallipolino, prof. Luigi Cataldi, neonatologo di fama internazionale e docente nell’Università Cattolica “S.Cuore”; al prof. Achille Ianniruberto, ginecologo, primo in Italia ad usare l’ecografo in campo ostetrico-ginecologico; al prof. Halim Kosova, ginecologo e già ministro della salute in Albania; alla psicologa gallipolina Anna Rita Ravenna, fondatrice e direttrice dell’istituto Gestalt di Firenze. Il premio per la ricerca è andato al prof. Michele De Luca, per i risultati conseguiti nel campo delle cellule staminali.
Attestazione certificata  all’azienda aletina “Carlo Antonio Coppola” per il “Doxi Alezio Doc Negroamaro Coppola”: secondo i congressisti, infatti, quel vino è ricco di antiossidanti (vitamine, polifenoli e tannini) 25 volte superiori a quelli contenuti nel sangue umano.

INIZIO LAVORIBISGALLIPOLI. Era da poco iniziata, nella sala ennagonale del castello, la cerimonia inaugurale della X Edizione del Premio “Luigi Coppola-Città di Gallipoli”: presenti il Presidente della Provincia, Antonio Gabellone, il Commissario prefettizio  Guido Aprea, altre autorità civili e militari, numerosi accademici ed un folto ed attentissimo uditorio. Avevano da poco finito di parlare e porgere il saluto del Congresso Nazionale Andrologi Italiani (il 3°), i professori Aldo Franco De Rose e Lamberto Coppola,  e stava intervenendo l’archeologa e ricercatrice gallipolina Aurora Quarta sul “Castello di Gallipoli e la Sala Ennagonale”, quando si è scatenato il finimondo. Sia pure attenuati dagli spessi muri del maniero, si sentivano i forti tuoni di un temporale che stava imperversando su Gallipoli, ma a un certo punto e come un fiume in piena, la pioggia abbondante, scendendo giù per le scale, ha cominciato ad allagare la sala, nella quale distesi e ben visibili per terra, si vedevano anche dei cavi elettrici. Sia pur contenuto, comprensibile il disagio dei convenuti, ed anche l’interruzione dei lavori, che solo dopo non poche insistenze, sono ripresi.

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...