Home Tags Posts tagged with "Polo 3. Istituto Vanoni"

Polo 3. Istituto Vanoni

Nardò – Scuole, gli esperti “chiudono in bellezza”. Quasi in porto la seconda fase del progetto “Buona vita 2.0” che da marzo scorso, al grido di “Ami-amo la vita, bellezza!” anima con i temi della legalità e della tutela dei beni comuni le lezioni di tutte le scuole neretine (capofila il Polo 3 diretto da Tommasa Michela Presta), attraverso l’intervento di professionisti e operatori sociali.
Gli architetti Luigi Ripa e Fabio Fiorito, entrambi di Nardò, hanno interagito nei giorni scorsi con le classi della scuola primaria del Polo 1 e del Polo 3: “Fin dall’inizio, quest’anno, il progetto ha puntato a valorizzare il concetto di bellezza come armonia tra il paesaggio naturale e quello antropico”, spiega il professor Arturo Cioni, insieme alla docente Maria Rosaria Settimo responsabile del ciclo di iniziative. Le classi secondarie dei due istituti hanno invece incontrato il geometra Paolo Marzano, e sul tema delle “relazioni tra pari” saranno nei prossimi giorni a colloquio con la dottoressa Dionisia Palumbo e la professoressa Chiara De Braco, del Consultorio familiare diocesano.
Per questo secondo ciclo di incontri il “Vanoni”, invece, ha ospitato Filomena Ranaldo, direttrice della rete museale di Nardò, mentre nella prossima settimana prenderanno il via gli incontri con i genitori degli studenti coinvolti, vera novità nel progetto di quest’anno, in cui i temi della legalità e dell’educazione alla bellezza arrivano nelle famiglie non solo attraverso gli alunni, ma anche direttamente a mamme e papà.
A fine maggio, poi, la manifestazione conclusiva con tutti gli istituti coinvolti: “Un ringraziamento doveroso – sottolinea Cioni – oltre che all’Amministrazione comunale e all’assessorato all’Istruzione, va ai docenti che si sono spesi perché l’iniziativa fosse portata avanti con impegno”. (nella foto da sinistra Fiorito, Cioni, Fedele, Andriani, Marinaci, Zacà, Ripa)

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...