Home Tags Posts tagged with "polo 1"

polo 1

by -
0 957

Martedi 26 giugno la grande famiglia dell’Istituto comprensivo Polo 1 di Nardo’ ha festeggiato le colleghe e il personale Ata che sono arrivati al pensionamento. Un percorso lavorativo che termina è una tappa importante della vita di ognuno di noi e per questo  la “SCHOLA POLORUM” con gioia ha scritto versi e parodie per omaggiare e rendere allegra ed emozionante questa tappa. Io personalmente voglio ricordare e omaggiare Lena Perrino carissima Collega-Amica con la quale ho condiviso i 30 anni della mia carriera scolastica a Nardò. Mino Barrotta ti ha descritta “Maestra vulcanica pronta a lanciare sfide e a mettersi in gioco, che spettacolo. Cara Lena da subito ti sei rivelata una persona speciale, sempre pronta a dare il tuo prezioso contributo e valido aiuto a chi era nel bisogno, sei stata una maestra fantastica per i tuoi alunni e un modello per  tutti noi. Hai lasciato le tue “impronte” nella memoria di tanti ragazzi e genitori che ti ricorderanno sempre per la tua lealtà, professionalità e dedizione al lavoro”.

Lena… Tu che sei nata proprio per insegnare a questa scuola tanto hai saputo dare, tu la scuola ce l’hai dentro il cuore scuola viva e vera in questi anni tutto hai saputo fare!

Cara Lena la nostra storia lavorativa insieme parte da lontano. Primo giorno di scuola di un po’di anni  fa, ti vengono incontro due colleghe sembravano x età mamma e figlia e ti dicono:”Ben arrivata, noi siamo una famiglia, speriamo ti troverai bene tra noi” Ovvio che tu cara Lena sai che nel nominare la mamma mi riferisco ad Anna Maria Cacciatore, “la figlia” eri tu, da quel giorno saranno 30 anni a Settembre e noi oggi siamo ancora qui a parlarne. Spesso ti è capitato di dire che io sono la tua memoria storica, non so se per scherzo  o veramente, ma io posso dirti che ricordo ogni singola esperienza fatta insieme, ogni singolo progetto programmato e poi sviluppato, a volte con l’incoscienza che un po’ ci caratterizzava entrambe, ma che abbiamo sempre sviluppato con la voglia di far fare esperienze nuove ai bambini e che ci hanno dato tantissime soddisfazioni. Erano altri tempi ultimamente lo abbiamo ripetuto spesso cara Lena, è vero , i genitori ci davano piena fiducia ed eravamo libere di decidere qualsiasi cosa, loro ci affiancavano sempre.

Oggi tante esperienze non potremmo proprio realizzarle anche per la troppa burocrazia che un po’ ci  ha “tagliato le ali” Tu arrivavi a scuola sempre con grandi idee e non smettevi mai di parlarne sino a quando tutto non era organizzato a puntino. E come per magia abbiamo condiviso a scuola insieme tantissime esperienze sempre con la gioia e la voglia di fare e di veder felici i piccoli a noi affidati

Non posso non ricordarti il corso di Formatori a Lecce che abbiamo frequentato in tre annualità e del quale conservo ancora tutte le bobine degli appunti, quante risate per strada mentre andavamo a Lecce, quante poesie scritte mentre prendevamo appunti e la grande soddisfazione poi quando venne a trovarci a scuola il Direttore Aldo Specchia, che era direttore anche del corso per osservare la parte Didattica-Operativa e ci fece grandi elogi per tutto ciò che di cartellonistica avevamo realizzato con i bambini e il grande Tangram all’ingresso.

Potrei continuare per molto ancora perché le esperienze fatte insieme sono tantissime,ma mi fermo qua tra i ricordi che ti legano alla Scuola dell’Infanzia. La nostra collaborazione è continuata anche dopo che hai deciso di salire un gradino più in alto, e sempre nel rispetto reciproco. La mia disponibilità non è mai venuta meno e Tu lo hai sempre saputo tanto è vero che nel momento in cui ti è servito qualcosa bastava bussare ed io ero li pronta a cercare ciò che ti serviva. Il nostro è un rapporto di stima e amicizia sincera, costruito pian piano rafforzato da continui confronti e divergenze che miravano a migliorare il nostro modo di operare con i bambini, e proprio  forti di questa collaborazione abbiamo raggiunto grandi risultati e avuto grandi soddisfazioni.

Oggi cara Lena il tuo cammino scolastico-lavorativo è giunto al termine, beata te, comincia per te una nuova vita, farai sicuramente la nonna e sono sicura Tu sarai una nonna dolcissima e questa è una soddisfazione grandissima anche se dovrai fare su e giù da Roma, però potrai andarci quando vorrai senza essere legata a ponti, festività o altro. Goditi la tua famiglia e la tua vita Lena te lo meriti, io te lo auguro di cuore, e oggi, anche se lo sai,  voglio dirti di essere contenta di aver lavorato e collaborato con te per tantissimi anni e sono sicura che il nostro rapporto non si chiude stasera noi lo sappiamo che  il filo che ci lega rimarrà per sempre.

Con tantissimo affetto e stima

Maria Grazia Carrisi – Nardò

 

Nardò – La tutela dell’ambiente a Nardò arriva direttamente sui banchi di scuola: gli alunni del Polo 1 (plesso di piazza Umberto I) hanno nei giorni scorsi avuto modo di toccare con mano cosa comporti, per il mare, l’abbandono indiscriminato di rifiuti. L’istituto diretto da Mariagabriella Caggese ha accolto la presentazione dell’intervento “A-mare in fondo”, la pulizia dei fondali di Santa Caterina effettuata giorni fa ad opera di “Costa Diving Sud Salento”, “Marina Santa Caterina Srl” e “Bianco Igiene Ambientale”, con la collaborazione dell’Amministrazione comunale e del consigliere delegato Tony Romano, che ha promosso l’iniziativa.

“Alimentare la cultura di protezione dell’ambiente marino, avviando un processo di educazione ambientale e di promozione dell’amore e del rispetto del mare”: per gli studenti foto e riprese delle operazioni di pulizia dei fondali, con tanto di documentazione dei rifiuti emersi (pneumatici, plastiche, materiale di ogni tipo). Ad ascoltare gli interventi dell’assessore all’Ambiente Mino Natalizio, dell’esperta di tutela ambientale Stefy Bidetti e del presidente della Pro loco “Nardò e Terra d’Arneo”, Carlo Longo, sono stati gli alunni delle quarte e quinte elementari dell’istituto.

Santa Caterina (Nardò) – Amare e prendersi cura della propria città e delle sue marine. I prossimi 4 e 5 maggio, l’Amministrazione comunale di Nardò, su iniziativa del consigliere Tony Romano (foto) con la collaborazione dell’assessore all’Ambiente Mino Natalizio, promuove a Santa Caterina la prima edizione di “Amare in fondo”, dedicata alla pulizia dei fondali marini.
Briefing alle ore 8 e a seguire immersione nel mare della marina neretina in sinergia con la Pro loco Nardò e Terra d’Arneo, il supporto tecnico-operativo di Andrea Costantini di “Costa del Sud Diving Service” e quello logistico di Alessandra De Trane di “Marina Santa Caterina srl”.
Dopo la pulizia dei fondali in questi due giorni, l’iniziativa propone un momento di riflessione. Il 10 maggio è in programma una conferenza con i ragazzi del Polo 1 dell’istituto scolastico di piazza Umberto con lo scopo di visionare il materiale fotografico e video della pulizia effettuata per sensibilizzare le future generazioni all’amore e alla salvaguardia dell’ambiente. Il tutto grazie alla collaborazione con “Bianco Igiene Ambientale” che si occuperà dello smaltimento dei rifiuti. Durante la conferenza interverranno le istituzioni locali e Carlo Longo, presidente della Pro loco Nardò e Terra d’Arneo.

Gli studenti del Polo 1 in una foto ricordo all'Expo di Milano

Gli studenti del Polo 1 in una foto ricordo all’Expo di Milano

NARDÒ. C’è anche il Polo 1 diretto da Maria Giuditta Leaci nel progetto contro le ludopatie che l’1 luglio avrà la sua manifestazione conclusiva nel centro “Le sorgenti” della comunità Emmanuela sulla Lecce-Novoli. Si tratta della serata conclusiva del concorso di idee “A noi piace giocare insieme” del Servizio sperimentale della Regione per il trattamento del gioco d’azzardo patologico. Oltre al Polo 1 di Nardò, vi hanno partecipato altre 12 scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia ubicate a Lecce, Galatina, Salice, Melendugno, Poggiardo, Maglie e Tricase.  Inizio della cerimonia con l’inaugurazione della mostra con gli elaborati degli studenti e quindi la premiazione alle ore 17.

Voce al Direttore

by -
Ci siamo. Puntuale come ogni anno, il balletto delle cifre è qui tra noi: quanti ne mancano all’appello? “Almeno il 40%”. “Macché! Siamo al...