Home Tags Posts tagged with "poesie salentine"

poesie salentine

Pubblichiamo le tre poesie vincitrici del concorso “Ti amo…ditelo in rima” edizione 2013

1° posto

E poi…ulia

E poi… ulìa
Ulia ccoju pe’ tte li meju fiuri,
te secutu zzaccu poi l’arcubalenu
tte stampu susu ddi mille culuri
e poi… ccu fermu lu tiempu jeu ulìa
ccu tutte le stedde te lu firmamentu,
bedda mia.

Ulia ccu ulu susu le muntagne
e comu li caggiani su llu mare
e ci la luna te me ole tte scunde
ci poi la nija te spauriscia pe’ mascìa,
jeni, jeni lu core meu ete llu portu,
bedda mia.

E poi… lu focu te lu sole ca nde scarfa,
li trisori te lu fundu te lu mare, e poi…
farmare li tifuni e lu jentu intra lli mani,
ccu sonene ppe tte ‘na ‘ntica litanìa
quistu ulìa pe’ tte,
bedda mia.

Ma lu cèlu cialusu comu amante
te schiaffa nu tronu e tuttu se darlampa.
Chiove, chiove tuzzene alla fanescia
li nziddi…te disciti…spiccia la poisia.
E poi…e poi basta ca nde ulimu bene.
Bon San Valentinu, bedda mia.

di Giorgio Tricarico, di Gallipoli, 63 anni, ex impiegato dell’ufficio elettorale del Comune. Ha pubblicato un testo di poesie dal titolo “Nc’è parmessu” È autore anche di una commedia sempre in vernacolo che sarà rappresentata a breve: “Lu pulimmi”, il lustrascarpe.

 

2° posto

Vorrei

Vorrei fermare nel tempo
i momenti più belli
vissuti con te.
 
Vorrei custodire
nel mio cuore felice
gli attimi eterni,
stupendi,
del nostro amore…
Vorrei fermare nel tempoil volto tuo splendido,
meraviglioso,
mentre lieta la luna
t’irradia d’argento
briciole di stelle.
 
di Stefano Ciurlia, di Taurisano, 73 anni, insegnante elementare in pensione. Le sue poesie sono in alcune antologie

 

 

 

3° posto

Cu tuttu lu core
L’ amore ete comu na canzone
Canti per ore e ore
Te rimane intra la mente
Ma puru intra lu core
Ete comu  n’ ape cu lu mele.
Nu poti campare senza
E  ci ncora nu l’ hai cchiatu,
pacenzia !
L’amore nu se pote ccattare,
ca alla fine, cu lli sordi
ma senza amore, nienti poti fare.
L’amore ete comu la fortuna,
cchiui la cerchi,
cchiui te bbanduna.
Ci nu criti all’amore
assioja spetti
e nu bastane mancu li fazzoletti.
Quistu ete cu te spiegu e te recordu
ca l’amore ete nu forte sentimentu!
Ttocca essi speranzosu e fedele
ca quando nu sta ci pensi, vi ca vene.
Ama taveru ama cu fervore,
Ama cu tuttu lu core!
di Alessia Epifani, di Gallipoli, 17 anni, studentessa della II B del  Liceo “Q. Ennio” -indirizzo Linguistico. Lo scorso anno si classificò al primo posto con la poesia, sempre in vernacolo” San Valentinu”

by -
0 732

Buonasera a quiste case,

ci tutti quanti mo l’abitate

E priamu mo Diu e li santi

cu tescia iutu e assoluzione

Santu Lazzuru meu tignusu

ca pe schiuppetta purtavi lu fusu

Santu Lazzuru essi qua fore

ca si chiamatu te nostru Signore

Osci osci se fa missione

ca osci Lazzaru è suscitatu

Camminanu ‘menzu la via

cujennu rami mo te ulia

Cuijmu rami mo te ulia,

li scia scittamu menzu la via

Li scia scittamu menzu la via,

cu Pater Nosci e Ave Maria

Sventulannu rami te ulia  

critane tutti viva il Messia

Sciamu a casa mo te Simone

addhai ne spetta Nostru Signore

Marta e Maria la Maddalena,

cu le sue lacrime ha bagnata la cena

Cu le sue lacrime l’ha bagnata,

coi suoi capelli se l’ha asciugata

Mamma ci pena o ci dolore,

ca Giuda fose lu traditore

Trenta carrini vinnera Cristu,

li sacerdoti  cu li farisei

Sciamu a casa mo te Pilatu

addrai c’è Cristu ca è processatu

Te stu Giustu me lau li mani

ca lu consegna alli rumani

Li rumani lu fustigara

e cu le spine lu ‘ncurunara

La madonna rretu le porte               

se le sintia le scurisciate

Sulla croce te lu nchiuvara

e cielu e terra se oscurava

Sulla croce tra do latroni 

fra santu Tima e lu Ballatrone

Scinni Cristu mo nu tardare

ca Tu lu sai ci imu te fare

Camminannu menzu le strade

by -
0 1261

Simu salentini. La maggior parte delle canzoni popolari in dialetto salentino fa parte della tradizione orale le cui caratteristiche sono la ripetitività dei temi e la fissità degli elementi connotativi al di là delle differenze spazio-temporali.

Rumasuie de mare

Ostrichi,rizzi, cocciuli e patedde,

cuzziddi, carapoti e cannulicchi;

na butiia de vinu e do frisedde

e mangia ca le tiscete te llicchi.

Quistu, cumpare, criteme,

quest’è felicità;

mangiare bonu e bivere, caruse a quantità.

Nu pirettu de vinu e do tarici,

do ciciri ‘rustuti e na pagnotta,

nu mazzu te carte e tre amici

cu nde facimu nu patrone e sotta .

La luna a mpiernu cu te ceca l’occhi,

na varca senza rime a ‘mienzu ‘mare,

cu na caruse ncoste cu li fiocchi

cu te la pozzi stringere e vasare

La pippa, lu tabaccu e do giurnali,

cu na frascera de focu mpizzi mpizzi,

la serva cu te tira li stavali

e poi cu la ccimenti e ls ncarizzi.

Alla notte cu lu barrattinu a trippa

Sotta na manta cauta e pilusa,

ngucciatu quetu quetu cu la pipps

e cu nu fiatu a ‘ncoste de carusa

 

Barcarola

 Ci vene  te luntanu a stu paese    oh! oh!

te l’unda de lu mare nnazzacatu oh! oh!

spalalga l’occhi e resta stralunatu oh! oh!

pe lu trisoru te beddizzi c’è.

Quistu cielu e quistu mare

su le cose le chiù rare;

caruse mai viste,

chiù bedde de quiste,

ucca risu e tuttu amore,

occhi niure e ‘rubba core.

Lu sole d’ogni dì lu mare ‘ndora oh! oh!

la luna poi la sera lu ‘nargenta, oh! oh!

canta lu malanaru e se lamenta,oh! oh!

ca la zita lu spetta e sula sta

 

Frenesia

Teve sta dormi nchinu scusciatata  uliu là

e ieu sta piscu ‘retu lu Cannitu uliu là

pe te sta scurre tuce la nuttata  uliu là

pe me scurrene l’ore cu lu citu. uliu là

Umbra te lu Castieddu nnirvacata,

rasciu te luna chiaru e silenziusu.

Purtateme me scvundu a na ripata

cu zumpu e cu nde mozzucu ddu musu.

Mamma sarena llumina

st’aria te cantilena,

cu la chitarra sonala

e tira la catena,

ste pennicedde morbide

cconza nu canapè

e tutti toi cariscende

e ncatinala cu me!

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...