Home Tags Posts tagged with "PIANO DELLA COSTA"

PIANO DELLA COSTA

by -
0 2044

schiuma a mare - lungomare galilei gallipoliGALLIPOLI. Presentato questa mattina nella sede comunale di via Pavia il Pano comunale delle costa, che proviene da una legge regionale del 2011 modificata con la numero 17 dell’aprile di quest’anno dal titolo “Disciplina della tutela e dell’uso della costa”. Per sottolineare l’importanza del tema, insieme al commissario straordinario del Comune Guido Aprea. Vi era il prefetto Claudio Palomba, l’assessore regionale Loredana Capone, il presidente della Provincia Antonio Gabellone, imprenditori turistici e balneari con alcuni loro rappresentanti provinciali. Il Piano coste, avviato dall’Amministrazione precedente guidata da Francesco Errico, verrà presto inserito nel sito del Comune per una partecipata visione e per eventuali osservazioni prima di essere inviato alla Regione per l’approvazione finale subito dopo l’adozione che dovrebbe avvenire la prossima settimana. La mancanza di un piano delle coste è una “grave lacuna” per il dottor Aprea; nel corso dell’incontro è stato rimarcato anche che Gallipoli potrebbe essere il primo Comune salentino a dotarsi di questo strumento che “deve consentire di togliere i rifiuti nascosti finora sotto il tappeto”, per usare la metafora del capo dell’Ufficio tecnico comunale, ing. Giuseppe Cataldi.

Il piano delle coste è infatti uno strumento per evitare abusi nell’uso del territorio. I tecnici realizzatori – una équipe con Daniele Errico, Daniele Manni, Sebastiano Causo, Massimo D’Ambrosio, Bruno Vaglio, Gabriella Bardi, Serena Chetta – hanno “guardato” non solo il litorale e i canonici 300 metri dalla battigia, il più complesso sistema tra costa e immediato entroterra gallipolino. Tra gli elementi emersi, peraltro già noti, i punti critici dell’attuale situazione, cresciuta non in modo organico e rispettoso dell’ecosistema, per i quali si dovrà intervenire com rimozioni (due lidi) e riduzione del fronte mare (cinque lidi). Particolari questi ultimi che già fanno intravvedere delle resistenze. Per fare un esempio, la spiaggia su cui sfocia il canale dei Samari, dovrà essere libera da strutture balneari per 150 metri da un lato e altrettanti dall’altro. Il piano conferma il recente indirizzo del commissario straordinario di o<cnsentire, al posto di stabilimenti balneari veri e propri, solo spiagge libere con servizi (concessioni con impatto più leggero) lungo il tratto del lungomare Galilei.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...