Home Tags Posts tagged with "PAOLA PONZO"

PAOLA PONZO

Presicce – Oltre tre ore di Consiglio comunale aperto, partito dalla dichiarazione della presidente dell’assise Paola Ponzo, approdata ai banchi dell’opposizione, che ha aperto la seduta parlando del punto clou della “sospensione del processo”, non passato; poi i consiglieri di minoranza si sono soffermati  poi sulla  tenuta della maggioranza e sulla questione delle sedi scolastiche. Infine in aula sono riemersi dissapori e contrasti in sospeso probabilmente da tempo. Unico assente il consigliere ex candidato sindaco Antonio Raone.

Dopo le dichiarazioni della Ponzo, che tra l’altro ha affermato di aver deciso di abbandonare la maggioranza soprattutto spinta dalla gente a prendere una posizione dopo la questione delle sedi delle scuole, informando il Consiglio di aver invitato a partecipare la dirigente scolastica, senza successo. “Paola Ponzo non è la stampella di nessuno” ha detto di se stessa. Per la cronaca va detto che l’annunciata sua decisione finora resta scritta sulla sua decisione solo sul suo profilo social e non è stata ancora ufficializzata.

Il punto caldo è stato comunque il processo per la fusione con Acquarica del Capo. Dalla sospensione richiesta si è passati, non senza tensioni ma ben presto, a derubricarla in una richiesta alla Regione di “rispettare il risultato del referendum” che dovrebbe tenersi nella prima metà di dicembre. I consiglieri non si sono detti contrari alla consultazione popolare, massimo momento di democrazia, ma alcuni almeno sono tornati a chiedere “chiarezza e informazione”. Il Sindaco Riccardo Monsellato ha sottolineato ancora una volta la validità democratica del percorso compiuto e la massina garanzia sulla scelta finale offerto dallo strumento del referendum.

Ma c’è chi rimarca che della fusione tra i due Comuni, che tanto interesse sta suscitando in Puglia (sarebbe il secondo caso qualora andasse in porto), “è da venti anni che se ne parla”. E se non passasse la proposta? Bisognerà aspettare almeno cinque anni prima di riprovarci, dopo aver fatto tanto lavoro tra convegni, momenti di informazione e di confronto anche con tecnici della materia ed urbanisti, commissioni consiliari miste e comitati per le due parti in campo, attivi soprattutto in questa decisiva fase. Con tanto di espressioni oggi molto in voga per ben altre e complesse questioni, della serie “a casa loro”, “qui a casa nostra”. Con un consigliere di opposizione che ha chiesto le dimissioni del Sindaco.

Sulle reti sociali gli scambi di opinione sono diventati in più di un caso confronti duri fino agli insulti, come purtroppo è regola ormai quale che sia l’argomento. Alcuni non hanno comunque rinunciato a riportare al centro gli interessi delle due comunità, i benefici che ne deriverebbero diretti ed indiretti, come quello sul piano demografico: i due paesi registrano da qualche anno a questa parte, un decremento di abitanti ed un innalzamento dell’età media: una unica comunità con più mezzi a disposizione rispetto a tutti gli altri Comuni, potrebbe invertire anche questa  tendenza.

Presicce – Continua il percorso propedeutico alla fusione dei Comuni di Presicce e Acquarica del Capo. Domani alle 10, presso la sede della Regione Puglia, sala Guaccero, si riunisce la VII commissione che avrà il compito di discutere sul disegno di legge sulla fusione ed avviare il processo. “Con la discussione nella commissione presieduta dal consigliere Erio Congedo di Lecce – si legge nella nota della Regione – si avvia l’iter tecnico-normativo che, passando dal referendum consultivo, potrebbe portare alla fusione dei due comuni del Sud Salento”. Ai lavori della commissione è prevista la presenza del governatore Michele Emiliano e dei Sindaci dei due Comuni, Francesco Ferraro e Riccardo Monsellato. (nella foto una riunione della commissione)

Per la Regione è la seconda volta La Regione si appresta a discutere per la seconda volta di una risoluzione così importante per due comunità; la precedente di diversi anni fa ha riguardato due paesi del Foggiano che hanno dato vita ad Adelfia. Acquisto il parere della commissione, la proposta arriverà in Giunta e successivamente verrà fissata la data per il referendum consultivo, che voci dicono si farà nella prima metà di dicembre.

Discussioni sempre più accese e una sorpresa Tuttavia, soprattutto sui social, continuano le accese discussioni tra i sostenitori delle due posizioni. E tiene ancora banco la notizia del passaggio all’opposizione della presidente del Consiglio Paola Ponzo, che comunque ha firmato la convocazione del prossimo Consiglio comunale, venerdì alle ore 18,30. Tra i vari punti all’ordine del giorno vi è anche la proposta di “Sospensione del processo di fusione dei due Comuni” avanzata dai consiglieri di minoranza Gianluigi Del Sole, Anacleto Tamborrini, Antonio Raone e Alberto Sbarro.

Botta e risposta Ponzo-Monsellato La non condivisione del processo di fusione è stato il motivo per il quale la Ponzo ha deciso di passare tra i contestatori del processo.  “Presicce rischia di perdere la propria identità in cambio di vantaggi economici scritti solo sulla carta”, uno dei passaggi della sua lunga nota scritta sul suo profilo Facebook. ma subito il Sindaco Monsellato le ha ricordato che “Il progetto di fusione era riportato nel programma della lista presentata alle elezioni, inoltre, lei ha votato a favore nelle prime delibere di Consiglio – rimarca il primo cittadino – lei ha affermato nelle ultime riunioni di Consiglio comunale che avrebbe voluto impedire ai cittadini di esprimersi se questo significava rischiare di non avere la fusione. Bel concetto di democrazia!”.

 

 

Presicce – Colpo di scena nell’Amministrazione presiccese: la presidente del Consiglio Paola Ponzo passa nei banchi dell’opposizione. «Una decisione sofferta ma decisa, dettata dal contrasto con il Sindaco e con la maggioranza sul tema delicato della fusione tra Presicce e Acquarica del Capo. L’Amministrazione non ha rispettato gli impegni presi con i consiglieri comunali e con tutti voi cittadini in  merito al coinvolgimento e all’informazione», fa sapere la consigliera su Facebook. Nei giorni precedenti la Ponzo si è voluta confrontare con gli altri esponenti della minoranza prima di scegliere di fare gruppo a sé in Aula. La decisione, tra l’altro, non è arrivato a caso in questo momento: proprio mercoledì 19 settembre in Regione si riunirà la Settima commissione per dare il parere sulla fusione: successivamente ci sarà il passaggio in Giunta e poi, probabilmente, si arriverà a decidere la data del referendum nel quale i cittadini dei due paesi si troveranno ad esprimersi sul loro futuro: fusione sì o fusione no.

La Ponzo ricopre la carica di delegata alla Cultura, turismo e marketing territoriale, Valorizzazione del centro storico: è stata eletta nella lista “Amiamo Presicce” con Riccardo Monsellato sindaco e da sempre si è dimostrata contraria al progetto della fusione. «Presicce rischia di perdere la propria identità in cambio di vantaggi economici scritti solo sulla carta», si legge nella nota con la quale vengono rimarcate ” carenze di comunicazione e di informazione” in relazione alla delibera del 3 giugno 2015, approvata dal Consiglio comunale di Presicce, che impegnava la Giunta “a rappresentare tale volontà ai cittadini al fine di renderli consapevoli delle opportunità e delle caratteristiche del progetto”.

L’ormai ex presidente punta l’indice nei confronti della Giunta comunale, accusa di non aver riferito “tempestivamente e periodicamente sugli esiti delle attività di progettazione della fusione dei due Comuni. Nulla di tutto ciò è accaduto e stiamo precipitando velocemente verso un processo irreversibile che potrebbe essere deleterio per il nostro bellissimo borgo”.

Il Sindaco risponde a caldo sulla notizia e esprime perplessità sulle ragioni addotte: «Se ci sono stati ritardi non sono certo dipesi da me. I fondi regionali per redigere lo studio di fattibilità sono arrivati molto dopo il 2015 e per questo non si è potuto avviare immediatamente la comunicazione. La commissione poi ha perso un po’ di tempo per litigi interni di alcuni componenti». Sulle conseguenze del passaggio di Ponzo all’opposizione Monsellato afferma: «Non ho né svenduto né tradito il paese. Ora non so se ci sarà lo scioglimento o si vuole solo impedire che il processo di fusione vada avanti. Intanto lei dovrebbe dimettersi da consigliere comunale e da presidente del consiglio. Poi si vedrà».

 

 

Riccardo Monsellato per Presicce e Francesco Ferraro per Acquarica

Acquarica del Capo-Presicce – Un incontro–dibattito informativo sulla questione ancora aperta della fusione di Presicce e Acquarica del Capo si terrà venerdì 1 giugno, alle 19,30, in uno dei luoghi in comune tra le due municipalità: la stazione ferroviaria delle Sud Est. Il luogo simbolo è stato scelto dagli organizzatori, cioè i componenti del Comitato pro-referendum. Scopo: conoscere esattamente lo stato dell’arte, il percorso finora compiuto.  Bisogno richiesto a gran voce da molte persone ma non ancora soddisfatto dagli enti pubblici.

La Commissione costituita per discutere sulla possibilità di fondere i due Comuni e di esaminare lo studio di fattibilità si è riunita quasi due settimane fa, per l’ultima volta. A quanto pare la Regione sarebbe stata informata della conclusione dei lavori e si è in attesa di una convocazione a Bari per poi indire il referendum, che sempre secondo quanto dichiarato in modo sibillino da alcuni, si dovrebbe tenere verso ottobre. Intanto, sarebbe dovuta partire subito la campagna informativa. A tutt’oggi, però, ancora niente.

Ecco allora l’iniziativa del Comitato per colmare il gap. Venerdì interverranno i Sindaci dei due Comuni, Riccardo Monsellato e Francesco Ferraro (foto); il professore Luigino Sergio, esperto e redattore dello studio di fattibilità, due esponenti del comitato, Mauro Romano e Andrea D’Amico. Modererà la giornalista di Piazzasalento Ilaria Lia.

Che la fusione delle due Istituzioni sia un argomento ancora controverso lo si è capito appena sono state pubblicate le locandine sull’incontro dell’1: sui social sono partite subito accese discussioni. Ci sono anche esponenti delle due amministrazioni comunali che pubblicamente hanno espresso le loro perplessità. “Diciamo la verità, si esprimerà una sola posizione in questo incontro”, rileva critica la delegata alla Cultura del Comune di Presicce, Paola Ponzo. E in risposta arriva da Luca Pacella, di Acquarica “Se è un comitato super partes di che ti preoccupi? Partecipa. Se non lo è e non condividi quelle posizioni dai vita ad un comitato per il no”. C’è chi promuove l’Unione e non la fusione mentre c’è chi crede che “non siamo ancora pronti”, come Giuseppe La Puma, figlio dell’ex Sindaco di Presicce, Leonardo, che provò ad introdurre l’argomento fusione partendo dalle scuole e indicendo un concorso di idee per gli alunni.

Tra speranze e perplessità, comunque per la prima volta se ne parlerà in pubblico. E questa almeno è un piccolo passo quantomeno verso una maggiore chiarezza e consapevolezza.

Paola Ponzo

Paola Ponzo

PRESICCE. In attesa del via libera da parte della Prefettura per l’intitolazione del museo della Civiltà contadina al suo fondatore, Gino Orlando, prosegue incessantemente il lavoro dei volontari per renderlo sempre più attrattivo. Oltre ai lavori di restauro per evitare che alcuni pezzi si rovinino per sempre, uno degli obiettivi che impegnerà a breve il gruppo è realizzare delle targhette con i nomi dei donatori che con i loro lasciti generosi contribuiscono ad arricchire sempre di più il museo. In questi mesi sono stati diversi i presiccesi che hanno fatto dono dei propri oggetti, ricordi di un tempo e dei cari che li hanno posseduti.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

by -
0 1276

Ponzo PaolaPRESICCE. Con 6 voti, due schede bianche, Paola Ponzo è stata eletta presidente del Consiglio comunale di Presicce nella prima riunione dell’assise consiliare (4 voti sono andati a Gianluigi Del Sole). È la prima volta che in città una donna ricopre questa carica. Nel medesimo contesto è stato nominato anche il capogruppo di maggioranza, Alfredo Palese. Al momento non è stata fissata una data per il prossimo Consiglio, ma Giunta e capigruppo sono comunque al lavoro.

«In questi giorni stiamo definendo il calendario dell’estate presiccese – afferma il sindaco Monsellato – abbiamo sottoscritto un accordo di massima con il Comune di Acquarica per evitare, come è capitato negli anni precedenti, la sovrapposizione delle date degli eventi. Inoltre stiamo cercando di regolamentare le guide turistiche, che da sempre hanno lavorato con lodevole spirito di volontariato. Daremo l’incarico alla Pro loco, come istituzione accreditata che coinvolgerà tutte le professionalità da sempre impegnate nel settore. Infine, vorremmo riattivare il museo della Civiltà contadina».

Un solo momento di confronto tra i consiglieri di minoranza è avvenuto nei giorni precedenti il primo Consiglio. Si erano incontrati per formulare una richiesta: avrebbero voluto che il presidente fosse assegnato a uno di loro, in virtù delle dichiarazioni fatte dal gruppo di maggioranza durante la campagna elettorale, sul desiderio di creare concordia nell’Amministrazione. Anche se non è stato definita nessuna linea per fare opposizione, molto probabilmente sui temi importanti la minoranza non esclude di fare fronte comune.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...