Home Tags Posts tagged with "orientamento"

orientamento

Gallipoli – Al Vespucci di Gallipoli sono già iniziate nei giorni scorsi le attività di orientamento finalizzate a una scelta consapevole della scuola superiore. Durante gli appuntamenti in programma la dirigente Paola Apollonio, i docenti e gli alunni, accoglieranno genitori e studenti delle classi terze della scuola media e illustreranno loro l’organizzazione interna della scuole, le numerose attività e iniziative dell’Istituto e forniranno indicazioni per far conoscere in maniera approfondita e dettagliata i diversi indirizzi  che caratterizzano l’offerta formativa. Dopo le vacanze natalizie la scuola aprirà le sue porte il 13 gennaio dalle 16 alle 19, il 14 dalle 10 alle 12 e il 27 dalle 16 alle 20.

Intanto continuano le attività quotidiane e i successi. Il 16 dicembre una rappresentativa dell’indirizzo sportivo ha preso parte alla Partita del Cuore allo stadio Bianco. Il Vespucci inoltre è risultato vincitore di un progetto nazionale che ha permesso agli studenti di recarsi, nei giorni del 27 e 28 novembre, nelle aule del Senato per discutere un progetto di legge da loro stessi redatto in materia di asilo politico dal titolo: “Modifica all’articolo 11 del D.lgs. n. 140 del 30.05.2005 per favorire il riconoscimento del diritto del richiedente asilo ad esercitare, immediatamente, attività lavorativa, libera o dipendente, a frequentare corsi di lingua italiana e di formazione professionale”. «E’ stato un lavoro lungo ed articolato che è durato quasi un anno», riferisce la dirigente. «I Senatori presenti alla discussione hanno apprezzato e lodato il progetto e dimostrato apprezzamento per come i ragazzi hanno saputo parlare a braccio sostenendo con convinzione, chiarezza e fermezza il loro punto di vista. E’ stata questa per me e per tutti i docenti una grande soddisfazione».

Nardò – Stretta di mano tra la Frata Nardò e l’Istituto di istruzione secondaria superiore “Ezio Vanoni”. Giovedì 14 dicembre, a partire dalle ore 17, tutta la squadra granata prenderà parte all’Open Day organizzato dall’istituto del dirigente scolastico Angelo Antonio Destradis e volto all’orientamento dei ragazzi che si apprestano a conseguire il diploma della scuola secondaria di primo grado.

A partire dall’anno scolastico 2018/19, infatti, l’“Ezio Vanoni” di Nardò inaugurerà una nuova articolazione di studi appartenente all’indirizzo economico: il turismo sportivo, “pensato per rispondere – afferma il professore Alessandro Stifanelli – ad una reale esigenza avvertita da giovani e famiglie”. Nel concreto, avverrà un aumento delle ore scolastiche di attività motoria, da due a quattro: «Il nostro compito – prosegue – sarà quello di conciliare la pratica sportiva con l’esperienza scolastica, favorendo quei valori di cultura sportiva e di promozione della solidarietà per i quali la Frata Nardò è sempre in prima fila. E pertanto sarà per noi motivo d’orgoglio poter ospitare gli atleti del sodalizio cestistico neretino». Il club del patron Carlo Durante è solo il primo: «È per noi fondamentale – aggiunge Stifanelli – avvicinare al nostro istituto squadre e associazioni sportive, dialogare con esse per creare sbocchi lavorativi. Crediamo che l’attivazione di tali collaborazioni – conclude – possa portare ad una alternanza scuola-lavoro importantissima per i ragazzi».

Alezio – Una sola governance; una regia interistituzionale; un quadro di riferimento unico: come che la si voglia chiamare, l’attività di orientamento dei ragazzi, soprattutto dalle Medie alle Superiori, ha bisogno di una svolta; vanno mandati in archivio la richiesta e l’avvio di corsi e indirizzi senza o con pochi legami con la realtà, senza o con scarsa attinenza alle inclinazioni degli studenti ed alle richieste del territorio. Il seminario promosso dall’Istituto superiore “Giannelli” di Parabita, con sedi a Gallipoli, Alezio, Casarano, con la sala dell’auditorium di Alezio piena di docenti, allievi, amministratori locali (Gallipoli, Alezio, Parabita), ha marcato questo ineludibile passaggio in un contesto in cui alle complessità storiche, se ne sono aggiunte altre e, per certi versi, inedite.

Fare rete, strumento culturale imbattibile. “Si è voluto riunire dirigenti, docenti, genitori, stakeholders e osservatori (tra cui il direttore di Piazzasalento, ndr) per contribuire efficacemente ad indirizzare i giovani verso percorsi formativi più idonei per il loro progetto di vita e di lavoro – commenta il dirigente del “Giannelli”, Cosimo Preite – risulta ormai indispensabile avere strumenti per la ricognizione delle inclinazioni e dei talenti affinché si possa adempiere a pieno all’azione formativa”. Obiettivo ampiamente condiviso, non solo in ambito scolastico (“formare i formatori all’orientamento”, è stato anche richiesto), ma anche istituzionale (Provincia e soprattutto Regione). Lavorare insieme su questo delicato snodo l’altro tema comune. Sul “Fare rete” ha insistito lo stesso prof. Preite, vedendo in essa “uno straordinario strumento di formazione culturale” per offrire a chi si prepara alla vita “orizzonti di opportunità, non irreali obiettivi”. Pur tra forti resistenze e difficoltà: “Coltiviamo il rapporto con le famiglie affinchè possano condividere analisi e sintesi. Di tentativi se ne sono fatti tanti, per lo più non riusciti, ma dobbiamo portarlo a sistema”, ha insistito il dirigente, davanti a suoi colleghi e docenti di altri Istituti della provincia, da Poggiardo e Otranto a Tricase, da Alessano ad Acquarica-Presicce, da Casarano a Lecce.

Disorientamento generale, pure la Scuola ne è contagiata: progetti per i soldi, non uno scopo. Di un passaggio da reinterpretare ha parlato il direttore dell’Ufficio scolastico provinciale Enzo Nicolì: “Lasciamo da parte piagnistei e assistenzialismo, mettiamo in campo intelligenze e capacità e domandiamoci che cosa va avviato, che cosa si può veramente fare, recuperando anche lo storico ritardo sul versante dell’imprenditoria”, tema strettamente collegato al primo. Disorientamenti esistenziali come condizione diffusa di questi tempi, i cui riflessi non possono non interessare anche la scuola “la quale si deve orientare prima di orientare altri”: il docente universitario Salvatore Colazzo, direttore del Ciid di Unisalento, non ha certo risparmiato l’uditorio. Citando un recente studio, ha rilevato tra l’altro “come di fronte fasce sociali più deboli e disarmate, i consigli dei docenti siano al ribasso”, superficiali, senza molto interesse verso le vere capacità del diretto interessato, azioni autoreferenti e autolegittimanti”, mentre “lo sforzo da fare è verso una cultura della ricerca e della valutazione”.

Regione: Visione d’insieme, rapporti più stretti con l’imprenditoria. Anche da docente qual è, l’assessore regionale Sebastiano Leo ha invocato una “obbligatoria visione comune, una più attenta  attenzione al territorio” ed ha criticato “la corsa ai finanziamenti (da parte degli Istituto scolastici) a discapito della qualità dei progetti: “Non bisogna lavorare per i progetti, occorre capire prima i bisogni reali, fare un patto con le imprese per avvicinarle alla scuola”. La Regione ha qualche merito: la dispersione scolastica è calata in dieci anni dal 26,9% al 16 (ma il Friuli è all’8 e l’Unione Europa al 10%); è in arrivo il progetto “A scuola senza zaini”; si lavora per incentivare l’apprendistato (su politiche dello sviluppo e di fondamenti pedagogici ha centrato l’intervento l’esperto Ettore Bambi). “Ma il dimensionamento scolastico deve essere più agganciato alla realtà”, ha ribadito.

Caccia agli indirizzi nuovi: ma servono? sono quelle le priorità? Regione però in tanti guardano – e giustamente – come il soggetto in grado di assicurare quella “governance” di cui si diceva. Il richiamo è stato evidente nei pensieri espressi dalla dirigente scolastica regionale, Anna Cammalleri: “Ci manca quel tanto per fare un bel passo in avanti. la Puglia, è seconda solo alla Toscana per innovazione nella gestione amministrativa; viene solo dopo la Lombardia per politiche sulla legalità. Ma, in quanto a priorità come le alleanze – ha rimarcato – colgo altrove esempi di governance, con la Regione e ed il sistema economico nel suo complesso a guardare insieme all’oggi e al domani”. Riferita al turbato contesto storico, ha concluso: “In questo tempo dobbiamo saper  usare il sestante e le stelle, le onde e il radar”.

I progetti “New Gener@ction” e “Tutti alla meta”. Nel seminario c’è stato spazio anche per due progetti condotti a conclusione. Il primo ha riguardato il bullismo in tutte le sue forme e – illustrato dalla professoressa Serena Strafella di Copertino – il percorso fatto non solo per trovare un efficace logo (gara vinta dai ragazzi del “Giannelli”, ma soprattutto sul miglioramento dei rapporti con i genitori; sulla rottura del “muro del silenzio” e sulla replicabilità del “New Gener@ction”, il modello messo in piedi dagli Istituti “Don Tonino Bello” di Tricase, “Moccia” di Nardò, Iiss di Otranto e Poggiardo, il “Presta Columella” di Lecce, il “Salvemini di Alessano. “Tutti alla meta” l’altro progetto con l’interessante coinvolgimento degli Istituti comprensivi di Acquarica-Presicce e del Polo 3 di Casarano, contro le discriminazioni di genere e la dispersione. “Dobbiamo recuperare il concetto filosofico che la scuola è un luogo di emancipazione – ha sottolineato il prof. Demetrio Ria di Unisalento,che ha rilevato come i due progetti non siano molto distanti tra loro. In questa “scuola in rete, in rete d’intenti”.

by -
0 1082

LiceoLinguistico_IISCasarano_7435CASARANO. Weekend all’insegna della cultura con gli Open days, le giornate dedicate all’orientamento dell’Iis di Casarano, guidato dalla Dirigente Maria Rosaria Conte. Dalle 16 alle 19 del 24 e 25 gennaio il Liceo Classico in via Ruffano e il Liceo linguistico – Scienze Umane – Les in viale Stazione aprono le porte ai ragazzi di terza media e alle rispettive famiglie e offrono un viaggio per orientarsi tra orari, materie di studio, corsi extracurriculari e obiettivi futuri nell’offerta formativa dei quattro indirizzi. Curiosità e preziose informazioni saranno fornite dagli addetti all’orientamento e dagli studenti, che racconteranno la propria esperienza. Prevista durante l’open day la proiezione di video illustrativi sulle attività extrascolastiche, tra cui le certificazioni in lingua straniera, gli stage all’estero, i ‘Certamina’ (competizioni nazionali di latino per le eccellenze del triennio), le Olimpiadi di matematica, i laboratori creativi, la patente europea, l’orientamento universitario, gli incontri con studiosi di fama nazionale.

Al Liceo Classico proseguono dal 28 gennaio, inoltre, i minicorsi di orientamento al greco (anche il 5 e 13 febbraio, ore 16-18). Prendono invece il via gli incontri di filosofia aperti a tutti “Filoso…fare“ dalle ore 16.30 alle 17.30 e, nei giorni 28 gennaio, 10 e 12 febbraio presso la sede di viale Stazione, i corsi “Attento a come parli” (ore 15-16), “Filo… Diritto ” (ore 16-17), di lingua tedesca “Sprechen wir Deutsch“ (ore 15-16), francese “Le francais mon amour” (ore 16-17) e spagnola “¡Hola!” (ore 17-18).

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...