Home Tags Posts tagged with "opere di recupero e restauro"

opere di recupero e restauro

GALATONE. Sono iniziati da alcuni giorni i lavori di recupero e di restauro interno – a cura della ditta “Leopizzi 1750 srl” di Parabita – della chiesetta settecentesca di San Pietro in Vincoli, situata in via del Mare (angolo via Giacomo Caputo). Inizialmente di proprietà privata – un tempo era infatti parte della masseria di Torre Moro, presso la masseria Vasce – ed attualmente della parrocchia Santi Cosma e Damiano, nel 1985 la cappella è stata dichiarata monumento nazionale dalla Soprintendenza di Bari. Ad essere cantierizzato, da poco tempo, c’è anche il frantoio ipogeo di piazza San Sebastiano. Nello specifico, i lavori, finanziati con 124mila euro dal ministero per i Beni culturali nel marzo scorso, prevedono il restauro, il risanamento conservativo, la valorizzazione e la fruizione del frantoio, che molto probabilmente risale al Cinquecento; l’idea dell’Amministrazione comunale è rendere il frantoio spazio di mostre, esposizioni ed eventi culturali. Il 6 novembre scorso, inoltre, la Giunta del sindaco Livio Nisi ha approvato il progetto preliminare-esecutivo dei lavori di riqualificazione di piazza Umberto I, per un costo di poco più di 83mila euro; i componenti del governo cittadino hanno così dato mandato all’Ufficio tecnico comunale di elaborare la proposta progettuale esecutiva e di procedere pure alla stesura dei documenti necessari per l’appalto dei lavori.

Ciclovie, infine, dentro e fuori la città: il progetto definitivo-esecutivo relativo agli “interventi per lo sviluppo di percorsi di fruizione del territorio naturale anche attraverso forme che favoriscono l’intermodalità tra aree urbane e territorio naturale” sta per incontrare la realtà. Il 17 novembre si è tenuta, infatti, la seconda seduta pubblica delle operazioni di gara per l’affidamento dei lavori che entro cinque mesi circa dalla loro apertura – si spera – consegneranno a Galatone tre circuiti ciclabili lunghi complessivamente otto chilometri, finanziati con 400mila euro dalla Regione Puglia.

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...