Home Tags Posts tagged with "nuovo campo sportivo"

nuovo campo sportivo

il campo sportivo "G. Valentini"

TUGLIE. Partiranno a breve i lavori di costruzione di un nuovo campo polivalente coperto, all’interno dell’area di pertinenza dell’impianto sportivo polivalente “G. Valentini”, sito in località Montegrappa, lungo la strada provinciale che da Tuglie conduce a Neviano. Nei giorni scorsi l’Amministrazione comunale ha provveduto ad inoltrare in Provincia la necessaria istruttoria antisismica e dagli uffici tecnici giunge notizia che i lavori, già aggiudicati alla ditta “Tennis tecnica srl” di Bari, potranno partire tra non molto.

Il progetto, deliberato nel 2011 dalla Giunta guidata da Daniele Ria, rientra nel progetto “Io gioco legale” promosso dal ministero dell’Interno nell’ambito del     “Programma operativo nazionale – Sicurezza per lo sviluppo” 2007 – 2013. “Diffondere la cultura della legalità” è l’obiettivo del progetto che, oltre al comune di Tuglie, coinvolge altre città e province italiane per realizzare, nelle regioni dell’Obiettivo convergenza, proposte progettuali che si concretizzano in impianti sportivi per incentivare i cittadini, soprattutto i più giovani, al rispetto delle regole e allo sviluppo del senso di comunità. In tal senso, in seguito ad alcuni casi di spaccio di sostanze stupefacenti e furti accaduti  a Tuglie, lo sport può rappresentare una risposta utile ai fini della prevenzione di comportamenti al limite della legalità, in quanto unisce i giovani e crea situazioni sociali basate su interessi comuni, stima e collaborazione.

L’impianto ha un costo progettuale di 470mila e prevede la realizzazione di un campo di gioco polivalente coperto per la pratica delle attività sportive di squadra come calcio a cinque, pallacanestro, pallavolo, con annesso blocco spogliatoi e ricade all’interno dell’area esterna dell’attuale campo sportivo.

di Gianpiero Pisanello

by -
0 3153

il terreno di gioco del "Sottotenente G. Dimo"

PARABITA. Cinquecentomila euro per rifare il look e rimettere a nuovo lo stadio di Parabita con la novità assoluta del campo di badminton. Lo prevede il progetto predisposto dall’Amministrazione comunale finalizzato ad ottenere il previsto finanziamento alla Regione Puglia grazie ad un Fondo volto ad incentivare le pratiche sportive e lo spirito aggregativo ad esse connesso, attraverso la valorizzazione ed il restauro di impianti già in funzione. Tra questi, Palazzo di Città conta di inserire anche il campo sportivo “Sottotenente G. Dimo” di via San Pasquale.

Oltre a rifare il terreno di gioco in erba sintetica, rimettere a norma il sistema di illuminazione, consolidare la muratura perimetrale a nord e realizzare un impianto fotovoltaico (per soddisfare le esigenze energetiche dell’impianto), ciò che incuriosisce è il campo di badminton, pratica sportiva non molto diffusa in Italia ma divertente e appassionante, stando a chi ha la possibilità di praticarla, ovvero una sorta di mix tra tennistavolo e volley che consiste nel colpire con una racchetta un volano, facendogli oltrepassare la rete, fino alla metà opposta del campo rettangolare occupata dall’avversario.

Al badminton verrà riservata un’apposita area dell’impianto sportivo. Altra novità e che al progetto partecipano anche alcune realtà sportive del territorio: l’associazione sportiva dilettantistica “Scuola calcio 2000” e “l’Asd Gioventù Parabita”, che contribuiranno al cofinanziamento comunale da 92mila euro con un ulteriore contributo di 4mila euro.

di Daniela Palma

by -
0 1139

Il campetto sportivo di Felline

Felline (Alliste). Un campetto sportivo in cerca d’autore. Anzi, di gestore. Giace malmessa, alla periferia di Felline, quella struttura comunale che, ad oggi, apre le porte (sgangherate) solo agli allenamenti settimanali della scuola calcio della Us Acli di Deodato Casto.

La firma dell’associazione compare in calce a quel cartello che, ben visibile dietro le maglie della rete metallica bucata, avverte: «Considerando lo stato attuale del tappeto di gioco e della rete di protezione superiore pericolante, il campo non può essere concesso a nessuna richiesta di apertura fino a quando non sarà fatta la manutenzione, evitando incidenti che si potrebbero verificare». Di questi eventuali infortuni, si legge ancora, «l’Asd Felline non si assume alcuna responsabilità».

Non potrebbe essere diversamente, tra l’altro, giacché è scaduta la convenzione tra Comune e Us. Acli per la gestione della struttura sportiva. Cosa succederà ora? «Ancora non abbiamo deciso – fa sapere il sindaco Antonio Ermenegildo Renna – se il nuovo gestore sarà il Comune, oppure qualche associazione locale. Intanto, tra pochi giorni inizieranno i lavori di manutenzione che termineranno nel giro di un mese. Abbiamo a disposizione circa 23mila euro, tra risorse comunali e della Provincia».

Presto, dunque, i bambini di Felline avranno un posto sicuro per giocare, mentre gli adulti, passando di lì, non dovranno più chiudere gli occhi e neanche il naso. Montagne d’immondizia, infatti, circondano la struttura.

La denuncia di questo stato di abbandono è partita, poco tempo fa, da Facebook. In particolare, dalla voce di Carlo Ciriolo, ex presidente di quella sezione locale dell’Adovos che, tra il 2003 e il 2006, ha avuto in gestione la struttura.

Così, mentre la nuova squadra di calcio delle “Aquile” svolazza tranquilla nello stadio allistino, nuovo di zecca, qui, intorno al campetto di Felline, a volare sono solo pesanti lamentele.

                                                               RR

by -
0 1384

I giovani atleti della scuola calcio dell’Asd Sannicola con alcuni dirigenti

Sannicola. Presto sarà pronto il campo sportivo e i piccoli campioni della scuola Asd Calcio 2010, ne sono entusiasti e già sognano di essere al meglio.

«Quest’estate abbiamo curato l’organizzazione tecnica del torneo di calcetto che ha animato le serate del centro per tutto luglio – commenta Tommaso Erroi, il presidente – un’iniziativa decisamente ben riuscita finanziata dall’associazione commercianti. Il maggior impegno ora è far pazientare i nostri piccoli campioni che non vedono l’ora di allenarsi in uno stadio. Infatti l’anno scorso gli allenamenti si sono tenuti presso il palazzetto dello sport o nei campetti di Chiesanuova».

L’associazione si occupa del settore giovanile dai “primi calci” agli “allievi” passando attraverso “pulcini”, “esordienti” e “giovanissimi”.

«Siamo molto orgogliosi  – aggiunge Silvano Maregrande, vicepresidente e allenatore  dei “primi calci” e dei “giovanissimi” – del fatto che l’anno scorso tra gli oltre cento iscritti, ben trenta erano “primi calci” permettendoci di iniziare il percorso sportivo il prima possibile». I pulcini sono allenati da Sergio Tarantino e Gabrile Sances, gli esordienti da Roberto Chimienti, gli assistenti coach sono Massimo Minisgallo, Marco Cirocugno e Tommaso Portone, mentre la preparazione dei portieri è a cura di Salvatore Petruzzi e Mino Cimino. «Presto apriremo la nuova stagione dei reclutamenti  – spiega Gabriele Sances responsabile del settore giovanile, oltre che allenatore – e ai nuovi iscritti diamo sempre un kit di benvenuto: divisa, borsone, tuta, giaccone e pallone».

Ai tecnici si aggiungono i responsabili dell’area amministrativa Tonino Pisanello e Pino Simone, il fisioterapista Graziano Scorrano e i responsabili dell’area comunicazione e del sito internet Salvatore Stamerra e Franco De Filippo.

Oggi l’associazione desidera trovare persone motivate ad impegnarsi in un’attività dirigenziale rivolta proprio ai ragazzi del vivaio. «Il problema delle piccole realtà calcistiche è nella carenza di dirigenti, persone appassionate con la voglia di stare tra i giovani – sottolinea il presidente Erroi – che vogliano e sappiano impegnarsi nell’associazione come dirigente sportivo o allenatore, ruoli stimolanti che sicuramente servono per migliorare le capacità organizzative di ogni individuo, la gestione di un gruppo e la maggiore capacità di relazionarsi con altre persone».

 

Maria Cristina Talà

 

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...