Home Tags Posts tagged with "Notizie Tuglie"

Notizie Tuglie

torneo parrocchiale chiesa madre 2014 foto di gruppo
TUGLIE. La parrocchia Maria Santissima Annunziata di Tuglie si  aggiudica la seconda edizione del quadrangolare di calcio a 5 organizzato dall’oratorio San Giovanni elemosiniere e svoltosi negli impianti della New Building. Seconda piazza per la parrocchia Maria Addolorata di Racale. Terzo gradino del podio per la parrocchia San Giorgio martire di Matino. Quarto ed ultimo posto per la parrocchia Maria Santissima Annunziata di Casarano, cui appartiene l’oratorio San Giovanni elemosiniere.

La compagine tugliese si è aggiudicata il torneo con quattro vittorie, un pareggio e nessuna sconfitta (36 gol fatti e 20 subiti). Il Racale, invece, ha totalizzato tre vittorie, un pareggio e una sconfitta (42 gol fatti e 23 subiti). Due vittorie e tre sconfitte per il Matino (che ha realizzato 36 gol subendone 33). Cinque sconfitte su cinque partite disputate, invece, è il magro bottino della squadra di casa, che ha pagato l’inesperienza e l’età media inferiore rispetto a quella delle altre formazioni. L’obiettivo, secondo le intenzioni dell’ideatore della manifestazione, nonché presidente dell’oratorio, don Giuseppe Montenegro, era quello di promuovere i valori della solidarietà, della comunanza di intenti, della collaborazione, attraverso lo sport, in linea con le finalità proprie dell’oratorio.

mauro negroTUGLIE.Tre giorni intensi per il primo concorso ippico nazionale di salto ostacoli. Dall’11 al 13 luglio, l’Arena Green village organizza un appuntamento ippico che si preannuncia tra i più importanti d’Italia, richiamando molti cavalieri e amazzoni con i loro cavalli da tutto il Meridione. «Abbiamo organizzato per la prima volta questo concorso – afferma il presidente Mauro Negro (foto) reduce da numerosi successi agonistici e dalla manifestazione Piazza di Siena, in cui per la seconda volta ha rappresentato la Puglia – che vede in gara diverse categorie di “salto ostacoli” che vanno dai 60 centimetri fino ad un metro e trentacinque.

Tra le tante gare che si svolgeranno, quella più spettacolare sarà sabato 12 luglio con la categoria di cavalli C130, ovvero quella di caccia che sarà entusiasmante per il pubblico e coincide con il “Secondo memorial don Walter”». Il concorso ha inizio alle 8 di venerdì 11 e, fino alle 20, vedrà alternarsi gare di diverse categorie. La sera, spazio alla musica del gruppo salentino “Quelli della Frisa”. Il giorno successivo, ad esibirsi, saranno i Cadillac, mentre la conclusione, domenica 13, si affida alle due categorie più importanti: C115, dove in palio per il primo classificato c’è una Renault Twingo, e un montepremi di 2500 euro per la categoria C135. Nei giorni del concorso, l’accesso ad Arena Green village, che durante tutto l’anno è una scuola di equitazione di alto livello, è aperto gratuitamente al pubblico.

by -
0 894

consiglio_comunale_nuovo_con_stamerra_sindaco_2014[1]TUGLIE. Entra nel vivo l’attività del nuovo governo cittadino guidato da Massimo Stamerra. Dopo l’ufficializzazione degli assessori, con il primo Consiglio comunale del 12 giugno, sono state affidate le deleghe ai consiglieri di maggioranza: Filippo Calò si occuperà di Bilancio, Politiche sociali e Associazionismo, ad Antonio Aloisi rimane invariato il suo incarico per Patrimonio e Ambiente, Salvatore Selce si occuperà di Sanità, Protezione civile, Innovazione tecnologica e Semplificazione amministrativa mentre a Lucio Nicoletti toccano le Politiche giovanili e rapporti con gli enti esterni. Il primo Consiglio è stato anche l’occasione, da parte della minoranza (Antonio Vincenti, Leonilda Marzano, Alessandra Moscatello e Giovanni Petruzzi) per esprimere il proprio parere “rappresentando, alla luce del dato elettorale, la metà del paese in termini di consensi”.

«Le contraddizioni della maggioranza – afferma Antonio Vincenti, rimarcandolo anche su Facebook – sono saltate subito fuori. Noi abbiamo un programma innovativo e di prospettiva che prevede, per evitare l’aumento delle tasse, ad esempio, di azzerare tutte le indennità creando un fondo sociale di solidarietà che potrà permettere di intervenire per abbattere la Tasi. Siamo pronti a rinunciare al nostro piccolo gettone di presenza sperando lo faccia anche la Giunta che ora, con i liberi professionisti, costerà il doppio».

Pronta la replica di Stamerra: «La campagna elettorale è finita e bisogna guardare avanti. Come si può invitare a rinunciare all’indennità solo ora? Non sarebbe stato più credibile farlo in campagna elettorale? E poi dire di voler devolvere in beneficenza la propria indennità è una caduta di stile. La beneficenza non la si sbandiera. La strada per collaborare resta quella della lealtà, della correttezza e concretezza nell’interesse generale». Salvo cambiamenti dell’ultima ora, le indennità al lordo dovrebbero essere pari a 2.509,98 euro per il Sindaco, 1.254,99 per il suo vice e 1.129,39 per ogni assessore.

 

 

 

TUGLIE. “Storia e patrimonio industriale a Tuglie: le fabbriche di olio, vino e spirito tra età moderna e contemporanea”. È questo il titolo del volume presentato nei giorni scorsi a Tuglie, promosso dall’Amministrazione comunale e finanziato dal Consorzio universitario interprovinciale salentino nell’ambito del “Progetto Cuis 2010”. La pubblicazione si inserisce nelle attività di ricerca e valorizzazione che l’Ibam-Cnr svolge nell’ambito della Commessa “Metodologie innovative per la conoscenza dei paesaggi antichi”, Progetto “Il territorio e gli insediamenti in Europa e nel Mediterraneo”. A curare il volume, edito da Lettere Animate Editore, e la ricerca scientifica è stato Antonio Monte, con la collaborazione di Mauro Ciardo, Gerardo Fedele, Paolo Gull e Tiziana Patera.

Il volume è una lente di ingrandimento sul panorama produttivo locale tra passato e presente. Il territorio di Tuglie, come si legge nella presentazione e nel libro stesso, è riuscito a concentrare nel corso degli anni un grande numero di attività produttive, per lo più collegate alla trasformazione dei prodotti agricoli, che ha portato l’intera area locale a primeggiare non solo nel Salento, ma anche nel resto del territorio nazionale. Ecco quindi nelle schede delle rilevazioni i siti industriali  tugliesi: il frantoio Mastore, ex Marulli; il Mercato coperto; la Masseria Carignani; gli stabilimenti vinicoli Calò, Mottura, Tarantino; la distilleria di Ambrogio Piccioli; la fabbrica di ghiaccio; il mulino Imperiale; la fabbrica di liquori Piccioli-Gabriele Provenzano. La ricerca sul centro agricolo di Tuglie focalizzata in questa pubblicazione, è un capitolo importante nel campo della produzione agroalimentare e si inserisce in quel filone di studi finalizzati alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio industriale del Mezzogiorno e, in particolare, della Puglia. Il libro, quindi, costituisce un importante contributo perché il patrimonio industriale del passato serva da stimolo e da esempio anche per chi ora si accinge a fare il medesimo percorso.

by -
0 920

paola_maugeri_9576TUGLIE. “Tuglie Incontra”, il Festival Nazionale del Libro ritorna sabato 7 giugno con un ospite d’eccezione: Paola Maugeri vj e autrice di “Las Vegans” edito da Mondadori. La vj, vegana da oltre 20 anni, racconta nel suo libro i segreti della cucina vegana, ma soprattutto riporta alcune ricette tra antipasti primi, secondi e dessert. L’appuntamento, organizzato e diretto dal giornalista Gianpiero Pisanello, si svolgerà presso il “Frantoio Ipogeo” del “Museo della Radio” di via Vittorio Veneto alle 20.30. Il programma prevede l’introduzione dello stesso Pisanello, l’intervista di Danilo Siciliano all’autrice e la preparazione in diretta di alcune ricette vegane tratte dal libro da parte di Federica de Prezzo, personal chef.

MASSIMO STAMERRA - CANDIDATO SINDACO

TUGLIE. Dedica la vittoria al padre il nuovo sindaco di Tuglie. Con 1851 è Massimo Stamerra a occupare la poltrona di primo cittadino, dopo le due amministrazioni targate Daniele Ria. «Sarà un onore e un privilegio poter guidare il mio paese, dopo quasi 20 anni come vicesindaco e assessore». Una differenza di 150 voti (nel 2009, con il 66% dei votanti oggi scesi al 61,9, la differenza fu di 1.406) ha fatto trionfare la civica di centro-destra “Insieme per Tuglie” con otto consiglieri, di cui quattro assessori. Con 1.701 preferenze, invece, la lista di centro-sinistra “Bene Comune” porta in Consiglio lo stesso candidato sindaco Antonio Vincenti oltre ad Alessandra Moscatello, Giovanni Petruzzi e Leonilda Marzano. Ritornando nel centro-destra, si è creato un nuovo assetto, dovuto prettamente alla parità di genere, apprezzata da pochi.

«Punteremo sulla continuità amministrativa di questi ultimi anni – ha affermato Stamerra – cercando anche il rinnovamento». E sul presidente della Provincia Antonio Gabellone afferma che “la sua presenza è importante e conferma la vicinanza al proprio paese. Sarà un valore aggiunto per l’intera comunità cittadina e una garanzia per poter lavorare tranquillamente con una squadra rinnovata”. La nuova Giunta comunale sarà, infatti, composta da Silvia Romano (522 voti), Antonio Gabellone (resterà al suo posto sicuramente fino alle prossime elezioni regionali che lo vedranno candidato consigliere) che ha totalizzato 501 preferenze, la “new entry” Francesca Solida (324) e Filippo Calò (270) che se la gioca con Chiara Boellis (303).

A far parte del Consiglio saranno gli ex assessori Antonio Aloisi (212) e Salvatore Selce (211), oltre a Lucio Nicoletti (139). A rimanere fuori Anna Marinella Chezza (80), Massimo Mottura (135) e Ugo Perrone, ultimo degli eletti con 74 voti. «È stata una splendida vittoria perché venuta in un momento in cui era più facile contrapporsi e sintonizzarsi sui temi dell’antipolitica. Al candidato dell’altra lista faccio notare che questo modo di condurre le campagne elettorali all’attacco, insultando l’avversario, screditandolo o peggio prendendolo in giro, a Tuglie non funziona», ha scritto Gabellone su Facebook.

La sezione ragazzi degli "Amici della biblioteca"

La sezione ragazzi degli “Amici della biblioteca”

TUGLIE. Un interessante pomeriggio letterario è stato organizzato dalla sezione ragazzi dell’associazione culturale “Amici della biblioteca”, presieduta da Paola Sperti. La “Residenza Mosco” ha, infatti, accolto “Sei già dentro l’happy hour”, ovvero un aperitivo letterario con Valentina Cagnazzo, la giovane autrice del libro “Duecentocinquantuno giorni”,  che parla di temi profondi affrontati con sentimento, con un linguaggio chiaro e scorrevole.

A dialogare con la scrittrice e i ragazzi Elisa Taurino, con la partecipazione di Emily Forte, Giorgio Cacciapaglia, Francesco Antonaci e Gianluigi Solida. Un primo esperimento che ha visto una grande partecipazione di pubblico e di tanti piccoli lettori che, intorno ad un libro e alla sua storia, hanno trascorso un pomeriggio diverso ed interessante, il che induce l’associazione, promotrice culturale molto attiva sul territorio cittadino,  a programmarne di altri in futuro.

 

by -
0 853
La compagnia "Calandra"

La compagnia “Calandra”

GALLIPOLI. Al teatro Garibaldi va in scena l’ultimo appuntamento della stagione invernale con la compagnia teatrale “Calandra” di Tuglie con “L’Orlando furioso” domenica 11 maggio alle 21 (adattamento di Luigi Scorrano e la regia di Giuseppe Miggiano). Lo spettacolo è vincitore di numerosi premi in Italia, tra i quali il Premio Lecce Art Festival e il riconoscimento come migliore regia e migliore attore non protagonista nel Festival di Montecarlo di Lucca 2013. L’opera di Ludovico Ariosto, più volte replicata dagli attori della “Calandra” chiude dunque la Stagione di Prosa “Opera Prima 2014”, organizzata dal Comune di Gallipoli, dall’ assessorato al Turismo e spettacolo, in collaborazione con Pro Loco e Compagnie Teatrali di Gallipoli. Per info sui biglietti contattare il centro di informazione turistica Pro Loco Gallipoli in via Kennedy, oppure contattare i numeri 0833 263007 – 329 7061933 o scrivere all’indirizzo email info@prolocogallipoli.it.

 

Volley

TUGLIE. Un grande appuntamento agonistico che ridà lustro alla storia della pallavolo tugliese che, in passato, ha regalato non poche emozioni. Dopo quattro anni di sacrifici e impegni da parte di tutti i dirigenti, la “Talion volley Tuglie”, presieduta da Silvia Romano, è tornata non solo a disputare un campionato regionale, ma anche a partecipare a questo importante appuntamento agonistico in terra barese. «L’annata è stata sensazionale, oltre ogni aspettativa, tenendo presente – afferma la presidente Romano – che abbiamo formato la squadra in tempi brevi e con non poche difficoltà, non avendo un vivaio fiorente, se non per l’unica atleta tugliese della squadra, Elisa Merenda, in grado di ricoprire più ruoli.

E’ stato grazie all’incredibile spirito di sacrificio di tutte le atlete che si sono dimostrate all’altezza di un impegno tale e alla forza di un gruppo sinergico che ha creduto fortemente in un progetto sportivo che finalmente, dopo alcuni anni, ha dato i suoi frutti». Non solo sport, però. Durante il campionato, la società ha portato avanti una campagna di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne con lo slogan “Facciamo muro alla violenza”, che è stato stampato anche sulle maglie di ogni singola pallavolista e che ha coniugato alla perfezione l’impegno agonistico con quello sociale.

 

Fantocci al rogo nelle edizioni passate. “La Notte” è giunta alla decima edizione: ad organizzarla sono le associazioni Ekagra e Ss. Annunziata Onlus

Fantocci al rogo nelle edizioni passate. “La Notte” è giunta alla decima edizione: ad organizzarla sono le associazioni Ekagra e Ss. Annunziata Onlus

Tuglie. Spegne le dieci candeline il concorso dedicato alla vecchina più brutta del Salento.  Saranno i 19 fantocci in gara quest’anno a contendersi i premi messi in palio nelle rispettive categorie. “La Notte della caremma” di domenica 20 aprile, dalle ore 20 presso piazzale Matteotti, è l’ultimo atto del concorso organizzato dall’associazione culturale “Ekagra”, presieduta da Oliviero Calò, e dalla “Ss. Annunziata Onlus” di Giuseppe De Santis. «Come ogni anno – affermano i responsabili – organizziamo questa iniziativa per valorizzare e promuovere il nostro paese. Come già accade da diversi anni, questo evento porta a Tuglie centinaia di visitatori e turisti, interessati e curiosi di scoprire il concorso».

“La Notte della Caremma”, ha inizio nel primo pomeriggio con il folcloristico corteo per le strade del paese. Dalle 20.30, subito dopo le premiazioni e l’accensione del falò, prende il via lo spettacolo presentato da Ivan Bonetti e Sammy. Ad intervenire, direttamente dal programma di Italia Uno “Colorado Caffè”, sono gli “Scemifreddi” con i “Vicini di Campagna”. La serata prevede anche la partecipazione di Chiara Corallo dal programma “Io Canto”, Piero Ciakky e Federica. Ad animare il pubblico, anche “Peppa pig” che distribuirà palloncini e divertirà i più piccini.

La “Caremma” più bella della passata edizione risultò quella realizzata dalla classe quarta sezione C della scuola elementare di Tuglie mentre la più spaventosa fu quella della quinta B dello stesso istituto. Altri premi andarono anche alla “Caremma Facebook” della quinta C e ad altre creazioni da Sannicola, Taviano, Parabita e Gallipoli. Al termine del concorso, anche quest’anno, tutte le caremme verranno bruciate nel grande falò “purificatore” che chiude la domenica di Pasqua all’insegna della tradizione.

TUGLIE. Il treno storico “Salento Express” ha fatto nuovamente tappa a Tuglie con una comitiva di turisti inglesi. Richiesto dal tour operator estero “Ptg Tours”, venerdì 11 aprile, i visitatori hanno potuto ammirare le bellezze del Museo della Civiltà Contadina, i giardini del Palazzo Ducale dove hanno anche potuto degustare le pietanze dell’epoca, preparate dalle cuoche dell’agriturismo di Pippi Bernardi. In seguito, hanno visitato il primo insediamento rupestre di Tuglie, le “Grotte Passaturi”, il centro storico e di Tuglie e, infine, hanno degustato la “banana-gelato” della storica gelateria Provenzano di piazza Garibaldi.

by -
0 2685

TUGLIE. Tutto definito nel centrosinistra (si farà una lista civica guidata dal consigliere uscente Antonio Vincenti), molto da decidere invece nel centrodestra, dove non si trova un accordo, neanche sul nome del vicesindaco da diverse consiliature (prima con Antonio Gabellone poi con Daniele Ria), Massimo Stamerra. Proprio quest’ultima candidatura sembrava aver messo le cose a posto, facendo svanire l’ipotesi del ritorno a Palazzo di città di Gabellone, attuale presidente della Provincia di Lecce e da gennaio “disoccupato” per via della cancellazione degli Enti provinciali.

Invece no: un pezzo del Pdl-Fi non è d’accordo su Stamerra, appoggiato di sicuro dall’assessore Salvatore Selce, e pezzi da novanta del partito locale starebbero spingendo invece su Silvia Romano, attuale consigliere comunale e nipote del Sindaco Ria. Tutto sembrerebbe insomma tornato in queste ore in alto mare. Perciò qualcuno  riaffaccia l’ipotesi Gabellone, l’unico – da segretario provinciale del Pdl-Fi – capace probabilmente di mettere d’accordo tutti.

Dal meetup “Movimento 5 stelle Tuglie” arriva infine una rettifica su quanto dichiarato nei giorni scorsi da un militante (“lascerà facoltà di scelta ai propri sostenitori”). Dice l’organizer Salvatore Clarizia: “Il gruppo di attivisti di Tuglie è promotore di una lista civica apartitica che vede come candidato Antonio Vincenti; in questa lista convergono diversi esponenti della società civile e persone da sempre impegnate a difendere i valori che noi condividiamo”. Disponibili a candidarsi lo stesso Clarizia, Angelo Chimienti e Giovanni Cataldo.

Festa patronale - foto Luigi Mighali

Festa patronale – foto Luigi Mighali

TUGLIE. La festa patronale in onore di Maria Ss. Annunziata rappresenta per Tuglie l’evento di punta dell’anno. Tra devozione e tradizione, è un momento di festa che unisce l’intera comunità e la fa convergere nel centro storico, unico palcoscenico di riti che si tramandano da secoli. Per scoprire alcune curiosità sulla festa patronale, e con esse, la storia del culto in onore della Vergine, basta leggere il libro, edito da Barbieri nel 1996, “La Chiesa matrice di Tuglie”, a cura di Enzo Pagliara, studioso di storia locale.

«L’origine della festa popolare – scrive Pagliara – si ritiene databile intorno al 1750, quando furono pressoché completati i lavori di costruzione dell’attuale chiesa e la stessa fu dotata di arredi e statue. È appunto di quell’epoca la statua della Vergine che oggi veneriamo come nostra protettrice. Fu probabilmente l’arciprete Vito De Sanctis a promuovere l’istituzione di una festa in onore dell’Annunziata, visto che finalmente si disponeva di una statua che poteva essere portata in processione».

Da quell’anno, però, i festeggiamenti non si svolsero in forma continuativa. Intorno agli anni 1858-1860, infatti, la festa venne vietata dalle autorità locali per evitare “l’insorgere di disordini antiborbonici” e con essa anche la fiera istituita nella metà del Settecento da Carlo III di Borbone. «Solo nel 1870 – scrive ancora Pagliara – il sindaco Vitantonio Ria istituisce nuovamente la fiera da tenersi nei giorni 24, 25 e 26 di marzo a partire dal 1871 e individua come sito Largo Termiti che poi diviene Largo Fiera». Tra le tradizione che si sono perse definitivamente nel corso degli anni c’è “La cumparsa”, ovvero una bengalata pirotecnica che riproduceva un grande bastimento, lo stesso che presero i tugliesi che emigrarono in America. Grazie alle loro offerte, fatte pervenire al comitato organizzatore, questa tradizione si è svolta con successione per molti anni.

«La fiera di Tuglie – continua lo studioso nel suo libro – su pubblicazioni dell’epoca, viene classificata “di notevole importanza” ed è specializzata per gli attrezzi agricoli e casalinghi, ma particolarmente per i volatili da cortile. Gli animali maggiormente scambiati sono i pulcini. Da qui deriverebbe l’attribuzione del nomignolo “puricini” agli abitanti di Tuglie”. Sono solo ricordi, emozioni che ogni tugliese custodisce gelosamente. Nonostante il passare degli anni e le mutazioni sociali, rimane invariato l’attaccamento del paese alla festa dell’Annunziata, permettendone ancora oggi lo svolgimento dei festeggiamenti. Per conoscere il programma della festa clicca qui.

 

MASSIMO MOTTURA presidente festa patronale 2014 tuglieTUGLIE. «Oggi più che mai c’è il bisogno di difendere e sostenere le tradizioni popolari. La festa patronale è un patrimonio storico della nostra comunità e la sua conservazione assume un ruolo fondamentale ai fini della valorizzazione del nostro territorio e della religiosità». Si presenta con queste parole Massimo Mottura (foto), nuovo presidente del Comitato festa patronale delineando il programma dell’edizione 2014.

Dopo un’intensa settimana mariana, curata dal parroco don Emanuele Pasanisi, che vede la partecipazione di Radio Maria, del vescovo diocesano Fernando Filograna, di Padre Nik Pace e del vescovo di Ugento Vito Angiulli, i festeggiamenti civili hanno inizio la mattina di sabato 29 marzo con il corteo inaugurale; nel pomeriggio l’appuntamento con il 9° Trofeo dell’Annunziata, gara podistica organizzata dalla “Podistica Tuglie”. In serata la processione e il lancio di palloni aerostatici. Domenica 30 marzo si svolge la fiera mercato in contrada Mazzuchi, la processione per la benedizione dei campi, lo spettacolo pirotecnico diurno curato dalle ditte Sica Luigi di Napoli e Coluccia Pietro di Galatina.

La giornata è allietata dai concerti bandistici Città di Conversano, diretti rispettivamente  dal maestro Schirinzi e dal maestro Cammarano. Nella serata, in Via Plebiscito, è allestita una mostra di artigianato e antiquariato, mentre dalle 21, in largo San Giuseppe, si esibisce il gruppo “Beat radio new project”. Lunedi 31 marzo si apre con il mercato della Nunziteddha e con il concerto bandistico Città di Poggiardo. La conclusione della festa, in serata, è in piazza Garibaldi con il concerto della “Vasco live tribute band” e di Fiordaliso. Leggi anche “L’Annunziata, le origini della festa nello studio di Enzo Pagliara“.

 

luigi-scorranoTuglie. Ha fatto il suo esordio letterario con “L’uomo che guarda le stelle e altre storie di Natale” (Editrice salentina)  l’apprezzato critico letterario Luigi Scorrano.

La presentazione è avvenuta nei giorni scorsi presso la chiesa delle Anime di Tuglie. A dialogare con l’autore (per anni docente al “Meucci” di Casarano) è stato Elio Ria con gli intermezzi musicali curati da Michele Bovino e Francesco Bove. Il coro parrocchiale, diretto da Don Emanuele Pasanisi, ha eseguito due brani natalizi, mentre Antonio Calò ha letto due racconti e Mario Carparelli ha parlato del libro. Da “Uno strano caso” a “Il Bambino e la stella”, da “L’Importuno a “I Magi”, da “Quell’anno, le parole” a “Baldassare per la strada” e molti altri ancora. Sono questi alcuni dei titoli dei quattordici racconti in origine apparsi su “La Fera”, un numero unico pubblicato a Lecce dal 1984 al 2006 in occasione delle festività natalizie. Ad impreziosire questi racconti, “la cui immagine non è per niente edulcorata o consolatoria, come succede spesso in questi casi, ma problematica e a tratti inquietante, con frequenti riferimenti all’attualità”, come scritto nell’introduzione dal professor Lucio Giannone, sono i disegni dell’artista Gabriella Torsello.

via-pasubio-tuglie--(1)

Via Pasubio

Tuglie. È costata una condanna ad un anno di reclusione la lite  scoppiata nei giorni scorsi in un condominio di via Pasubio. Protagonista della vicenda il 49enne P.G., originiario di Gallipoli, condannato con il rito abbreviato (il Pm aveva chiesto un anno e otto mesi) dopo essere stato arrestato, con l’accusa di lesioni e danneggiamento aggravati. L’uomo avrebbe, infatti, aggredito con una mazza da baseball, il genero  38enne della ex compagna.

I tre protagonisti della vicenda risiedono tutti nello stesso condominio ed a scatenare la lite sarebbe stata una dicussione (a quanto pare per motivi di gelosia) tra i due ex che avrebbero iniziato a litigare sul pianerottolo.

In difesa della donna sarebbe poi, intervenuto il genero di quest’ultima che, stando alla ricostruzione fatta dai carabinieri di Sannicola intervenuti per sedare la rissa, avrebbe avuto la peggio tanto da dover far ricorso alle cure dell’ospedale (per lui sette giorni di prognosi con ferite al naso e allo zigomo ed un risarcimento da duemila euro stabilito con sentenza).

«Sono stato aggredito e mi sono solo difeso», avrebbe affermato il condannato verso il quale, subito dopo l’arresto, era stato anche disposto il divieto   (poi revocato) di dimora a Tuglie, proprio per evitare altri spiacevoli episodi. L’ira dell’uomo, già noto alle forze dell’ordine,si sarebbe rivolta anche contro la porta dell’abitazione. 

Giovanni Negro al circolo con la sua squadra

Giovanni Negro al circolo con la sua squadra

Tuglie. In gergo si chiama “binomio” ed è la combinazione vincente tra un cavallo e un fantino, una simbiosi perfetta, un modo di intendersi a pelle che porta ai migliori risultati. E il binomio vincente, durante i recenti campionati italiani di equitazione ad Arezzo, è stato quello tra Rita Magno, 12 anni di Gallipoli, e “T.La.Loi”, castrone olandese anche lui di 12 anni. Insieme hanno conquistato la medaglia di bronzo nel salto a ostacoli categoria “Children”. «Rita ha iniziato quest’anno a gareggiare a livello nazionale e una medaglia alla prima gara, in una sfida tra quasi mille cavalli, è un risultato fantastico a cui neanche lei stessa credeva», afferma Giovanni Negro, allenatore federale di Tuglie che assieme al fratello Mauro dirige il centro ippico “Green village” (tra Alezio e Tuglie in agro del primo centro).

La passione dei fratelli Negro per l’equitazione è trentennale. Istruttori federali entrambi, lavorano con i cavalli da quando Giovanni, il più grande, aveva 14 anni. Gli allievi vengono anche da lontano, buona parte da Lecce e dal nord Salento, ma anche da Policoro e Martina Franca. Negli anni passati i risultati non sono mancati ma ora  si lavora per il futuro.

«Quest’anno il circolo ippico sarà ai concorsi internazionali di Verona e Siena e un nostro allievo, Lorenzo De Luca di Lecce ma ora all’estero, parteciperà alla Coppa del Mondo. I risultati – afferma Negro – sono il frutto del lavoro fatto in questi anni. Abbiamo una squadra Juniores, con fantini  fino a 18 anni, di tutto rispetto, con tante promesse come Maria Luisa De Vitis, Giulia e Camilla Perrone, Alessia Di San Sebastiano, Elena Visconti e Andrea Pennetta di Lecce, Lucia Romano di Supersano, Vincenzo Magnifico di Martina Franca, Maria Di Bello di Policoro. Il nostro “Young rider” Davide Gemma sta facendo le qualifiche per le nazionali di Verona, si distinguono anche Giorgio Perrone e Giulia De Giorgi. Clara Macrì e Giorgio Filoni, Noemi Diamante e Rebecca Palaia sono giovani promesse. Speriamo anche nella collaborazione del nuovo presidente “Federazione italiana sport equestri” Francesco Vergine, che è di Lecce e ha già dimostrato di credere molto nelle squadre pugliesi e nelle istituzioni comunali, e provinciali».

 

NOTAIO---manuela-rossi---tuglieTuglie. «Di questa attività mi entusiasmano l’indipendenza e l’imparzialità, le tematiche che si affrontano, l’alto livello di approfondimento delle questioni e le vicende umane con cui si viene a contatto». Con queste parole, il giovane notaio leccese Manuela Rossi (nella foto tra il sindaco Daniele Ria, a sinistra,  il compagno Daniele Mangione e il presidente della Provincia Antonio Gabellone) parla della propria professione che l’ha portata, nelle scorse settimane, ad inaugurare il suo studio a Tuglie, nella splendida cornice di Palazzo Provenzano, in via Aldo Moro.

Succede a tre nobili figure professionali del notariato di Tuglie, quali Anna Maria Lipari, Anna Guglielmi e Annibale Arnò, si è laureata con lode all’università Luiss Guido Carli di Roma e proviene da una decennale esperienza professionale consolidata presso lo studio del padre Domenico.

«Sono cresciuta nell’ambiente notarile – continua la dottoressa Rossi – dato che da bambina mio padre mi portava spesso con sé ed ero affascinata da quello che potevo percepire dell’attività; la decisione è venuta naturale durante gli studi universitari rendendomi conto della propensione per il Diritto Civile e sentendomi caratterialmente portata per l’assunzione di una posizione imparziale. Consiglio questo percorso  a chi si senta portato verso un’attività con le caratteristiche indicate, con l’avvertenza che occorrono parecchi anni di studio molto duro, che è richiesto avere, al contempo, rigore mentale e flessibilità nella risoluzione dei casi, che non ci sono certezze perché la componente fortuna è molto rilevante: è, in definitiva, un’attività per persone tenaci e coraggiose».

by -
0 881

daniele ria sindaco tuglieTuglie. È stato approvato dal Consiglio comunale il nuovo Regolamento edilizio redatto dall’ingegnere Giovanni Sticchi di Maglie, adeguato alle prescrizioni e modifiche indicate dal dipartimento di Prevenzione della Asl. I regolamenti comunali in materia devono, infatti, rispondere alle direttive sulle modalità costruttive, con particolare riguardo al rispetto delle normative tecnico-estetiche, igienico sanitarie, di sicurezza e vivibilità degli immobili e delle pertinenze degli stessi.

Il regolamento è stato votato in aula dalla sola maggioranza visto che i consiglieri di minoranza hanno eccepito “l’assenza del necessario coinvolgimento in riunioni preventive come quelle fatte, per esempio, per il Piano regolatore generale”, come affermato dal consigliere Giuseppe Pisanello.

«Ma gli atti erano a disposizione di tutti», ha replicato lo stesso sindaco Daniele Ria (foto) ricordando che non si è trattato “di realizzare un nuovo regolamento edilizio ma solo di adeguare l’esistente alle nuove direttive regionali e nazionali che non lo stravolgono”.

La nuova compostiera

La nuova compostiera

Tuglie. Dopo l’acquisto da parte del Comune di Tuglie, sono state consegnate agli utenti le compostiere domestiche con l’obiettivo di diffondere la pratica del compostaggio domestico.

La consegna è stata totalmente gratuita per quanti ne hanno fatto esplicita richiesta in seguito all’avviso pubblico dell’Amministrazione comunale. Il contenitore consegnato ai cittadini ha una forma cilindrica con una base di circa 70 centimetri di diametro ed un’altezza di circa 90 centimetri. Va collocato all’aperto, direttamente sul terreno e ad una distanza di almeno sette-otto metri dagli spazi dove si soggiorna. Con il compostaggio domestico il risultato che si ottiene è vantaggioso non solo perché si riduce la quantità di rifiuti ma anche perché si ottiene il compost per il giardinaggio che è il risultato della decomposizione di materie organiche come i residui di potatura, scarti di cucina, rifiuti del giardinaggio ed erba falciata. Il suo utilizzo migliora la struttura del suolo e riduce la quantità di rifiuti che va a finire nell’indifferenziato gonfiando il costo del servizio per l’Ente e, di conseguenza, per gli utenti.

by -
0 1533
Ilaria Lia, Federico Russo e Alessandro Stajano

Ilaria Lia, Federico Russo e Alessandro Stajano

Tuglie. Con il vaticanista del Tg1 Fabio Zavattaro, il conduttore di Radio Deejay Federico Russo, Nandu Popu dei Sud Sound System e il giovane scrittore Andrea Martina, è entrata nel vivo la programmazione di “Tuglie Incontra” il “Festival nazionale del libro” organizzato Gianpiero Pisanello.

Il filosofo Mario Carparelli (19 settembre), l’autore del fenomeno editoriale dell’estate Luca Bianchini (il 23), Tonino Guarino e Annalisa Bari (il 27), il giornalista e conduttore televisivo Michele Cucuzza (il 28) Vittoria Coppola, Giuseppe Pascali, l’editore Cosimo Lupo, Massimo Donno, Fausto Romano (il 29), l’ex deputata del Pd Anna Paola Concia (il 30) e  Ada Fiore (il 6 ottobre)  Sono loro i protagonisti del festival che si svolge all’interno dei Giardini del “B&b Residenza Mosco”. L’unico evento a pagamento (posti limitati a 6,50 €), presso il piazzale di Montegrappa, sarà lo spettacolo “Fricciu” che, domenica 15 settembre, vede in scena Antonio Calò, Mino De Santis e Fabrizio Saccomanno per raccontare insieme storie e frammenti del Sud con ironia e disincanto.

«Sarà un mese ricco di incontri fortemente partecipati. Si parlerà di politica, radio e mafia ma anche di cancro, Salento e  del passato fino a festeggiare Luca Bianchini per il successo editoriale di “Io che amo solo te”. Sarà un mese nel quale i lettori potranno incontrare da vicino i propri autori preferiti in un contesto da favola», afferma l’organizzatore Gianpiero Pisanello.

Ancora una volta il Giardino di Residenza Mosco si illumina a festa con le installazioni luminose della ditta “Luminarie Cesario De Cagna di Giuseppe De Cagna e Fratelli” da Maglie.

Durante gli incontri si possono anche degustare i prodotti tipici offerti dalle aziende “Severino Garofano – Vigneti e Cantine” di Copertino e “Forneria Chiriasi” di Nardò.

Tuglie. “Platea d’Estate” si è conclusa con “Arte in Piazza – Mostra dell’arte e dell’artigianato artistico”. Un’iniziativa che si è svolta il 19 agosto nel centro storico con un percorso che da piazza Garibaldi, si è snodato lungo le vie principali. L’iniziativa è stata promossa dall’Amministrazione comunale  e dall’Unione dei Comuni delle Serre Salentine in collaborazione con biblioteca comunale, Fidas Tuglie, Tuglie Incontra-Festival nazionale del libro, Coopolio Salento, Asd  Podistica, Unione servizi volontari, Museo della civiltà contadina e associazione Aurora.

Dalle eccellenze enogastronomiche alla pasticceria e ai prodotti tipici del Salento, c’è stato spazio per il variopinto  mondo dell’artigianato artistico, dell’arte pittorica e scultorea, della letteratura locale e della musica live, con le infioriate artistiche a cura dell’associazione Caledda di Galatone, Sara Pisanello e Le Fate Ambulanti (ovvero “Le mercantesse itineranti”), Alessandro Vigna e i “Liberi” cover band dei Nomadi, la biodiversità di Francesco Minonne e l’agricoltura organica di Ivano Gioffreda. La Biblioteca si è trasformata in un contenitore di  espressioni artistiche con  i “Twenty Moons”, il Museo arte contemporanea di Matino con il video “Sal- SalIna SalEnto” di Salvatore Luperto, le performance di Liliana Ebalginelli, il radiodramma “Mari di Voce” di Biagio Putignano e la mostra di opere verbo visive dal video di Luperto. “Tuglie incontra” ha ospitato Pierpaolo Lala con il suo libro “Una frisella sul mare” insieme a Danilo Siciliano e Pino De Luca. Gli spazi esterni si sono vestiti dalle opere di Sonia Sindaco con le esposizioni di Arte Batik, Antonio Muscatello con la mostra di presepi e le opere di Gabriella Torsello e Bruno Sances.

foto di Michele Mariano

arte in piazza 2012 foto michele mariano - tuglie  (4)Tuglie. Con “Arte in Piazza”, si conclude la ventunesima edizione di “Platea d’estate”, la rassegna comunale di musica, teatro, danza ed arte.

Lunedì 19 agosto, dalle 19.30, l’evento coinvolge non solo la piazza principale del paese con musica, artigianato e associazionismo, ma anche via Risorgimento, con l’esposizione di quadri, la scalinata del Palazzo Ducale, con un momento di moda, e il largo antistante il mercato coperto, con l’enogastronomia.

“Arte in Piazza”, è  un originale progetto di promozione del territorio che vede protagoniste la passione, la professionalità e l’identità degli artisti, degli artigiani e degli imprenditori di Puglia.

Dalla letteratura alla pasticceria, dall’arte alla viticoltura,  ai libri, tutto diventa espressione  di un’arte che è allo stesso tradizione, cultura e identità e che deve essere valorizzata e fatta conoscere. Se in piazza Garibaldi, l’evento clou della serata è l’incontro-performance del vignettista Antonio Mele, in arte Melanton, non da meno è il ricco programma stilato dalla biblioteca comunale.

Si inizia alle 19.30, sul terrazzo, con le sonorità hard rock dei “Twenty moons”; alle 20.15, il Museo d’arte Contemporanea di Matino presenta il video “Sal Salina Salento” di Salvatore Luperto, con Anna Panareo e gli interventi di Carla Lezzi; performance reading “Psiche” di Liliana Ebalginelli; proiezione sonora del radiodramma “Mari di Voce” di Biagio Putignano.

Alle 22, l’attenzione è rivolta a Pierpaolo Lala con la presentazione del libro “Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia”.

L’evento è organizzato da “Tuglie incontra – Festival nazionale del libro” e vede coinvolti anche Danilo Siciliano e Pino De Luca. Subito dopo, il gran finale è affidato a Michele Bovino con il gruppo Amistade con le note dei capolavori di Fabrizio De Andrè e alla “Libera compagnia teatrale” di Aradeo e Antonella Musardo con “Bigodini sparlanti”. Gli spazi della biblioteca, inoltre, sono vestiti per l’occasione dalle performance artistiche di Bruno Sances, Gabriella Torsello, Sonia Sindaco e Bruno Fuso.

by -
2 1235
La platea di piazza Garibaldi pronta ad accogliere il Premio Calandra, Platea d'estate e altri eventi. Foto di Francesco Caputo

La platea di piazza Garibaldi pronta ad accogliere il Premio Calandra, Platea d’estate e altri eventi. Foto di Francesco Caputo

Tuglie. Con l’estate ritornano anche le tante manifestazioni che hanno l’obiettivo di coinvolgere residenti e turisti.

Il ricco cartellone di “Estate insieme 2013”, che unisce gli eventi delle associazioni, con la regia affidata all’assessorato al Turismo e allo Sport, entra nel vivo (dopo il “Che ca canta…a Santa Maria Goretti”) sabato 13 (alle 21) sul parco di Montegrappa con lo spettacolo “Ridiamo con i clown”.

In piazza Garibaldi, il 21 luglio, alle ore 20, si terrà il torneo di burraco, mentre il 25 ritorna il terzo appuntamento con la “Marcia della salute” a cura della Fidas. La “Festa dei bambini”, il 26 luglio, fa riempire il parco di Montegrappa di gonfiabili e altre attrazioni.

Sabato 27 l’associazione Emigranti organizza la “Festa dell’emigrante”, come consuetudine, alle 20.30 in piazza Garibaldi. Dal 30 luglio, e fino alla fine di agosto, il cuore di Tuglie diventa palcoscenico di Platea d’Estate, rassegna di musica e teatro organizzata dall’Amministrazione comunale. Prima però, tocca all’ottava edizione del Premio Calandra, organizzata dall’omonima compagnia teatrale, sempre in piazza, dal 22 al 24 luglio.

Novità anche per “Tuglie incontra”, il Festival nazionale del libro organizzato dal giornalista Gianpiero Pisanello. In attesa della programmazione ufficiale di settembre, sabato 3 agosto, alle ore 11.30, nella pineta adiacente alla scalinata di Montegrappa, sarà presentato il libro del jazzista Paolo Fresu “In Sardegna. Un viaggio musicale”. A seguire, un aperitivo con prodotti salentini e il concerto di Dario Muci con Valerio Daniele e Giorgio Distante. L’evento sancisce ufficialmente il partenariato culturale tra il “Locomotive Jazz Festival”, diretto da Raffaele Casarano e promotore dell’evento, e il Festival nazionale del libro di Pisanello.

by -
0 1110

Tuglie. Ha fatto tappa anche a Tuglie la “Festa del libro per ragazzi” promossa dall’assessorato alla Cultura della Provincia di Lecce e dal “Centro per il libro e la lettura” del Ministero dei Beni e delle attività culturali. L’evento, con il sostegno di “Arcus-arte cultura spettacolo” ha visto la collaborazione di numerosi enti ed associazioni.

Venerdì 24 maggio, alle ore 18, nella stazione ferroviaria di Tuglie è giunto il Trenino dei Libri, ovvero il vagone storico delle Ferrovie del Sud-Est, appositamente allestito, che ha portano un’aria di festa e di divertimento ai tanti bambini convenuti insieme ai genitori.

Il treno ha ospitato nei vagoni una mostra di libri pop-up, laboratori, letture animate dal librario cantastorie Sergio Guastini (di Sarzana) che ha incantato i più piccoli, e non solo, con la sua valigia piena di libri di ogni tipo e fattura (di vetro, di carta ma anche di ferro, plastica, legno e lava).

La festa tugliese ha poi avuto un seguito in biblioteca, sabato 25 maggio, con “La notte bianca” dei ragazzi dal titolo “Dove finisce la notte…”. I tanti presenti hanno potuto vivere la biblioteca quale luogo di incontro e di socializzazione, in una fascia oraria per loro inusuale, con giochi, divertimento, musica, sorprese e momenti molto intensi.

Domenica 26 maggio, invece, sempre in biblioteca, a partire dalle ore 18, si è svolto l’incontro “Leggiamo ad alta voce”, ovvero attività di intrattenimento con letture animate per i più piccoli a cura di Michele Bovino e “La libera compagnia”. Con lo slogan “Cresco perché leggo” la “Festa del libro per ragazzi” ha voluto far scoprire e riscoprire il piacere e l’importanza della lettura ai più piccoli. Organizzata all’interno della manifestazione “Maggio dei libri” e nell’ambito del progetto nazionale “In Vitro”, la Festa ha messo insieme biblioteche e librerie del Salento.

L’idea, alla base della prima edizione dell’iniziativa, è quella di costruire sul territorio una rete di luoghi della cultura capace di stimolare la crescita culturale e con essa lo sviluppo economico e sociale del Salento.

Gianpiero Pisanello

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...