Home Tags Posts tagged with "Notizie Taurisano"

Notizie Taurisano

Fontana-notturna  taurisanoTAURISANO. Era il 18 gennaio scorso quando avvenne  un  acceso diverbio in piazza Fontana  (foto)  tra un gruppo di giovani taurisanesi e alcuni loro coetanei rumeni, accusati, questi ultimi di alcuni furti frequenti in quel periodo nelle abitazioni del paese. Non ci fu solo uno scambio di “battute” però, perché la vicenda ebbe un seguito violento  qualche ora dopo: una vera e propria aggressione  da parte dei taurisanesi che raggiunsero i rumeni tornati nel frattempo a casa, ferendoli gravemente. I componenti del  violento episodio furono ben presto rintracciati. Prima Samuel Del Nilo, 34 anni, e in seguito i due gemelli Pierluigi e Massimiliano Scarlino,  di 39 anni, Giovanni Maruccia di 35, William Rocco Attanasio  di 23.  Nei giorni scorsi il gip Vincenzo Brancato ha recepito le richieste di patteggiamento degli avvocati dei quattro giovani che hanno chiuso i conti con la giustizia in questo modo: due anni e sei mesi di reclusione per Del Nilo; stessa pena per i due fratelli Scarlino e per Maruccia; pena sospesa per  Attanasio perché incensurato.

TAURISANO. Luglio potrebbe essere il mese decisivo per trovare una soluzione al problema dei confini tra Taurisano e Ugento. È quanto fanno sperare le ultime tappe di quel percorso accidentato che riguarda numerosi aspetti di “vicinanza” dei due comuni limitrofi e che ormai va avanti da un po’ di tempo. Il Comune di Taurisano, infatti, sta per concludere la bozza dell’accordo che sarà presentato ai “vicini di casa” e che conterrà la proposta di scambio di porzioni di territorio che, secondo le intenzioni, permetterà ai cittadini che abitano nella zona “contesa” di tornare ad essere taurisanesi anche sulla carta. La proposta di accordo sarà presentata con ogni probabilità alla fine del mese. Il Comune sta concludendo la redazione del documento in collaborazione con il comitato dei cittadini, proprio per recepire tutte le istanze delle famiglie che a novembre, su disposizione del prefetto, sono state trasferite d’ufficio nei registri dell’anagrafe di Ugento, sul cui territorio risiedono.

«Si cercherà in tutti i modi di trovare una soluzione condivisa tra i due Comuni – spiega l’assessore all’Urbanistica Francesco Damiano – in quanto la collaborazione tra i due enti è sicuramente la strada migliore per fare il bene dei cittadini». Questa è la ferma convinzione di Taurisano, ma se Ugento non sarà disposto a trovare un accordo, Taurisano procederà per le vie legali. In ogni caso, a sancire la soluzione definitiva sarà il referendum, con il quale i cittadini dei due Comuni esprimeranno la loro volontà. «L’esigenza primaria – continua Damiano – è quella di restituire l’identità ai residenti che oggi, con il trasferimento a Ugento, l’hanno perduta. Per questo motivo è bene che al centro della trattativa ci siano i cittadini».

Insomma, l’intenzione è quella di concludere la vicenda in prima battuta con diplomazia. Della soluzione che prevede lo scambio di porzioni di territorio si era già parlato durante la riunione del 12 febbraio (con tappe ben definite e tutte inevase), durante la quale il sindaco di Ugento, Massimo Lecci, aveva annunciato l’intenzione di nominare uno staff di professionisti per valutare la proposta del Comune di Taurisano. Una proposta che, a quanto pare, non dovrebbe più tardare  ad arrivare.

.

Marra con la figliaTAURISANO. Lo sport è un mix intenso e contagioso di passione e doti tecniche, che, spesso, si trasmette dai genitori ai figli. È quanto accade a Taurisano, dove Armando Marra, già vice campione italiano juniores di salto triplo sul finire degli anni Ottanta e tutt’oggi impegnato agonisticamente nelle categorie “senior”, oggi anche istruttore sportivo, allena la figlia Martina, dodicenne  che gareggia sia nella velocità che nei salti. Di fatto, i progressi e le competizioni della figlia, hanno spinto, di recente, Armando a ritornare in pedana e così si è riproposto con risultati eccellenti nella categoria SM 40 di salto in lungo.

Dopo un intenso periodo di allenamenti e prove, il test ufficiale si è avuto a fine aprile di quest’anno nel corso di una manifestazione sportiva svoltasi a Bari. Nel capoluogo pugliese, Marra, che oggi ha 40 anni, ha saltato la ragguardevole misura di 5,96, ottava misura regionale, seconda nella categoria SM40, ma prima in assoluto a livello provinciale, migliorando il precedente record di 5,80 appartenente a Luigi Primiceri e risalente addirittura al 2003. In categoria, tuttavia, la misura di 5,96 equivale al terzo posto assoluto a livello nazionale. In altre parole un exploit sportivo ed agonistico di tutto rispetto, che ha innescato in Armando ulteriore adrenalina positiva, spingendolo a riprendere gli allenamenti anche per il salto triplo, per cui sta pianificando il ritorno in pedana anche per quest’altra specialità di salto.

Ma in famiglia, si gongola soprattutto per Martina, che data l’età, alterna prestazioni nei salti e nella velocità pura, in attesa che la maturazione fisica e atletica indichi esattamente quale disciplina è più adatta alle potenzialità della baby atleta taurisanese. Intanto, a livello di prestazioni, Martina, che attualmente gareggia nella categoria superiore (ragazze), continua a centrare obiettivi importanti: primo posto assoluto in Puglia sia nel salto triplo con la misura di m. 4,23 sia nei 60 ostacoli con il tempo di 10,9, risultati tecnici di assoluto rilievo. Martina Marra è stata convocata dalla Fidal Puglia al raduno di Bari per le prove multiple programmate per il 21 e 22 giugno 2014, riservato ai migliori atleti delle varie categorie, che saranno visionati dai tecnici della federazione nazionale.

Assessore Francesco Damiano

 

TAURISANO. Una campagna informativa per raggiungere il 5% di differenziata in più ed evitare, così, l’aumento dell’ecotassa. L’assessorato all’Ambiente, guidato da Francesco Damiano (foto), ha messo in atto azioni di sensibilizzazione e informazione per stimolare i cittadini a differenziare i rifiuti. Inoltre partirà una periodica attività di controllo “per evitare – dice Damiano – che comportamenti sbagliati di qualcuno possano arrecare danno a tutta la comunità taurisanese, con conseguente aumento dei costi complessivi dei servizi di igiene urbana”. Saranno effettuati controlli a campione nei bidoncini, nei contenitori e nei sacchetti e le eventuali anomalie saranno sanzionate.

Il Comune rivolgerà attenzione verso il conferimento dei rifiuti indifferenziati, raccolti il lunedì, il mercoledì e il sabato. Nei contenitori non dovranno più essere gettati tutti quei rifiuti che possono essere raccolti in modo differenziato «Un maggiore impegno – continua Damiamo – è necessario anche da parte degli operatori della somministrazione di alimenti e bevande e degli esercenti commerciali, i quali, al pari di tutti gli altri cittadini, saranno chiamati a porre più attenzione nelle operazioni di diversificazione della raccolta e, soprattutto, nel conferimento».
Per sensibilizzare la cittadinanza, l’Aministrazione ha deciso di formare un gruppo di “ecovolontari” per diffondere tra i cittadini le informazioni.

Nell’ultimo Consiglio comunale, è stato approvato il protocollo d’intesa con la Provincia per l’utilizzo della guardie ecologiche sul territorio comunale. E si avvicina la realizzazione dell’ecocentro comunale. «Questo è il momento di richiamare tutti ad una maggiore attenzione e  responsabilità nel differenziare i rifiuti – chiude l’assessore – sapendo che ogni azione virtuosa del nostro vivere quotidiano potrà, senza dubbio, migliorare le sorti ambientali ed economiche dell’intero territorio» Intanto sono previsti tre incontri: il 15 maggio in piazza Pietralaia, il 16 in piazza Saccotti, il 17 in piazza Libertà alle 19,30.

TAURISANO. Finalmente riapre il parco comunale di via Lecce. Nei giorni scorsi il Comune ha reso nuovamente fruibile alla cittadinanza l’area, che per diverso tempo è stata chiusa per l’assenza di un gestore. In realtà di gestori non ce ne sono nemmeno ora: infatti l’Amministrazione ha deciso di riaprire comunque il parco anche in assenza di qualcuno che si occupi del piccolo bar interno, che al momento resta chiuso.

Prima di riaprire i cancelli, il Comune ha dovuto eseguire i lavori per la messa in sicurezza della zona, soprattutto dopo i danneggiamenti ad opera dei vandali. «Ripristinare le condizioni di sicurezza per i fruitori – affermano il sindaco Lucio Di Seclì e l’assessore alle Attività produttive Luca Rosafio – ha rappresentato un enorme sforzo per l’Amministrazione, in ragione delle ristrettezze di risorse a disposizione dell’ente. Garantire pulizia e decoro a quest’area dedicata ai più piccoli diventa ogni giorno più difficile, ma non è ragionevole dover sempre intervenire per ripristinare giochi, cestini, panchine, lampioni danneggiati non solo da un uso improprio, ma anche da vero e proprio accanimento distruttivo».

Sindaco e assessore, proprio in ragione delle difficoltà incontrate nel riuscire a garantire la riapertura del parco, hanno lanciato a tutti i fruitori un appello ad avere rispetto e attenzione per la struttura e a segnalare a vigili urbani e forze dell’ordine eventuali comportamenti scorretti. Il Comune ha intensificato i controlli nell’intera zona, ma si affida soprattutto al buon senso dei cittadini e alla cura dei genitori per gli spazi frequentati dai loro figli. «Da parte nostra – dicono gli amministratori – abbiamo già predisposto un’intensificazione dei controlli su tutta l’area ma è solo con il vostro prezioso aiuto che potremo preservare il parco giochi da futuri danneggiamenti». E quindi un ultimo appello: «Genitori abbiate cura degli spazi dedicati ai vostri bambini». Si attende, intanto, l’avvio della procedura per affidare la gestione dell’area.

biciclettataTAURISANO. Tutti in bicicletta domenica 11 maggio per il consueto ritrovo di famiglie e bambini, organizzato dall’Avis “Luigi Bitonti”. Quest’anno la Biciclettata ecologica taglia il traguardo n. 22, confermandosi l’appuntamento tra i più attesi dai cittadini, anche perché l’obiettivo dell’Avis è quello di sensibilizzare la comunità verso il dono del sangue, un gesto di generosità e di altruismo  più che mai necessario.

Il programma prevede il raduno in piazza Castello, da dove, intorno alle 8,30, inizierà l’itinerario tradizionale attraverso il centro storico e la periferia. L’unica sosta prevista per la carovana è presso l’oratorio Don Bosco per un veloce rinfresco e poi ripartire verso la meta conclusiva di piazza Unità D’Italia. Qui sarà effettuato il sorteggio per l’assegnazione di alcune biciclette e di altri premi offerti dagli sponsor. L’Avis prevede di superare i mille partecipanti: per le iscrizioni e per il ritiro del kit previsto ci si può recare presso la sede dell’associazione in Via C. Battisti (nei pressi di Piazza Castello).

by -
0 1228

OLYMPUS DIGITAL CAMERATAURISANO. In partenza non era prevedibile; poi quello che sembrava essere il nascosto oggetto del desiderio è diventato l’obiettivo raggiungibile. Domenica 13 aprile la Virtus Taurisano è approdata in Seconda categoria, travolgendo per 4 a 1 il Tricase nei play off. Festeggiati il presidente Stefano Bartolomeo, il tecnico Enzo Rizzello, non solo per la bravura dimostrata ma soprattutto per il coraggio di mettersi in gioco per rilanciare il calcio taurisanese. Complimenti ai ragazzi terribili che hanno letteralmente annichilito prima il Tuglie nella semifinale e poi il Tricase, battendo entrambe le antagoniste in casa loro (a Tricase con 150 tifosi al seguito). Tutti bravi e determinati i calciatori, ma senza nulla togliere agli altri, una citazione va fatta per il bomber Capone, autore di 18 reti in stagione, per l’altro attaccante Aprile, il fantasista Orlando, il portiere De Icco e Giovanni Politi, la cui esperienza è stata determinate per la crescita del gruppo.

I giovani ridipingono la RotondaTAURISANO. Sabato 22 marzo la Consulta giovanile di Taurisano ha dato il via alla prima iniziativa (la prima di una lunga serie) di volontariato ambientale, mirata alla collaborazione e alla responsabilità verso i luoghi pubblici del paese. Il primo luogo ad essere “preso di mira” è stato “La Rotonda”, il posto più autentico di Taurisano, il simbolo di un’intera comunità. Già dalle 8.30 del mattino, infatti, tantissimi giovani erano alle prese con rulli e pennelli, aiutati dagli assessori comunali Francesco Damiano e William Maruccia.

Una manifestazione riuscita alla grande che ha divertito e rallegrato la comunità giovanile e nello stesso tempo ha sottolineato un aspetto importante: l’educazione ambientale e il senso di rispetto nei confronti del luogo in cui si vive. Informazione e sensibilizzazione sono due parole chiave che sono alla base di tutti gli eventi pensati dalla Consulta giovanile di Taurisano, come per esempio, quello organizzato sabato 29 marzo in occasione dell’evento mondiale “L’ora della terra” che ha l’obiettivo di ricordare a tutti la necessità di intervenire contro il riscaldamento globale mediante un gesto semplice ma concreto: spegnere le luci per un’ora.

È quello che è stato fatto in piazza Castello alle 19.30. Un cielo buio illuminato solo dalla luce delle lanterne volanti, una serata emozionante animata da spettacoli di musica e danza. I ragazzi sperano che questo sia solo l’inizio di un lungo percorso, solo le prime tappe di una lunga serie di giornate ecologiche. La Consulta giovanile ha in mente tantissimi progetti che presenterà a breve ai suoi concittadini.

Annamaria Costa

via-per-ugento-abitazioni-taurisano-(3)Taurisano. Ci sono voluti trent’anni, ma alla fine il caso della ridefinizione dei confini tra Taurisano e Ugento è esploso, con tutto il suo carico di novità e di inevitabili disagi. Su ordine del prefetto Giuliana Perrotta, le 91 famiglie – circa 350 persone – che abitano nelle contrade e nelle strade a cavallo tra i due comuni dovranno fare le valigie, seppur simbolicamente, e diventare ugentine. In buona sostanza, dovranno regolarizzare la loro posizione, considerato che abitano in territorio di Ugento ma attualmente hanno la residenza a Taurisano.

Tutto è iniziato intorno al 1981, quando nella zona sono sorte le prime abitazioni. Nonostante il territorio fosse di Ugento, gli uffici comunali di Taurisano hanno permesso l’iscrizione delle famiglie nei loro registri. Iscrizioni erronee, alle quali oggi bisogna rimediare per poter poi procedere alla ridefinizione dei confini. Sui passaggi da effettuare Perrotta è stata chiara: entro il 30 novembre i due Comuni sono stati invitati a predisporre la cancellazione delle famiglie dalle liste d’anagrafe e di stato civile di Taurisano e il loro inserimento in quelle di Ugento. Gli stessi cittadini interessati saranno chiamati a presentarsi negli uffici comunali di Ugento per confermare la loro residenza. E se non lo faranno, la conferma avverrà d’ufficio. Successivamente si procederà alla revisione delle liste elettorali.

Il sindaco di Ugento è stato sollecitato a portare in Consiglio comunale la questione della ridefinizione dei confini, tenendo conto dei disagi della popolazione interessata, che si troverà ad essere residente a Ugento ma incardinata da sempre nel tessuto sociale di Taurisano. Successivamente, ci sarà il referendum consultivo. I cittadini potranno così scegliere da che parte stare.

Non appena venute a conoscenza delle decisioni del prefetto, le famiglie si sono riunite nel comitato “Noi taurisanesi”, per dimostrarsi fortemente contrarie al trasferimento di residenza e per chiedere garanzie su tempi e modi in cui si procederà alla definitiva soluzione del problema. «Siamo taurisanesi – affermano alcuni cittadini interessati – e non vogliamo diventare cittadini di un altro Comune. Specie se quel Comune in tutti questi anni non ci ha fornito nessun servizio».

Taurisano. “Balla coi lupi”, il titolo del film capolavoro di alcuni anni fa con Kevin Costner, al cui centro c’è il rispetto e il riscatto della persona, è anche il titolo del progetto di Servizio civile del Comune di Taurisano, nel quale nei prossimi mesi saranno impiegati  4 giovani di età compresa tra 18 e 28 anni. Esaurita la fase di acquisizione delle domande, il Comune procederà all’esame della documentazione pervenuta e all’ “esame colloquio” con i candidati. I destinatari del progetto sono otto minori (3-10 anni), con problemi di apprendimento e difficoltà relazionali. Di riflesso le attività si rivolgono anche ai genitori dei bambini, per i quali saranno ideati dei “laboratori” di incontro e confronto finalizzati a diffondere elementi di cultura dell’infanzia e a creare occasioni di vero e proprio sostegno genitoriale.

I volontari selezionati metteranno in essere interventi in classe per coadiuvare gli insegnanti nelle varie attività, favorendo, l’apprendimento dei minori che presentano difficoltà a seguire il programma didattico. A supporto delle azioni progettuali, sono previste attività ludico ricreative, laboratoriali e di animazione.

Piazza Castello con il Municipio

Piazza Castello con il Municipio

Taurisano. Tu mi offri un “caffè” e io ti faccio lavorare. Ma se per “caffè” si intende una mazzetta, e i lavori sono quelli commissionati dal Comune, non stiamo assistendo ad una chiacchierata tra amici ma a qualcosa, decisamente meno legale, che va sotto il nome di “concussione”. Ed è questo che, secondo gli investigatori, è avvenuto nei mesi scorsi a Taurisano. Protagonista, il tecnico comunale Lucio Orlando, responsabile delle manutenzioni pubbliche. Come è ormai noto, i poliziotti del commissariato del paese, coordinati dal vicequestore Salvatore Federico, hanno bloccato il professionista in flagranza di reato: aveva ancora in tasca le banconote (950 euro) appena incassate dall’imprenditore Patrizio Palma. Il denaro era stato fotocopiato pochi minuti prima dagli agenti.

Lucio Orlando è stato arrestato la sera del 9 ottobre all’uscita dell’agenzia immobiliare “Genius”, di proprietà del figlio. Aveva appena incontrato l’imprenditore al quale, secondo l’accusa, avrebbe chiesto mille euro come “percentuale” per i lavori di pulizia degli edifici scolastici. «Questo lavoro è tuo – avrebbe detto qualche settimana prima – ma mi devi dare mille euro. Devi fare tutto alle mie condizioni e sappi che mi devi ancora il caffè del precedente lavoro presso il parco». Il riferimento è a lavori svolti precedentemente, sempre su affidamento diretto da parte di Orlando.
Senza quei “caffè”, Palma non avrebbe più ottenuto incarichi da parte del Comune. L’imprenditore, però, dopo diversi episodi ha trovato la forza di denunciare e sul finire di settembre si è presentato in commissariato. Così è scattata la trappola. E sono emerse anche altre situazioni che appesantiscono il quadro indiziario nei confronti del tecnico. Come la registrazione di un colloquio in cui Orlando farebbe riferimento a lavori futuri da realizzare in modo difforme rispetto alla commessa: «Così facciamo 500 metri di marciapiede, ne facciamo 300, perché 200… la rimanente parte a te». Un “caffè” oggi in cambio di vantaggi economici futuri.
L’arrestato, che si trova ora ai domiciliari ed è difeso dagli avvocati Luigi Rella e Mario Urso, è stato sospeso dal servizio.
I poliziotti hanno acquisito tutta la documentazione riguardante i lavori affidati in modo diretto (quindi di importo inferiore alla soglia oltre la quale è prevista la gara d’appalto) da Orlando a Palma. In particolare, si tratta degli interventi nelle scuole, nella zona industriale e nel parco.

 

 

monumento-vaniniTaurisano. A conclusione di uno specifico concorso di idee, il Comune di Taurisano ha avviato il percorso che conduce alla realizzazione del monumento al filosofo taurisanese Giulio Cesare Vanini. L’opera prescelta (foto) è quella dell’artista milanese Paolo Prevedini, per la cui realizzazione proprio in questi giorni l’Amministrazione comunale  ha avviato una ricerca pubblica per individuare soggetti intenzionati a proporsi come sponsor.

Il costo dell’opera finita, a seguito di relativa indagine dell’Ufficio tecnico comunale, è stato quantificato in 50mila euro. Al bando pubblico possono partecipare soggetti privati e pubblici quali enti, imprese, società, consorzi, che intendono promuovere la propria immagine attraverso il partenariato con l’Amministrazione comunale di Taurisano. Le istanze di sponsorizzazione, devono essere presentate all’Ufficio protocollo dell’Ente entro e non oltre ore 12 del 30 novembre 2013.

È prevista l’esclusione delle richieste aventi ad oggetto propaganda politica, sindacale, filosofica e religiosa, nonché diretta o collegata alla produzione o distribuzione di tabacco, prodotti alcolici, materiale pornografico o a sfondo sessuale e armi, nonché delle proposte che provengano da soggetti che nell’esercizio delle proprie attività non rispettino i principi posti a tutela dei diritti umani fondamentali e dei diritti previsti dalle legislazioni internazionali e nazionali vigenti, con riferimento soprattutto alle materie dei diritti dei lavoratori, dei consumatori e alla protezione dell’ambiente.

Le proposte ammissibili saranno esaminate tenendo conto della coerenza ed integrazione tra attività pubblica e promozione dello sponsor mentre i rapporti tra il Comune e lo sponsor,  saranno disciplinati da apposito “contratto di sponsorizzazione”.

by -
0 869

Taurisano. Consiglio comunale infuocato, venerdì scorso. La riunione, convocata per approvare il bilancio previsionale del 2013, le tariffe della Tares e il regolamento Ici sulle aree fabbricabili, si è conclusa tra le polemiche, scoppiate soprattutto tra il sindaco Lucio Di Seclì e il consigliere di opposizione Salvatore Rocca, di Rifondazione comunista.

I primi malumori si sono avuti quando la segreteria di Rifondazione ha posizionato in aula una telecamera per riprendere i lavori del Consiglio. Dopo diversi inviti allo spegnimento – pare non fosse stata inoltrata la necessaria autorizzazione – la segretaria comunale ha fatto intervenire le forze dell’ordine.

Il Consiglio ha poi approvato, con voto contrario dell’opposizione, il bilancio previsionale e le tariffe della Tares. A tal proposito, l’assessore Francesco Damiano spiega che l’Amministrazione ha scelto gli aumenti minimi previsti dalla legge e sottolinea che “la delibera contenente le nuove tariffe è stata approvata dal Consiglio con i soli voti favorevoli della maggioranza, che ha assunto la decisione per responsabilità amministrativa”. Ancora una volta a pagare saranno i cittadini e le imprese ma – ha aggiunto «I cittadini devono sapere che con questa “stangata” il Comune non ci guadagna nulla».

Il vero scontro si è avuto durante l’ultimo punto, quello riguardante le interpellanze e le interrogazioni. «Mentre leggevo le mie interrogazioni – racconta Rocca – il sindaco spegneva il microfono al terzo minuto, dicendomi che stava semplicemente applicando il regolamento. Peccato, però, che lo stesse applicando solo con me e non con gli altri consiglieri».  Rocca ha poi  gettato all’aria i fogli che aveva in mano ed ha abbandonato l’aula.

Via Venezia

Via Venezia

Taurisano. L’appuntamento con la rassegna “Arte in Terra”, organizzata dall’ associazione culturale omonima, nel panorama culturale taurisanese è diventato irrinunciabile. L’iniziativa, nata qualche anno fa in via del tutto “sperimentale”, sempre più consolidatasi nel corso degli anni, giunge  alla nona edizione e propone un programma di tutto rispetto, che si snoda tra sabato 30 e domenica 31 agosto.

Il tema prescelto dagli organizzatori è già tutto un programma: “Sud”, ma non solo il nostro Sud, come ci spiega Fiore Palese, “mente” della rassegna culturale: «Vogliamo, piuttosto, che si parli al plurale, dei “Sud”., È sufficiente guardarsi intorno per capire quanta emergenza ci circonda. Non vogliamo essere presuntuosi o esprimere soluzioni verità: come associazione culturale vogliamo solo discutere e confrontarci, far trascorrere alla gente due giorni di costruttivo rilassamento, passeggiando nell’itinerario che abbiamo delineato nell’edizione 2013. Vogliamo che “Sud” sia una parola di speranza e di progresso».

Nei due giorni fissati, la rassegna si svolgerà nel centro storico di Taurisano e rispetto al passato, più spazio verrà riservato a piazza Castello, recuperata dopo un anno di lavori.

“Arte in Terra” sarà per tutti i gusti e per tutte le professionalità: pittura, scultura, fotografia. Spazio  anche alle installazioni e alle video installazioni e per la presentazione  del libro “Figli è per sempre” di Fernando Branca, presente l’autore, introdotto da Francesco Caccetta, che ne ha curato la prefazione.

by -
0 1467
Edizione 2012, a sinistra il vincitore Micolani, accanto Scala

Edizione 2012, a sinistra il vincitore Micolani, accanto Scala

Taurisano. Dal 18 luglio il grande tennis sarà di scena a Taurisano con la XII edizione del Torneo nazionale Open II categoria “Trofeo Scarlino”, inserito nel ranking tennistico federale. L’organizzazione è a cura del Circolo tennis “Giovanni Verardi”.

È prevista la presenza di non meno 60 tennisti, provenienti da tutti i circoli pugliesi ma anche da sodalizi tennistici di altre regioni. Negli ultimi due anni il livello tecnico della manifestazione è cresciuto anche perché la presenza dei vari Micolani, Scala e Marturano non poteva che innalzare le quotazioni del torneo taurisanese, che, anche per l’edizione 2013, si fregia del riconoscimento della Fit nazionale e regionale, del Coni e del patrocinio della Provincia di Lecce e del Comune di Taurisano. Per la cerimonia di apertura e di chiusura hanno garantito la presenza il presidente della Provincia, Gabellone, i presidenti della Fit regionale e provinciale, Donato Calabrese ed Elio Pagliara, il vicepresidente della Fit regionale Giovanni Stasi.

In completa ipnosi organizzativa è il presidente del “Verardi”, Ivano Colona, che, insieme ai collaboratori Bruno Rizzello, Antonio Tornesello, Mario De Icco, Flavio Preite, Emanuele Pizzi, ha pianificato al meglio il torneo: «Ogni anno – dice – ci rendiamo conto che il lavoro organizzativo rimane oneroso e complicato, ma il nostro entusiasmo ci consente di superare ogni forma di ostacolo».

sagra del wTaurisano. Ritorna “Estate taurisanese”, organizzata dall’assessorato comunale alla Cultura in collaborazione con le associazioni del paese. Tante le iniziative in programma.

Ecco gli appuntamenti dei prossimi giorni. Giovedì, 11 luglio nella casa natale di Vanini, alle 18.30 ci sarà il convegno “Quando un modello funziona: esperienza di inclusione sociale a Taurisano”; sabato 13, poi, l’associazione sportiva “Latin dance” proporrà il “Secondo galà di danza”, alle 18 in piazza Unità d’Italia. Martedì 16 avrà inizio la rassegna teatrale per bambini “Ambarabà: racconti sotto le stelle”; giovedì 18, appuntamento con lo sport: nell’oratorio parrocchiale ci sarà l’undicesima edizione del torneo di tennis organizzato dal circolo “G. Verardi”; venerdì 19 sarà presentato ufficialmente il progetto europeo “Giovani e democrazia”, che vede alcuni ragazzi di Taurisano protagonisti di uno scambio culturale con i loro coetanei ciprioti.

L’appuntamento è organizzato dal Comune e dall’associazione “Fattoria pugliese diffusa”. Sabato 20 luglio, poi, l’imperdibile appuntamento con l’ormai tradizionale sagra del wurstel e della birra (nella foto l’edizione 2012), a cura degli Amatori calcio.

Taurisano. Sono ormai ai nastri di partenza le attività del “Gruppo di acquisto solidale” nato nel centro informativo e creativo che ha sede a Taurisano, in piazza Pietralaia, in una palazzina confiscata alla malavita organizzata e consegnata alla comunità cittadina. A spiegarlo è il responsabile della gestione del centro, Vincenzo Annunziata: «Abbiamo contattato diverse aziende del territorio, tra Taurisano, Ruffano e Torrepaduli, e abbiamo stipulato le convenzioni affinché possano fornirci prodotti alimentari agricoli, ortofrutticoli e caseari, tutti di produzione biologica. Ci stiamo attrezzando anche per gli insaccati e le carni, vista la presenza di rinomati salumifici in paese. Tutti i prodotti ci saranno forniti a prezzi accessibili. Alcuni agricoltori hanno anche manifestato la disponibilità a modificare le proprie coltivazioni per fornire ciò di cui il Gruppo di acquisto solidale ha bisogno».

Il passo successivo, quello che sarà intrapreso proprio in questi giorni, sarà quello di individuare gli utenti del Gruppo di acquisto solidale, coloro, cioè, che daranno la loro disponibilità a comprare i prodotti messi a disposizione dalle aziende.

«Per il momento – spiega Annunziata – ci siamo messi in contatto con gli enti e le strutture del territorio in cui c’è maggior presenza di persone, in modo che si possano stipulare degli accordi collettivi. È nostra intenzione, però, spingere i cittadini a riunirsi, magari in associazionio di quartiere, per far pervenire le richieste dei prodotti».

Sarà una bella novità per Taurisano: i cittadini avranno modo di assicurarsi l’approvvigionamento di prodotti sani, a chilometro zero e a costi decisamente competitivi.

«Contiamo di chiudere il ciclo in poche settimane – conclude Vincenzo Annunziata – e speriamo che le attività del Gas possano partire regolarmente prima dell’estate».

Pierangelo Tempesta

La casa natale di Giulio C. Vanini

Taurisano. Recuperare e valorizzare il patrimonio immobiliare edilizio e fondiario abbandonato o poco utilizzato, grazie all’uso di finanziamenti comunitari a fondo perduto. È l’obiettivo del progetto “Borghi vivi”, che è stato presentato a Taurisano lo scorso 7 maggio e che ha visto tra i partecipanti alla conferenza il presidente e il vicepresidente dell’associazione Euro Idees, Luigi Badiali e Emanuele Daluisio.

Del progetto fanno parte i Comuni di Botrugno, Giuggianello, Melissano, Miggiano (capofila), Montesano Salentino, Nociglia, Patù, Presicce, Ruffano, Salve, Sanarica, San Cassiano, Specchia, Supersano, Surano, Taurisano e Ugento.

Nel suo intervento, l’assessore all’Urbanistica di Taurisano Francesco Damiano ha sottolineato i notevoli passi in avanti che, in una visione generale del territorio, si stanno compiendo nel Salento.

«Cresce il turismo che non si accontenta più del mare e delle spiagge – ha commentato Damiano – che pur essendo fantastiche, possono essere rintracciate in altre parti d’Italia e del mondo. Crescono i flussi di turisti alla ricerca dell’entroterra, dei borghi recuperati, alla scoperta delle usanze locali, delle tradizioni, della cultura e delle bellezze paesaggistiche».

Anche il Comune di Taurisano, ha continuato Damiano, è riuscito ad intercettare risorse per la riqualificazione del territorio: la ristrutturazione di casa Vanini e della biblioteca, i rifacimenti delle piazze, il restauro del palazzo comunale e dell’anfiteatro, la rigenerazione dei giardini della villa.

«Da parte sua l’Amministrazione continuerà l’azione di riqualificazione anche in altre aree del territorio, per le quali abbiamo ottenuto ulteriori finanziamenti.

Ci si augura pertanto – ha concluso – che ad affiancare l’azione pubblica nella riqualificazione del centro saranno anche i privati, gli operatori e tutti coloro che hanno immobili inutilizzati da poter adibire a strutture di piccola ricettività turistica».

Tra le idee da sviluppare nell’ambito di “Borghi vivi” c’è quella di realizzare i cosiddetti “alberghi diffusi”: un’idea che per Damiano può essere messa in pratica anche a Taurisano.

D’altronde è una possibilità presa in considerazione in altri paesi salentini come opportunità necessaria per dare un respiro più ampio al turismo coinvolgendo i centri storici e l’iniziativa dei privati.

Pierangelo Tempesta

Elisabetta Di Seclì

Taurisano. Il villaggio di Gambo in Etiopia è uno dei territori più poveri dell’intero pianeta ed è il posto dove Elisabetta Di Seclì, giovane infermiera di Taurisano, da qualche anno trasferita a Reggio Emilia per lavoro, ha vissuto un’esperienza di volontariato straordinaria e intensa, per certi aspetti drammatica, per la precarietà strutturale e le difficoltà che quotidianamente si è trovata ad affrontare. L’esperienza in Etiopia fa parte delle attività del Gaom,  Gruppo di amici ospedalieri missionari, di cui Elisabetta Di Seclì fa parte attiva. Il Gaom dal 19 gennaio al 17 febbraio 2013, dando continuità al progetto avviato da anni, ha inviato un gruppo di 23 volontari, comprendente medici, infermieri, architetti e ingegneri, che, ognuno per la propria professionalità, hanno prestato servizio in ospedale o continuato a progettare e dirigere i lavori per la costruzione di una fattoria, dove allevare vacche per la produzione del latte per le emergenze pediatriche della zona. Elisabetta ha lavorato nel reparto di pediatra dell’ospedale di Gambo, dove ha avuto modo di toccare con mano situazioni inverosimili, ha visto veramente “cose dell’altro mondo”, come la stessa ci spiega: «È difficile capire certe situazioni se non le si vive in prima persona, posso solo dire che ho visto tanti bambini in pessime condizioni, gravati da malattie indicibili quali lebbra, malaria, mal nutrizione, ustioni di massimo grado. Ho preso in braccio bambini il cui spessore del polso non superava la grossezza del mio dito mignolo, ho lavorato in un ospedale di 35 posti, quando, invece, il fabbisogno era ampiamente più elevato, per cui un letto doveva ospitare almeno due bambini. Insomma, un posto veramente fuori dal mondo, verso il quale dovremmo tutti quanti rivolgere più attenzione».

by -
0 758

Liquami ben visibili

Taurisano. Niente più sversamenti di liquami nelle campagne: il Comune ha ottenuto un finanziamento di quasi 520mila euro per effettuare importanti interventi di manutenzione e modifica dell’impianto di depurazione.

Ad annunciarlo è l’assessore all’ambiente Francesco Damiano: «Dopo diverse riunioni, nel corso del 2012, tra tutti gli enti preposti, sulle criticità del recapito finale dell’impianto di depurazione di via Acquarica, l’Autorità idrica pugliese ha autorizzato gli investimenti per la realizzazione di importanti opere».

Dei 517mila euro finanziati, 475mila saranno utilizzati per realizzare la fascia di rispetto intorno all’impianto. Si tratta di un intervento necessario, oltre che sotto il profilo normativo, anche per poter aumentare le possibilità di smaltimento del recapito finale. Saranno poi realizzati, utilizzando altri 42mila euro, alcuni tronchi di rete fognaria su corso Umberto I e su via Conte di Torino, per rendere possibili gli allacciamenti alle abitazioni.

Grazie a questi interventi, secondo quanto spiega l’assessore, troveranno soluzione i problemi legati agli sversamenti nelle campagne al confine con Acquarica del Capo (più volte Piazzasalento si è interessato a questo problema), che, oltre a creare enormi disagi ai proprietari dei terreni, rappresentano un serio rischio per l’ambiente.

«Questo intervento – sottolinea Francesco Damiano – unitamente al lavoro che si sta facendo per la bonifica della ex-discarica di contrada Marasculi (finanziato dalla Regione Puglia per oltre un milione di euro),  manifesta la continua attenzione che l’Amministrazione comunale, di concerto con gli enti superiori preposti, ripone sul tema della tutela dell’ambiente e, soprattutto, sulla salute dei cittadini». Non si può negare l’attenzione che l’Amministrazione dimostra verso i temi ambientali cercando di sensibilizzare soprattutto le nuove generazioni coinvolgendo le scuole. Nei mesi scorsi si è conclusa la prima rassegna di manifestazioni eco sostenibili, denominata “Riciclo, Riuso Rinnovo”.

Pierangelo Tempesta

by -
0 686

Taurisano.  L’aria di Taurisano è sostanzialmente pulita. È questo il risultato a cui è giunta l’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione ambientale (Arpa), che dal 9 luglio al 4 settembre 2012 ha monitorato la qualità dell’aria nel centro cittadino. Il rilevatore, installato nel cortile della scuola media di via Lecce, ha registrato la concentrazione giornaliera di PM10 (le particelle inquinanti presenti nell’aria), ma anche di monossido di carbonio, ossidi di azoto, biossido di zolfo ed altri inquinanti chimici.

Solo in un giorno, si legge nella relazione che l’Arpa ha consegnato al Comune qualche giorno fa, la media giornaliera di PM10 ha superato il livello indicato dalla normativa vigente: il 24 agosto le particelle hanno toccato quota 54 microgrammi per metro cubo, superando di 4 il limite stabilito dalla legge. Nello stesso giorno, tra l’altro, il livello è stato superato anche in altri comuni leccesi (Arnesano, Campi Salentina, Lecce, San Pietro in Lama, Surbo).

Il monitoraggio dell’aria è stato predisposto dall’assessorato comunale all’ambiente, guidato da Francesco Damiano, in seguito alle segnalazioni che, sul finire del 2011, erano giunte in municipio da parte di un gruppo di cittadini che lamentava la presenza di cattivi odori, simili a quelli di sostanze plastiche bruciate, nella periferia del paese. Furono in 60 a firmare una petizione per chiedere il diretto intervento di sindaco e Giunta. Il consigliere comunale di opposizione Emanuele Rizzello presentò anche un’interrogazione consiliare.

Soddisfatto per i risultati consegnati dall’Arpa l’assessore Francesco Damiano, che si dice contento che l’aria che i cittadini respirano sia nella norma.

by -
0 1289

Luca Scarcia (il primo a sinistra) in gara

Taurisano. Ancora un’affermazione per gli atleti della società A 13 Alba Taurisano, con Luca Scarcia, che continua a collezionare vittorie, impostosi il 20/21 ottobre scorso a Santa Margherita Ligure, mentre il 21 ottobre è toccato a Daniela Hajnal (di Casarano), vincitrice a Pescara. Luca Scarcia non è più una sorpresa, la determinazione e l’impegno gli forniscono in gara la forza per battere gli avversari, come accaduto a Santa Margherita Ligure, provincia di Genova, dove si è svolta la 2^ edizione della Corsa a tappe del Tigullio, una gara ad alto tasso di difficoltà, articolata su uno scenario naturale incontaminato e su uno splendido percorso che ha condotto via via gli atleti partecipanti dall’incantevole spiaggia di Paraggi sino alla Piazzetta di Portofino (raggiunta in battello), per poi addentrarsi lungo i sentieri del Monte di Portofino. La seconda tappa, svoltasi domenica 21 ottobre, si è snodata lungo le colline del borgo di Santa Margherita. La classifica finale ha visto eccellere il salentino Luca Scarcia, che sul percorso complessivo, ha totalizzato il tempo di  1.40’14” con un vantaggio di 22” sul russo Golovanov Pavel e di 2’10” sul cuneese Luca Dalmasso.

Daniela Hajnal

La scuola media “Don Tonino Bello”

Taurisano. Si segnala per l’occhiuto controllo sulle spesse comunali quando riguardano in qualche maniera “favori” alla chiesa. Ma il consigliere Salvatore è anche colui che chiede attenzioni per un’antica chiesetta da restaurare con urgenza. Diavolo rosso o laico convinto?

«Se c’è un danno erariale, qualunque sia l’origine, come consigliere comunale devo intervenire». E così arriva anche sul tavolo del prefetto la spinosa polemica sollevata dal consigliere di opposizione Salvatore Rocca (Rifondazione comunista) sull’utilizzo del salone della scuola media “Don Tonino Bello” per la celebrazione della messa da parte della parrocchia “Santi Apostoli Pietro e Paolo”(foto).

Salvatore Rocca

Dai banchi dell’opposizione l’esponente politico ha avanzato l’ipotesi di un presunto danno erariale nei confronti del Comune, derivante dal mancato pagamento della locazione e dei consumi di energia elettrica per 13 anni, dal 1998 (anno in cui la parrocchia ha ottenuto in uso la sala) ad oggi. Per cercare di fare luce sulla vicenda Rocca e il segretario politico del suo partito, Rocco Cavalera, si sono rivolti all’avvocato Sonia Santoro, il quale, il 23 ottobre, ha inviato in Prefettura una missiva che riassume la questione.tornata a galla nell’ultimo Consiglio comunale. Rocca ha chiesto al sindaco di chiarire alcune incongruenze circa la cessione di una porzione del territorio della nuova chiesa parrocchiale (in corso di costruzione) al Comune per la realizzazione di una rotatoria.

Il primo cittadino Di Seclì, infatti, in un primo momento aveva dichiarato che tale passaggio di proprietà sarebbe avvenuto dietro il pagamento di un corrispettivo, per poi scrivere, in una nota inviata in Prefettura, che la cessione sarebbe stata gratuita. «Dopo che la parrocchia, sin dal 1998, non ha mai pagato nulla al Comune, il quale ha sostenuto le spese elettriche – ha tuonato Rocca in Consiglio – come si può dire che la curia può cedere tale zona previo corrispettivo da concordare? Le risposte possono essere tante, ma una sola cosa è certa: il Comune ha subito un danno erariale e nonostante qualcuno in questi anni abbia fatto finta di niente, l’attuale maggioranza ha preferito tacere e fare gli interessi della Chiesa e non del Comune. Al danno si aggiunge la beffa».

Spetterà ora al Prefetto decidere se e come rispondere alle richieste di Rocca e Cavalera.

Ma il consigliere comunale è anche altro: se da una parte appare un laico convinto che tiene ben distinti i due ambiti, quello comunale e quello ecclesiastico e per questo “fa le pulci” alla parrocchia e pretende il dovuto al Comune, dall’altra in parecchi suoi interventi si nota un’attenzione particolare e documentata a quelli che sono i segni della religione. Solo per fare un esempio ha chiesto che il Comune si interessi della ristrutturazione dell’antica chiesa di San Nicola (di proprietà privata) nel centro storico del paese sottoscrivendo un protocollo con la proprietaria.

PT

by -
0 1108

Taurisano. Taurisano, Ugento, Acquarica del Capo e Presicce si uniscono per gestire il ciclo dei rifiuti. Il 23 ottobre la Giunta regionale ha approvato la riperimetrazione degli Ambiti di raccolta ottimali (Aro), strutture sovracomunali che andranno a sostituire i vecchi Ato ma che, a differenza di questi ultimi, saranno gestiti direttamente dai Comuni.

L’Aro 10, quello di cui fanno parte Taurisano, Ugento, Acquarica e Presicce, è il più piccolo della provincia di Lecce per numero di abitanti (35.513) e il penultimo in ordine di superficie (164,50 chilometri quadrati, contro i 121,89 dell’Aro 11, composto dai Comuni di Alliste, Gallipoli, Racale, Melissano e Taviano). Proprio le sue dimensioni ridotte, sia per numero di Comuni coinvolti (abissale, per esempio, la differenza con l’Aro 7, che raccoglie 22 paesi), sia per numero di abitanti, dovrebbe facilitare una gestione ottimale del ciclo dei rifiuti. Con la nascita dell’Aro 10, Taurisano, Ugento, Acquarica e Presicce vanno verso una gestione unitaria della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Ciò dovrebbe significare, in termini pratici, un solo appalto, una sola azienda, un solo ufficio di gestione, probabilmente formato da personale già in servizio negli uffici comunali. Tutto questo dovrebbe portare, almeno nelle intenzioni, da un lato a risparmiare sui costi di raccolta e smaltimento, dall’altro ad ottenere servizi migliori.

La decisione della Regione è giunta in seguito alle segnalazioni da parte dei Comuni. Quelli dell’Ato Lecce 3, per esempio, si sono riuniti il 23 settembre ed hanno elaborato la loro proposta di definizione degli ambiti, che la Regione ha poi approvato. Su tutto il territorio regionale sono stati approvati 38 Aro: 8 per la provincia di Bari, 8 per Foggia, 11 per Lecce, 3 per Bat, 3 per Brindisi e 5 per Taranto.

Soddisfatte le amministrazioni di Taurisano e Ugento. «La nascita dell’Aro – spiega l’assessore all’Ambiente di Taurisano Francesco Damiano – potrebbe dare risultati positivi in termini sia di efficienza, sia di economicità. È un nuovo orizzonte che si apre e che rappresenta una importante base di partenza per migliorare, così come speriamo, il servizio. Siamo contenti che la Regione abbia accolto la spinta proveniente dai Comuni». Dello stesso avviso il sindaco di Ugento Lecci: «È una bella pagina di politica partecipativa e di rispetto istituzionale, perché la Regione ha accolto le istanze dei Comuni. Da una gestione comunale passeremo ad una sovracomunale, e ciò speriamo comporti un contenimento dei costi. Questo obiettivo sarà raggiunto se si porterà avanti una politica che permetta la costruzione di un impianto di compostaggio, per completare in loco il ciclo dei rifiuti con la gestione della frazione umida».

Pierangelo Tempesta

by -
0 649

Taurisano. Una bacheca informagiovani, uno spazio reale (all’interno del palazzo comunale) ma anche virtuale (una sezione sul portale del sito istituzionale del Comune)  per dare qualche opportunità ai ragazzi di avvicinarsi al mondo del lavoro. Lo ha proposto nell’ultimo Consiglio comunale il consigliere di minoranza  Rizzello.

Le informazioni dovrebbero riguardare le opportunità degli enti di formazione, di cui a volte non si conosce nemmeno l’esistenza, l’accesso ai finanziamenti, un elenco di siti da esplorare per informarsi su cosa offre il mercato del lavoro.

E inoltre si potrebbero dare informazioni anche sulla possibilità di costituire una srl semplificata con un capitale minimo di un euro per i giovani under 35, oppure sull’iniziativa “Giovani del no profit per lo sviluppo del Mezzogiorno”.

Accanto alla proposta della bacheca, il consigliere ha proposto anche la creazione di una news  letter in modo da dare un’informazione continua a quanti si registrano anche per quanto riguarda   l’ambito comunale (servizio civile volontario, albo degli scrutatori e dei presidenti di seggio).

Voce al Direttore

by -
C’era una volta un orco, ovviamente mostruoso come vuole l’antica tradizione romana. Compariva invariabilmente – sarà stato un maleficio – non appena qualcuno accennava...