Home Tags Posts tagged with "Notizie Alezio"

Notizie Alezio

Da sx Alessandra lofino, Benedetta Carlà - vincitrice 2013 - e Martina De Florio

Da sx Alessandra lofino, Benedetta Carlà – vincitrice 2013 – e Martina De Florio

ALEZIO. Si rinnova l’appuntamento con il festival canoro aletino “Piccole dolci note”, giunto ormai alla sua XIV edizione. L’evento ad ingresso gratuito e curato dall’organizzazione volontaria parrocchiale in collaborazione con la parrocchia “S. Maria Addolorata”, si terrà sabato 2 agosto presso Largo Fiera alle ore 21. Al festival prenderanno parte ragazzi e ragazze suddivisi in due fasce d’età, dai 5 ai 10 e dagli 11 ai 13 anni.

Alla serata finale accederanno quanti avranno superato le  selezioni da parte di una giuria di esperti. La serata sarà condotta dalla giornalista Alessandra Lofino e  da Martina De Florio, due volte vincitrice di “Piccole dolci note”, e vedrà come ospiti speciali l’attrice ed imitatrice Emanuela Aureli e la vincitrice dell’ultima edizione dello “Zecchino d’oro”, Cristina Camarda. Nella giuria ci sarà anche Rosario Marrone da Aradeo, padre di Emma. L’evento sarà poi trasmetto in differita sul canale “Telenorba7”.

crollo palazzina via m albina alezio 2006ALEZIO. Forse è finita la drammatica (non tragica solo per un benevolo colpo di fortuna) storia del crollo di mezza palazzina di via Mariana Albina. L’ala di un palazzo venne giù intorno alle 14 del 12 giugno 2006 (foto), mentre un escavatore dell’adiacente cantiere dell’impresa “Barone costruzioni” di Gallipoli procedeva allo scavo per realizzare garage e appartamenti. A fine giugno e otto anni dopo il giudice Antonio Bono del Tribunale di Nardò ha deciso che alle famiglie Giuseppe, Antonio e Franco Corsano coinvolte, spetta un risarcimento di mezzo milione di euro.

Il magistrato ha accolto quanto sostenuto dagli avvocati delle persone colpite (i legali Mirko Petrachi, Biagio Palumbo, Ruggero De Matteis e Giovanni Pisanò) sancendo lo stretto nesso tra lavori di scavo in corso e il crollo dell’ala del palazzo. A risarcire il danno causato sono stati chiamati la ditta Barone, l’impresa costruttrice dei Fratelli Fasano e il direttore dei lavori, arch. Giuseppe Martucci. Fece scalpore all’epoca il racconto dell’unico ferito, una donna salvata dall’armadio che le fece da scudo mentre lei dormiva, riparandola dall’improvviso cedimento.

laboratorio musicale  (1)ALEZIO. Dopo circa tre anni di stop, riaprirà il laboratorio musicale di via Enrico Toti. Finanziata dal progetto “Bollenti Spiriti” della Regione Puglia, e inaugurata il 10 marzo del 2011, la sala musicale, dopo un’apposita gara, venne concessa in gestione per dieci mesi alla cooperativa “Solidarietà” di Parabita, che attivò dei corsi di chitarra, piano, canto e batteria per ragazzi. Alla conclusione del periodo di concessione, il laboratorio è rimasto chiuso e i corsi sono stati sospesi.

«La chiusura del laboratorio e la sospensione dei corsi – spiega la vicesindaco Paola De Mitri – è avvenuta a causa della mancata presentazione alla Regione Puglia della rendicontazione da parte di un Comune che insieme a noi è stato tra i beneficiari del finanziamento». Infatti oltre ad Alezio con il suo  laboratorio musicale, anche Collepasso, Matino e Parabita  avevano attivato rispettivamente laboratori di scenografia e costumi, educazione al linguaggio teatrale ed educazione coreutica.

«Rammaricata di questa chiusura “anticipata” – continua la vicesindaco – mi sono personalmente recata a Bari per parlare del progetto  con i funzionari. Dopo numerose richieste, la presentazione di tutta la documentazione e  i sopralluoghi presso il laboratorio, il Comune di Alezio ha ottenuto lo svincolo dagli altri tre Comuni di cordata». Presto quindi “la pubblicazione del bando per l’affidamento in comodato gratuito per 5 anni del laboratorio musicale, che darà spazio non solo alla musica ma offrirà opportunità di formazione”.

«Come Amministrazione comunale, siamo molti soddisfatti del risultato ottenuto – conclude la De Mitri – ci auguriamo che chi gestirà il laboratorio, darà grande importanza ai giovani, che non saranno più solo i fruitori di quella realtà, ma i protagonisti principali. Questo grazie anche ai nuovi progetti su cui saranno improntate le attività del laboratorio: potranno infatti essere avviati corsi di orientamento al lavoro, educazione alla legalità e corsi di informatica multimediale».

Interferenze a Torre Guaceto 2013ALEZIO. Cinque anni di attività da festeggiare nella linea della continuità dell’impegno sociale. Questo l’intendimento del circolo culturale “Interferenze” (nella foto l’inaugurazione della sede di via Matteotti) che celebra, a suo modo, il primo lustro dalla fondazione con la tavola rotonda sul senso del fare associazionismo oggi dal titolo “Rac…contiamoci”. L’appuntamento del 28 giugno, alle 18, presso l’auditorium del liceo Artistico è aperto “a tutti coloro che gravitano nel mondo del volontariato e dell’associazionismo, per dare l’opportunità di ascoltare e di essere ascoltati”, come affermano i promotori.

All’incontro, moderato da  Cristina Sunna del servizio Politiche di benessere sociale e Pari opportunità della Regione Puglia, interverranno Piero D’Argento,  esperto in politiche sociali e terzo settore; Luigi Russo, presidente regionale del Centro servizi volontariato e Cosimo Talò, docente in psicologia di comunità presso l’Unisalento. Ci saranno anche i saluti di Elena Gentile, ex assessore al Welfare della Regione Puglia, di Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, Vincenzo Romano, sindaco di Alezio e Antonio De Donno, presidente Acli Puglia.  Al termine del dibattito ci sarà un aperitivo “musicale” con prodotti biologici presso Agriturismo S. Maria della Lizza, via vicinale Masseria bianca/ss Alezio-Taviano.  La serata proseguirà con la musica del Jazz Quartet No-stress e Audiolive.

by -
0 1221

cimitero alezio foto falchettiALEZIO. Cinque piccoli falchi (ormai pronti per spiccare il volo) fanno bella mostra di se, da alcune settimane, tra gli orpelli della facciata di una cappella privata al cimitero di Alezio. A segnalare l’inconsueta presenza è proprio il custode della struttura Claudio Leo che, malgrado la passione per la caccia, si è anche affezionato ai piccoli volatili.

Riccardo BottoALEZIO. Un mese ricco di iniziative per l’associazione culturale Interferenze presieduta da Riccardo Botto (foto). Dopo la visita del 7 giugno alla riserva naturale di Torre Guaceto, con passeggiata a Ostuni e cena a Cisternino , dal 16 al 27 giugno prende il via “Scopri l’intreccio!”, il corso in sei lezioni per imparare l’arte dei cesti e dei panari con il maestro Rocco Maruccia di Casarano presso il parco “Don Tonino Bello). Sabato 28 giugno, infine, per i suoi primi cinque anni di attività, Interferenze presenta  “Rac…contiamoci”, tavola rotonda sul senso del fare associazionismo oggi. L’appuntamento, aperto a tutte le associazioni della provincia, è organizzato con il sostegno di Piazzasalento e prevede, tra gli altri, gli intereventi di Luigi Russo, presidente regionale del “Centro servizi volontariato”, dell’esperto in materia Piero D’Argento e del docente in Psicologia di comunità presso l’Unisalento Cosimo Talò.

by -
0 1693
Da sinistra Angelo Donno, Beatrice Sances, Marcello Miggiano, Massimo Corvaglia e Alessandro Colonna. Sotto Tonino Solida

Da sinistra Angelo Donno, Beatrice Sances, Marcello Miggiano, Massimo Corvaglia e Alessandro Colonna. Sotto Tonino Solida

ALEZIO. Le radio libere di ieri e di oggi  nei ricordi dei fondatori di “Radio Atlantide” che, dopo 37 anni, è tornata a rivivere. L’occasione è stata quella del recente incontro organizzato dall’associazione culturale “SalentoXenìa”, in collaborazione con la “Springo film”, nell’auditorium del liceo artistico per far rivivere la musica, gli aneddoti e la storia di “Atlantide”. La radio privata aletina, nata nel 1977 dall’idea e dalla passione  di Bruno Ventura, Luigi  e Vincenzo Romano, divenne un punto di riferimento per molti giovani aletini. La musica rock era affidata a Lugi Romano, quella classica a Rocco Corciulo, il jazz a Enzo Stoppello.

Oltre a loro, vanno ricordati Benito Manta, che fornì le prime attrezzature per la messa in onda, Marcello Miggiano curatore della rubrica di musica leggera, Tonino Solida, Bruno Venneri e Sandro Buccarella, tra i più assidui frequentatori e collaboratori. La serata è stata aperta da una poesia in vernacolo scritta e recita da Tonino Solida per raccontare i personaggi e le “avventure” della radio.

Un pensiero particolare è stato, poi, rivolto ai compianti Enzo Stoppello, Gigi Caggiano, Tonino Minerva e Enzo Pino, che alla radio fornirono il loro importante contributo. Dopo cinque anni di attività, nel 1982, Radio Atlantide fu, però, “costretta” a spegnere i microfoni: «Venni contattato dalla Siae di Gallipoli – racconta Luigi Romano – che ci chiese  500mila lire al mese per continuare a trasmettere. Pur essendo forte la nostra passione, era una spesa per noi impossibile, anche perchè senza ricavi, allora tornai in radio, e misi in onda l’ultimo brano della radio, il  “Requiem” di Mozart».

Durante la serata sono intervenuti, la psicologa Beatrice Sances, che ha fornito una lettura in chiave psicologica e sociale sul ruolo delle radio libere degli anni ’70, il sociologo Angelo Donno del Sert di Gallipoli ed i dj Alessandro Colonna e Massimo Corvaglia, quest’ultimo impegnato nel rilancio di “Radio diffusione” di Casarano (aperta dal 1979 al 2003) che nel 2012 ha ripreso la sua attività tornando (per ora) a trasmettere la sua musica (per ora) solo sul web.

by -
0 1302
Edizione 2013

Edizione 2013

ALEZIO. Torna l’appuntamento annuale con il “Premio Santa Rita” riservato ai ragazzi delle classi elementari e medie del territorio. In occasione della ricorrenza di Santa Rita, l’omonima struttura residenziale, organizza i festeggiamenti in programma nei giorni 21 e 22 maggio. Gli appuntamenti saranno inaugurati mercoledì 21 alle 16.30 con la lettura delle poesie finaliste da parte dei piccoli poeti. La commissione, composta da tecnici e giornalisti, assegnerà due premi “Una poesia per un sorriso” e “Un piccolo gesto può essere un grande dono”. Lo Scorso anno il “Premio di Bontà” è stato assegnato ai ragazzi della 1A della scuola secondaria di primo grado. Il 22 maggio alle 10.30 ci sarà, infine,la celebrazione dell messa in onore di Santa Rita, con la benedizione e la distribuzione delle rose, esposizione della reliquia di Santa Rita.

by -
0 3680

 

ALEZIO. Salvo modifiche alla programmazione dell’ultima ora, su Italia 1 il 7 maggio prossimo in seconda serata arrivano “The Pills”, pillole di cinema metropolitano di Roma con un pizzico di sapore aletino. Del gruppo che ha cominciato quasi per gioco a girare strisce video di 2-3 minuti, anche di 6-7 minuti, in alcuni casi, fa parte infatti Mattia Coluccia (nella foto sul Blob di Raitre), di genitori aletini trapiantati nella capitale da molti anni.

S’intitolano “Amore, tossico”, “San Valentino”, “L’amore ai tempi dell’Erasmus”, “La tipa Wild”, “Il buio oltre le Hogan” e simili le pillole (senza dimenticare la pizzica e gli stereotipi nostrani) dapprima autoprodotte in forma amatoriale e poi esplose sul sito “Dude” (rivista underground con contenuti video) e poi sul canale You tube, diffondendosi anche fuori dai confini nazionali, nonostante una parlata decisamente romanesca (“The Pills” si trovano anche in inglese).

“Neorealismo urbano”: Mattia Coluccia le inquadra così. Condite con tanta ironia e sarcasmo, caratteristiche che irrorano e rendono un po’ meno pesanti i vari disagi, dal lavoro alla casa, dalla rete onnivora alle ragazze. A coinvolgerlo in quello che è diventato un successo è stato Luca Vecchi, l’unico che ha studiato cinema; il resto lo ha fatto l’affinità del gruppo di amici, il loro comune modo di ridere e scherzare sull’essenza delle cose “serie o meno serie, ma sempre col sorriso, un po’ pensando alla serie South Park”, dice Mattia, che nella nuova fase (con produttori del calibro di Valsecchi e Ascent film) ha per sè un ruolo di attore.

 

Toromeccanica – foto di Fabio Perrone

ALEZIO. I Toromeccanica tornano alla ribalta con il nuovo singolo “I reggiseni non contengono cervelli”. Dopo i recenti live, che hanno visto la band aletina protagonista a Torchiarolo, il giorno di Pasqua, a Gallipoli per pasquetta e alla Notte bianca di Lecce il 24 aprile, i “Tori” si esibiranno il Primo Maggio a Tricase, in piazza dei Caduti. Proprio lo scorso anno la giornata del Primo Maggio aveva avuto per protagonisti i ragazzi della band aletina nel “concertone” di Roma trasmesso dalla Rai.

Così, a distanza di un anno, i Toromeccanica ritornano in scena con il nuovo singolo, prodotto in collaborazione con Cesko (Francesco Arcuti), cantante del gruppo “Après la classe”. Ad anticipare il prossimo album è il brano “I reggiseni non contengono cervelli”, un vero e proprio “spaccato” dell’attuale situazione italiana. «Nel brano – spiega Gianpiero Della Torre, scrittore e cantante del gruppo – abbiamo ripreso molte esperienze di vita quotidiana, lavorative e non. Tra queste, il “pallino” del posto fisso, la carriera fatta di raccomandazioni, il modo di fare tipico italiano e il voler apparire solo ed esclusivamente per merito della propria bellezza. Abbiamo semplicemente musicato le nostre idee e opinioni».

Il nuovo singolo, che uscirà nei primi di maggio e sarà corredato da un video realizzato dalla “SpringoFilm” di Alezio, è stato registrato a Garlasco, presso gli studi “Archimede” di Davide Maggioni, direttore artistico del cantante brindisino Antonio Maggio. «In quest’ultimo brano – spiega il chitarrista Matteo Tornesello – abbiamo un po’ variato il nostro stile musicale, avvicinandolo di più al raggamuffin. La nostra sperimentazione musicale continua». C’è anche un’altra novità, che riguarda la composizione della band che, qualche settimana fa, ha perso uno dei suoi membri fondatori. Iulo Merenda, chitarrista della band, per “motivi personali” (come dallo stesso dichiarato) ha dovuto lasciare il gruppo, non prima però di aver speso delle parole di elogio e di auguri per i suoi compagni sulla bacheca Facebook dell’ormai suo ex gruppo.

ALEZIO. Gli ospiti che sabato 26 aprile hanno preso parte alla quinta edizione de “Lu Lazzarenu” organizzato dal “Bar del Corso”.

 

 

 

 

ALEZIO. Il “piedibus” di questa mattina che ha visto protagonisti gli studenti della scuola elementare dell’Istituto comprensivo con l’ausilio del “Gruppo trekking Alezio”.

 

by -
0 1849

ALEZIO. Il maltempo di ieri mattina ha provocato in poche ore diversi danni. Questa è via Pinto ad Alezio dove le forti raffiche di vento hanno divelto un palo all’altezza dei civici 2 e 4. Secondo l’ Osservatorio meteo di Gallipoli il picco di vento si è registrato alle 9,16 con una velocità di 138,4 chilometri orari.

Si può svoltare (o almeno provarci) anche con un piccolissimo neologismo: App. La parolina, abbreviazione di “applicazione”, è una variante di sistemi informatici dedicati ai dispositivi di tipo mobile, quali smartphone e tablet, con cui a volte si migliora la propria vita. Anche se da sole, le App  non bastano: serve il cervello. Come nasce un’idea? Come si crea un’occasione di lavoro? Per lui è stato “semplice”: basta ascoltare la gente, capire di che cosa ha  bisogno, trovare la soluzione et  voilà: ecco SynerGym, “la risposta a una domanda diffusa”. Chi parla è Giulio Sunna, 34 anni, laureato in Scienze giuridiche, di Alezio e titolare di “Sinergie comunicative”, un’azienda che, in collaborazione con un “pool” di persone con competenze eterogenee, gli ha consentito di creare questa “start up”, un sistema di Glocal medi marketing.

«SynerGym – spiega l’ideatore – è una soluzione di “Virtual Personal Training di realtà aumentata”, made in Salento e composto da due software: SynerGym Kinect Software, programma di interazione gestuale che permette al suo utilizzatore (in palestra o in piscina) di interagire col sistema, utilizzando le mani come fossero un mouse ed eseguire correttamente le istruzioni; SynerGym Smart App, un software multilivello, applicabile al proprio Smartphone o altro, che consente, mediante un browser, di usufruire di enormi vantaggi, come avere sempre a disposizione e aggiornato il programma dei corsi disponibili, il piano personalizzato di allenamento e di nutrizione, di prenotare interattivamente prestazioni, ricevere messaggi promozionali ecc».

Il sistema permette inoltre al Club/Wellness center che lo adotta di generare guadagni da settori non necessariamente connessi al mondo dello sport, ottimizzare il rendimento del proprio personale, aumentare la propria visibilità, risparmiare su tempi e costi di gestione, promuovere i propri prodotti e servizi e quelli dei partner “sinergicamente” associati». Chi invece ha pensato a come far godere gli amanti dell’immediatezza nell’apparire nella vetrina virtuale (ma non solo) è un ingegnere informatico di Parabita, Fabio Prete (foto), 31 anni.

Con una applicazione da lui prodotta e chiamata “i Glass”, si possono scattare e convidere in tempo reale le proprie foto: con una semplice connessione  internet wi-fi possono arrivare in pochissimi secondi su qualsiasi schermo. La versione “sharing”  è adatta per eventi, discoteche, lidi, lounge bar (l’estate scorsa è stata attivata con successo in un lido di Gallipoli); quella “business” si adatta a qualsiasi attività commerciale, consentendo di visualizzare prodotti, nuovi arrivi, esclusive.  Senza avere vetrine enormi.

(Ha collaborato R. Merenda)

parco alezio (2)
ALEZIO. Entro giugno 2015, il parco “Don Tonino Bello” sarà rimesso a nuovo. L’opera di riqualificazione è possibile grazie ai fondi regionali del Piano di interventi di riqualificazione delle periferiche (Pirp) con il quale, nei mesi scorsi, è stata realizzata una pista ciclabile, un nuovo marciapiede in via Mariana Albina ed una piazzetta in via Pertini, nei pressi del caseggiato dello Iacp.

Proprio nei giorni scorsi, il Comune si è aggiudicato il primo posto nella graduatoria provvisoria degli enti ammessi al finanziamento regionale, ricevendo un fondo di 320mila euro da destinare alla “ristrutturazione” del parco come completamento del precedente intervento promosso dall’allora assessore Mimmo Ingrosso. Il progetto redatto dall’Ufficio tecnico comunale prevede la realizzazione di un “dog park”, ossia un’area attrezzata per ospitare i cani durante le passeggiate per espletare i loro bisogni fisiologici, un ampio percorso sportivo, giochi per bambini e per disabili. Sarà, inoltre, ristrutturato il grande salone presente all’interno del parco per ospitare un bar (ci sarà un bando pubblico per la gestione) e un impianto di pannelli fotovoltaici che alimenteranno il sistema di illuminazione e videosorveglianza.

«Dopo la firma del protocollo d’intesa con la Regione – afferma il sindaco Vincenzo Romano – è intenzione dell’Amministrazione comunale illustrare il progetto in un incontro pubblico. I lavori dovranno essere completati entro giugno 2015 e dopo questa data indiremo un bando pubblico per la gestione del bar previsto all’interno del parco. Essere arrivati primi su base regionale è un motivo di orgoglio per la nostra Amministrazione e anche una conferma delle ottime capacità progettuali dell’Ufficio tecnico comunale».

via nanni a sinistra le case popolari di via pertini - alezio  (4)

ALEZIO – Non hanno neanche aspettato che il funerale dell’anziano inquilino del piano di sotto si compisse per occupare immediatamente il suo appartamento, contenente ancora tutte le sue cose. Il fatto è accaduto questo pomeriggio in via Pertini (foto), davanti al caseggiato dell’Iacp, tra lo sgomento e lo spavento delle persone accorse e dello stesso parroco che officiava il rito funebre.

Le prime avvisaglie delle cattive intenzioni dei coinquilini si erano manifestate, a quanto pare, già ieri quando alcuni di loro avevano “preso possesso” mentre il corpo dell’anziano veniva composto dagli addetti dell’impresa funebre. L’arrivo dei parenti del morto, che viveva da solo, aveva acceso i primi diverbi. “A noi l’appartamento non interessa – pare abbiano detto costo – lasciate però che si faccia il funerale, che portiamo via le sue cose e poi fate quel che volete”.

La risposta dei pretendenti era stata netta: “Da qui non ce ne andiamo, se no la casa se la prende qualcun altro”. Il tira-e-molla è andato avanti fino alle 15 circa di oggi. Quando il corteo funebre ha mosso i primi passi, dalla casa del defunto sono arrivati lamenti e grida di aiuto: erano i due familiari dell’anziano scomparso che erano rimasti a presidiare l’abitazione per evitare la prevista forzata intrusione di estranei. Che infatti si erano subito materializzati con le già note pretese.

Ne è nato un parapiglia, col prete rimasto quasi da solo col feretro e il chierichetto, mentre la gente tornava indietro a vedere cosa stesse accadendo. C’è stato bisogno dell’arrivo dei carabinieri di Gallipoli per riportare un minimo di calma e consentire la ripresa dell’estremo viaggio dell’82enne che certamente non meritava di assistere a simili scene.

by -
0 1171

assunta gnoni - alezioAlezio. Ha superato se stessa la neo campionessa nazionale della Marcia (nella categoria “Master femminile 55”) Assunta Gnoni. L’aletina, da anni impegnata in gare di questo tipo, di recente ha aggiunto, infatti, un’altra medaglia d’oro alla sua collezione battendo tutte le sue avversarie nella gara nazionale tenutasi a Grottammare in provincia di Ascoli Piceno.

«All’inizio della gara ero dietro le altre ma pian piano son riuscita arisalire sino alla vittoria finale che è stata, come sempre, una grandissima emozione». La signora Gnoni non è nuova a tali titoli visto che già lo scorso anno a Cosenza aveva ottenuto la medaglia d’argento in occasione del campionato italiano della categoria “over 50”.

by -
0 1119

toromeccanica--alezioAlezio. Dov’è il bonifico destinato ai terremotati dell’Emilia? A oltre un anno di distanza è scoppiata la polemica. Il 21 luglio del 2012, la band aletina “Toromeccanica” (foto), con il patrocinio del comune di Alezio e la collaborazione di un commerciante locale, organizzò un concerto di beneficenza in piazza Vittorio Emanuele II. Al termine della serata vennero raccolti circa 700 euro, che ancora oggi sono oggetto di una “accesa” discussione. Pochi giorni fa, infatti, dal social network facebook è partita la polemica da parte di un membro dei Toromeccanica, che chiedeva chiarimenti in merito.

«Dopo le continue richieste degli aletini affinché tenessimo un concerto in paese, prendemmo la palla al balzo, pensando di conciliare una serata di musica con la beneficenza. Purtroppo siamo dispiaciuti per l’esito della vicenda. Dopo più di un anno di sollecitazioni non abbiamo ancora avuto nessuna certezza», ha affermato Matteo Tornesello, chitarrista della band. Nonostante le polemiche, c’è però chi assicura che il versamento in favore dei terremotati sia stato fatto: «Ho adempito all’impegno che avevo preso – afferma il commerciante aletino che si era occupato dell’invio dei soldi raccolti – sto solo aspettando i tempi tecnici richiesti dal mio istituto di credito per dimostrare ufficialmente l’avvenuta trasmissione dei fondi». Anche il Comune aveva in qualche modo contribuito all’iniziativa di beneficenza.  «L’Amministrazione comunale, per l’occasione concesse l’utilizzo della piazza, il palco dove la band si sarebbe esibita e il logo gratuito del Comune, il nostro aiuto si limitò a questo. Spero che tutto si risolva nel migliore dei modi» ha affermato il sindaco Vincenzo Romano.

by -
0 1253
Il collegio dei docenti del Comprensivo

Il collegio dei docenti del Comprensivo

Alezio. «Tutto in ordine per la partenza del nuovo anno scolastico»: a garantirlo è la dirigente dell’Istituto comprensivo Alezio-Sannicola, la professoressa Sabrina Stifanelli.

Il rintocco della prima campanella (il 12 settembre) è stato preceduto anche dal rifacimento della segnaletica orizzontale con le strisce pedonali in prossimità degli ingressi alle strutture scolastiche che sono state riverniciate.

Ultimati anche i lavori in via Immacolata, ad Alezio, mentre alla scuola primaria di Sannicola i lavori di manutenzione straordinaria in corso non impediscono, comunque, l’inizio regolare delle attività. Completate anche le operazioni di disinfestazione ed effettuati, alla presenza dei genitori, i sorteggi delle classi prime. Pressoché al completo l’organico docenti e Ata, salvo piccoli spezzoni orari per i quali sono in corso le nomine, quanto agli alunni, i rilevamenti numerici attuali, peraltro ancora non definitivi, mostrano un saldo leggermente in diminuzione nella scuola materna, in crescita, invece, nelle scuole elementari e media.

«Aumentano le classi a tempo pieno e questo è importante sia per la sua valenza didattica che per il supporto che ne deriva per le donne che lavorano. Il servizio mensa costa alle famiglie solo 1.30 euro a pasto. Una commissione formata da docenti, genitori e personale dell’Asl controlla sia la qualità dei pasti che la pulizia e l’igiene dei locali», afferma Paola De Mitri, vicesindaco e rappresentante dei genitori nel Consiglio d’istituto.

Anche Sabrina Stifanelli, al suo secondo anno da Dirigente del Comprensivo, esterna la sua soddisfazione: «Ritengo prioritario il rapporto con le famiglie e il comprensivo Alezio-Sannicola è una realtà bella, costituita da famiglie ben radicate, che  insegnano ai loro ragazzi saldi princìpi e aiutano a creare le migliori condizione per la formazione e la crescita dei ragazzi. Sono anche contenta dei risultati ottenuti con i finanziamenti Pon per la formazione di docenti e alunni e della collaborazione con gli enti locali e le associazioni di volontariato».

by -
0 924

Alezio. Ritorna il tradizionale appuntamento con l’opera lirica che anticipa la festa della Lizza (14-16 agosto). Dopo il successo della “Traviata” dello scorso anno, il Comitato festa propone il “Rigoletto”, sempre di Giuseppe Verdi.

L’appuntamento è per giovedì 8 agosto in largo Fiera, alle 21, per un evento proposto, in collaborazione con Piazzasalento, nel bicentenario della nascita  del compositore di Roncole di Busseto ed in occasione dei 140 anni della denominazione del comune di Alezio (per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero 320/4034276).

«Sono dieci anni che anticipiamo la festa della Lizza con un evento di qualità e di grande richiamo», afferma il presidente del comitato festa Maurizio Dimo. Il melodramma in tre atti verrà messo in scena dall’ensemble orchestrale dell’associazione musicale “Arturo Toscanini” (di Torrepaduli), diretto da Lorenzo Melissano, con i costumi realizzati dagli allievi  dell’Iis “Don Tonino Bello” di Tricase.

by -
0 719

chiesa addolorata alezio (2)Alezio. Via col vento: la copertura di protezione che avvolge l’impalcatura montata dalla ditta Edil.geos di Roberto Leopizzi (per ragioni di sicurezza, poiché il campanile mostra delle crepe pericolose per la pubblica incolumità) attorno alla torre civica della chiesa dell’Addolorata, ogni tanto cede alle raffiche del vento e sembra sollecitare un intervento definitivo da parte del Comune. Superate le iniziali incertezze riguardanti la proprietà della torre dell’orologio (ora è opinione condivisa che il proprietario della struttura è il Comune), il sindaco Vincenzo Romano assicura: «È in fase avanzata un progetto di restauro del campanile, redatto dall’ufficio Tecnico comunale, che dovrà essere vagliato dagli organi della Sovrintendenza».

Quello attuale, tuttavia, è un periodo particolarmente intenso per l’Ufficio tecnico, privato di un’unità lavorativa (per malattia) e alle prese con bandi, finanziamenti e lavori urgenti oltre a dover gestire l’ordinario.

«In questo momento, tra le priorità che hanno rallentato il progetto di restauro del campanile – spiega Romano – c’è la  gara per la riqualificazione della zona Peep, per la quale i tempi sono contingentati pena la perdita del finanziamento oltre al progetto preliminare per il campo sportivo, al bando per le vie di campagna, ai lavori di fogna bianca che interessano la zona artigianale e a quelli già in corso in via Mariana Albina; la Tares». Da considerare anche che entro il 31 luglio si dovrà pagare sia la quarta rata della Tarsu che la prima della Tares.

Anche la croce posta sulla cupola della chiesa, dopo il fulmine che il 2 dicembre scorso la colpì, provocando la chiusura temporanea del tempio per due mesi, aspetta il suo destino, legato a finanziamenti e autorizzazioni. «La croce deve essere rimossa – dice il parroco don Antonio Minerba – perché, essendo in struttura di ferro, con l’arrivo dei prossimi temporali alla fine della stagione estiva, il problema dei fulmini si ripresenterà». Campanile, croce, tares. In attesa di tempi peggiori.

Il corpo del giovane sull’asfalto subito dopo l’incidente

Il corpo del giovane sull’asfalto subito dopo l’incidente

Alezio. Perdere il controllo di una potente moto, quasi nuova di zecca, forse acquistata, forse in prova; perdere di mano la propria passione, per troppo amore o per troppa spavalderia; perdere d’un colpo la vita anche se si hanno appena 21 anni, quasi 22. Può capitare in un secondo ed è capitato ad Artem Toscano, sulla centralissima via Roma. I suoi sogni e i suoi malesseri, come raccontano storditi gli amici, sono finiti contro un’auto parcheggiata: l’incavo procurato è tale che dice tutto.

artem toscano alezio

Artem Toscano

La violenza dell’impatto non ha lasciato scampo al giovane, che lavorava presso una pizzeria di Gallipoli: i soccorritori giunti subito sul luogo non hanno potuto fare altro che registrare il decesso. Il riconoscimento, straziante per le molte ferite e lacerazioni riportate, è stato possibile da parte di un suo amico grazie ad un tatuaggio sulla mano destra, mentre il capo col casco era ancora sotto l’auto dello scontro.
Su facebook è dilagata la commozione dei coetanei. Una delle sue quattro sorelle, Angela, ha scritto: «Così ti ricorderò fratello mio: col tuo splendido sorriso, con la tua testa matta che amavo e amerò sempre»

 

La Necropoli messapica (foto di Massimo Negro)

Alezio. La Necropoli messapica e il museo di via Kennedy saranno presto più belli ed efficienti. Il cambiamento sarà possibile grazie ai finanziamenti provenienti dal progetto con Sannicola capofila e finanziato dalla Regione “Sac-Salento di mare e di pietre”, che mira alla valorizzazione dei giacimenti ambientali e culturali. Il finanziamento ha permesso anche l’acquisto di alcune vetrine espositive che saranno ospitate all’interno del Museo civico messapico e implementeranno la mostra “Alitia, una città che si racconta”.

Sempre all’interno del Museo, tutti i visitatori potranno assistere alle proiezioni di alcuni documentari relativi al periodo messapico, grazie ai nuovi strumenti tecnologici che andranno a corredare le stanze dell’antico palazzo Tafuri.

La Necropoli, situata in località Monte d’Elia, vedrà attivato il laboratorio didattico utile per una migliore fruizione dell’area archeologica da parte di studenti. Sarà inoltre allestito un impianto di cartellonistica riguardante la storia dei messapi e l’esposizione di alcune riproduzioni in terracotta dei reperti trovati nel sito. Ma le novità non finiscono qui; grazie ad un’istanza avanzata nelle scorse settimane dal sindaco Vincenzo Romano alla Sovraintendenza archeologica di Taranto, presto altri reperti archeologici aletini attualmente giacenti presso il museo tarantino faranno ritorno ad Alezio. L’attuazione del progetto di valorizzazione e promozione del patrimonio culturale e del territorio comunale, che non avrà nessun onere a carico del Comune, prevede anche la collaborazione con il “Consiglio nazionale delle ricerche”.

«A breve sono previsti alcuni interventi di restauro e di carattere tecnico presso le tombe messapiche. Siamo molto soddisfatti del progetto – afferma l’assessore Walter De Santis – e ringrazio il sindaco Romano per la riconferma della delega alla Cultura. Continueremo nell’azione di valorizzazione intrapresa negli anni precedenti, pur sempre all’interno delle ristrettezze economiche che hanno colpito l’intero comparto della cultura».

Nicolas Pisanello

by -
0 1328

Luigi Bray

Alezio. Su 350 esercizi dello stesso tipo la sua gelateria è risultata prima. A decreterlo il parere dei viaggiatori di Trip advisor che hanno avuto il piacere – è proprio il caso di dirlo – di fermarsi da “Giggi gelateria”,  in una cittadina di circa 180mila abitanti nel Dorset, sul Canale della Manica a 150 chilometri a sud di Londra. Il “Certificate of Excellence” 2013 del sito internazionale di viaggi e viaggiatori, è di Luigi Bray, nato 40 anni ad Alezio e che da sei anni a Bournemouth rappresenta un punto di passaggio ed assaggio obbligato per coloro che hanno voglia di una coppetta con l’immancabile bandierina italiana in mezzo. L’altra bandierina è quella di Alezio, che Luigi continua ad innalzare nonostante abbia dovuto notare le differenze tra la sua realtà natale e quella inglese: «Il lavoro è duro ma quando ti riconoscono costantemente tanti meriti ti passa tutto anche la nostalgia di essere lontano dal paese natale! Al momento sono una persona molto felice e cerco di rendere felici le persone che mi stanno vicino! Nella vita bisogna avere passione in quello che si fa e credere in un sogno Ma anche tanta umiltà: il successo arriva».

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...