Home Tags Posts tagged with "Nello MArti"

Nello MArti

Gallipoli – Sono in tanti, in queste ore, a ricordare il legame tra il presentatore romano ed il Salento, e in particolar modo con Gallipoli. Frizzi condusse tre edizioni del Premio Barocco, da quella del 2008 a Lecce a quelle del 2010 e del 2011 a Gallipoli (la prima al Teatro Italia e la seconda nell’area portuale). Per questo lo staff del Premio Barocco, con il patron Fernando Cartenì, ha un ricordo particolare per Frizzi, “l’uomo dei sorrisi e degli abbracci, sempre gentile con tutti, mai sopra le righe, è stato uno dei personaggi più amati e più presenti nelle case degli italiani. Nel giorno della sua scomparsa, tutto lo staff del Premio Barocco è sinceramente commosso. Non smetteremo però di ricordarlo con un sorriso. Lo stesso che lui regalava a chiunque, contagiando con il suo entusiasmo, perché come diceva lui: La vita è meravigliosa”. Altro legame quello con il produttore televisivo Nello Marti (di Sannicola) che lo ricorda come “un caro amico, più che un collega di lavoro, una persona umile, disponibile e sempre gentile”. Marti ha lavorato per Rai1 con Fabrizio Frizzi producendo il Premio Regia Televisiva, gli Oscar tv nel 2011, 2013, 2014 e 2015, e per lo stesso Premio Barocco.  «Parecchi anni fa – ricorda commosso Marti – vinse anche un premio speciale per l’audience eccezionale di un’edizione di “Miss Italia”. Nella conduzione del Premio Barocco faceva scintille ed era il conduttore più adatto perché dava spazio agli ospiti. Ricordo l’esibizione di Sofia Loren e di sua sorella che cantarono con Albano”. Nello Marti ricorda anche altri particolari: «Più che lavorare in ufficio, preferiva venire alla Maestà, in campagna, e preparare le scalette dei programmi seduti nella natura. Veniva in macchina anche una settimana prima della messa in onda per curare ogni dettaglio e amava tanto il Salento che chiamava “La terra promessa, luogo di serenità, socievolezza e accoglienza”. Quando il lavoro si faceva pesante e stressante, dopo varie ore, mi diceva: “Questo è il momento di raccontarmi una storiella per ridere”, e amava farsi raccontare aneddoti comici su personaggi televisivi famosi del passato. E dopo quel momento di pausa, riprendevamo a lavorare”.

Nello Marti

Nello Marti

SANNICOLA. Mistero svelato e colpevole individuato, seppur a distanza di 109 anni. Nel 1908 sarebbe stato, dunque, l’impiegato Nicola Raccioppi a sbagliare nella pratica di indipendenza da Gallipoli nell’indicare il nome del paese destinato, da quel momento in poi, ad essere l’attuale Sannicola e non più San Nicola. La scoperta è di Nello Marti (foto), produttore tv appassionato di storia locale che ha svolto la ricerca svelando il nome di chi sbagliò a scrivere il nome del paese nella documentazione inoltrata al Parlamento sabaudo per l’indipendenza.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

nello marti albicocca pintisciata 2016SANNICOLA. Col ritorno della stagione delle albicocche, ritorna la discussione tra Galatone e Sannicola riguardo alla paternità della specialità “pintisciata”. «Sono le più precoci in Italia – commenta Nello Marti (foto), produttore tv e proprietario terriero della tenuta La Maestà in agro di Sannicola – la razza è la Pinta (pintisciata)  creata da mio padre, conosciuto come “lu Migliu Ciola” nel 1922. Mi dispiace per i cari amici di Galatone, ma quella che loro rivendicano altro non è che una sottospecie di questa cultivar la cui genesi è avvenuta nel podere La Maestà.»

SANNICOLA. Sono stati resi pubblici dalla produzione “La Maestà eventi” i nomi dei vocalist che parteciperanno al prossimo 55º Premio tv (i cosiddetti “Oscar” della televisione italiana) in diretta su Raiuno in prima serata il prossimo  25 maggio dagli studi in Roma della Dear, studi televisivi e cinematografici di Nomentano. Quattro i giovani selezionati attraverso il Master che è stato organizzato dalla direttrice artistica e autrice del programma Patrizia Bulgari (foto al centro), moglie del produttore Nello Marti (foto).

Si tratta di Maria Chiara Ferrari di Lecce che ha gia’ al suo attivo altre esperienze televisive tra cui “I Raccomandati” ed e’ stata vincitrice nel 2009 del premio intitolato a Mia Martini; Raffaele Passiante di Brindisi, giovane artista “con grande esperienza alle spalle, vocalità sicura, versatile e ricca di sfumature”, sottolinea la Bulgari; Alessandra Zuccaro sempre di Brindisi, “cantautrice newjazz con sfumature soul con un’animo tutto blues e un grade temperamento se pur molto giovane”, continua la direttrice artistica; Simone Cassano di Lecce, “con una buona tecnica e con l’entusiasmo e la caratura dei cantanti rap con sfumature jazz che sicuramente completa e dona freschezza vocale al gruppo”, conclude l’autrice. I quattro nuovi vocalist affiancheranno Tommaso Zuccaro ed Eleonora Pascarelli (foto a destra), di Sannicola,  che partecipano al programma da diversi anni. I sei ragazzi saranno diretti dal maestro Antonio Palazzo.

nello-marti-e-patrizia-bulgariSANNICOLA. Tutto pronto per il master di alto perfezionamento di canto “Vocalist in tv” organizzato a Sannicola da “La Maestà eventi”. Il 10 ed 11 aprile l’omonima tenuta ospita le selezioni finalizzate all’inserimento di nuovi vocalist nell’organico dell’orchestra “Terra d’Otranto” che si esibirà nel prossimo “Premio tv 2015” in onda il 25 maggio in prima serata su Rai1. «Il master ha una doppia finalità. Da una parte – spiega Patrizia Bulgari, la cantante moglie di Nello Marti (i due nella foto) che si occupa di direzione artistica di eventi Tv, recitazione, dizione e presenza scenica, materie di cui sarà docente al master – si tratta di una esperienza formativa per chi ha già una preparazione di base e vuole imparare il “mestiere” dell’arte per mettere in pratica il talento, dall’altra ha lo scopo di inserire i migliori all’interno dell’orchestra Terra d’Otranto, per l’evento su Rai1 ed eventualmente per altri eventi futuri».

Su varie decine di curricula qualificati, sono stati selezionati 15 artisti. I docenti sono, oltre alla stessa Bulgari e a Marti, produttore Rai, Elisabetta Guido, cantante jazz e insegnante di canto moderno, il soprano Raffaella Liccardi, Antonio Palazzo, direttore e arrangiatore dell’orchestra ritmico sinfonica degli Oscar Tv, del Premio Barocco e di Telethon. Il “Premio Tv 2015” è alla sua 55ª edizione e, come tradizione, è secondo solo al Festival di San Remo che ha festeggiato quest’anno la 65ª edizione.
«Le vocalist che hanno lavorato con noi negli scorsi anni – conclude la Bulgari – si sono vista aperta la strada anche per altre importanti collaborazioni come con Renzo Arbore ed Albano».

sannicola cartina 1930

Il frammento di cartina geografica dell’istituto cartografico di Stato, del 1930, dal quali si evince che il territorio di Sannicola comprende una parte di costa con affaccio sul mare

SANNICOLA. “San Nicola” o “Sannicola”? A sollevare la questione del ripristino dell’antico nome del paese (ovvero il primo) è Nello Marti (nella foto in basso a destra), appassionato di storia e cultura locale e produttore Rai. «In quella che ora è piazza della Repubblica, a lato dell’attuale palazzo comunale, nel ‘700, c’era la chiesa di San Nicola a cui dobbiamo il nome del paese. Poi divenne privata e fu abbattuta per costruirci e così abbiamo perso il santo, ma, nel ‘900, ottenuta l’indipendenza, abbiamo perso anche il nome. Possiamo tollerarlo?» argomenta Marti.
Tra l’altro, pare che la dicitura “Sannicola” derivi pure da un errore di trascrizione dell’ufficiale dell’anagrafe al momento dell’indipendenza da Gallipoli agli inizi ‘900 «Possiamo non correggere mai l’errore?» si chiede  Marti mentre sottolinea altri errori sui cartelli stradali: “Rodogalli” al posto di Rodogallo (nome bizantino del luogo, cioè “città delle belle rose”), via “Tito Shipa” al posto di “Tito Schipa”. nello marti sannicola «Ripristinare il corretto nome è il primo passo per riprenderci la nostra identità, rivendicare da Gallipoli lo sbocco sul mare cui abbiamo diritto, dando unità a Lido Conchiglie, guardare al passato con orgoglio, ri-raccontare la nostra storia, progettare un futuro ripartendo dalle nostre radici, sapere chi siamo, da dove veniamo e dove andiamo». Per Marti è, inoltre, necessario ripristinare e salvaguardare il territorio, attraverso il ricordo di ciò che era. «Nella parte alta, a nord-est c’è una zona denominata “Fureste” confinante con “Mute Terre”. Tale vasta contrada anticamente si chiamava “Foresta di Sant’Agata” e in essa erano presenti lupi, cinghiali, tassi e altri animali. La meccanizzazione agricola e il folle disboscamento, nel giro di qualche decennio, a fine ‘800, decretò l’estinzione di tale meravigliosa fauna» conclude.

by -
0 1711

Mariangela Melato e Renzo Arbore al Premio Barocco di Gallipoli

Sannicola. Era il 2001 quando Mariangela Melato, la nota attrice milanese recentemente scomparsa, ricevette a Gallipoli il premio Barocco “alla carriera”.

«È stato un onore conoscerla bene, anche al di là del lavoro. La ricordo per il suo immenso spessore culturale e la sua profonda umanità avendola conosciuta di persona anche per la grande amicizia che mi lega a Renzo Arbore con cui la Melato ha avuto una importante relazione», afferma Nello Marti (foto sotto), produttore televisivo di Sannicola in quegli anni impegnato anche con il “Barocco”.

« Nel 2001 ritirò il premio avvolta in un sontuoso abito color pesca. Si innamorò delle nostre spiagge e dei nostri paesini ritornando poi più volte  in privato. Quell’anno – prosegue Marti – con nostra sorpresa, volle cambiare l’albergo che le era stato prenotato. Naturalmente la accontentammo rimanendo, però, dubbiosi sulle motivazioni e temendo qualche pecca nel servizio. Solo molti anni dopo Arbore mi rivelò che, sebbene la loro relazione si fosse interrotta anni prima, era sempre rimasto un forte sentimento, un filo rosso che non si era spezzato mai. Ecco, dunque, svelato  l’arcano».

«E’ stato un privilegio – conclude il produttore – aver lavorato con persone del calibro di Mariangela Melato e di tanti altri che negli anni si sono avvicendati. Si è trattato di una congiunzione astrale positiva che ci ha permesso di lavorare in quegli anni: l’interesse della Rai, il buon lavoro di tutti gli organizzatori del Premio, tanti artisti del calibro di Gasmann, Pavarotti, Philippe Noiret o scienziati come la Montalcini. L’anno scorso dovevamo vederci e Arbore mi ha avvertito che Mariangela non sarebbe potuta venire per una storta alla caviglia presa in teatro: mi è sembrato esagerato, non conoscendo l’aggravarsi della sua condizione che teneva riservata. Oggi, purtroppo, comprendo la verità».

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...