Home Tags Posts tagged with "neanche un prete per chiacchierar"

neanche un prete per chiacchierar

by -
0 959

GALATONE – Un dibattito, “semi-serio”, con i quattro parroci della città per chiudere l’Estate Galatea 2017. Protagonisti, domenica 3 settembre nell’atrio del Palazzo Marchesale, don Antonio Musca (chiesa dei Cappuccini), don Angelo Corvo (rettore del Ss. Crocifisso e parroco dell’Assunta), don Francesco Tarantino (Sacro Cuore) e don Fabrizio Rizzo (Ss. Cosma e Damiano martiri). “Neanche un prete per chiacchierar”, il titolo della serata, riassume perfettamente lo spirito dell’incontro: una vera e propria chiacchierata in amicizia.

Le domande, poste da don Giuseppe Venneri, hanno toccato diversi argomenti, da quelli più seri, quali la politica, i dubbi esistenziali, le esperienze di fede più significative, ma anche temi più leggeri sulle esperienze e i gusti personali dei quattro sacerdoti, dedicati soprattutto a conoscerli meglio come uomini, andando al di là della figura istituzionale che rappresentano. Alla fine ha preso parte al dibattito anche il sindaco Flavio Filoni, che ai quattro protagonisti (nessuno di loro di Galatone) ha chiesto quale aspetto del paese o dei suoi abitanti li avesse particolarmente colpiti.

«Sicuramente la schiettezza nei rapporti interpersonali. Non ci è voluto molto – ha esordito subito don Angelo, originario di Nardò – nel bene e nel male, per capire e farmi capire dai miei nuovi parrocchiani, e questo mi ha fatto sentire subito a casa». Ha preso poi la parola don Antonio, residente a Seclì ma con esperienze come parroco a Casarano e Gallipoli: «Venendo da realtà più grandi, una volta qui a Galatone ho notato subito il bello di essere una piccola comunità, di poter riconoscere i miei parrocchiani per strada, e questo mi ha fatto molto piacere». «Io sono cresciuto a Galatone. Mia nonna – ha spiegato, invece, don Francesco, nato anch’egli a Nardò – abitava qui, e mio padre qui aveva la sua attività lavorativa. Spesso quindi in famiglia vivevamo l’atmosfera delle tradizioni galatonesi. Tornare qui è stato un vero e proprio ritorno all’infanzia». A chiudere il ciclo di risposte don Fabrizio, di Copertino, ormai da quasi vent’anni parroco a Galatone, che proprio per questo è stato scherzosamente esonerato dalla risposta perché ormai galatonese d’adozione a tutti gli effetti. Il mix di argomenti sapientemente calibrati dagli organizzatori dell’evento ha dato insomma vita ad una piacevolissima serata, divertente e spensierata, anche grazie al clima di sincera fratellanza che traspariva tra i protagonisti dell’incontro, durante la quale non sono però mancati interessanti momenti di riflessione, religiosa ma anche e soprattutto personale.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...