Home Tags Posts tagged with "Navetta per il mare"

Navetta per il mare

navetta gratuita gallipoliGallipoli. “Lascia l’auto e prendi la navetta – al mare ti portiamo gratis”: lo slogan, chiaro ed efficace, era stampato sul depliant illustrativo del servizio a cura di Comune di Gallipoli e Sis, la società che gestisce i parcheggi in città. Nel pieghevole c’erano pure le fermate, gli orari e le date di entrata in funzione, dal 15 giugno. Peccato che gli utilissimi depliant siano stati distribuiti pochi giorni prima di Ferragosto.

navetta gratuita gallipoli

GALLIPOLI. Sembrava che tutto stesse cominciando ad andare per il meglio, seppur con un certo ritardo, nella Gallipoli presa d’assalto dai turisti nell’estate 2013. Due le buone notizie delle ultime settimane: la Regione sblocca altri 2mila parcheggi sulla litoranea sud (leggi il pezzo dell’edizione cartacea); il Comune pubblicizza, sul portale istituzionale, il servizio navetta gratuito per le spiagge (vi avevamo informati con un articolo online).

Pare, invece, che alcuni problemi siano rimasti irrisolti. Ci scrive Marcello Miggiano a proposito della situazione, ancora caotica a suo parere, dei parcheggi sulla litoranea: “Pareva che i disagi della viabilità fossero ormai acqua passata, ma tocca con amarezza constatare che non è così, e questo per colpa dei soliti furbi che parcheggiano sia sul lato sinistro dell’ultimo tratto (quello che va dal lido del Rio Bo al ristorante Waikiki) sia sull’incrocio del vialone che conduce a “Li foggi”. Come al solito in Italia le cose vengono fatte a metà: dei vigili che multavano all’impazzata nei giorni dei parcheggi chiusi, neanche l’ombra. E percorrere quei  100 metri di litoranea è tornato ad essere un incubo”.

Un’altra lettrice, Giovanna Caggiula, si dice “delusa e truffata”: dopo aver letto il nostro articolo online che informava sul servizio comunale di navetta per le spiagge, ha deciso di usufruirne ma, una volta sul posto, avrebbe constatato dei disservizi. Ci scrive: “Felice della iniziativa che mi sembrava ottima, nella giornata di domenica 11 agosto ho acquistato dal parcometro il ticket per mezza giornata al costo di 3 euro, ricevendo anche il ticket per la navetta. Peccato che questa non sia passata! Ho aspettato sotto il sole fino alle 13.30, ben mezz’ora oltre l’orario della corsa previsto per le 13, fino a quando, esasperata dalla lunga attesa, ho dovuto riprendere l’automobile e recarmi con la stessa in spiaggia dove, non trovando altro posto, ho dovuto parcheggiare al parcheggio autorizzato della Praja al costo aggiuntivo di 5 euro. Forse, quindi,  non è un problema di disinformazione, ma di malfunzionamento del servizio se, sia i cittadini che i turisti, non usano il servizio navetta. Insieme a me infatti,  sono state private del servizio, pur avendo pagato il ticket, anche altre cinque ragazze romane che avevano, come me, avuto la bella idea di non portare l’auto in spiaggia”.

Gallipoli nel caos, dunque, e non solo per il boom di presenze, proprio nella settimana ferragostana?

GALLIPOLI. “Attivo dal 15 giugno, il servizio navetta per il mare verrà pubblicizzato nei prossimi giorni con la distribuzione di locandine informative presso bar, edicole e stabilimenti”: lo ha comunicato, nella mattinata di oggi, il personale dell’Ufficio politiche del territorio del Comune. In realtà, l’informazione su un servizio così importante in questa fase della stagione estiva, è in gran parte mancato, come testimoniano le segnalazioni di molti lettori di Piazzasalento.

Sul depliant si legge che salire sulla navetta è gratis: basta parcheggiare l’auto in una delle aree di sosta a pagamento a scelta tra quella ubicata presso il cimitero, lo stadio comunale, il canale dei Samari o Baia verde. Il servizio è attivo sette giorni su sette e lo sarà fino al 15 settembre. Per il mese di agosto, è prevista una corsa ogni ora dalle 9 alle 11 e dalle 18 alle 19; una corsa ogni trenta minuti dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18. Questo il contenuto dei volantini che presto dovrebbero essere sotto gli occhi di tutti.

Gallipoli. Dopo le annunciate telecamere all’ingresso della litoranea subito dopo Lido San Giovanni dell’anno scorso e l’autobus-navetta, per quest’anno si sta valutando l’ipotesi di fare della Baia verde una area ztl, cioè zona a traffico limitato ai residenti, villeggianti e gestori delle varie attività, per luglio e agosto.

Più sicuro sembra il fatto che dalla seconda entrata alla Baia verde fino al canale dei Samari si faccia isola pedonale con passerelle per raggiungere la spiaggia e i lidi dai parcheggi retrostanti, questa volta regolarmente autorizzati ancorchè temporanei.

A proposito di parcheggi che il Comune sta cercando, invitando i proprietari dei suoli idonei sia per la litoranea sud che nord, si spera di raggiungere un numero adeguato di accordi (ai privati resterebbe ovviamente la gestione e buona parte degli incassi dai ticket) in modo da realizzare anche quanto già fatto a Otranto e Ugento. Gli stessi proprietari-gestori potrebbero mettere a disposizione dei villeggianti anche un servizio navetta ovviamente a prezzi calmierati. Lungo la direttrice meridionale, con l’arrivo della stagione a senso unico, i parcheggi sulla strada saranno possibili solo sul lato sinistro mentre sulla destra resterà in vigore la pista ciclopedonale. Sul versante nord, si pensa all’area proprio all’ingresso della città dove c’è la rotatoria.

Insomma, più di qualcosa si muove in Comune per cercare di imbrigliare un movimento di turisti attratti dal mare che, come dimostrano le ultime stagioni, possono arrecare più danni che produrre utili all’ecosistema ed al paesaggio in generale. Ma per il piano estate del Comune resta fondamentale il reperimento delle aree di sosta, senza le quali sarà di nuovo caos.

by -
0 3185

IL CIRCUITO VIRTUOSO INTORNO ALLA BAIA VERDE Il tracciato evidenziato in verde raffi gura il percorso che farà l'autobus-navetta nella zona della litoranea sud a traffi co limitato durante il periodo estivo, la cui sperimentazione però sarebbe dovuta già partire. I puntini rossi indicano invece le aree di fermata della navetta che girerà in continuazione

Gallipoli. Tutelare un ambiente ancora bellissimo, consentire l’esecuzione di eventuali interventi di pronto soccorso, evitare ai residenti tensioni sempre meno sopportabili: come intrecciare queste esigenze non più rinviabili con il godimento dello stesso ambiente terrestre e marino sta interessando molte persone, gallipolini, dell’entroterra, turisti ed emigranti.

La chiusura alle auto (se non dietro pagamento di un ticket), la limitazione delle soste sulla carreggiata, la pista ciclabile ed il bus navetta completano un nuovo assetto che fa discutere e che comunque – essendo stato avviato dal commissario straordinario Ciclosi in base a quanto tentato dall’ultima amministrazione Venneri – dovrà passare al vaglio dei nuovi governanti cittadini.

Anche sul sito piazzasalento.it il dibattito incalza. «Era ora! Villeggio da 33 anni nella  bellissima Baia verde – scrive Alberto – e da tre anni a questa parte è diventata una cosa impossibile, grazie ai maleducati e vandali che devastano auto, si ubriacano dalle prime ore del pomeriggio, gridano e schiamazzano di notte, imbrattano la spiaggia con bicchieri, mozziconi di sigaretta, bottiglie di birra, cartoncini colorati (riduzioni per le varie discoteche salentine) ma soprattutto lo schifo peggiore è che, non essendoci dei vespasiani, questi personaggi orinano dove gli capita,code chilometriche per rientrare a casa di giorno e di notte, se qualcuno si sente male può anche morire perchè l’ambulanza non può passare. Bisogna litigare per entrare o uscire da casa propria perchè c’è sempre il solito c…  Adesso cari signori miei che non siete daccordo capite perchè era ora che si prendessero dei seri provvedimenti?».

Lorenzo aggiunge: «Prova di civiltà municipale, non me lo sarei mai aspettato da un Comune pigro come Gallipoli. Spero che ora facciano rispettare i divieti e che il servizio navetta funzioni. Ultima cosa: con le multe dei futuri certi trasgressori e dei pass, fate pulire le spiagge». Ma non mancano di certo i fermi oppositori. Un emigrante scrive: «Tutti gli anni si lamentano perchè non c’è turismo, sono sempre a piangere, eppure fanno leggi comunali che ti fanno passare la voglia di andare al mare. Che nessuno paghi il pass. Saluti dalla Svizzera. Antonietta Stefanelli: «Che dire? Povera Gallipoli, in che mani è andata a finire». Louis Alibrando: «La folie des grandeurs. Bloccare la litoranea! Far pagare il mare proprietà del popolo per lasciar spazio ai più ricchi!».

by -
0 2339

Taviano. In attesa del Pronto soccorso estivo – servizio che dovrebbe essere ripristinato come ogni estate dal 15 luglio al 10 settembre – e del servizio autobus della Provincia che collega la marina con S.Maria di Leuca-Otranto e Gallipoli-Lecce, servizio in attesa di essere ripristinato dal 10 luglio al 10 settembre, Mancaversa, la frazione marina di Taviano fa un maquillage per presentarsi nel suo abito migliore ai turisti che ogni anno vengono a trascorrere le ferie estive.

«Abbiamo tagliato l’erba dei prati e di molte siepi – afferma Salvatore Rainò, consigliere delegato alla marina- sistemato tutti i marciapiedi, ripulite le spiagge e le piazzette comunali. A giorni abbiamo previsto il ripristino di importanti servizi come il bus navetta, l’apertura della Farmacia comunale e un servizio Bancomat. Siamo pronti, insomma per la nuova stagione estiva».

Il servizio Bus navetta sarà attivo a decorrere dal primo luglio tra Taviano e Mancaversa. Un solo biglietto di andata costa 0,30 euro; per una corsa di andata e ritorno si spendono 0,50 euro. Per un abbonamento settimanale si spende 2,50 euro, un mensile costa 10 euro e per tutta la stagione ne occorrono 20 di euro.Il servizio è gratuito per i portatori di handicap e per gli invalidi civili inabili al 100%.

Sei le corse giornaliere. Si inizia alle 7.30 da Taviano e la giornata si conclude con l’ultima corsa da Mancaversa prevista per le 21.05. In dirittura d’arrivo anche l’apertura della farmacia comunale. In questi giorni, infatti, il direttore della Farmacia sta predisponendo il trasloco di una parte di medicinali per la sede succursale estiva.

Anche la Gial Plast, l’azienda che cura la raccolta dei rifiuti, ha predisposto il giorno dedicato alla raccolta differenziata “porta a porta” con inizio dal 5 luglio e fino a martedì 6 settembre. Per le utenze domestiche sono previsti sacchetti di raccolta differenziata multi materiale per carta, cartone, plastica, alluminio e materiale ferroso (tipo barattoli). Occorre collocare i vari sacchetti vicino alle proprie abitazioni entro le ore 12. Per i rifiuti umido e indifferenziati servirsi dei cassonetti stradali e delle isole ecologiche posizionate in zone strategiche della marina.
Non mancheranno manifestazioni artistiche e canore nelle varie piazze della marina come pure spettacoli teatrali e sagre.
In Municipio, tra un taglio al bilancio e uno sforzo per non far mancare il sostegno pubblico a questo tipo di manifestazioni, si sta cercando di elaborare un programma adeguato alla marina che appare bisognosa di un rilancio d’immagine, dopo alcune stagioni non proprio splendide.

RP

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...