Home Tags Posts tagged with "nardò basket"

nardò basket

by -
0 737

Nardò. Prende il via ufficialmente la stagione cestistica 2017/18 per la Frata Nardò, impegnata nel girone C di serie B. Il roster è composto da Alessandro Potì, Amedeo De Martino, Daniele Dell’Anna, Edoardo Scattolin, Federico Ingrosso, Fernando Marengo, Giorgio Durante, Goran Bjelic, Jeff Rodriguez, Luka Cepic, Pavle Mijatovic, Salvatore Muci, Stefano Provenzano e  Valerio Polonara. Il confermato coach Davide Olive sarà supportato dagli assistant coach Michele Battistini e Fabrizio Durante, dal dottor Massimo De Benedetto, dal preparatore atletico Salvatore Vergine e dai fisioterapisti Cosimo De Monte e Nico De Razza. Lo start al “Velodromo degli Ulivi” di Monteroni di Lecce, a causa dei lavori in corso al tensostatico amico del “Pala Andrea Pasca”: a tal proposito il club granata ha ufficialmente ringraziato la Nuova Pallacanestro Monteroni per la disponibilità.

Diramato il nuovo assetto societario, che prevede Carlo Durante nelle vesti di patron mentre Ivan Marra è il nuovo presidente. Angelo Pasca (che riveste anche l’incarico di responsabile comunicazione e media) e Giuseppe Durante (responsabile rapporti con la tifoseria) sono i vice presidenti con Valentino Mandolfo direttore generale, Fabrizio Durante dirigente responsabile marketing,  Battistini responsabile attività settore giovanile e il dottor De Benedetto dirigente responsabile dello staff medico

by -
0 545

nard-foggia a lecce 2valentino-mandolfoNardò. Quattro punti di vantaggio da gestire al meglio in altrettanti turni che separano l’“Andrea Pasca” Nardò dalla chiusura del campionato. La prima della classe, lepre e dominatrice della serie C “Silver”, è reduce dal convincente successo con Diamond Foggia sul neutro del Palasport di Lecce. Con delle buone notizie circa l’annoso problema dell’agibilità del palazzetto in cui il team richiama appassionati anche nei turni infrasettimanali. «Abbiamo chiuso i giochi – afferma il direttore sportivo del team granata, Valentino Mandolfo – con due punti di vitale importanza, conquistati al cospetto di un roster, quello foggiano, che seppur rimaneggiato resta di spessore, non foss’altro per la qualità dei cestisti americani».

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

A destra, in blu, Diego FracassoNardò. Lo scorso 6 dicembre ha risposto alla convocazione per il “Progetto Azzurri” e il suo talento non è passato inosservato. Si chiama Diego Fracasso (foto), è un classe 2001 e da tre anni la sua vita è a spicchi, come il pallone del suo sport preferito, il basket. E in quella serie di allenamenti di Bari, le sue abilità nel ruolo di guardia sono state annotate sui taccuini di coach e osservatori. «Eravamo 16 – esordisce il cestista di Parabita – poi il gruppo è stato scremato a 12 e siamo volati a Rimini per il “Memorial Fabbri”. Si è trattato di una esperienza che mi ha insegnato molto e per questo mi sento in dovere di ringraziare la Pallacanestro “Andrea Pasca” Nardò, a partire dal presidente Carlo Durante fino a tutti i collaboratori». Fracasso si è trasferito lo scorso settembre nel settore giovanile del principale movimento cestistico neretino, dopo i primi passi mossi a “casa”, nell’Olimpius Parabita. «Nel gruppo degli under 15 mi trovo benissimo – aggiunge – e ho trovato un’ottima accoglienza sin dal primo giorno. Poi, personalmente, devo molto a coach Alessandro Di Pasquale, a cui va il mio grazie, per i consigli che giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento, contribuiscono alla mia crescita».

Nonostante la considerazione e i “titoli” che si è meritato, Fracasso evita voli pindarici. «Sono cosciente – ammette – dei miei margini di miglioramento. Ricopro il ruolo di guardia ma posso migliorare anche come play. In fase offensiva non ho grossi problemi, ma so che c’è tanto da lavorare per curare i meccanismi difensivi e – conclude – nel gioco di squadra». Non solo l’età: Fracasso ha anche la testa giusta per farsi largo nel panorama cestistico perché conoscere i propri limiti è il primo passo per superarli.

by -
0 813

basket vittoria a Trani

vandali nel palazzetto

Alcuni dani fatti da ignoti al Palazzetto e, sopra, l’abbraccio dopo la vittoria a Trani

Nardò. Decisamente impattante l’avvio in serie C dell’Andrea Pasca Nardò. Superato l’Olimpica Cerignola nell’insidioso esordio casalingo, i granata hanno sfatato il tabù Juve Trani. Un “due su due” che ha permesso agli uomini di coach Alessandro Di Pasquale di mettere subito il turbo. Ma la stagione è lunga e piena di insidie, i facili entusiasmi non portano lontano. «A pensarci bene – nota il direttore sportivo, Valentino Mandolfo – anche nella passata stagione partimmo con l’acceleratore pigiato, poi qualcosa non andò per il verso giusto. C’è da dire, tuttavia, che quest’anno possiamo contare a pieno regime su Stefano Provenzano». Il campionato denota, fin dalle prime battute, un certo equilibrio. «Dai primi risultati – prosegue – si direbbe proprio che sia così. Libertas Altamura è partita a fari spenti eppure sta stupendo tutti. Angel Manfredonia, Sunshine Vieste e Diamond Foggia diranno la loro in chiave playoff. Talos Ruvo, invece, si porta dietro irrisolte questioni societarie».
L’Andrea Pasca continuerà a giocare al palazzetto di via Giannone, l’ipotesi Lecce “è tramontata – spiega Mandolfo – perché abbiamo incassato il no dal Comune in quanto il loro palazzetto è impegnato con le realtà locali di basket e volley”. «Il nostro timore – prosegue il direttore sportivo – è rappresentato dalla condensa che si forma al PalAndrea e che compromette la disputa delle gare. Giocoforza, però, scenderemo in campo a Nardò, anche perché di impianti omologati ci sarebbe, oltre a Lecce, solo quello di Monteroni, anch’esso occupato dalla squadra locale. Resta un piacere, comunque, giocare dinanzi al nostro folto pubblico».
Intanto dopo l’ennesimo atto vandalico dei giorni scorsi nel tensostatico, a cui è seguito il reclamo del club, l’Amministrazione comunale ha installato un sistema di allarme e videosorveglianza.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...