Home Tags Posts tagged with "Museo del giunco"

Museo del giunco

ACQUARICA DEL CAPO. Il 9 aprile scorso nel Castello medievale di Acquarica del Capo è stato inaugurato il nuovo polo culturale costituito dal rinnovato “Museo del giunco” e dal Centro di accoglienza turistica. Nel corso della serata è stato presentato il volume curato dalla dottoressa Francesca Ruppi “Acquarica del Capo, trame di giunchi e di memorie” (Edizioni Grifo). Il progetto, coordinato dall’assessore alla Cultura, Giacomo Palese, è stato reso possibile grazie al bando Cuis 2013 e al contributo del Gal “Capo S. Maria di Leuca”, in sinergia con l’UniSalento, la Provincia di Lecce e il Parco naturale regionale “Litorale di Ugento”. La parte organizzativa è stata curata congiuntamente dalla cooperativa “Cartagine Multiservizi”.

La serata è stata introdotta da una poesia sul giunco del notaio Francesco Pedaci, declamata dalla professoressa Erina Pedaci accompagnata dalle note della giovanissima pianista Melania Palese. A seguire i saluti del sindaco Francesco Ferraro, dell’assessore alla Cultura, Giacomo Palese, della preside del Comprensivo Presicce-Acquarica del Capo, Rosa Grappa, del consigliere del Gal “Capo S. Maria di Leuca” Giacomo Monsellato, dell’on. Rocco Palese, del presidente della Provincia, Antonio Gabellone e dell’assessore regionale Loredana Capone.

A rendere omaggio all’arte dell’intreccio del giunco, il cortometraggio “ Natura morta in giallo” del regista acquaricese Carlo Michele Schirinzi. L’intenso lavoro di ricerca contenuto nel libro è stato illustrato dalla curatrice del volume, Francesca Ruppi, dalle ricercatrici dell’Orto botanico dell’Università del Salento, Rita Accogli e Antonella Albano e dalla Interior Designer Marzia De Milito responsabile dell’allestimento del museo. A concludere un intervento della stilista Anna Siciliano, che ha reinterpretato in chiave moderna questa antica arte creando un brand di alta moda.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...