Home Tags Posts tagged with "murales"

murales

Nardò – Il progetto approvato a ottobre scorso dal Consiglio comunale e finalizzato a valorizzare gli spazi urbani grazie alla creatività entra nel vivo con il primo dei murales previsti: l’opera – già ultimata – è stata realizzata davanti alla scuola primaria “Gabelli” (in via Bellini). A firmarla Stefano Bergamo in arte “Best”, artista di Leverano classe 1970, con all’attivo svariate mostre in Italia e all’estero.

Il tema scelto per inaugurare questa “galleria” d’arte urbana è il rapporto uomo-animale. Il dipinto raffigura infatti una bambina accompagnata da un cane e un gatto. Soddisfatta l’associazione neretina “Mai più randagio”, che si occupa di animali abbandonati e aveva chiesto al Comune che un’opera tra quelle in programma venisse dedicata proprio a questo tema. «È una scelta tutt’altro che casuale – fa sapere il direttivo dell’associazione, – ispirata dalla convinzione di rivolgere un messaggio d’amore ai bimbi e, perché no, ai loro genitori. Inoltre, quel muro da tempo vandalizzato e oggi finalmente riqualificato esprime leggerezza e dona nuova luce al plesso scolastico. Al buon esito dell’iniziativa hanno contribuito in tantissimi, soci e simpatizzanti, donandoci ciascuno un indispensabile sostegno. Con una piccola targa nei prossimi giorni li citeremo tutti».

Soddisfatto anche Gianluca Fedele, consigliere comunale con delega al randagismo. «Ho seguito personalmente le varie fasi – commenta – che hanno portato alla realizzazione di questa suggestiva opera, e ho constatato un diffuso entusiasmo. Ringrazio in primis Pasquale Alfieri per aver preparato in tempi record il muro sul quale è stata realizzata l’opera, e l’assessore alla Cultura Ettore Tollemeto per aver caldeggiato l’iniziativa. Questo è solo il primo esempio di come un luogo possa cambiare aspetto grazie alla street art. Presto – conclude Fedele – altri luoghi della nostra Nardò ospiteranno bellissimi e colorati murales».

Sono cinque gli spazi individuati finora da Palazzo Personè per ospitare i murales: alla già citata via Bellini si aggiungeranno il muro esterno di via Rubichi (all’altezza dello stadio “Giovanni Paolo II”), il campetto di via Deledda (zona Penta), la recinzione degli uffici comunali di via Falcone (ex tribunale) e i muri esterni della scuola di via Bologna.

Nardò – Murales, disegni e scritte sui muri: la Giunta comunale indica luoghi cittadini da destinare alla creatività. L’elenco, che comprende cinque aree urbane, è previsto dal regolamento approvato dal Consiglio comunale a ottobre scorso. Il regolamento disciplina le attività di graffitismo e in generale di street: disegni, murales e scritte potranno essere realizzati tramite pittura, spray, sticker e poster su spazi di proprietà del Comune o, in futuro, su aree messe a disposizione da privati o altri soggetti pubblici. Per cominciare, gli spazi adesso individuati sono: la recinzione della scuola di via Bellini (incrocio con via Betti), il muro esterno di via Santa Maria del Ponte e via Rubichi all’altezza dello stadio Giovanni Paolo II, la recinzione del campetto di via Deledda in zona Penta, la recinzione degli uffici comunali di via XX Settembre e via Falcone (ex tribunale) e i muri esterni della scuola di via Bologna (che comprendono anche via Foggia e via Tasso). Il passo successivo è ora quello di individuare gli artisti. L’obiettivo, fa sapere Palazzo Personè, è di riconoscere un fenomeno molto diffuso, “legalizzarlo” e incentivarlo, nelle misure previste, anche per migliorare le periferie e gli spazi urbani.

«Con l’individuazione di questi spazi – dichiara l’assessore all’Urbanistica e alla Cultura Ettore Tollemeto – contiamo, da un lato, di ridare colore e vita a luoghi grigi o dimenticati della città e dall’altro di offrire a street artists e writers la possibilità di esprimersi in maniera “lecita”. Non escludo – promette l’assessore – che l’elenco di spazi utili possa allungarsi. Da parte mia faccio un invito agli artisti a prendere visione degli spazi e presentare idee e proposte». «Molti artisti – afferma il capogruppo in Consiglio di Andare Oltre, Gianluca Fedele – chiedono di poter utilizzare spazi per esprimersi e “liberare” la propria creatività che, è bene ricordarlo, ha cambiato la faccia di molte città in Italia e nel mondo”. Il censimento degli spazi era stato effettuato tempo fa da alcuni componenti di AO. (nella foto via Foggia, Tollemeto e Fedele)

 

Nardò – “Con il cuore colmo di gratitudine, ringrazio l’artista e l’Amministrazione comunale per quest’opera che è un inno alla bellezza. Tante Renate, così come i suoi tanti impegni. Grazie Lequile”: con queste parole Viviana Matrangola, figlia di Renata Fonte, ha commentato l’opera da street art, voluta dall’assessore alla Cultura Antonio Spedicato e realizzata da Chekosart, che ieri mattina è stata inaugurata in via Leonardo Da Vinci, di fronte alla aule ed alle finestre della adiacente scuola media “Sandro Pertini”. L’opera è stata realizzata nell’ambito del progetto !La bellezza salverà il mondo”. In questo caso “venti metri di bellezza pittorica urbana che difatti ha rigenerato via Leonardo da Vinci in omaggio a Renata Fonte, indimenticabile simbolo di eroismo e impegno civile assassinata nel 1984 a soli 33 anni”.

“Una domenica di maggio, quindi, davvero speciale – si legge nella nota del Comune di Lequile – speciale per tanti, tra cui oltre 45 ragazzi del laboratorio di disegno e pittura “Percorsi d’Arte”, di Milena Guarascio, provenienti da Lequile e da diversi paesi della provincia, i quali, insieme agli studenti delle scuole medie di Lequile (guidati dai professori di Arte Giovanni Matteo e Daniela Perrella) e ad alcuni allievi del maestro Roberto Buttazzo, hanno realizzato sul muro di ingresso della scuola un loro dipinto riguardante il mare”. Alla dottoressa Matrangola è stata consegnata una targa ricordo.

 

 

by -
0 1623

Murale PresiccePRESICCE. Un murale campeggia sulla parete della scuola media di Presicce. È stato realizzato da poco dell’artista Alessio Bolognesi, di Ferrara e rappresenta una bambina che dopo una giornata di studio si addormenta sui libri e sogna ciò che vuole diventare. Un augurio a tutti gli studenti affinché realizzino i loro sogni. “Alessio è uno degli artisti che sta partecipando alla collettiva “Le fil rouge” a Specchia, organizzata da Viviana Cazzato – afferma Francesco Luca, presidente dell’associazione Noi Presicce, promotrice del murale – e per ringraziare dell’accoglienza ci ha chiesto una parete vuota per poter omaggiare con un disegno. Ci siamo consultati e abbiamo proposto di realizzare qualcosa sulla parete della scuola media”.

L’associazione ha fatto richiesta formale al Comune e al Consiglio d’Istituto, mentre all’artista ha chiesto delle bozze per poter scegliere il soggetto più bello.
“La scelta è ricaduta sulla bambina – continua Luca – l’abbiamo proposto al sindaco che ha accettato, dopo aver ottenuto l’ok dalla scuola abbiamo preparato tutto l’occorrente e sono partiti subito i lavori. E ci tengo a sottolineare l’artista ha dipinto gratuitamente”. Tre giorni intensi su quella parete, mattina e pomeriggio.
“Mentre dipingevo, tante persone si sono avvicinate curiose – sorride Bolognese, che ha realizzato diversi lavori in molte altre città, questo è il primo nel sud Italia – alcune mi hanno fotografato, altre hanno iniziato a chiacchierare. Ci sono stati anche dei bambini che hanno dato qualche pennellata di colore. Chi mi ha aiutato davvero, questa volta, è stata la mia compagna, la performer Giu La Cedra”.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...