Home Tags Posts tagged with "mons. Giuliano Santantonio"

mons. Giuliano Santantonio

Il Prof. Antonino Zichichi, Presidente della WFS (World Federation of Scientists), curatore della mostra

Il Prof. Antonino Zichichi, Presidente della WFS (World Federation of Scientists), curatore della mostra

GALLIPOLI. L’arte e, di conseguenza, la bellezza sono legati indissolubilmente alla Matematica. Le opere dei maestri rinascimentali, da Michelangelo a Botticelli senza dimenticare Leonardo Da Vinci, dimostrano un’armonia tra le proporzioni, l’esatta applicazione di rapporti numerici e del Numero aureo, studiato e teorizzato dal matematico Leonardo Pisano, meglio noto come Fibonacci. E questo è il tema della mostra “Matematica e Bellezza, Fibonacci ed il numero aureo”, ospitata dalla Diocesi di Nardò-Gallipoli presso il Museo diocesano “Mons. Vittorio Fusco” dal 13 giugno al 31 ottobre a Gallipoli. La mostra aprirà una stagione ricca di eventi e manifestazioni di respiro internazionale, il tutto con l’obiettivo di educare alla bellezza, perché, come ha detto Papa Francesco, “la bellezza sempre ci avvicina a Dio”. La mostra verrà inaugurata il 13 giugno alle 19.30 alla presenza del vescovo Fernando Filograna, mons. Giuliano Santantonio e il curatore stesso della mostra prof. Antonio Zichichi. La mostra è organizzata da “Il Cigno GG Edizioni” di Roma, dalla società “Sia – Servizi museali e da “Impresa Leopizzi 1750” di Parabita, supportate dalla “World Federation of Scientists”.

mons. Giuliano SantantonioNARDÒ. Cena di fine anno per la “mensa dei poveri” di Nardò, lo scorso 23 dicembre, nel seminario diocesano. Oltre ai frequentatori abituali, presente anche il vescovo mons. Fernando Filograna e i 122 volontari dell’associazione “Farsi solidale”assieme a mons. Giuliano Santantonio di Racale, loro presidente e parroco della cattedrale: “per condividere l’esperienza dello stare insieme a tavola, come si fa tra amici che si rispettano e si vogliono bene”, dice una signora che nella mensa fa la cuoca. Menu e servizio ai tavoli, invece, nonostante le vacanze di Natale, a cura dell’Alberghiero “Nicola Moccia”: docenti e alunni insieme. Ogni chiusura d’anno è tempo di bilanci: “la mensa dei poveri” di Nardò la frequentano persone provenienti da Tunisia, Ghana, Senegal, Sudan, Marocco, Mali, Nigeria, Burkina Faso, ma anche italiani. Anzi gli italiani superano nettamente gli stranieri, sfatando così la “leggenda” che vuole favoriti i cittadini esteri. Nei 1.394 giorni in cui ha operato la “mensa”,infatti, (questi i numeri ufficiali della Caritas diocesana) sono stati distribuiti 95.110 pasti: ben 71.782 a persone del posto e solo 23.828 a cittadini stranieri.

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...