Home Tags Posts tagged with "mister estate 2014"

mister estate 2014

by -
0 3882

GALLIPOLI. Incetta di fasce e titoli per le miss e i mister del Salento che in questi giorni sono stati premiati nell’ambito di diversi concorsi di bellezza. Partiamo da Giorgia Cimbasso, 16 anni di Gallipoli, seconda finalista pugliese del concorso The Look of the Year Italia, il fashion award internazionale legato al mondo del modelling. La giovane, studentessa al “Q.Ennio” della sua città, è stata premiata in occasione del concorso che si è tenuto all’Esperia Palace Hotel di Marina di Ugento lo scorso 27 agosto e ha così conquistato uno dei quattro posti per la finale nazionale che si terrà a novembre. Per lei oltre al favore della giuria anche gli apprezzamenti dello stilista Massimo Orsini con il quale lavorarerà ad uno shooting fotografico indossando i suoi abiti. Nella stessa serata premiata un’altra gallipolina: Martina Sarcinella, anche lei studentessa al “Q.Ennio” che ha conquistato il premio “Stile”.

È di Casarano, invece, il più bello dell’estate. Si chiama Eugenio Marrella premiato al Gran Galà dei più belli dell’estate 2014 di Puglia e Salento. Tanya Natale, anche lei di Casarano, è stata tra le 9 miss a ricevere la fascia “Una ragazza per la moda e lo spettacolo”. La lista delle bellezze salentine prosegue con un’altra giovanissima: la 19enne Federica Casarano. Federica, che nel cognome ha il paese d’origine, è studentessa in giurisprudenza, con diploma al liceo Classico, e si è candidata alle finali nazionali di Miss Europe Continental che si svolgeranno il 5 settembre dinanzi alla prestigiosa Reggia di Caserta. Ha sfilato sulla passerella del Capo di Leuca, infine, anche Debora Pellico, 18 anni di Parabita, classificatasi seconda nel concorso “Miss Capo di Leuca” organizzato nell’ambito del “Festival della canzone”. Titolo di “Miss Mamma”, invece, per Carolina Pizzi di Ugento e “Miss baby” a Bianca Legittimo 7 anni di Presicce.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...