Home Tags Posts tagged with "migrazione di ritorno"

migrazione di ritorno

Maglie – Azienda Lagorosso di San Donato: orticole e cultura; Azienda Salos e Azienda Fontanelle di Otranto: grani, legumi, paste integrali e orticola; Azienda UovoPerfetto di Cutrofiano: allevamento da terra, tutte maglie della Rete Salento a km zero; in arrivo altre realtà produttive del territorio. Continua così, con quest’altro passo, la collaborazione tra Arci-Biblioteca di Sarajevo di Maglie, Officine cittadine e la cooperativa Karadrà (nella foto) nata in occasione della rassegna “Dalla campagna alla campagna …” del dicembre scorso in cui si è trattato il tema della migrazione di ritorno. Quella rassegna s’inseriva in un percorso più ampio “che si sta portando avanti e che vede al centro il tema dell’integrazione in un contesto mondiale in cui non si possono bloccare le aspettative di tante persone che lasciano la propria terra alla ricerca di un futuro migliore per sé e per i propri figli”, come ricorda il presidente della Biblioteca di Sarajevo, Lucio Montinaro.

“L’esperienza dei giovani di Karadrà è proprio quella di chi ha lasciato il Salento per poi tornarci rimboccandosi le maniche e ripartire da esperienze e culture contadine che si stavano perdendo. Karadrà e gli altri produttori – si legge nella nota di presentazione del prossimo incontro, il primo di una serie – vogliono avviare anche a Maglie un Gruppo di acquisto solidale per incentivare il consumo etico di prodotti locali di qualità, rispettosi del territorio e dei diritti delle persone che lavorano alla loro produzione”. Il Gas ha già una casa: l’antica Masseria Calamauri di Maglie, individuata come sede per eventi ed incontri di promozione territoriale e non solo. Appuntamento quindi per il 18 marzo alle ore 10 proprio nella storica masseria per presentare il progetto con la partecipazione del professore Salvatore Coppola che illustrerà la storia del movimento contadino a Maglie, e di Rocco Giangreco degli “Arsura” che si esibirà in canti della tradizione contadina locale, oltre a Roberta Bruno di Karadrà che illustrerà nei particolari lo stesso progetto. Durante l’incontro previsti anche giochi come la “Gara dei contadini” curata da Officine cittadine, in cui i partecipanti saranno coinvolti nell’esperienza diretta di situazioni di ingiustizia reale e ineguaglianza per riflettere su soluzioni e alternative sia a livello locale che globale.

 

 

Voce al Direttore

by -
"Ma com'è possibile che un giorno sì e l'altro pure si sequestrano lidi abusivi? A volte gli stessi di qualche giorno prima?" La domanda,...