Home Tags Posts tagged with "miele"

miele

UGENTO. Eccelle in dolcezza, proprietà nutritive e fascino, soprattutto tra i più piccoli: miele in primo piano e successo assicurato per «Un giorno con la Regina» la manifestazione interamente dedicata all’apicoltura salentina, promossa dal «Centro di educazione ambientale Posidonia» di Ugento. Ieri sera, a Casarano, la consegna degli attestati della terza edizione dell’iniziativa, caratterizzata da percorsi sensoriali nelle produzioni di eccellenza di miele, workshop, laboratori didattici con gli alunni degli istituti comprensivi «Polo 1 e 3» di Casarano, «Polo 2» di Taurisano, «Italo Calvino» di Alliste e della scuola dell’infanzia paritaria «Santa Rita» di Ugento.

«Dobbiamo incentivarne il consumo sulle nostre tavole», commenta Mino Pierri, presidente del Cea Posidonia. «Abbiamo fatto grandi sacrifici per potenziare, ancor di più, le attività didattiche e di marketing del miele, convinti, come siamo, che sia un prodotto da valorizzare, partendo dagli studenti. Occorre acquisire, da parte di tutti, una maggiore consapevolezza dell’importanza delle api per l’ecosistema e per la nostra alimentazione».

UGENTO. La “Regina” salentina non teme il calo della produzione del suo miele. Nonostante la prolungata siccità e gli eventi meteorologici estremi abbiano pesato notevolmente sui numeri, con 400 apicoltori su 19mila alveari censiti in Puglia, la qualità del prodotto rimane molto buona. È quanto emerso nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento «Un giorno con la Regina», dedicato all’apicoltura salentina e promossa dal «Centro di educazione ambientale Posidonia» di Ugento, presieduto da Mino Pierri. Obiettivo dell’iniziativa, giunta alla sua terza edizione, è proprio quello di promuovere le proprietà nutrizionali e il consumo di miele, protagonista delle attività che coinvolgono gli alunni degli istituti comprensivi «Polo 1 e 3» di Casarano, «Polo 2» di Taurisano, «Italo Calvino» di Alliste, scuola dell’infanzia paritaria «Santa Rita» di Ugento, fino all’evento conclusivo di domenica 3 dicembre, a Casarano, nel chiostro del Palazzo dei domenicani con la consegna degli attestati.

Al centro dell’incontro di presentazione di questa mattina, nella sala delle conferenze della Camera di commercio di Lecce, una riflessione sui settori strategici per l’economia regionale, primo fra tutti l’agricoltura: «L’apicoltura, in particolare, è un comparto delicato – ha sottolineato Sebastiano Leo, assessore regionale alle Politiche per il lavoro e alla formazione professionale – perchè riguarda il nostro ecosistema. Bisogna valorizzarla, partendo proprio dalle fasce di popolazione più giovani». Secondo il presidente di Coldiretti Lecce Pantaleo Piccinno, «l’agricoltura ha grandi potenzialità, molte delle quali da sfruttare appieno. Occorre salvaguardare le aziende agricole ed è necessario acquisire una maggiore consapevolezza dell’importanza delle api». «E’ necessario incentivare le filiere produttive. Molti nostri prodotti – Luigi Derniolo, presidente di Confartigianato Imprese Lecce – basti pensare alle tantissime varietà di mieli, nonostante l’alto livello di eccellenza qualitativa raggiunta, rimangono purtroppo confinati a un bacino di consumo poco più che locale, con sistemi di produzione che molto spesso presentano ritardi di sviluppo rispetto ad altre aree del Paese. Non possiamo rimanere indietro».

UGENTO. Workshop, percorsi sensoriali e anche un concorso per piccoli cuochi e pasticceri. Tutto per celebrare il prodotto più dolce che c’è. Torna per il terzo anno consecutivo “Un giorno con la Regina”, l’evento dedicato alla promozione dell’apicoltura come ambasciatrice del patrimonio culturale, ambientale e storico salentino. L’iniziativa è promossa dal «Centro di educazione ambientale Posidonia» di Ugento e vedrà impegnati, venerdì 24 e sabato 25 novembre nell’Istituto comprensivo di Casarano, gli alunni delle scuole primarie di Ugento, Casarano, Taurisano, Alliste e Felline, alle prese con tre laboratori didattici all’insegna della creatività e del gusto.

Il primo laboratorio denominato «CerAmica» e curato dalla ceramista Chiara Spiri, porterà alla costruzione, per ogni classe, di un alveare in terracotta, mentre i bambini realizzeranno una piccola ape in argilla da inserire nelle celle dell’alveare stesso. Nel secondo laboratorio, gestito da Cristina Mileti, tanti materiali di uso quotidiano saranno riciclati in maniera creativa e trasformati in piccole opere. Il terzo laboratorio, curato da Daniela Margarito, sarà un momento di gioco e di merenda. Con l’ausilio dell’apicoltore e della nutrizionista, tutti i bambini saranno coinvolti in un lavoro di scoperta sensoriale, di conoscenza del miele e di come l’uomo possa consumarlo al meglio per trarne benefici salutari.

«Nonostante il miele e i suoi derivati abbiano notevoli proprietà benefiche, non è ancora sufficientemente diffusa la consapevolezza circa il loro utilizzo e il consumo sulle nostre tavole», fa sapere Mino Pierri, presidente del Cea Posidonia. «Questa manifestazione è stata pensata per sensibilizzare tutti, grandi e piccoli, addetti ai lavori o semplici consumatori». L’evento, ospitato lo scorso anno tra i Comuni di Salve, Barbarano e Morciano di Leuca, è realizzato in collaborazione con l’Associazione Pasticceri Salentini di Confartigianato Lecce, Coldiretti Lecce, l’ente Santa Cecilia di Casarano e gode del patrocinio della Commissione Agricoltura del Senato, del Ministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali, della Regione Puglia, della Camera di Commercio di Lecce e della Città di Casarano. «Abbiamo accolto con favore la proposta del Cea Posidonia di Ugento», commenta Daniele Gatto, assessore all’Agricoltura del Comune di Casarano, che sostiene l’organizzazione dell’evento e delle iniziative collaterali, «nella consapevolezza che l’apicoltura rivesta un ruolo importante nell’economia agricola del territorio e vada perciò valorizzata. Il coinvolgimento delle generazioni più giovani va in questa direzione».

 

 

 

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...