Home Tags Posts tagged with "MESCIU PEPPE"

MESCIU PEPPE

Rizieri Siciliano

Gallipoli – Se Gallipoli si preoccupa per un inconsueto calo di presenze, per quanto è dato di sapere finora, piuttosto contenuto, cosa accade e quanto ne risente il circondario in cui il settore turistico in questi ultimi  ha maggiormente preso piede e vigore? Andando a vedere da vicino gli effetti, si scopre che le onde lunghe arrivano anche a Leuca, oltre che a Mancaversa o Alezio.

In attesa dei primi dati su un buon agosto, il campanello d’allarme suonato sul finire di giugno e per una buona parte di luglio ha avuto subito ripercussioni sui diversi settori del turismo anche delle zone limitrofe, sia pure in maniera differente. Ostelli della gioventù, B&b, case vacanze, minicrociere su barche di lusso: il segno meno è di casa ed anche marcato in alcuni casi, per una stagione non delle migliori.

A Tuglie si è lavorato comunque, ma molto meno rispetto ad anni recenti –  afferma la proprietaria di un B&b e di diverse case per vacanze che preferisce restare anonima – quest’anno poi si nota che la fascia dei giovani manca proprio. Si è lavorato bene con famiglie (molte preferiscono i tranquilli paesi dell’entroterra rispetto a Gallipoli) e le giovani coppie. Agosto si è mantenuto stabile, ma non ci sono state in generale le richieste degli altri anni. Il target pare cambiato molto: non esiste più economicamente la fascia medio-alta, presente fino a cinque anni fa; o c’è la fascia alta o c’è la fascia con un potere di acquisto minimo. Infine, c’è troppa offerta, troppa concorrenza anche a causa di chi affitta in nero: spesso accade che i villeggianti chiamino per fare loro il prezzo, volendo tutti i comfort ma proponendo il loro budget”.

“La crisi? Certo, l’abbiamo sentita anche noi a Lido Conchiglie, anche se noi ci siamo sempre rivolti ad una clientela di famiglie – afferma Alfredo Monteduro, uno dei gestori della nota struttura “Mesciu Peppe” – e quindi le nostre serate di musica sono sempre state molto frequentate. Se chi di dovere non prende in mano la situazione in maniera seria, anche dal punto di vista politico, Gallipoli andrà decadendo. Non possono lasciare soli noi imprenditori e poi provare persino ad addossarci le colpe”.

Locali chiusi? Sfumati 150 ragazzi israeliani a settimana ad Alezio Anche secondo Quintino Esposito di Gallipoli, proprietario dell’Ostello della gioventù di Alezio (in paese gli ostelli sono due, sorti da pochi anni), il colpo c’è stato ed è stato notevole: “Per la prima volta abbiamo avuto un calo del 30%; il nostro ostello ospita i giovani dai 18 ai 25 anni. La causa della diminuzione di giovani fruitori è soprattutto dovuta alla chiusura di locali come il Parco Gondar, che faceva degli eventi a livello internazionale, attirando tantissime persone. Io in particolare ho avuto un danno non indifferente, perché a novembre 2017 ero stato contattato da un tour operator israeliano che voleva offrire dei soggiorni a dei giovani israeliani qui da noi in Salento. Io avevo concluso un contratto per questa stagione di 150 ragazzi israeliani a settimana dal 1 luglio al 30 agosto, che volevano venire per vivere la movida. Quando hanno sentito dei locali chiusi, hanno disdetto tutto”.

Anche le barche di lusso piangono Il calo è nettissimo anche per il settore delle barche di lusso: sono mancati molti gruppi di giovani dai 28 ai 40 anni, quelli che in genere portano più soldi rispetto alle famiglie, che vogliono divertirsi ed hanno un budget maggiore da spendere in divertimenti. Rizieri Siciliano, presidente dell’Associazione commercianti e imprenditori di Santa Maria di Leuca con interessi nella ricettività, ristorazione e turismo nautico, afferma: “E’ fuori ogni dubbio il fatto che il calo di presenze giovanili di Gallipoli si sia riversato anche negli altri paesi. A Leuca sicuramente, perché grazie alle autolinee come Salentoinbus c’era un interscambio. Per quanto riguarda le escursioni sulla mia barca di lusso “Alexander”, io posso tranquillamente dire che ho più problemi a gestire le famiglie con i bambini piccoli, che hanno specifiche esigenze, piuttosto che i ragazzi ventenni. Strano che i ragazzi quest’anno sembra siano stati demonizzati”.

Il termometro di Mancaversa Secondo Andrea Trianni, che gestisce il locale Bubba a Mancaversa, marina di Taviano, insieme al fratello Edoardo, il calo è stato anche di quattro volte rispetto agli altri anni. “Noi abbiamo un’attività che lavora 24 ore al giorno in una zona prettamente turistica ed è quindi un termometro evidente del fenomeno. I giovani sono stati molti di meno e si è abbassata l’età del turista medio sotto i 20 anni. Mancaversa, negli anni precedenti, era caratterizzata sempre da questi gruppi di centinaia di giovani da metà luglio a metà agosto: quest’anno tutto questo è solo un lontano ricordo”.

La concorrenza di Egitto e Oriente “Indubbiamente si sono avute ripercussioni anche nei centri vicini a Gallipoli nel segmento dei giovani under 30, mentre a Mancaversa per quanto riguarda la prenotazione di famiglie c’è il pieno fino al 10 settembre – conclude Marco Briganti di TravelMinds – oltre alla chiusura dei locali di Gallipoli, quest’anno il calo del turismo in generale nel Salento è comunque da addebitarsi anche alla scelta di altre mete che stanno ritornando ad essere richieste dagli italiani, come l’Oriente e l’Egitto”.

Sannicola – Laboratori e giochi per bambini, concerti, serate danzanti e poesia in musica scandiscono quest’ultimo scorcio di agosto fra Sannicola e marine.

Triplo appuntamento musicale a Lido Conchiglie il 23 agosto – Alle 19, presso il Salento Bike Cafè avrà luogo l’evento “Canzoni, fichi e nostalgia”, con degustazione guidata di fichi e proiezione del documentario “La via delle fiche”, per la regia di Carlo Cascione su soggetto di Francesco Minonne (info al 346.0862717). Alle 21, invece, da Mesciu Peppe si balla con pizzica e musica tradizionale in compagnia dei Mariglia (di Ruffano). Contemporaneamente, nel piazzale antistante la sede della Proloco (su lungomare Colombo), liscio e balli di gruppo con Alfonso Amarè e una selezione musicale anni ’70-’80.

Di nuovo al Salento Bike Cafè, venerdì 24 agosto (alle 21) spazio al “Teatro dei piedi”, originale spettacolo in cui piedi, mani e ginocchia dell’artista Laura Kibel si vestono e si trasformano in personaggi umani (ingresso euro 5; dalle ore 19 aperitivo con menù speciale bambino. Info al 392.1144073). Sabato 25, invece, alle 21,30 si esibiscono gli Insolito Groove, trio composto da Francesco Battaglia (chitarra e voce), Luigi Rinaldi (sax) e Maimone Stefano (basso).

Sabato 25 agosto (ore 21) al Lido Conchiglie c’è il concerto della scuola di canto di Alessandra Simone. “Sono 15 allievi e un gruppo ospite – spiega l’artista, – dai 10 anni in su. I ragazzi che si esibiranno sono di Sannicola, Galatone, Monteroni e Melissano. Il gruppo ospite, invece, è quello dei Mayha, di Monteroni”. Durante la serata saranno premiati i vincitori del concorso fotografico “Salento coast to coast”, indetto dalla Proloco.

Giocoleria e decorazione della ceramica – Proseguendo nel calendario di agosto, domenica 26 (alle 21) il Salento Bike Cafè ospita lo spettacolo di equilibrismo e giocoleria con il “Grande Lebusky” (ingresso gratuito. Dalle ore 19 aperitivo con menù speciale bambino. Info al 392.1144073). Stessa location, il 27 e 28 agosto (a partire dalle 18), per i laboratori artistici di decorazione della ceramica tenuti da Andrea Margiotta : lunedì 27 si esplora la tecnica giapponese raku, legata allo “spirito zen e al rito della cerimonia del tè, e caratterizzata dalla semplicità e dalla naturalezza delle forme”, come spiega Margiotta; mentre martedì 28 corso per bambini che “nasce con l’idea di far conoscere il mondo della ceramica ai più piccoli attraverso la decorazione di pesci, civette, ramarri e tanti animaletti simpatici in terracotta”, commenta ancora l’artista. Info e costi dei laboratori al 349.6259860.

Concerto poetico con Matteo Greco a Sannicola – Mercoledì 29 agosto, per il tradizionale evento Kalispera, a Villa Excelsa si terrà la presentazione del libro “Una notte senza dire niente nacque il mare”, di Matteo Greco (autore di Santa Maria di Leuca): sarà una sorta di concerto poetico, che intreccia poesie e canzoni. L’evento, organizzato dal Presidio del libro Verbamanent (presieduto da Maddalena Castegnaro), ha il patrocinio del Comune ed è promosso dalla Regione Puglia, assessorato all’Industria turistica e culturale.

Mercato contadino e pizzica a Lido Conchiglie – Sempre mercoledì 29 agosto, dalle 19 Salento Bike Cafè accoglie il “Mercato contadino” organizzato dall’associazione “Oltre Mercato Salento”, in collaborazione con l’associazione “QuiedOraw!”. Nello stesso spazio, giovedì 30 agosto in programma un corso di pizzica (a partire dalla 18,30. Durata 2 ore, costo 20 euro. Info e prenotazioni al 366.9947811). Ancora, giovedì 30 (dalle ore 21) appuntamento da Mesciu Peppe per l’ultimo concerto agostano di pizzica: sul palco i Criamu.

Lido Conchiglie (Sannicola) – Appuntamento fuori programma questa sera, martedì 14 agosto, a partire dalle ore 21 presso Mesciu Peppe, a Lido Conchiglie: si tratta dell’evento “Mi ritorni in mente”, durante il quale si esibiranno Emanuele Montagna e Ilenia Romano, proponendo musica anni ’70, ’80 e ’90, fino ai nostri giorni.

“Un viaggio tra le più belle canzoni degli ultimi 50 anni, in una serata organizzata a grande richiesta del pubblico” commentano gli organizzatori.

Lido Conchiglie (Sannicola) – Proseguono per tutto agosto gli appuntamenti del giovedì con la musica tradizionale e la pizzica sulla rotonda di Mesciu Peppe, a Lido Cochiglie. Il 2 agosto sono attesi i “Calanda Group”, il 9 “Ariacorte”, il 16 sarà la volta dei “Mema”, il 23 dei “Mariglia” e il 30 dei “Criamu”. «Si tratta di noti e apprezzati gruppi di musica popolare salentina che abbiamo voluto includere nella nostra programmazione per il divertimento di turisti e persone del luogo. Il “giovedì di Mesciu Peppe”, ci auguriamo che sia un appuntamento all’insegna del divertimento e della spensieratezza per tutti, ricordando sempre le nostre radici» commenta Alessandro Monteduro, che organizza le serate per il villaggio turistico di famiglia.

La “crisi” di Gallipoli «La crisi di presenze che sta subendo Gallipoli, la sentiamo ovviamente anche a Lido Conchiglie, anche se noi – aggiunge Alfredo Monteduro, zio di Alessandro che con il fratello Vittorio gestisce l’attività – ci siamo sempre rivolti ad una clientela di famiglie e le nostre serate organizzate sono sempre molto frequentate. Il calo di presenze si sente e da tempo siamo consapevoli che se chi di dovere non prende in mano la situazione in maniera seria, anche dal punto di vista politico, Gallipoli andrà decadendo. Non possono lasciare soli noi imprenditori e poi provare persino a gettarci addosso le colpe delle mancanze politiche e di programmazione. Noi lavoratori del turismo ci impegniamo sempre al nostro meglio per presentare ai clienti la migliore offerta possibile sotto tutti i punti di vista. Speriamo sempre che il nostro lavoro e impegno sia apprezzato e valorizzato».

Lido Conchiglie (Sannicola) – Appuntamenti danzanti da “Mesciu Peppe” a Lido Conchiglie sulla tradizionale rotonda sul mare tutti i giovedì a partire dalle 21 con Pizzica e musica popolare. Giovedì 12 luglio appuntamento con il gruppo “Taranta Gyspy Popolare sud est”; il 19 in pista Alessio Gaballo e “Gli amici della pizzica; il 26 gli “Ariacorte”.

La storia del locale e della marina Mesciu Peppe, ovvero Giuseppe Monteduro, fu il fondatore del primo villaggio turistico, denominato “Lido Conchiglie”, sorto negli anni ’50 nella località che poi, in seguito a ciò, da Cannole assunse la denominazione proprio di Lido Conchiglie. «Il sabato e domenica – commenta Alessandro Monteduro, nipote di Mesciu Peppe –  seguendo la tradizione voluta dal nonno, le serate saranno di piano bar e divertentismo, per una vacanza di relax e divertimento»

LIDO CONCHIGLIE. Entra nel vivo l’estate sannicolese. Mercoledì 19 luglio appuntamento in piazza della Repubblica con gli Schiattacore, la band composta da Marco, Ylenia e Francesco Giaffreda, Bruno Scorrano, Antonio Marulli, Gabriele Pastore, Gloria Guido, Francesca Giaffreda e Maricò Sarcinella. Novità dell’estate è la musica dal vivo che ritorna dopo oltre 10 anni sulla rotonda di Mesciu Peppe. Le serate saranno dedicate alla memoria di “Mesciu Peppe” Monteduro l’imprenditore che, a inizi ‘900 costruì il complesso turistico “Lido Conchiglie” (che ha poi dato il nome alla marina, in precedenza denominata “Cannole”). Primo appuntamento giovedì 20 luglio, alle 22, sarà la pizzica con i Criamu. A seguire, il 23 luglio, serata di piano bar con Domenico Schiavone, il 27 le “Ronde salentine”, serata di pizzica in cui il pubblico potrà portare i propri strumenti e partecipare attivamente alla serata, ed il 30 piano bar con Marcello Brocca.

lido conchiglie mesciu peppe sannicolaSANNICOLA. Correva l’anno 1976, o giù di lì, era domenica pomeriggio a Lido Conchiglie, tra il lido dell’Aeronautica e Mesciu Peppe (foto). In zona “bonifica”, a trascorrere un pomeriggio di relax con la sua famiglia, c’era anche Giuseppe Mezzi, giovane idraulico, allora a inizio carriera (ora la sua impresa è una delle più importanti). «Quella mattina avevo lavorato ed ero esausto. All’improvviso un uomo uscì dall’acqua con aria rassegnata portando sulle spalle un bambino che credeva morto. “Non c’è niente da fare”, affermò tra disperazione dei genitori del piccolo di 8 anni». “Maria, è Peppino nostro” è la frase che Giuseppe ricorda  aver sentito pronunciare al padre del ragazzino che, per fortuna, era solo agonizzante. L’allora  giovane sannicolese, infatti, non si perde l’animo e inizia a praticargli la respirazione artificiale  sollevandolo per le gambe.

«Non potevo arrendermi, una vita non poteva perdersi così», racconta, oggi, Mezzi. Venti minuti, mezz’ora, e la folla si accalca. «Sento tante voci, chiedo spazio per respirare, riconosco la voce amica della signora Sole, la parrucchiera, che mi incita a continuare con la respirazione artificiale». Dopo mezz’ora il bambino apre gli occhi e riprende a respirare, vomita dell’anguria, ma è vivo. «Mi dissero solo che era di Matino. Quando vado al mare, ci penso spesso. A 40 anni di distanza, mi piacerebbe rivederlo, sapere come sta, così, senza impegno, solo per salutarlo» conclude Mezzi.

 

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...