Home Tags Posts tagged with "mercato del pesce"

mercato del pesce

Gallipoli – Il regolamento approvato il 19 aprile scorso dal Consiglio comunale; oggi la deliberazione con cui si danno gli indirizzi agli uffici circa gli arredi di facile rimozione con cui attrezzare l’esterno dei box di vendita: questi gli ultimi due passaggi che promettono di rimuovere transenne e nastri biancorossi con cui dal luglio 2017 sono state delimitate e sequestrate alcune aree adibite ad altre funzioni (occupazione abusiva di demanio marittimo con relative denunce) non contemplati da norme e autorizzazioni.

“Una situazione difficile in eredità” Ancora prima dell’intervento congiunto di Capitaneria, polizia l’estate scorsa, carabinieri e personale dell’Asl, a Giunta Minerva appena insediata, si sono effettuati nel 2016 interventi ricognitivi di una situazione che l’assessore Dario vincenti definisce “una eredità difficile e scoraggiante”: pochi controlli, morosità nel versamento dei canoni per l’utilizzo dei  box, spazi fruiti impropriamente (punti di somministrazione di alimenti), confusione nelle modalità di esercizio  delle attività. Da lì è però partita l’azione di bonifica della situazione che presentava, come detto, diverse zone d’ombra.

In tre anni coinvolti Asl, Capitaneria, Ministero per un unico obiettivo L’assessore Vincenti ricorda, oltre alla verifica del pagamento dei canoni di locazione, la consegna gratuita  dell’intera area al Comune col parere favorevole del Ministero delle infrastrutture comunicato alla Capitaneria di porto; la collaborazione con il Dipartimento  Prevenzione della Asl di  Lecce fondamentale per il regolamento comunale. “Un nuovo inizio, all’insegna della legalità e della chiarezza delle  norme – commenta evidentemente soddisfatto l’assessore – e perciò esprimo la mia più grande soddisfazione per il percorso brillantemente  portato a compimento, che ci ha visto impegnati nella definizione di una  situazione complessa, nella quale confluiscono ambiti di competenza e  normative differenti. Molteplici sono stati i profili da valutare ed è  stata necessaria un’attenta e lungimirante attività di coordinamento dei  vari profili”, sottolinea Vincenti che ringrazia per il lavoro svolto la Sezione Demanio e Patrimonio del Comune diretta da Paola Vitali “che ha saputo recepire  al meglio gli obiettivi ambiziosi dell’Amministrazione, traducendoli  nella complessa attività amministrativa conseguente, garantendo il  raggiungimento dei risultati prefissati”.

Ringraziamenti per le collaborazioni; uno per il consigliere Abate Un ringraziamento l’assessore lo dedica anche al consigliere comunale  Gianpaolo Abate “che ha accompagnato quotidianamente e con passione ed impegno il  percorso degli Uffici”. Si può ripartire avendo chiaro l’obiettivo dell’Amministrazione comunale: salvaguardare,  migliorare e valorizzare le attività svolte presso il Mercato, che, in  un contesto di grave difficoltà e crisi economica a livello nazionale,  sono espressione della storia e della identità economica e culturale  della città e che riguardano un polo dotato di fortissima  attrattività turistica. “Ritengo che questo sia – conclude l’assessore – un risultato entusiasmante, faticoso  ma estremamente appagante per il bene della comunità gallipolina”.

 

 

Gallipoli – Azione congiunta delle forze dell’ordine, questa mattina, al mercato ittico di Gallipoli. I sigilli sono stati apposti a banconi, sedie e tavolini che occupavano abusivamente l’area centrale del mercato, per complessivi 415 metri quadrati, dove i clienti erano soliti consumare i prodotti appena acquistati. Il decreto di sequestro preventivo è stato emesso dal Gip del Tribunale di Lecce a carico dei titolari di tre pescherie e di un ristorante, siti nelle strutture date in concessione dal Comune di Gallipoli.  L’azione condotta da questura, commissariato, carabinieri, guardia di finanza e capitaneria di porto ha fatto seguito all’operazione di polizia dello scorso 14 luglio quando ai titolari degli esercizi commerciali era stata contestata anche l’occupazione abusiva del suolo demaniale marittimo. Le indagini condotte hanno poi permesso di appurare la sussistenza di una “radicata” situazione debitoria da parte di quasi tutti i titolari degli esercizi commerciali dell’area in relazione ai canoni non pagati (per anni) al Comune. Per questo, nel 2016 l’allora Commissario straordinario del Comune adottò un procedimento amministrativo di decadenza. Questa mattina le aree in questione, tutte prospicienti i box destinati alla vendita del pesce, sono state transennate e delimitate con il nastro e affidate in custodia giudiziale al sindaco di Gallipoli, così come disposto dal Sostituto procuratore della Repubblica titolare del procedimento penale.

pescherecci porto gallipoli (1)GALLIPOLI. Un piano per risollevare le sorti del mercato del pesce e nel contempo frenare la vendita abusiva sulle banchine del porto. Tutto pronto, sulla carta, da oltre un anno, con un impegno di spesa pur racimolato tra le pieghe del bilancio comunale con il via libera anche del Consiglio. Ma di quelle nuove opere e dell’allestimento di nuove postazioni e servizi per concentrare tutti gli operatori ittici all’interno dell’area del mercato del pesce al dettaglio non si è ancora visto nulla di concreto. Dopo le proteste e la reazione veemente dei pescatori e pescivendoli e dopo l’ennesimo blitz dei giorni scorsi di Guardia costiera e forze dell’ordine sul molo dell’area portuale gallipolina per ribadire il divieto della vendita abusiva fronte mare, il problema si è nuovamente riproposto.

Prima della crisi politica e delle dimissioni del Sindaco, era partita la sollecitazione del consigliere dell’Udc e presidente delle commissioni Urbanistica e Pesca, Giancarlo Padovano per lo sblocco dei lavori nell’ambito del mercato ittico al dettaglio. L’intento del Comune era quello di far convergere tutti i venditori, pescatori regolari, venditori di ricci e frutti di mare, e pescivendoli, proprio all’interno del mercato alle porte della città vecchia. Con uno stanziamento di oltre 20mila euro in bilancio si era dato mandato da tempo di adeguare e attrezzare l’area del mercato con punti vendita, pagodine e banchetti, e nuovi servizi per i pescatori e i venditori dei ricci.

by -
1 2064

mercato pesce deserto gallipoli

GALLIPOLI. Il mercato del pesce, quello storico, dove si arrivava anche in treno? Semi chiuso. Di tutti i box disponibili, ne resistono appena tre o quattro. Gli altri sono inesorabilmnete e da tempo chiusi. Perchè? «Guardate là – dice uno dei pescivendoli ancora in attività con l’aria sconfortata, indicando cosa accade al di là dei binari e sulla banchina del porto commerciale – ecco dove si vende il pesce, con tanti abusivi che fanno i comodi loro».

Come si può vedere ad occhio nudo in una domenica mattina nelle due foto qui sopra, la situazione è fin troppo evidente, nonostante i controlli periodici di vigili urbani e uomini della Capitaneria di porto, che dista poche decine di metri da entrambi i luoghi. «è vero che si pesca poco ormavi – continua il pescivendolo – ma così proprio non va bene».

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...