Home Tags Posts tagged with "mercato del giusto"

mercato del giusto

Melpignano – Ritorna il 28 giugno “Dalla Napuli piccinna al mercato del Giusto”, mercato della terra per la terra, allestito al centro del paese, in piazza San Giorgio come presidio di biodiversità e cura del territorio. Si tratta di un mercato a cadenza periodica, attivo ormai da due anni, iniziativa promossa dall’Amministrazione comunale con l’obiettivo di promuovere e valorizzare i prodotti locali. Oltre la valorizzazione della biodiversità e dei prodotti locali, c’è la chiara finalità di promuovere luoghi di incontro capaci di permettere lo scambio di antichi saperi, come avveniva un tempo, appunto sulle piazze.  Quella di Melpignano, in particolare, era una tappa fondamentale degli scambi commerciali e culturali tra Oriente e Occidente.

Banca dei semi e le vie del pane e della seta Il mercato si aprirà alle 19 con la banca dei semi, alla scoperta della biodiversità, e con i laboratori per i più piccoli a cura dei volontari del Servizio civile nazionale “Love eat 016”. Alle 19,30 l’incontro con il giornalista Pio D’Emilia, corrispondente dal Giappone per di Sky Tg24, e Mario Cazzato, architetto e storiografo di Melpignano, sul tema “Antiche rotte e nuovi orizzonti, le vie del pane e della seta, i piccoli borghi, l’Europa, l’Eurasia”. Il dialogo tra i due ospiti sarà la dimostrazione di come locale e globale si possono coniugare in una visione del mondo che abbraccia culture diverse in un continente senza confini, l’Eurasia. Faranno da guida in questo percorso due diverse esperienze: quella trentennale nei Paesi d’Oriente del giornalista D’Emilia, e la profonda conoscenza di Melpignano dell’architetto Cazzato che già nel 1985 scriveva della storia di Melpignano descrivendo le bellezze del borgo, un tempo crocevia di mercanti e artigiani, ponte tra Europa e Asia. Sono possibili nuove rotte e nuovi approdi che partono da un piccolo borgo come Melpignano? La risposta è già nella piazza porticata dove un tempo sostavano i mercanti provenienti dall’Oriente con le loro mercanzie e  dove lingue, sapori ed esperienze si contaminavano a vicenda.

Le vie del pane Alle 21 avrà inizio la passeggiata notturna organizzata in collaborazione con “La scatola di latta” lungo le vie del pane. Fino agli anni Sessanta erano ben quattro  i forni in pietra che cuocevano pane e friselle per gli abitanti del paese. “Fare il pane” era una cosa da donne che si svegliavano prima dell’alba e portavano il pane, friselle e taralli da cuocere al forno. Era un rito collettivo  che entusiasmava anche i bambini ai quali venivano promesse “le pupe”, realizzate con i resti della pasta e che poi venivano mangiate appena sfornate. Il pane rimaneva morbido per più di una settimana, poi si passava al consumo delle friselle ben conservate nelle “capase”. Ora a Melpignano, in una corte del ‘500, è visitabile l’ultimo forno in pietra, quello della famiglia Treglia che è rimasto attivo fino al 1967. La passeggiata notturna sarà  in compagnia del cantastorie P40. “La scatola di latta”, come al solito, raccomanda scarpe comode  e di “portare libri per una lettura spontanea, strumenti musicali, un pezzettino di seta e una manciata di grano antico”.

Melpignano – Ritorna venerdì 25 maggio la rassegna “Rosso di Seta. Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto”, con gli incontri dedicati alla cura naturale della terra, “una cattedra ambulante di agricoltura” intorno alla quale principi e tecniche vengono illustrati e discussi da esperti, produttori, contadini, semplici appassionati dell’argomento. Alle 19 si parlerà della fumaggine che colpisce gli agrumi e costituisce da anni una preoccupazione per produttori e privati cittadini che tentano vari rimedi per combatterla, spesso senza risultato. Esiste un metodo naturale per contrastarla che sarà spiegato nel corso del laboratorio teorico pratico dall’agronomo Carlo Muscatello che illustrerà praticamente come realizzare i macerati vegetali utili nella cura dell’agrumeto, perché validi insetticidi naturali. L’incontro prevede, inoltre, la preparazione di un concime naturale a base di cenere liquida e la realizzazione di un fertilizzante naturale derivante dalle foglie degli stessi agrumi. Tutti trattamenti la cui efficacia è stata sperimentata.

Il laboratorio è inserito nel contesto del Mercato del Giusto, appuntamento quindicinale, ormai da due anni promosso dall’Amministrazione comunale: “Si è voluto istituire nella storica piazza, crocevia di mercanti, un momento di scambio di sapori e antichi saperi tra contadini e cittadini. Un mercato, a cadenza periodica, che valorizzi la produzione e il consumo di prodotti derivanti dall’agricoltura organica locale e diventi, allo stesso tempo, presidio per la salvaguardia dell’agro-biodiversità del territorio, laboratorio di condivisione dei saperi e luogo vivo di incontro e socializzazione” si sottolinea dal Comune.

All’interno del Mercato sarà presentato il progetto “Le vie del Pane”, condotto dal “Love Eat 016”, in collaborazione con il Comune di Melpignano. Il progetto mira alla riscoperta dei numerosi “forni di paese”, quelli in pietra,  veri “forni di comunità”. Sarà proiettato anche il video-racconto del più antico forno di Melpignano, datato 1200, ancora visitabile. Alle ore 20.00  l’aperitivo musicale con “Albume”, live di Ciccio Zabini accompagnato da Francesco Pellizzari alle percussioni.

All’interno della rassegna ci sarà alle 19  uno spazio dedicato ai bambini  con le seguenti attività: La scatola verde, laboratorio aperto e gratuito per i più piccoli a cura di Pollicini verdi Agriludoterra Aps Lecce; Costruiamo la piramide alimentare, giochi di squadra a cura dei Volontari del servizio civile di Melpignano. Sempre alle 19 visita guidata Ti racconto il mio paese: la piazza l’antico mercato e gli orti sociali a cura del Centro di cultura popolare: 3285473087 – 3332598065

La rassegna Rosso di Seta. Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto è organizzata dal Comune di Melpignano in collaborazione con l’associazione Pro loco Melpignano, Città Fertile, Centro di cultura popolare, Servizio civile del Comune di Melpignano, Agriludoterra Pollicini Verdi e patrocinata dal Parco Otranto- Santa Maria di Leuca, Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, Salento Km0, Borghi autentici e Cospe onlus.

Valentina Avantaggiato

Melpignano – Tra gli antichi saperi in mostra in piazza si fa spazio “micrObo”- fermenti di comunità, il progetto ideato da Ivano Manca (Verdesalis – Nardò), Paolo Nutricato (Cantina Supersanum) e Mattia Pasca (Ciàula – Neviano) che mira a diffondere anche nel Salento l’utilizzo dei preparati microbiologici utili per molteplici scopi: il ripristino della fertilità naturale e dell’equilibrio microbiologico del terreno. La presentazione, domenica 13 maggio alle ore 19, si inserisce nella rassegna “Rosso di Seta. Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto”, organizzata dal Comune di Melpignano (in foto la vicesindaco Valentina Avantaggiato) in collaborazione con l’associazione Proloco Melpignano, Città Fertile, Centro di Cultura Popolare, Servizio Civile del Comune di Melpignano, Agriludoterra Pollicini Verdi: obiettivo è creare un appuntamento fisso con “il buono”, i prodotti che rispettano il lavoro e il territorio, un luogo in cui le persone possano fare una spesa sana e alla portata di tutti. I Microrganismi Efficaci (più conosciuti come Microrganismi Effettivi) costituiscono un’alternativa all’uso di sostanze chimiche artificiali in agricoltura, dimostrandosi efficaci come coadiuvanti della fitodepurazione, quindi sia nei processi industriali che domestici.

L’incontro raccoglie testimonianze sull’utilizzo in campo di tali preparati e dei risultati ottenuti, interverranno: Cantina Supersanum, Verdesalis, Ciàula, Karadrà (Aradeo), Gli Orti di Peppe (Tricase), Azienda Agricola Merico (Tricase), Azienda Agrituristica Salos (Otranto), Orti di Vita (Calimera). Tutte aziende e realtà produttive, firmatarie di un Manifesto per l’agricoltura naturale secondo rigidi criteri di produzione, tra cui il divieto di utilizzo di fitofarmaci nella cura delle proprie culture.

La rassegna “Rosso di Seta. Dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto” è nata due anni fa, e patrocinata dal Parco Otranto – Santa Maria di Leuca, Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, Salento Km0, Borghi Autentici e COSPE onlus. All’interno del Mercato sarà presentato inoltre il progetto “Le vie del Pane”, che mira alla ri-scoperta dei numerosi “forni di paese”, condotto dal “Love Eat 016”, in collaborazione con il Comune di Melpignano. La presentazione di domenica, momento centrale della rassegna, sarà preceduta alle 18 dalla visita guidata tra i portici mercatali del borgo con “Ti racconto il mio paese: la piazza, l’antico mercato e gli orti sociali”. Alle 18,30 “La piazza piccinna”, spazio interamente dedicato ai bambini, con laboratori e attività. Alle ore 20 è previsto l’aperitivo musicale con “Allerìa: il dialetto nel cantautorato italiano”, live del duo Massimo Donno e Rachele Andrioli.

 

 

Melpignano – Domenica 8 aprile, alle 9.30, primo appuntamento con il Mercato del Giusto nel contesto della rassegna “Rosso di seta, dalla Napuli Piccinna al Mercato del Giusto, che proseguirà fino a luglio (6 – 20 maggio; 8 – 22 giugno; 6 – 20 luglio). Già la prima edizione, il 3 giugno del 2016, confermò il successo di una iniziativa che mette al centro dell’attenzione quanto di buono produce il territorio, i frutti dell’agricoltura locale condivisi da produttori e consumatori in una piazza “storica”, testimone  nei secoli di dialogo e di scambi commerciali. In piazza San Giorgio, infatti, già nel Cinquecento approdavano per il mercato del sabato mercanti napoletani e baresi dopo aver attraversato i paesi del vicino e dell’estremo Oriente.

La rassegna è organizzata dal Comune di Melpignano in collaborazione con l’associazione Pro loco Melpignano, Città Fertile, Centro di Cultura Popolare, Servizio civile del Comune di Melpignano, Agriludoterra Pollicini Verdi e patrocinata dal Parco Otranto-Santa Maria di Leuca, Unione dei Comuni della Grecìa Salentina, Salento Km0, Borghi autentici e Cospe onlus. “Si è voluto istituire  nella storica piazza, crocevia di mercanti, un momento di scambio di sapori e antichi saperi tra contadini e cittadini – dicono dall’Amministrazione comunale – Un mercato, a cadenza periodica, che valorizzi la produzione e il consumo di prodotti derivanti dall’agricoltura organica locale e diventi, allo stesso tempo, presidio per la salvaguardia dell’agro-biodiversità del territorio, laboratorio di condivisione dei saperi e luogo vivo di incontro e socializzazione”. “Immaginiamo il mercato” – continuano – “come uno spazio del buono, di ciò che di sano e sostenibile offre la nostra terra, un luogo di informazione e formazione, di cultura, in cui si possa passare e sostare, ascoltare e fare comunità”.

Tre i momenti della manifestazione: “I dialoghi: cosa mangiamo? come stiamo?” l’educazione alimentare come cura per l’ambiente e la nostra salute, riflessione sul cibo buono,  sia per la tutela dell’ambiente sia per quella dei consumatori. Previsti interventi di  Ivan Stomeo, sindaco di Melpignano, della dott.ssa Pina Pacella, Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Asl Lecce, del dott. Giuseppe Serravezza della Lilt Lecce, del dott. Angelo Salento, docente Sociologia economica UniSalento, del dott. Daniele Ture, biologo nutrizionista.

Alle 12 “Mezzogiorno suonato” live del trio Als Project (dei Crifiu), un viaggio tra le canzoni d’amore, di lavoro e di speranza della musica italiana (brani di Gang, De Andrè, De Gregori, Guccini, Mcr e altri artisti, arrangiati e reinterpretati in chiave acustica).

Alle 9,30 Visita guidata nel borgo di Melpignano “Ti racconto il mio paese: la piazza, l’antico mercato e gli orti sociali” Info: CCP Centro di Cultura Popolare – 3285473087 – 3332598065

 

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...