Home Tags Posts tagged with "maurizio pasca"

maurizio pasca

Gallipoli – In attesa dell’evento di domenica 10 giugno in piazza Tellini a sostegno del Parco Gondar dal titolo “Parco Gondar Community”, dove oltre 30 artisti si alterneranno sul palco tra spettacoli teatrali e d’arte, flashmob, manifestazioni sportive e musica live, sono numerose le adesioni di gruppi, associazioni, categorie economiche. Maurizio Pasca (di Nardò), presidente nazionale del Sindacato locali da ballo; Maurizio Manna, presidente di Legambiente Gallipoli e direttore Legambiente Puglia; Giuliana Scarcia, presidente dell’Onlus “Noi Nel Mondo”; Salvatore Coppola, presidente del Cir Protezione civile-Gallipoli; Rizieri Siciliano, presidente dell’associazione commercianti di Santa Maria di Leuca, tra i tanti.

Tutti concordano intanto nel sottolineare l’importanza della struttura non solo per la città di Gallipoli ma per tutto il territorio e non solo per gli eventi musicali ma anche sociali che ha ospitato in dieci anni di attività. “Per un’associazione come la nostra- afferma Giuliana Scarcia- che vuole costruire attività formative e ricreative per i ragazzi diversamente abili del territorio, il Parco Gondar è stato uno dei pochi spazi attrezzati privo di barriere architettoniche che ci ha dato disponibilità totale e gratuita per le nostre manifestazioni”.

Ne risentiamo anche noi, operatori di Leuca” “Molte attività di Leuca collaborano con il Parco Gondar con tour turistici e escursioni in barca da Gallipoli a Leuca e viceversa durante i grandi concerti che richiamano tanta gente – afferma Rizieri Siciliano – e la mancanza del Parco Gondar è una perdita per tutti, non solo per Gallipoli”.

“I lividi sono di tutti: cooperiamo, a cominciare dalle Istituzioni” Su queste posizioni anche Maurizio Manna che, pur ricordando di come Legambiente non si sia mai tirata indietro nel denunciare le irregolarità verificatesi sul territorio, sottolinea la valenza sociale ed economica della struttura: “Moltissime iniziative sociali hanno avuto luogo nel Parco Gondar: non dimentichiamo ad esempio quella in occasione del referendum contro lo trivelle ad aprile 2016, una delle iniziative più significative a livello regionale, ma anche altre manifestazioni di carattere sportivo come la Salento sport convention o dedicate agli studenti come la giornata dell’Arte”. Per Manna “questo significa dunque non soltanto proporre musica come fanno altri spazi sul territorio, ma avere un luogo dove comunicare buoni e sani principi, tematiche di carattere globale non solo locale; e questo lo si fa anche attraverso la scelta degli artisti, con tematiche importanti con cui si diffondono i principi dell’inclusione, della globalizzazione, della fratellanza e della giustizia sociale”. “Il Parco Gondar – conclude il dirigente di Legambiente – è un luogo che eleva Gallipoli ed è molto importante che si conservi questa risorsa. Va aumentata sicuramente anche la responsabilità istituzionale su una struttura che non può essere lasciata a se stessa, ma deve esserci una collaborazione sinergica tra le altre attività, le organizzazioni di categoria e soprattutto l’Amministrazione comunale. Come dire, i lividi devono essere curati insieme”.

“La Protezione civile ha assicurato il primo soccorso anche per utenti di altre strutture” Mettono l’accento sulla sicurezza della struttura gallipolina Salvatore Coppola e Maurizio Pasca. “Noi della protezione civile collaboriamo con il Parco Gondar dal 2008 per il servizio di primo soccorso – afferma Coppola – con due o tre ambulanze per evento, creando negli anni un punto di primo soccorso nel Parco Gondar di fatto strategico e fruibile per tutto il quartiere e la litoranea, spesso a servizio anche di altre strutture di richiamo che non sono provviste di adeguato servizio medico”.

“C’è chi cerca di rispettare le prescrizioni e chi agisce in aree occasionali senza limiti” “Questa vicenda può avere ripercussioni su tante altre attività che, come il Parco Gondar, cercano di adeguarsi a tutte le normative vigenti in materia di pubblico spettacolo. I titolari del Parco Gondar si sono contraddistinti in questi anni – assicura Pasca (Silb) – non solo per i grandi eventi ma anche per aver realizzato una struttura che, anche su sollecitazione dei pubblici uffici, si è adeguata alle tante normative in tema di pubblica sicurezza. Si tratta di adempimenti non semplici e non economici, soggetti a numerosi controlli e pareri non facili da ottenere soprattutto quando si tratta di licenze con commissione provinciale, ma mi pare di capire che almeno una buona parte delle opere ad oggi contestate riguardi proprio questi adempimenti tecnici. L’ opera di controllo ed eventualmente di sanzione della magistratura è assolutamente sacrosanta e utile a tutta la comunità – conclude Pasca – ma talvolta finisce per punire coloro che si adeguano alle normative a vantaggio di coloro che invece operano in contesti di assoluta inosservanza; mi riferisco alle location occasionali, spazi all’ aperto e piazze che, non avendo una struttura fissa e pur avendo anche una commissione che legittima l’esercizio occasionale, non hanno però quella struttura tecnica e organizzativa che ha invece una location come il Parco Gondar”. E’ già evidente come anche questa estate molti eventi, anche di grande interesse, si terranno in aree occasionali”.

 

by -
0 577

Parco Gondar – ph Carlo Romano

GALLIPOLI. Stretta sulla sicurezza: si scende in pista. Si terrà in questo weekend la “prova generale” nella lotta a droga e alcol, con una serie di interventi finalizzati a diffondere la cultura della legalità con particolare riferimento ai locali d’intrattenimento. Passano quindi all’azione le prescizioni previste dal Protocollo d’intesa per la sicurezza firmato lo scorso 5 agosto da parte dei Comuni di Gallipoli, Lecce, Castro, Nardò e Porto Cesareo, in conformità all’Accordo quadro nazionale del 21 giugno dell’anno scorso. Il primo intervento sarà finalizzato al contrasto agli abusi di alcool: la misura straordinaria avanzata dal Silb, il sindacato italiano dei locali da ballo, presieduto da Maurizio Pasca, prevede che già da sabato sera alcune strutture saranno dotate di etilometri, che permetteranno di effettuare dei controlli analizzando il respiro dell’utente all’entrata del locale. L’obiettivo sarà non permettere l’ingresso a chi avrà un tasso alcolemico sopra la soglia consentita, e consigliare a chi va via di non mettersi alla guida. Sensibilizzazione che continua anche all’interno del locale: importante una politica dei prezzi che incentivi l’uso di bevande analcoliche. Sei le strutture del versante ionico che riceveranno gli strumenti: Rio Bo, Quattro Colonne, Parco Gondar, Praya, Samsara e Le Cave, che – sottolineano dal sindacato – hanno dimostrato grande collaborazione. In quest’ottica importante è anche l’impegno nel rispettare rigorosamente la capienza massima dei locali e gli orari di chiusura, predisponendo l’installazione di strumenti di videosorveglianza, e rafforzando la vigilanza privata. Molto avvertita da parte dei gestori anche la politica di primo soccorso, con la dotazione di defibrillatori e la presenza di personale qualificato al loro utilizzo.

 

Maurizio Pasca

Maurizio Pasca

IN EVIDENZA. Una festa all’insegna della musica e della sensualità brasiliane in un agriturismo nell’immediato entroterra del parco di Portoselvaggio di Nardò. Era tutto pronto: i promotori avevano preso in affitto la struttura (non abilitata per eventi del genere), ingaggiato un gruppo musicale fatta una certa promozione della improvvisata discoteca all’aperto. Tanto da arrivare, non volendo, alle orecchie del sindacato dei locali da ballo, da tempo attrezzato per stroncare la concorrenza sleale. Il suo presidente. Maurizio Pasca (foto) di Nardò ha informato Comune e Procura della Repubblica. è stato origanizzato quindi il blitz, con quattro vigili urbani e cinque carabinieri, alcuni in borghese. Solo che informazione è corsa in senso inverso questa volta, raggiungendo gli organizzatori della festa

Continua a leggere sull’edizione cartacea di Piazzasalento, oppure ricevi il nostro giornale direttamente a casa tua o nella tua casella di posta!

 

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...