Home Tags Posts tagged with "disegno di legge"

disegno di legge

I segnali della malattia

È cominciato il monitoraggio per aggiornare la mappa degli uliveti colpiti dal processo di disseccamento rapido; se la stanno vedendo l’Osservatorio fitosanitario della Regione e il Centro nazionale delle ricerche, sede di Bari. Interessata è la fascia settentrionale della penisola salentina, quella che poi “ospiterà” la zona cuscinetto (larga quattro chilometri) e – si spera – di salvaguardia rispetto alla parte restante della Puglia. L’obiettivo primario e condiviso è quello di bloccare gli insetti vettori, visto che del batterio Xylella si conosce ben poco e soprattutto non si sa come bloccarlo. Se mai ci si può convivere, come dicono i ricercatori che indicano gli Usa come l’esempio di questa tesi.
La cronaca indica nel 24 ottobre il prossimo appuntamento con le Istituzioni interessate (Stato, Regione, Comitato nazionale fitosanitario) anche se la data potrebbe slittare di una settimana per via delle intese precedenti per cui il vertice romano si riconvoca due settimane dopo la pubblicazione del decreto ministeriale avvenuta in questi giorni. In quella sede si decideranno finalmente anche i trattamenti da attuare nei terreni infetti, valutando le direttive della Regione. Infine, solo in questi giorni il comitato scientifico (nominato dal ministro Martina a fine settembre) si sarebbe attivato anche se pure i ricercatori sono in qualche modo frenati dalle risultanze dei monitoraggi più recenti.

Intanto il Consiglio regionale, con 33 voti favorevoli e 4 contrari, ha approvato il disegno di legge in materia di tutela delle aree colpite da “xylella fastidiosa” che prevede che i terreni soggetti ad espianto per le piante di ulivo monumentale tutelate dalla specifica legge regionale non possano cambiare la tipizzazione urbanistica per almeno 15 anni. Ciò al fine di garantire la continuità dell’uso agricolo e della destinazione rurale, prevenendo possibili tentativi di speculazione. La Regione valuterà l’introduzione di criteri premiali nell’erogazione dei finanziamenti, a sostegno dell’attività agricola e dello sviluppo rurale per le aree interessate. L’approvazione è stata preceduta dalla relazione dell’assessore Fabrizio Nardoni che ha ripercorso l’intera vicenda che – ha ribadito – ha preso le mosse nel 2013, manifestandosi per la prima volta in assoluto in Puglia. L’area interessata è quella salentina che è stata interessata a più di 16mila campionamenti con relative analisi di laboratori e con 104 piante infette estirpate fino al 15 aprile scorso, come voluto anche dall’Unione europea e con inevitabili, pesanti ripercussioni nell’attività degli operatori interessati. La Giunta regionale ha approvato due deliberazioni per fronteggiare l’emergenza: una prima dell’ottobre 2013 e una seconda del 5 settembre scorso.
Le opposizioni hanno accusato il governo pugliese di ritardi negli atti concreti.

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...