Home Tags Posts tagged with "differenziata"

differenziata

Gallipoli – Comune, Pro loco e azienda Gial Plast invitano i cittadini presso l’hotel Jolly Park a parlare di igiene urbana, rifiuti, poro smaltimenti e servizi nuovi (tra cui la raccolta porta a porta estesa a tutta la città). L’appuntamento preparatorio all’entrata in servizio del nuovo gestore – la Gial Plast di Taviano, appunto – è per le ore 17,30 di giovedì prossimo 19 aprile.

Il passaggio tra il servizio attuale, andata avanti a colpi di proroghe, in attesa che si completasse la procedura d’appalto iniziata più di due anni fa (dicembre 2015) e quello a venire non è di poco conto e, tra l’altro, il notevole cambio di passo cade proprio nel pieno del’estate. Tra le novità che si impongono per Gallipoli che fa parte dell’Aro 11 con Taviano, Racale, Melissano e Alliste, vi è quella della raccolta dei rifiuti domestici “porta a porta”, sistema che finora e fino a giugno ha interessato soltanto alcune aree dell’abitato. La gara d’appalto ha stabilito che al gestore del delicato servizio spettano circa 50 milioni in sette anni.

Tra gli aspetti di notevole delicatezza vi è anche il nodo personale. Rispetto agli operatori in azione ogni giorno, il nuovo sistema prevede una riduzione di una ventina di unità che hanno già fatto sentire il loro dissenso. L’Amministrazione comunale è impegnata a trovare una soluzione a questo caso. Va ricordato infine che il piano economico e finanziario del servizio di igiene urbana, approvato dal Consiglio comunale a fine marzo, ha trovato l’opposizione della minoranza di “Gallipoli futura” che ha giudicato i numeri riportati “un ludibrio contabile” ed il piano “da annullare”.

 

Nardò – La raccolta e lo smaltimento dei rifiuti nell’Aro 6 ha ormai le settimane contate, Presto le novità contenute nella gara d’appalto conclusasi nel novembre scorso dopo quasi quattro anni, diventeranno realtà per l’intero territorio di Nardò e per gli altri Comuni che fanno parte dell’Ambito ottimale, cioè Alezio, Aradeo, Collepasso, Galatone, Neviano, Sannicola, Seclì, Tuglie. A spuntarla, come si ricorderà, sono state tre imprese salentine in associazione temporanea: la “Bianco Igiene ambientale” di Nardò, la “Gial Plast” di Taviano e la “Armando Muccio” di Taurisano. Le tre società hanno portato a casa un appalto da 102 milioni 986.734, 96, vale a dire 11 milioni 443mila euro annui. L’affidamento definitivo della gara con capofila Nardò e passata attraverso varie traversie ed un commissariamento (nel marzo scorso, da parte della Regione), è datato 20 novembre. In una nota del Comune si parla di “novità nei prossimi mesi” e, oltre al potenziamento del servizio, si ricorda la raccolta del rifiuto organico (previa distribuzione ovviamente del bidoncino dedicato). “Tali miglioramenti del servizio – si sottolinea – non comporteranno alcun costo “finale” per i cittadini”.

Intanto però da maggio nelle marine neretine scompariranno  i bidoni e sarà introdotta la raccolta porta-a.porta del rifiuto differenziato. Il servizio riguarderà le marine di Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Torre Inserraglio, che registrano una maggiore presenza di popolazione residente nei 12 mesi dell’anno. “I cittadini non dovranno più fare i conti con situazioni di sporcizia e cattivo odore generate dai bidoni, soprattutto durante la stagione estiva. L’Amministrazione comunale e Bianco Igiene Ambientale (capofila) – si conclude – hanno già programmato la pulizia e il lavaggio straordinario delle sedi stradali che da anni ospitano i bidoni, non appena questi verranno rimossi in coincidenza dell’avvio del servizio di raccolta porta a porta”.

 

Aradeo – Aradeo si sfila “maglia nera” che le era stata attribuita da Legambiente per gli scarsi, o nulli, risultati in tema di raccolta differenziata dei rifiuti. Visti gli ultimi dati relativi al periodo settembre-ottobre 2017 sulla raccolta differenziata, infatti, può dirsi ampiamente superato il dato ripreso dal report 2016 di Legambiente che vedeva Aradeo tra gli ultimi posti in classifica, insieme al Gallipoli, per non aver raggiunto neppure la percentuale del 10% di differenziata. Stando, infatti, ai risultati raggiunti dalla nuova Amministrazione comunale guidata, dallo scorso luglio, dal sindaco Luigi Arcuti, il paese è ormai stabilmente ad una media del 16%. Il che significa che è andato ben oltre il 5% rispetto al valore del periodo agosto 2015 – settembre 2016, richiesto per non pagare l’Ecotassa. In particolare, a settembre 2017 si è registrato il 13,98 % e ad ottobre il 18,26% con un incremento pari al 7,37%.

La conferma è arrivata proprio il 22 dicembre con la comunicazione della Regione Puglia che ha riconosciuto gli obiettivi conseguiti dal Comune di Aradeo con il relativo abbattimento da 25,82 euro a tonnellata a 7,50 euro della somma relativa per il conferimento in discarica. Un risultato lusinghiero raggiunto anche per l’impegno del neoassessore all’ambiente Giovanni Mauro (nella foto), che tuttavia invita tutti i cittadini “ad andare avanti su questa strada, per costruire insieme un paese migliore e più pulito, dove differenziare diventa abitudine di tutti”. Dal suo insediamento ad oggi sono molte le iniziative assunte dall’Amministrazione comunale per invertire una tendenza che danneggiava il paese sia come immagine che economicamente. Basti ricordare l’Ecogame nel mese di ottobre che ha coinvolto gli studenti del paese nella raccolta differenziata, il lavoro fatto per accatastare l’Ecocentro su via Palo VI (con l’augurio di inaugurarlo entro un paio di mesi), il potenziamento dell’isola ecologica del mercoledì e, proprio sabato 23 dicembre, l’inaugurazione della Casa dell’acqua (foto) che, secondo le intenzioni dell’Amministrazione, oltre ad essere una “fontana di buona acqua  ad un minimo prezzo”, dovrebbe ridurre drasticamente l’uso della plastica, solo in parte riciclata.

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...