Home Tags Posts tagged with "Diego De Lorenzis"

Diego De Lorenzis

Nardò –  La Ciclovia dell’Acquedotto pugliese fa un altro passo e si arricchisce di un ulteriore tratto. Ai dieci chilometri di pista già  percorribili e con i lavori appena conclusi, se ne aggiungono altri cinque. Per altri tratti di quelle che sono le strade di servizio per interventi lungo le condutture “che al momento non sono in condizioni di poter essere aperti liberamente al pubblico per motivi di sicurezza, sono state avviate le attività di progettazione per poter fruire dell’intera struttura nel modo più sicuro possibile”, si legge in una nota dellAp di oggi. Rispondendo a recenti polemiche di coloro che si erano trovati davanti a cancelli chiusi, dal’Acquedotto fanno sapere che “in via eccezionale e straordinaria, per alcuni eventi di ciclo esplorazione, è stato consentito, con le opportune assunzioni di manleva da parte degli organizzatori, il transito per un periodo limitato e compatibilmente con le esigenze di servizio”.

Due buone notizie per cicloturisti Due buone notize dunque per quel comitato “dal basso” coordinato da Cosimo Chiffi (foto) di Nardò, che in precedenza ha pure raggiunto l’obiettivo di far inserire la Ciclovia che porta dall’Irpinia a Leuca, tra i percorsi finanziati dal precedente governo, per iniziativa degli onorevoli Capone (Pd) e De Lorenzis (M5S). Acquedotto pugliese conferma così, con la Regione Puglia, la volontà di rendere fruibile ai tanti cicloamatori ed escursionisti, le stradine di servizio della storica infrastruttura che per prima ha portato l’acqua in Puglia, una grande condotta idrica che parte dal Sele, in Campania e arriva nel tacco della Puglia per circa 474 km.

La spinta dell’assessore regionale Giannini “Qui siamo nel cuore della Valle d’Itria: Locorotondo, con le sue 146 contrade, Cisternino, Martina Franca. Tre comuni contigui che coinvolgono tre Provincie: Bari, Brindisi e Taranto- prosegue la nota di Ap – un crocevia di bellezze naturalistiche, un comprensorio unico ed irripetibile”. Ne è un convinto sostenitore l’assessore Giovanni Giannini, con delega ai Trasporti, reti e infrastrutture per la mobilità, Mobilità sostenibile, Lavori pubblici, Risorse idriche e tutela delle acque: “La ciclovia rappresenta un potente strumento di promozione del territorio ed allo stesso tempo un volano di sviluppo economico, che arricchisce l’offerta turistica regionale. L’idea è quella di proporre un nuovo modo di fare turismo sostenibile e amico dell’ambiente con l’obiettivo di valorizzare il nostro patrimonio infrastrutturale, la nostra storia, anche recente”. La legge di Stabilità del 2016 ha inserito la Ciclovia dell’Acquedotto pugliese tra le prime quattro infrastrutture ciclabili di interesse strategico nazionale (capofila istituzionale del progetto la Regione Puglia). I primi 15 km sono stati messi a norma con fondi della Regione.

 

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...