Home Tags Posts tagged with "detti popolari salentini"

detti popolari salentini

Non bastano due giorni di tramontana di fine agosto a cacciar via l’estate. Già si parla di una settima ondata di caldo intenso fuori dalle medie stagionali. Prevista ancora afa e quindi aria condizionata a go-go. D’altronte , così è l’estate, guai a dirne male.  “Ci dice male de la state, dice male de mammasa” e ancora “Ci dice male de la state, ulìa mpicatu” così ammoniscono gli antichi modi di dire.  In fondo “Ddo fiate a ll’annu, nu vvene la state”, meglio, quindi, godercela, quando c’è con tutte le sue caratteristiche, afa e siccità comprese. Anzi, “Pregamu lu Petreternu, la state cu èggia state, e lu jernu cu èggia jernu” perché “Se lu jernu nu jerniscia, la state nu statiscia”. Inutile accanirsi dietro le previsioni meteo facendone oggetto di continue dissertazioni, da quello che si ricava dalla saggezza popolare in estate le cose devono andare prorprio come vanno. Se è agosto, ci deve essere sole e tanto caldo e non bisogna lasciarsi ingannare da qualche nuvola passeggera: “Nule de state e sserenu de jernu, nu ffare ffidamentu”.  Non sempre l’acqua, che viene spesso invocata,  è una benedizione. Tutt’altro: “ Acqua de state la piscia lu diaulu” e “Acqua de state, pisciazza de Lucifero” e quindi  beato chi la sopporta: “Acqua  de state, jata a cci la pate”

In conclusione, l’estate è una bella stagione, perché anche chi è in difficoltà riesce a vivere dignitosamente, accontentandosi di poco e in buona salute:“La state è la mamma de li puareddi” perché “La state fannu latte puru li ceddi”.  Non manca l’esortazione ai contadini a continuare a impegnarsi nei lavori dei campi e a programmare l’attività dei mesi successivi perché  “Ci dorme la state, disciuna lu jernu”. Esortazione fatta propria dalle operose massaie impegnate nel sole estivo a seccare  pomodori, zucchine e peperoni per gustosissimi piatti nelle giornate fredde d’inverno.

Salva

Salva

Si possono fare tutti gli scongiuri possibili al passaggio di un carro funebre, una cosa è certa “La morte, ci prima e cci dopu, tutti n’errìa”. Semplice  questione di tempo, nient’altro. Tutti uguali, senza alcuna distinzione, è insomma la “livella” della celebre composizione di Totò. San Francesco la chiamava “sorella” mettendo in evidenza, però la sua ineluttabilità: “Laudato s’ mi Signore, per sora nostra Morte corporale,/da la quale nullu homo vivente pò skappare”.  Lo sottolinea la saggezza popolare che in un detto mette in evidenza come “La morte num perduna mancu a Crristu”. Come meravigliarsi, quindi,  se “tuzza a  lli purtuni, e ttuzza a lle porte” cioè ai palazzi dei nobili e dei ricchi e alle umili porte dei poveri? Hanno un certo che di consolatorio i modi di dire popolari che mettono in evidenza la “democraticità” della morte: “La morte mete puareddi e rricchi”; “La morte nu sparagna rre de Francia e rre de Spagna”;”La morte nu ttene regule de tiempu”;”La morte nu ttene urariu;”La morte nu ttime dittori”; “More lu disciunu e mmore  lu bbinchiatu”. Come se la saggezza del popolo prendesse atto delle disparità sociali: va bene c’è gente che sta meglio di noi, che ha tutto quello che desidera ma poi c’è chi farà giustizia e renderà tutti uguali. Per i poveri può essere addirittura una soluzione perché “La morte de lu poveru, paca tutti li debiti”

A volte trapela quasi un rimprovero: è vero che “La morte è mulinu ca sempre macina”, ma a volte “Morene li santi, e ccampane li bbirbanti”, e poi succede anche che “La morte nu vva’ a cci la spetta, ma a cci li ttuppa”.
C’è la consapevolezza che la morte è il peggiore di tutti i mali che vengono accettati perché “sulu alla morte nu nc’è rimediu”. Se la falce pronta a mietere è lontana, allora tutti i guai si possono sopportare: “Morte cu nc’eggia, e gguai cu lla pala”; “Morte a ddu nunc’è, li guai su gnenti”. Peccato che la morte interrompa la vita degli uomini sul più bello, quando cioè le esperienze gli hanno insegnato a vivere bene: “La morte rria, quannu hai mparatu ccampi”.
Si muoia o si continui a vievere, restano gli obblighi quotidiani, le cose da portare a termine in ogni caso:”More o campa lu malatu, lu duttore ole pacatu” e se poi viene meno la motivazione per cui si sta insieme e ci si vuole bene, termina ogni obbligo “Morse lu sciuscettu, e nnu ffosime cchiui cumpari” Quando il figlioccio non c’è più, finisce il san Giovanni, non si è più compari, i legami possono essere sciolti.

Voce al Direttore

by -
L'ecotassa, per quelle comunità che non avessero raggiunto le soglie minime indicate nella raccolta differenziata dei rifiuti prodotti in casa, era fissata a partire...