Home Tags Posts tagged with "detenzione e spaccio sostanze stupefacenti"

detenzione e spaccio sostanze stupefacenti

RACALE. Si è conclusa ieri sera con un arresto l’attività info-investigativa condotta dai carabinieri della Stazione di Racale in collaborazione con l’Aliquota operativa della Compagnia di Casarano. A seguito di una perquisizione presso l’abitazione di S.M., classe 1965, già noto alle forze dell’ordine, i militari hanno rinvenuto, ben occultato sotto il divano, un fucile sovrapposto marca Bernardelli modificato in quanto a “canne mozzate”, risultato poi oggetto di furto in quanto denunciato nel 2013. Il giardino dell’abitazione nascondeva invece dieci piante di marijuana di cui sette alte circa due metri e tre alte 50 cm. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di detenzione abusiva di arma comune da sparo e per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente, mentre un suo amico, presente al momento del controllo dei militari e trovato in possesso di un grammo di marijuana, è stato segnalato alla Prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti. Concluse le formalità di rito, dopo aver dato avviso al Sostituto Procuratore della Repubblica di Lecce Dott. Arnesano, il 50enne è stato tradotto presso il carcere di Lecce.

I carabinieri davanti l’azienda di trasporti sulla Provinciale per Supersano. Accanto, dall’alto a sinistra in senso orario, i fratelli Osvaldo, Luigi, Salvatore e Ezio Primiceri

CASARANO. È di complessivi 20 anni la pena inflitta ai fratelli Primiceri accusati di detenzione e spaccio di stupefacenti tra Italia ed Albania. La recente sentenza del Tribunale di Lecce, emessa con il rito abbreviato, ha eliminato l’accusa di associazione a delinquere riducendo di dieci anni (nel totale) le pene richieste dall’accusa.
Osvaldo Primiceri (45 anni) è stato condannato a sei anni e quattro mesi, Luigi (51) a sei anni, Salvatore (49) a cinque anni e quattro mesi, Ezio (48) a due anni e otto mesi. Il verdetto dispone anche la restituzione agli imputati delle cinque società e dei 79 automezzi posti sotto sequestro il 16 settembre del 2011 quando i quattro vennero arrestati nell’ambito di un’inchiesta avviata nel 2007 dalla procura di Firenze e proseguita poi a Lecce.

I Primiceri, secondo quanto accertato, avrebbero nascosto droga nelle gomme dei loro autocarri diretti verso Toscana, Lombardia, Veneto e Lazio (operando nelle sedi di Casarano e Surbo) mentre Osvaldo, che gestiva il traghetto “Veronica Line”, avrebbe curato le consegne verso l’Albania. Estranei, secondo l’esito delle indagine, sarebbero rimasti i dipendenti delle loro società. Nell’aprile del 2010 Luigi Primiceri venne pure tenuto sotto sequestro per alcune ore, in un centro commerciale alla periferia di Roma, da un gruppo di trafficanti albanesi per sollecitare la consegna di circa 184 chili di droga pagata ma non consegnata interamente.

G.G.SANNICOLA. Era ormai qualche settimana che i militari della Compagnia di Gallipoli osservavano i suoi movimenti, da quando avevano notato che la sua abitazione era spesso frequentata da tossicodipendenti e pregiudicati. Nel pomeriggio di ieri sono intervenuti. A seguito di una prima perquisizione personale, che ha dato esito negativo, i militari sono passati a un controllo più approfondito nell’abitazione di G.G., 36enne di Sannicola. Ai carabinieri l’uomo ha spontaneamente consegnato un involucro avvolto nel nastro da pacchi, conservato nell’armadio della camera da letto, insieme a un bilancino di precisione e 4 dosi, riferendo che si trattava di cocaina. I militari, condotto il 36enne in caserma, hanno verificato che l’involucro conteneva oltre 70 grammi di cocaina allo stato puro, per un valore di oltre 15000 euro. Al termine degli accertamenti l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...