Home Tags Posts tagged with "crossway"

crossway

Specchia – Lei insegnante di sostegno, lui direttore amministrativo, entrambi pugliesi di stanza a Milano. Daniela Fiorentino è di Specchia, mentre Fabio Bagnato di Terlizzi (Ba). Si sono incontrati nella scuola dove lavorano, è scattata la scintilla ed ora, oltre ad essere legati dall’amore, sono uniti anche dalla profonda passione per la musica. Tanto che hanno creato il duo “Crossway” e in pochi mesi hanno prodotto un cd “Sweat Sweat”, uscito lo scorso 7 dicembre. Con un album interamente autoprodotto e pubblicato dall’omonima etichetta Crossway Records, i due non solo sono impegnati nella promozione, ma sono soprattutto alla ricerca di musicisti pugliesi a Milano per poter metter su un gruppo e suonare i brani in live. A Milano come in Puglia. “I nostri brani sono così carichi di musica e di sfumature che sarebbe impossibile riprodurre da soli – afferma Daniela – e sarebbe riduttivo oltre che poco rispettoso della musica suonare con delle basi”.

I due hanno seguito percorsi diversi: lui specializzato in musica etnica, ha studiato privatamente la chitarra specializzandosi poi in chitarra battente; lei parte da un percorso prettamente classico, con quattro anni di studio al conservatorio di Monopoli e poi andata a Milano per la specializzazione in clarinetto basso.

“Abbiamo sperimentato le sonorità diverse e abbiamo realizzato un disco che è un inno alla musica – continua Daniela – non classificabile in un genere preciso. È un disco a 360 gradi, nel quale si passa dal mondo folk all’yiddish, con sonorità che si avvicinano al suono bandistico e poi ancora ai suoni sudamericani. È un viaggio completo che non può essere ristretto in un target, amiamo la musica e non ci piace essere chiusi in un genere. In questi mesi di produzione ci siamo sentiti liberi di sperimentare e ogni brano, “Quinta estacion” o “Jumanji” o “Binario 21” per fare degli esempi, ha la sua identità che esprime tante emozioni”.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...