Home Tags Posts tagged with "Cronaca"

Cronaca

by -
0 426

GIURDIGNANO. Trasporto quanto mai “originale” quello operato da un uomo di Giurdignano fermato dai carabinieri, alla guida della propria autovettura, con ben 34 chilogrammi di carne nel bagagliaio. La scoperta è stata effettuata giovedì 9 novembre, intorno alle ore 11, a  Cannole dai carabinieri della Stazione di Bagnolo del Salento in collaborazione con personale della Asl di Maglie. Il 51enne fermato è risultato essere socio di una cooperativa del suo paese, Giurdignano, e la carne (bovina e suina) trasportata all’interno della Renaul Twingo era destinata all’attività di ristorazione svolta dalla stessa società. Per l’uomo è scattata la denuncia per il cattivo stato di conservazione del prodotto.

CASARANO. In due, cacciavite alla mano, tentano di forzare la portiera di una Mercedes classe C ma vengono fermati, dopo un tentativo di fuga a piedi durato pochi metri, dai carabinieri. L’episodio è avvenuto in via Sansonetti, nel centro storico di Casarano nella notte tra martedì 7 e mercoledì 8 novembre. Con l’accusa di furto aggravato in concorso, il 20enne  Salah Ghazy ed il 36enne  Amal Adoud, entrambi marocchini e già noti alle forze dell’ordine, sono stati condotti agli arresti domiciliari presso le loro abitazioni sempre a Casarano. Del fatto, i carabinieri hanno pure informato il competente Consolato marocchino.

by -
0 547

MELISSANO. Dai domiciliari al carcere di Lecce il passo è stato quanto mai breve per il 43enne di Melissano Alessandro Leggio. L’uomo (un sorvegliato speciale) era già stato arrestato (e posto ai domiciliari) dai carabinieri lo scorso 31 ottobre (e in precedenza pure a luglio) sempre per aver violato l’obbligo di soggiorno nel suo comune. In entrambe le circostanze era stato, invece, sorpreso a Casarano. Questa volta, invece, l’arresto (eseguito nel pomeriggio di martedì 7 novembre) è avvenuto perché il 43enne, in seguito ad una crisi nervosa, ha inveito violentemente contro i propri familiari dando in escandescenza. L’episodio che ha reso “incompatibile” il regime della detenzione tra le mura domestiche è avvenuto il 2 novembre.

by -
0 315

BOTRUGNO. Alla vista dei carabinieri ha fatto di tutto per aumentare i problemi che dovrà ora affrontare in sede giudiziaria: ha dapprima rifiutato di farsi perquisire, poi ha minacciato i carabinieri di Maglie, accusandoli – secondo la fonte ufficiale – di essere capaci di mettergli in casa della droga per poi arrestarlo. Quando è arrivato il suo avvocato, S. N., 50enne di Botrugno, ha tirato fuori una bustina contenente un grammo e mezzo di sostanza tipo cocaina. I militi hanno quindi voluto perquisire anche la sua abitazione ed anche qui l’uomo avrebbe proferito frasi calunniose nei confronti dei carabinieri per cui è stato denunciato all’autorità giudiziaria per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente, resistenze e minacce a pubblico ufficiale.

by -
0 588

UGGIANO LA CHIESA. Estorsione, minacce e maltrattamenti in famiglia: con queste accuse ha visto riaprirsi le porte del carcere di Borgo San Nicola a Lecce Roberto Merico, 38 anni, già arrestato dai carabinieri tempo fa nelle stesse circostanze e per le stesse ipotesi di reato. I militi della stazione di Minervino sono intervenuti ieri sera nell’abitazione che l’uomo condivide con la madre, a seguito di una richiesta di soccorso. Il 38enne aveva avanzato nuovamente richieste di denaro accompagnate con minacce.

CASARANO. Continua a suon di carte bollate la “battaglia” in difesa dell’ospedale “Ferrari” di Casarano. Dopo il ricorso al Tar contro il Piano regionale di riordino che declassa la struttura, ora il sindaco Gianni Stefàno ha emesso un’ordinanza  imponendo “l’immediata riattivazione del reparto di Pediatria. Il provvedimento (“contingibile ed urgente” in quanto emanato nelle vesti di “autorità sanitaria locale”) è stato notificato al direttore generale della Asl di Lecce, al presidente della Regione Puglia ed al Prefetto di Lecce. Per Stefàno si tratta “di un atto dovuto a tutela della salute dei mie concittadini”. Nell’ordinanza (la numero 135 del 17 ottobre) si da riferimento alla “necessaria” presenza sia del reparto di Pediatria (già chiuso insieme a Ostetricia e Ginecologia) che di Chirurgia pediatrica (attivo e “presidiato” ma in fase di dismissione). Nelle premesse anche i 2200 accessi al reparto di Pediatria del “Ferrari” contro i 1000, sempre nel 2016, al “Sacro Cuore”. «Il solo ospedale di Gallipoli – spiega Stefàno – non è in grado di far fronte alle richieste di ricoveri provenienti dai due bacini di utenza con la sola disponibilità di 10 posti letto anche in considerazione delle malattie tipiche del periodo autunno – invernale e all’acuirsi delle patologie pediatriche». Anche per questo, si “impone” (trattandosi di un’ordinanza) la riattivazione dei 12+2 posti letto di Pediatria al “Ferrari”, “visto che presso l’ospedale di Casarano è presente un solo pediatra e non sono previsti posti letto di osservazione pediatrica”.

Il provvedimento (contro il quale non mancheranno i ricorsi dei contro interessati) fa leva sull’assenza del promesso “day ospital pediatrico” e sul fatto che “al momento l’Unità di Chirurgia pediatrica è ancora attiva presso il “Ferrari” ed il suo trasferimento a Lecce non potrà essere imminente per mancanza di spazi”. C’è anche il discorso legato all’assenza in quel di Gallipoli della risonanza magnetica neonatale. «Sono motivazioni oggettive, fondate su dati facilmente riscontrabili e reperibili. Non sono motivazioni fondate su valutazioni di convenienza politica, quelle che riteniamo hanno portato la Regione e la Asl a fare scelte che determinano una situazione di pericolo effettivo ed  eccezionale, in considerazione anche dei rischi all’incolumità pubblica», spiega ancora il sindaco di Casarano il quale conclude augurandosi “che Asle regione intraprendano la strada del buon senso e del dialogo”.

by -
0 665

CURSI. Un coltivatore “professionista” di marijuana è stato arrestato lunedì mattina a Cursi dai carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Maglie. Il 53enne Donato Chilla, contadino di professione, è finito ai domiciliari perché trovato in possesso di svariati chilogrammi di marijuana tra la propria abitazione ed il fondo agricolo di contrada Fontanelle, oltre al materiale utile per il confezionamento delle dosi. L’uomo si era attrezzato con umidificatori e ventilatori per ottenere la perfetta coltivazione ed essiccazione delle piante. A 12 chilogrammi ammontano i fasci di steli ed infiorescenze di marijuana già essiccata mentre altra sostanza è stata ritrovata nella sua cucina (45 grammi) e nel garage (oltre tre chilogrammi), Accertamenti sono in corso circa la disponibilità di una carabina ad aria compressa calibro 4.5 (marca Norica) in libera vendita e due balestre.

GALATONE.  Si è chiuso con tre condanne il processo di primo grado per i presunti abusi edilizi nel residence “Torri Saracene” al Villaggio Santa Rita. Nel maggio del 2014 i carabinieri del Nucleo operativo ecologico disposero il sequestro di due torri, da tre e quattro piani, sulle quali erano in fase di realizzazione una serie di mini-appartamenti. Ora il giudice della prima sezione penale del Tribunale di Lecce ha confermato che tali strutture sono pure da abbattere perché abusive e realizzate in zona sottoposta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico. Un anno e nove mesi sono stati comminati al progettista e direttore dei lavori Pantaleo Antonio Carratta e al proprietario Pasquale Saturno Carratta mentre il dirigente comunale del settore Urbanistica Luca Migliaccio è stato condannato a 9 mesi e 40mila euro di ammenda (con pena sospesa e non menzione). Secondo l’accusa, il dirigente comunale avrebbe rilasciato l’autorizzazione paesaggistica in assenza del “Piano di linea costa” e dopo l’esecuzione dei lavori, realizzati comune, in maniera parzialmente difforme rispetto al progetto approvato. Nel processo appena concluso, l’associazione ambientalista “Italia Nostra”  si era costituita parte civile.

GALLIPOLI. Tutto pronto per la sesta edizione della “Settimana della cultura del mare”, che si terrà a Gallipoli da sabato 21ottobre sino a venerdì 27 ottobre, organizzata dell’associazione “Puglia&mare”, promossa dalla Regione e sostenuta dal Comune. Sette giorni ricchi iniziative intorno, sopra e sotto sua maestà il Mare, con cui la città ha un rapporto antico, intimo e intenso. “Questa settimana è fondamentale per promuovere un modo di vivere il mare anche nella quotidianità – afferma il sindaco Stefano Minerva – e serve a portare avanti anche tutte quelle iniziative su cui vogliamo investire, come la promozione della cultura, l’investimento sulle intelligenze del territorio e l’arte; oltre a rendere protagoniste ovviamente tutte quelle persone che hanno deciso di trascorrere la propria vita in simbiosi con il mare”. Uno dei momenti più importanti di questa edizione,  la mostra internazionale “Madremare”  di libri d’artista in tema, curata da Maddalena Castegnaro ed Enrico Rapinese dell’associazione “Presidi del libro – archivio del libro d’artista Verbamanent” di Sannicola, allestita presso l’aula magna dell’istituto comprensivo Polo 2 in piazza Carducci e visitabile tutti i giorni della Settimana dalle 17 alle 20, con inaugurazione sabato 21 ottobre alle ore 20. In programma laboratori didattici per gli istituti comprensivi cittadini curati dall’associazione Emys, con visite gratuite per minori accompagnati da adulti del “Centro di cultura del mare Marea” nel Chiostro di San Domenico dalle 17 alle 19. Ancora visite guidate con “Nel blu dipinto di blu”, a cura di un’altra associazione cittadina Amart nel centro storico (22 ottobre ore 16,30 con partenza dalla Biblioteca). Note di  “La musica del mare” presso la Sala Coppola a cura del Maestro Enrico Tricarico e del musicologo Giuseppe Lattante (23 ottobre alle 19); spazio anche ad altre forme di arte presso la sala Coppola, come il reading “Madremare” di musica e poesia a cura del “Presidio del libro” e con le letture di Zeromeccanico Teatro (24 ottobre alle 19).  Proiezioni di filmati previste presso la Galleria dei due mari (25 ottobre alle 19); presentazione presso la Biblioteca comunale del progetto del “Parco letterario – l’isola lampante” a cura di Elio Pindinelli (26 ottobre ore 19).

Venerdì 27 ottobre presso la “Galleria dei due mari” corso di formazione professionale per giornalisti intitolato a Domenico Faivre (1933-1997) sul tema: “Comunicare il mare: i grandi eventi all’aperto e la nuova normativa antiterrorismo” con la partecipazione del Questore di Lecce Leopoldo Laricchia, il direttore di Piazzasalento Fernando D’Aprile e dei giornalisti della “Gazzetta del Mezzogiorno Pietro Lisi e Massimo Urbano. La sesta edizione della “Settimana della cultura del mare” si concluderà nella stessa giornata alle 19.30 presso il teatro “Tito Schipa” con “Onde mediterranee”, novità assoluta di questa edizione, serata evento per la consegna dei premi “Vela latina”; riconoscimenti al prefetto Claudio Palomba e al viceprefetto Guido Aprea “per il lavoro svolto in provincia di Lecce per lo sviluppo turistico”. “La grande novità è che la prossima edizione si terrà a maggio, non più in autunno – afferma Giuseppe Albahari, direttore dell’iniziativa e di “Puglia&mare”-  sarà all’aperto e punteremo ancora di più a fare rete con altri soggetti, come ad esempio “Slow food” che punta ad una pesca sostenibile, ed i ristoratori per evitare che parte del pescato vada buttato. Vogliamo collaborare anche con l’associazione “Jonian Dolphin conservation”, che si occupa di preservare la vita dei delfini del Gonfo di Taranto”. Parte intanto per l’edizione 2018 “Icaro”, il concorso nazionale di filmati a tema marinaro realizzati con l’utilizzo di droni . Il regolamento si trova su www.pugliaemare.com.

by -
0 736

TRICASE. Arresti domiciliari per un giovane sorpreso dai carabinieri e dai cani ammaestrati a detenere e spacciare droga in casa propria. L’operazione è avvenuta ieri mattina a Tricase, dopo un periodo di osservazione da parte dei militi dell’Arma che nutrivano più di qualche sospetto per un andirivieni non molto giustificato dalla casa di Simone Manco, 19enne nato in Germania, residente a Collepasso ma domiciliato a Tricase. Le perquisizioni cui è stato sottoposto il giovane, domiciliare e personale, hanno permesso di rinvenire tre grammi di sostanza tipo cocaina, confezionati in sette dosi, e due di marijuana; un bilancino di precisione e materiali per confezionare le dosi, oltre a due coltelli. Nella medesima operazione è stata segnalata all’autorità giudiziaria una donna 23enne che era con lui.

by -
0 2047

Carabinieri Casarano

CASARANO. Scippo ai danni di una pensionata 68enne questa mattina, intorno alle ore 13, in via Ugo Bassi a Casarano. La signora ha denunciato l’accaduto ai carabinieri della locale Stazione. Mentre percorreva la stradina del centro storico, un giovane intorno ai 20 anni, di corporatura esile ed alto circa un metro e 70, le si è avvicinato strappandole la borsetta contenente documenti personali e denaro pari a circa 100 euro. Il giovane scippatore è poi fuggito a piedi per le viuzze del centro antico facendo perdere le proprie tracce. I carabinieri non disperano di risalire ad elementi utili alla sua individuazione mediante i filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona.

 

CASARANO. Un “caso” da chiarire quello lanciato ieri dal Ministero della Salute circa le cime di rape “al naturale” con botulino che avrebbe provocato l’intossicazione (poi in via di miglioramento) di un salentino residente a Modena. Occorre comprendere se il vasetto “incriminato” abbia maturato il pericoloso batterio perché aperto da tempo (come ipotizzato dall’azienda produttrice) o perché contenuto già in origine. L’allarme è scattato ieri quando il Ministero della Salute ha comunicato la positività della ricerca della tossina botulinica nel campione esaminato, prodotto dalla Cooperativa agricola “Natura arl” con sede presso la zona industriale di Casarano. La segnalazione era giunta lo scorso 9 ottobre al “Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione” – Area Sud della Asl. All’esito dell’esame è scattato l’immediato ritiro dal mercato del prodotto “sospetto”, ovvero quello contenuto in una confezione aperta (lotto RN 3817 con scadenza 15/10/2019). Le analisi sono state effettuate presso l’Istituto superiore della Sanità, Centro nazionale di riferimento per il Botulismo a Roma.
Il Sian Area Sud, diretto da Donato Prontera, ha quindi provveduto ad acquisire la lista di distribuzione del prodotto in questione, bloccandone la vendita. Sono state campionate anche le uniche tre confezioni chiuse trovate in commercio per essere inviate al Centro di Roma per altre analisi. Sottocontrollo è finita, di conseguenza, la produzione dell’azienda tramite il campionamento di cime di rape di un lotto diverso da quello incriminato, al fine di verificare se i parametri di sicurezza alimentare (pH ed acqua libera) fossero nella norma e i risultati forniti dall’Arpa di Brindisi e di Bari hanno evidenziato un ph superiore ai limiti di sicurezza per “rischio botulino”. È quindi partita la procedura per il ritiro dal commercio anche di questi prodotti (lotti RN 3317 scadenza 10/10/2019), per i quali l’azienda (attiva da 14 anni senza aver dovuto registrare altri “casi”) aveva già proceduto al ritiro in autocontrollo, bloccando eventuali confezioni in giacenza da rivenditori.

Mentre il Dipartimento di prevenzione della Asl di Lecce, come da indicazione del Ministero della Salute, raccomanda ai consumatori di non mangiare assolutamente il prodotto sottoposto a ritiro (ovvero quello dei lotti indicati) e di riconsegnarlo presso il punto vendita, l’azienda, si ritiene tranquilla perché i vasetti del lotto “incriminato” sarebbero solo 71 (32 dei quali venduti in un negozio di Gallipoli), “tutti consumati da tempo senza conseguenze”.

NARDÒ. Un trattore “Same 65 cavalli”, completo di attrezzo per la coltivazione del terreno a 8 dischi, è stato rubato la scorsa notte all’interno di masseria “Donna Gioconda” sulla Nardò – Avetrana. Il colpo è avvenuto la scorsa notte quando ignoti hanno forzato il portone d’ingresso della struttura, sita in agro neretino, hanno asportato il mezzo agricolo del tipico colore rosso, per un danno complessivo in corso di quantificazione e comunque non coperto da assicurazione. Pur non essendo l’area dotata di telecamere per la videosorveglianza, i carabinieri di Porto Cesareo, dopo aver effettuato il sopralluogo e i rilievi nell’area, hanno comunque individuato tracce utili per le indagini.

 

by -
0 2258

Scuola elementare Supersano

SUPERSANO.Improvviso crollo di una parte del muro perimetrale della scuola Primaria di Supersano nel pomeriggio di ieri. All’angolo tra via Puccini e una strada da denominare, intorno alle 15.30 il muro del giardino della scuola, alto tre metri, è letteralmente venuto giù per una lunghezza di circa 20 metri. Non c’è stata, per fortuna, alcuna conseguenza per i passanti ne tanto meno per il personale scolastico. Il rumore è stato tuttavia ben avvertito dei vicini e nelle stese aule dell’Istituto comprensivo, dove docenti e studenti erano impegnati nel tempo prolungato. A mettere in sicurezza l’area ci ha pensato il personale tecnico inviato dal Comune. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale ed i carabinieri di Ruffano al fine di risalire alle cause dell’accaduto. L’episodio non ha provocato alcuna interruzione delle normali attività didattiche per l’istituto comprensivo.

by -
0 467

RUFFANO.Sono scappati a mani vuote gli autori del tentato furto in un impianto fotovoltaico in località Limusa a Ruffano. Il fatto è avvenuto venerdì sera. Nonostante il tentativo di manomettere il sistema di allarme, l’impianto ha inviato lo stesso la suoneria che segnalava presenza di persone all’interno dell’impianto a quell’ora chiuso. Sul posto sono intervenuti un agente della polizia privata collegata all’allarme, la “Bcs Security” e una gazzella dei carabinieri. I ladri hanno fatto perdere per ora le loro tracce.

UGENTO. Tratteneva la ormai ex convivente da circa due giorni, dopo averla convinta a raggiungerlo in casa sua per un “chiarimento”. Poi non l’aveva lasciata più andare togliendole anche il telefonino. I carabinieri, che nel luglio scorso avevano raccolto la denuncia della donna, una 52enne di Ugento per maltrattamenti e minacce, sono subito scattati all’arrivo di una segnalazione in caserma. Hanno così trovato in flagranza di reato il 53enne Antonio Luciano Nutricati, di Ugento, che all’arrivo dei militi ha cercato anche di aggredire la persona che li accompagnava con un coltello. Nutricati dovrà rispondere adesso anche di sequestro di persona e minacce aggravate. Per tenerla lontana dall’uomo e per timore di nuove aggressioni, la donna era stata messa in contatto con una casa protetta. Per Nutricati intanto si sono aperte le porte del carcere di Borgo San Nicola a Lecce.

ALEZIO. Non hanno fatto molta strada le cinque biciclette sottratte pochi giorni fa dal centro di accoglienza straordinaria di via Garibaldi, in dotazione ai 18 migranti ospiti di una struttura privata. I carabinieri, attivati da una denuncia degli operatori sociali che gestiscono il centro,  le hanno ritrovate in un garage di Gallipoli in cui le aveva depositate, con l’intento di venderle, un uomo di Alezio. Quest’ultimo è ora accusato di ricettazione. Le bici servono ai migranti – provenienti dal Bourkina Faso, Nigeria, Mali e altri Paesi africani attraversati da guerre interne o da carestie e povertà – per raggiungere i centri vicini dove sono chiamati per piccoli lavori.

Torre Vado

TORRE VADO. Il cadavere di un uomo è stato ritrovato, questa mattina nelle acque di Torre Vado, nei pressi della banchina del porticciolo. Si tratterebbe di un 65enne residente a Patù. Ad accorgersi del cadavere sono stati i pescatori che uscivano dal porto della marina di Morciano di Leuca alle prime luci dell’alba. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la capitaneria di porto. Dai primi accertamenti, in attesa dei risultati degli accertamenti medici disposti dal magistrato, tutto lascia pensare ad un caso di suicidio.  

by -
0 565

Marijuana sequestrata (foto d’archivio)

CUTROFIANO. Un operaio con il vizio della droga è stato denunciato dai carabinieri di Cutrofiano. Il 38enne M.L.G., già noto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di dieci piantine di marjiuana alte dai 25 ai 125 centimetri, tutte in ottimo stato vegetativo e di dieci grammi di fogliame misto e fiori di marjiuana. All’interno dell’abitazione perquisita anche un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi.

by -
0 578

GALATONE. Un 24enne di Galatone (G.D.D. le sue iniziali) è stato denunciato dai carabinieri della locale Stazione con l’accusa di ricettazione. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato trovato in possesso di circa 15 chilogrammi di cavo elettrico sguaianato, dallo spessore di un centimetro e mezzo, e di circa 40 metri di cavo elettrico completo, di colore nero e spesso un centimetro. Non avendo il galatinese fornito indicazioni sulla provenienza del materiale elettrico, i cavi sono stati sequestrati dai carabinieri perché ritenuti provento di furto.

La droga sequestrata

ARADEO. In casa aveva droga di vario tipo e materiale utile per il confezionamento delle dosi, il 21enne Antonio Carmine Minerba arrestato dai carabinieri nel pomeriggio di giovedì 5 ottobre ad Aradeo. Nel corso di una perquisizione domiciliare, il giovane veniva trovato in possesso di 775 grammi di marijuana, cinque di hashish e otto di cocaina, oltre ad un bilancino di precisione e a materiale vario solitamente utilizzato per confezionare le dosi da spacciare. L’aradeino (nullafacente e incensurato) aveva con se anche un foglio scritto a mano nel quale annotava l’attività di spaccio svolta. Dopo gli accertamenti del caso, Minerba è stato posto agli arresti domiciliari con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

by -
0 904

La stazione di servizio

UGENTOI carabinieri sono sulle tracce dei due autori della rapina di mercoledì sera alla stazione di servizio “Real carburanti” sulla strada provinciale Ugento – Acquarica del Capo. Il colpo è avvenuto intorno alle 18,30 quando i due, uno armato ed entrambi con il volto coperto dai caschi integrali, hanno minacciato la commessa che era in ufficio facendosi consegnare quanto c’era in cassa, in quel  momento pari a 200 euro. Arraffate le banconote, i rapinatori si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce. Come sempre in questi casi, d’ausilio per l’attività delle forze dell’ordine potranno risultare i filmati degli impianti di videosorveglianza della zona.

by -
0 858

NARDÓ. Tre ordigni esplosivi confezionati artigianalmente sono stati sequestrati nel primo pomeriggio di oggi a Nardò. I carabinieri sono entrati in azione perquisendo l’abitazione del 23enne Gabriele Bizzarro, già noto per reati inerenti il traffico di stupefacenti. Questa volta, invece, in un armadio della camera da letto i militari hanno rinvenuto in un involucro imballato con il nastro da imballaggio ben tre ordigni collegati tra loro in modo tale che poter esplodere contemporaneamente. Si è trattato di un’opera artigianale fabbricata con materiale esplosivo pirotecnico e con delle biglie di metallo e teste di bulloni inseriti per amplificare l’effetto in caso di esplosione. Per evitare inconvenienti, data l’estrema pericolosità del prodotto, si è pure reso necessario l’intervento sul posto degli artificieri del Nucleo investigativo di Lecce i quali hanno disarticolato l’ordigno per renderlo innocuo. Resta da capire se la preparazione dell’esplosivo fosse direttamente collegata ad un attentato da compiere. Il 23enne è stato arrestato e condotto nel carcere di Lecce con l’accusa di detenzione di materiale esplosivo.

by -
0 1258

GALLIPOLI. Un 28enne è stato denunciato per droga nel pomeriggio di ieri dagli agenti del Commissariato di Gallipoli. L’attenzione dei poliziotti è stata attirata, nei pressi di un giardino pubblico non distante dal cimitero, dalla presenza di tre giovani vicino a due scooter in un luogo di ritrovo di soggetti dediti al consumo e spaccio di sostanza stupefacente. Alla vista dei poliziotti che decidevano di effettuare un controllo, uno dei ragazzi ha fatto perdere le proprie tracce nella vicina via Alfieri mentre gli altri due, intenzionati a fare lo stesso, sono stati fermati. Nelle tasche e nel borsello di un 28enne sono stati ritrovati nove grammi tra hashish e marijuana ed altri due grammi di marijuana sono stati poi trovati nella sua abitazione. Il giovane è stato poi deferito in stato di libertà per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...