Home Tags Posts tagged with "crdito"

crdito

Poggiardo – La Uilca di Lecce e Brindisi, il sindacato dei lavoratori che operano nei settori del credito, esattorie e assicurazioni, ha riconfermato il segretario uscente Oronzo Pedio. L’elezione è avvenuta al termine del congresso territoriale svoltosi a Lecce su “Lavoro è dignità”. Pedio, 59 anni, di Poggiardo, sarà affiancato nella Segreteria da Giuseppe Buccoliero (Torre Santa Susanna, Brindisi) e Fabio Venuti (Lecce). Alla carica di tesoriere è stato confermato Andrea Rizzo di Surano. I lavori sono stati introdotti da un breve filmato, realizzato dalla Uilca Lecce e Brindisi, incentrato sui temi del lavoro, delle diseguaglianze e del disagio sociale, che ha cercato di mettere a fuoco alcuni aspetti sociali ed ha fornito diversi spunti di riflessione.

“Da tempo si registra una crescita delle diseguaglianze, un aumento di nuovi poveri ed una precarizzazione del lavoro che crea incertezza e toglie spazio al futuro”, ha sottolineato Pedio nel suo intervento. “Occorre uscire da una condizione di indifferenza e praticare una partecipazione reale – ha aggiunto – quindi l’esatto contrario di una partecipazione virtuale, da tutti vituperata e da tutti, al contempo, praticata in maniera compulsiva. Vi è necessità, al contrario, di più ascolto, di più relazioni in una società racchiusa in sé stessa e che vive un preoccupante sfaldamento sociale. Il sindacato è ancora uno dei pochi punti di riferimento rimasti e dobbiamo difenderlo”. Il settore del credito, delle assicurazioni e delle esattorie è stato analizzato a fondo con diversi interventi. Gli organizzatori segnalano che “hanno portato il loro saluto gli onorevoli Salvatore Capone ed Ernesto Abaterusso che, nei loro interventi, hanno affrontato le questioni delicate di un mondo del lavoro sempre più difficile, riconoscendo alla Uil un ruolo importante di interlocuzione e di confronto”. Fra gli ospiti del congresso, Maurizio Di Fazio, giornalista, scrittore e autore del libro “Italian Job”.

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...