Home Tags Posts tagged with "CONCORSO “Giuseppe Tricarico”"

CONCORSO “Giuseppe Tricarico”

Gallipoli – Grande successo in termini di partecipazione e di qualità musicale anche quest’anno per il concorso musicale internazionale “Giuseppe Tricarico”, giunto alla sua quarta edizione e dedicato all’illustre compositore gallipolino da cui prende il nome, promosso dall’associazione culturale musicale “Il Musicante” col patrocinio del Comune, Pro Loco, Lions Club e Fidapa. La finale del concorso presieduto dal Maestro Enrico Tricarico e sotto la direzione artistica del Maestro Adalberto Protopapa, si è svolta venerdì 11 maggio presso il Salone San Lazzaro e ha visto sul podio Gabriele Balsamo di Ruffano, che si è esibito suonando uno strumento inusuale, la marimba, aggiudicandosi così una borsa di studio di 700 euro. Il concerto premio presso la “Stainway saal” di Salisburgo è stato invece vinto dal pianista Giuseppe D’Elia di Taranto, mentre il premio della critica è andato al chitarrista Davide Picci di Melissano. Ma sono stati tanti altri i premi per i finalisti delle varie categorie: l’accesso alle selezioni del Concorso “Coppa pianista d’italia” di Osimo (An), con il quale il nostro “Giuseppe Tricarico” è gemellato, è andato ai pianisti Federico Pische, Laura Cantando e Modesto Picci. Il premio per la “migliore interpretazione” è stato vinto invece da Laura Cantando, che ha eseguito in finale una sonata di Alban Berg.

“Notevole apprezzamento si è avuto inoltre per l’arpa di Federica Cataldi e per il coro e l’orchestra “La qvinta del lvpo” – afferma  il maestro Enrico Tricarico – che ha proposto al concorso in prima esecuzione moderna degli estratti di un’opera di Pasquale Cafaro, compositore barocco di Galatina, dimostrando che i giovani componenti della compagine hanno lavorato in maniera encomiabile sul progetto di tale recupero e dimostrando così una maturità e un interesse culturale degno di nota, come tutti i partecipanti del Concorso”. Un premio speciale è stato infine assegnato ad Antonio Meneleo, vincitore della sezione “Canto leggero”, il quale canterà sul palco del festival “Magliano ti amo… un’emozione dal Salento” il prossimo 22 luglio accompagnato da un’orchestra e condividendo il palco con Antonella Ruggiero. La giuria tecnica, tra le fasi di selezione e la finale, ha avuto tra i commissari i maestri Gianluca Luisi, Flavio Manganaro, Carlo Scorrano, Valeria Vetruccio, Giuseppe Lattante, Alessandro Gazza, Fulvio Palese, Katia Torsello, Maurizio Borrega, Diego Gira, Luigi Botrugno, Lucio Margiotta, Ester Piccinni, Antimo Petrucelli.  Della giuria della critica hanno fatto invece parte l’assessore Silvia Coronese; la presidente della Pro loco di Gallipoli, Lucia Fiammata; Maria Dolores Scordari, presidente Lions Club; Anita Marzano, presidente Fidapa, Anna De Matteis, giornalista e collaboratrice di Piazzasalento e Tiziano Corrado, tecnico riparatore e accordatore di pianoforti. In programma già la prossima edizione, che si terrà a giugno 2019.

Gallipoli – Si terrà questa sera, venerdì 11 maggio a partire dalle ore 19 presso il salone polifunzionale di San Lazzaro la serata di premiazione del concorso musicale internazionale “Giuseppe Tricarico”.  Giunto al quarto anno, l’evento è dedicato alla figura dell’illustre compositore barocco gallipolino che dà il nome al concorso ed è promosso dall’associazione culturale musicale “Il Musicante” col patrocinio del Comune, Pro Loco, Lions Club e Fidapa, con presidente del concorso il Maestro Enrico Tricarico e direttore artistico il Maestro Adalberto Protopapa. Questa sera dunque un’apposita commissione, composta da docenti, concertisti e critici musicali, avrà il compito di valutare i partecipanti e decretare il vincitore assoluto. Il concorso “Giuseppe Tricarico” conferma la collaborazione con il Musikum di Salisburgo, con diverse case editrici e discografiche ed è gemellato con il prestigioso concorso internazionale “Coppa Pianisti d’Italia” di Osimo (An). «Verranno confermati i premi degli altri anni, ed in più la novità di quest’anno riguarda la categoria “Canto leggero” – afferma il Maestro Tricarico – dove il primo classificato potrà cantare nel festival “Un’emozione dal Salento”, che si svolgerà quest’anno il 22 luglio a Magliano di Carmiano. E’ un evento importantissimo, dove il vincitore potrà esibirsi accompagnato dall’orchestra “Terra del Sole” dal vivo; su quello stesso palco si esibiranno artisti di caratura internazionale e quest’anno si sa per certo che ci sarà anche Antonella Ruggiero».

Camilo VergaGALLIPOLI. Dal 16 maggio fino al concerto di premiazione del 20 maggio, si è svolta la seconda edizione del concorso “Giuseppe Tricarico”, bissando il successo dello scorso anno. La manifestazione, ideata dall’associazione “Il Musicante” con presidente Enrico Tricarico, è stata dedicata al famoso compositore barocco gallipolino di cui porta il nome e si è tenuta presso il Teatro Garibaldi. In questa edizione, il vincitore assoluto del concorso è stato Camilo Juan Verga (foto) da Buenos Aires, al quale è andata una borsa di studio. Il concerto premio presso la Steinway Saal di Salisburgo è stato invece assegnato al pianista Giacomo Barriera, mentre il fisarmonicista Giovanni Fanizza e il pianista jazz Silvio Caroli incideranno un CD edito da Studiomusicalicata di Noto (Sr). Premio per la migliore interpretazione a Ilaria Picci. Il premio della critica quest’anno è andato infine al Gruppo vocal Music Project di- retto da Alessandro Augusti. «Le giurie – afferma Tricarico – formate da concertisti di fama internazionale, hanno lavorato duro anche quest’anno, e molti partecipanti hanno lasciato un grande segno della loro preparazione a tutti i presenti». Il presidente del concorso, Enrico Tricarico e il direttore artistico, Adalberto Protopapa, assicurano che si lavora già per l’edizione 2017 con tante novità tra cui il gemellaggio con il prestigioso e storico concorso Coppa Pianisti d’Italia che si svolge a Osimo (Ancona). Come gli anni scorsi, ancora una volta la manifestazione si è segnalata all’attenzione di tanti per la qualità eccellente dei partecipanti, per il rigore della giuria, per la partecipazione di quanti apprezzano la buona musica.

i vincitori del TricaricoGALLIPOLI. Si è combattuta a suon di chitarre, pianoforte, arpa, fiati, archi, fisarmonica e percussioni la prima edizione del Concorso musicale internazionale “Giuseppe Tricarico”, in onore dell’importante musicista gallipolino esponente autorevole della scuola musicale napoletana vissuto nel ‘600 a cui è stato dedicato il concorso. L’evento, promosso dal maestro Enrico Tricarico e dall’associazione “Il Musicante” con il patrocinio dell’Amministrazione della città di Gallipoli e con la direzione artistica del maestro Adalberto Protopapa, si è svolto il 14 maggio presso il teatro Garibaldi.
Durante le selezioni del concorso, iniziate l’11 maggio, con audizioni da mattina a sera e con la partecipazione di oltre 160 musicisti di ogni età e provenienti da tutta Italia e dal mondo, anche da  Giappone e Cina, sono stati scelti 26 finalisti, che si sono sfidati per ottenere il “Premio Giuseppe Tricarico”, consistente in una coppa e una somma in denaro.
Dopo l’esibizione dei musicisti, la giuria tecnica composta da Maria Grazia Lioy, Giuseppe Spedicati, Maria Scogna, Pierluigi Epifani, Alessandro Manzolelli, Luca Gorgoni, Armando Ciardo e Diego Gira, ha decretato vincitore assoluto del concorso il quartetto  “Le quator de saxophone”(foto) formato da Walter Sergi, Maximilian Guido, Mirko Miccoli e Luigi Reho. Il premio miglior interpretazione è stato invece assegnato al clarinettista  Rocco Causo.
La giuria della critica inoltre, composta da Fernando Cartenì, Elio Pindinelli, Gino Cuppone, Luigi (Mba Pì) Tricarico e Anna De Matteis ha assegnato un premio al giovane pianista Alessandro Licchetta. «Il concerto dei finalisti è stata una festa della musica colta, una dimostrazione di quanto la cultura sia  ancora viva e bella – afferma il maestro Enrico Tricarico – ed  è stato un successo che si ripeterà senz’altro il prossimo anno».

Voce al Direttore

by -
Abbiamo scritto ieri pomeriggio un articolo con una tempestività – confessiamo - non voluta considerato quanto si sarebbe sprigionato da lì a poche ore...