Home Tags Posts tagged with "comitato fitosanitario nazionale"

comitato fitosanitario nazionale

GALLIPOLI. Interventi contro gli adulti degli insetti che propagano l’infezione; eliminazione meccanica delle erbe spontanee (possibili ospiti) e degli stadi giovanili dei vettori eventualmente presenti nelle erbe; l’eliminazione delle piante interessate limitatamente all’area infetta; eliminazione delle piante ospiti usate nelle alberature stradali e negli spartitraffico; monitoraggio intensivo: sono queste le indicazioni che potrebbero in questi giorni prendere forma ufficiale nel decreto ministeriale annunciato da tempo in tema di Xylella e ulivi ammalati e riguardano sia l’aria tampone che quella cuscinetto larghe ciascuna due kilometri dallo Jonio all’Adriatico. Il Comitato fitosanitario nazionale a Roma il 4 novembre scorso le ha confermate. In precedenza in un altro incontro a Roma col presidente Nichi Vendola e l’assessore Fabrizio Nardoni della Regione Puglia, il ministro Maurizio Martina si è detto pronto anche ad accogliere, se formalizzate, le richieste della Regione per lo stato di emergenza e la nomina di un commissario straordinario.

Ad oggi però (mercoledì 19 novembre) non si hanno novità operative su di un problema che resta gravissimo. Anzi, mentre Vendola (Sel) sembra ora propenso a chiedere un commissario straordinario che funga da cabina di regia degli interventi da realizzare, magari con sede a Gallipoli, come chiesto dal consigliere regionale Sergio Blasi (Pd), adesso è il segretario regionale del Pd, Michele Emiliano, candidato alle primarie per la Regione, ad essere autore di una dichiarazione con i tratti dell’inversione a U: «Non serve nessun commissario», ha detto, sconcertando non poco i tanti esponenti del suo stesso partito che si erano spesi per la tesi opposta.

Intanto sono tornati i commissari Ue per vedere cosa si è fatto e la mappa aggiornata del malanno.
La cartina di tornasole di un perdurante e deleterio stallo la si è avuta a Taurisano, dove nell’ennesino convegno stavolta organizzato dal vescovo di Ugento, mons. Vito Angiuli con europarlamentari, rappresentanti del governo e di associazioni di categoria, ricercatori, dopo oltre due ore di relazioni, sono bastate due domande a evidenziare in modo drammatico l’assoluta mancanza di indicazioni concrete agli olivicoltori. Uno di loro ha chiesto se è utile tagliare i rami infetti; l’altro cosa fare per mantenere indenne il suo piccolo oliveto.

Voce al Direttore

by -
Attività produttive, turismo e ambiente in Puglia tra libera iniziativa economica e percorsi di sviluppo sostenibile: questo il tema scelto dall'Ordine dei commercialisti e...