Home Tags Posts tagged with "cesko"

cesko

Melpignano – Un contesto “inedito” e un’emozione che, in alcuni momenti, ha avuto la meglio ma alla fine per Mino De Santis resta la grande soddisfazione di aver proposto preso parte, tra “i big”,  alla Notte della Taranta. “La terra” e “Cesarina” sono stati i due brani proposti sul palco di Melpignano dal poeta “cantastorie” di Tuglie che ha commentato sul suo profilo facebook la serata particolare. «Riascoltandomi, si in qualche punto ho stonato, l’impaccio era evidente e veramente forte per uno come me non abituato a luci e palchi di quell’importanza….», ammette Mino ringraziando quanti gli hanno dato la possibilità “di esprimere ciò che penso e sento davanti a centinaia di migliaia di persone, liberamente come tra l’altro ho sempre fatto e farò senza cedere a censure e restrizioni di alcun tipo”.

L’appello per la “terra” Accanto al classico “Cesarina”, con “La terra” De Santis ha interpretato il tema portante dell’edizione 2018 del Concertone. «Credo che la nostra terra debba essere difesa da chi la violenta, la abusa, la svende, dalle mistificazioni, dai luoghi comuni, dagli stereotipi, dalle icone che non la rappresentano più da tempo, dalle lusinghe dei politici dell’ultima ora e dalle loro promesse fasulle: il senso de “il canto dalla terra” è tutto qui», conclude De Santis il suo post affermando che l’arte, e la musica nello specifico “non è la perfezione stilistica, non è neanche la voce che non stona mai o la suonata eseguita alla perfezione: l’arte è libertà e l’artista è sempre un uomo libero, oppure è qualcos’altro…».

Cesko e l’immigrazione Insieme al gruppo indiano dei Dhoad Gypsies l’esibizione degli Apres la Classe con Cesko (di Aradeo) che ha ricordato come, davanti al fenomeno dell’immigrazione, “il Salento è e sarà sempre terra di mezzo e di accoglienza”. “Kalos Irtate” è stato il brano eseguito in un intreccio di sonorità quanto mai originale.

La “piccola ronda” Ad aprire le danze del pre-Concertone, tra gli applausi del “popolo” della Taranta sulla spianata degli Agostiniani, sono stati i piccoli danzatori e tamburellisti di Torrepaduli nell’ambito del progetto della Notte della Taranta e del Comitato Festa San Rocco della frazione di Ruffano.

Galatone – “L’alba degli Angeli” è l’iniziativa promossa venerdì 10 agosto dall’Amministrazione comunale di Galatone in collaborazione con l’associazione “Alla conquista della vita”, L’appuntamento è alle 4.30 del mattino in località “La Reggia” per ricordare in musica le tante vittime della strada. L’iniziativa ricade nel decennale dello sconvolgente incidente stradale che, giusto il 10 agosto 2008 costò la vita a sette giovani sulla Galatone-Santa Maria al Bagno (nel territorio di Nardò).

Le sette vittime di quella notte triste del 2008 Chiara Filieri, Elisa Giurgolo, Matteo Maggiore ed Enrico Mariano (tutti di Galatone), Stefania e Luigi Moschettini (di Carpignano Salentino) e Mery Coviello (di Galatina) i nomi delle vittime di quella che viene ricordata come una delle più grandi tragedie della strada nel Salento e non solo. Solo due furono i ragazzi che si salvarono dallo scontro frontale tra due auto.

I promotori «Un momento che si svolge in una data tristemente nota alla nostra Città – fanno sapere i promotori – in quanto ricade nel decennale in cui persero la vita, in un tragico incidente stradale, sette ragazzi figli della nostra terra. Insieme a Cesko & BananaSwing” aspetteremo il sorgere del sole, una nuova alba, ed avremo una grande occasione non solo per ricordare, ma anche per cercare di evitare per sempre tragedie simili. Una chance per promuovere, grazie anche agli interventi dei rappresentanti istituzionali, la guida sicura e la cultura del rispetto delle norme del codice stradale, oltre che un’occasione per ripeterci che la vita è breve, bella ed unica e che va vissuta intensamente ma con molto senso di responsabilità».

ARADEOPartecipazione ed anche un pizzico d’emozione ad Aradeo per la prima festa dei diciottenni promossa dall’Amministrazione comunale  (su idea di Salvatore Tundo). In Piazza San Nicola, domenica 6 agosto, ai 97 giovani nati nel 1999 è stata regalata una copia della Costituzione, il primo certificato elettorale ed una tessera gratuita di iscrizione alla Pro Loco. Non tutti hanno potuto parteciparvi perché molti di essi erano fuori sede. La serata è stata presentata da una docente del luogo, Maria Neve Arcuti. A fare gli auguri l’assessore regionale Sebastiano Leo (che cura proprio le deleghe di Scuola, Diritto allo studio, Università, Formazione e lavoro, Formazione professionale), il sindaco Luigi Acuti, il vicesindaco e assessore alla cultura Georgia Tramacere. Il valore della Costituzione è stato illustrato da Gino Blandini, docente dell’Università di Perugia. I ragazzi hanno dato il loro contribuito attivo alla festa. Cristian Greco ha brillantemente eseguito al pianoforte tre pezzi tratti da classici della musica. Altri hanno letto brani poetici. La serata è proseguita poi con le canzoni di Cesko degli Après La Classe.

Foto di Maddalena De Lorenzi

CeskoALEZIO. Saranno le rivisitazioni musicali di Cesko (foto) & The Bananaswing a dare il via venerdì 23 dicembre alla nuova stagione di El Barrio Verde, il cuore pulsante di parco don Tonino Bello, pronto a regalare una maratona musicale no-stop per le prossime vacanze natalizie. La ricca programmazione continua sabato 24 con la “Vigilia al Barrioˮ: a partire dalle 15 si alterneranno nella nuova sala eventi interna le selezioni di Max Nocco, Mylious Johnson e Populous. Il calendario prosegue il giorno di Natale con Arca del Blues, il 26 con Havana Quartet, il 27 con CH4 Quartet, mercoledì 28 The Voodoo Club, il 30 PLK & Oktopus. Il 2017 si apre con Shangyal, Kerkim il 4 gennaio, Claudia Casciaro e RafQ giovedì 5, Insoulito dell’Epifania e DN3 il 7.

by -
0 1013

metoxeL’iniziativa di Metoxè prende l’avvio nel 2013, anno di nascita dell’associazione. «L’evento raduna in sè tutti gli scopi associativi – commenta la presidente Simona Mosco – dalla promozione del territorio e del patrimonio storico e artistico alla musica che veicola messaggi sociali». Nel 2013 si esibirono Cesko degli Aprés la classe (nella foto a sinistra con al absso Michele Minerva), Nabil Bey dei Radioderwish (che incantò il pubblico con l’interpretazione di “Terra amara” di Domenico Modugno cantata in italiano e in arabo) e Michele Cortese (di Gallipoli). Nel 2014 si esibirono i Radioderwish e Raf Qu, con il patrocinio morale delle ambasciate di Palestina e Slovenia, l’Associazione pugliesi nel Mondo, l’Università del Salento e il Centro Ellenico di cultura di Milano. L’edizione 2014 vide l’impegno di Metoxè in una raccolta farmaci a favore di Gaza e all’evento presenziò l’ambasciatrice palestinese Mai Alkaila (al centro nella foto tra Nabil e la Mosco). Lo scorso anno, a pochi giorni dall’evento, la location “scivolò” dalla collina a “Punta Pizzo” di Gallipoli (in seguito alle polemiche in merito all’avvio dei lavori sulla sentieristica) coinvolgendo comunque tantissimi appassionati presso il Cotriero. L’evento ebbe il nome di “Tramonto 2015, Mediterraneo dei popoli, 1991 – 2015 storia di una integrazione” e registrò la presenza del Consolato albanese con la sua rappresentante Monika Zguro. Ad esibirsi, prima del cantautore Sergio Caputo, furono i “Gens Vibes” gruppo sannicolese composto da Marco e Ylenia Giaffreda, Antonio Marulli, e Francesco Paturzo. L’edizione 2015 ebbe il patrocinio morale dalle ambasciate di Palestina, Albania e Malta.

Voce al Direttore

by -
Una buona fetta dell'impegnativa torta chiamata turismi (balneare, religioso, culturale, giovanile, ambientale, crocieristico...) è stata riservata l'altra sera a Gallipoli, durante un'assemblea plenaria, al...