Home Tags Posts tagged with "casarano ferrari"

casarano ferrari

CASARANO. Resta ancora da chiarire l’episodio che ieri mattina ha portato una donna di Casarano a partorire secondo modalità “poco ortodosse” nel locale ospedale “Ferrari”. «Attendo una relazione in merito alla valutazione dell’urgenza del caso ma occorre chiarire che il parto non è avvenuto nel parcheggio o per strada, ma in reparto, e che quanto successo nulla c’entra con la chiusura del Punto nascita e con il Piano di riordino», afferma, interpellato in merito, il direttore sanitario della Asl di Lecce, Antonio Sanguedolce. La ragazza 24enne, alla 34^ settimana di gestazione ed alla sua terza gravidanza, sta bene così come la neonata, ma i rischi sono stati tanti. «Quanto accaduto conferma, semmai, la necessità che i Punti nascita siano dotati di Utin», afferma ancora il direttore sanitario spiegando come il protocollo di gestione per simili casi (34^ settimana di gravidanza) preveda che il parto debba avvenire in struttura dotata del reparto di Terapia intensiva neonatale. Per questo, dopo una prima visita in reparto, il medico di turno ha invitato la donna a recarsi a Tricase, il solo ospedale in provincia, con Lecce, ad avere l’Utin. «La ragazza sarebbe stata indirizzata verso Tricase, o Lecce, anche due mesi fa. Le procedure di chiusura del reparto di Ostetricia del “Ferrari” non hanno nulla a che vedere con l’episodio. Resta da capire, e per questo ho richiesto una specifica relazione, che tipo di valutazione in merito all’urgenza del caso sia stata fatta dalla ginecologa di turno e perché non sia stato predisposto un trasporto “protetto” con ambulanza e personale medico a bordo», conclude Sanguedolce, riservandosi di approfondire l’accaduto.

Quel che è certo è che intorno alle 5.30 di domenica 1 ottobre la 24enne si è recata, accompagnata dalla madre, al Pronto soccorso dell’ospedale “Ferrari” accusando forti dolori. Una volta condotta nel reparto di Ostetricia (comunque aperto fino a martedì 3 settembre, in teoria non solo per le urgenze, in attesa che il Tar si pronunci sulla sua eventuale chiusura) il medico di guardia, dopo averla visitata, l’ha solo invitata a recarsi a Tricase senza comprendere che il parto stava per avvenire a momenti. E così è stato visto che il travaglio stava per concretizzarsi appena fuori dall’ospedale quando la piccola che portava in grembo ha deciso che quello fosse il momento giusto per venire alla luce. A soccorrere la donna è stata la guardia giurata in servizio all’ingresso dell’ospedale che ha prontamente allertato il personale del pronto soccorso. Solo in tal modo la giovane ha potuto far ritorno in reparto.

Salva

Salva

Voce al Direttore

by -
Ora che è passata la festa – giusta: logistica adeguata a compiti delicati e decisivi per il grado di vivibilità – possiamo tentare...